I Celti

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

2.5 (2)
Download:82
Data:17.11.2000
Numero di pagine:4
Formato di file:.txt (File di testo)
Download   Anteprima
celti_1.zip (Dimensione: 2.81 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_i-celti.txt     5.42 Kb



Testo

Cиlti
Storia(gr. Keltуi o Kйltai; lat. Celtae). Antichi popoli appartenenti a un gruppo linguisticamente
omogeneo, occupante una vasta area dell'Europa continentale, dalla Galizia e dall'Irlanda ai
Balcani, con propaggini in Asia Minore. Erano anche chiamati Galati (Galбtai) dai Greci e Galli dai
Romani. La zona donde si irradiarono sembra potersi circoscrivere nella Germania merid. tra il
Reno e il Danubio. Di qui, verso il 2000 a. C., gruppi numerosi penetrarono in Gallia e in
Inghilterra. Il flusso si intensificт nella prima fase della civiltа di Hallstatt, nei primi secoli
dell'ultimo millennio a. C.: l'attrattiva per il ferro della Lorena e della Borgogna li spinse
gradualmente nell'interno della Gallia. Ma la piщ grande espansione dei C. si ebbe a cominciare
dal sec. VI a. C., nella cosiddetta civiltа di La Tиne (nome della localitа svizzera dove ne furono
trovati copiosi e caratteristici documenti), con penetrazioni in varie direzioni: verso occidente,
fino in Spagna (nella Galizia che ne ricorda il nome), dove si fusero con le tribщ locali degli Iberi
dando origine ai Celtiberi; verso oriente, nei Balcani, giungendo nel 279 a. C. a minacciare Delfi e
conquistando poi la Tracia per passare infine nell'Asia Minore, dove si stabilirono dando vita a
uno Stato, la Galazia, in cui si parlт celtico fino al sec. V d. C.; verso sud, durante i sec. V e IV a.
C., nella Valle Padana, donde, con le punte bellicose dei Boi, provenienti dai gruppi da antico
tempo insediati in Boemia, arrivarono fino a Roma che misero a ferro e a fuoco nel 390 a. C.
Mancando di un'organizzazione centrale, senza alcuna idea di Stato, la loro spinta espansiva
perse presto di vitalitа, specialmente quando, dopo la prima sorpresa, i popoli evoluti del mondo
mediterraneo ne rintuzzarono gli assalti. I Romani inflissero loro una grande sconfitta a
Talamone, in Etruria, nel 225 a. C. Intanto nelle aree lasciate sguarnite dai C. al centro
dell'Europa cominciarono a inserirsi gruppi di Germani provenienti dalla regione baltica e dal
Mare del Nord. Fu in seguito a tale pressione che si ebbe l'ultima grande migrazione celtica
verso occidente, quella dei Belgi, poi in gran parte assimilati dai Germani. I Romani
contrattaccarono dal meridione conquistando la Gallia Cisalpina e il sud di quella Transalpina per
avere liberi i collegamenti con la Spagna, entrata a far parte del loro sistema politico dopo la II
guerra punica. Fu Cesare ad assoggettare, tra il 58 e il 51 a. C., tutta la Gallia dove i C.
conservarono molti tratti della loro originaria fisionomia.ReligioneLe testimonianze sulla religione dei C. sono d'epoca romana per la Gallia, mentre per le isole
britanniche si collocano tra il sec. VII e il XII. Le testimonianze romane, piщ che fornirci dati
obiettivi, ci danno un'"interpretazione romana" di figure extraumane o sovrumane venerate dai
Galli, identificate arbitrariamente con divinitа del pantheon romano: p. es. il dio Teutates
(probabilmente un dio della collettivitа) veniva identificato ora con Marte e ora con Mercurio. И
opinione degli studiosi che la religione celtica si sia rinnovata conformandosi a quella dei
Romani nel lungo processo di acculturazione che portт alla latinizzazione della Gallia. Ne и
testimonianza la presentazione da parte dei classici di una religione in formazione piщ che di una
religione giа formata. Ancora piщ problematica и la documentazione delle isole britanniche:
proviene dall'Irlanda cristianizzata e consiste in leggende o in una pseudostoria, p. es. il Libro
delle invasioni, i cui protagonisti sono variamente intesi dagli studiosi: ora come reali
personaggi storici che non avrebbero niente a che fare con la religione, e ora come divinitа
dell'antica religione celtica trasformate in eroi; in realtа si tratta di autentici miti della nazione
celtica (anche di portata cosmogonica: p. es. le lotte tra i Tuatha Dк Danann e i Fomori) che,
tuttavia, non bastano a documentare una religione dei Celti. Nй si puт giungere a una religione
panceltica mettendo insieme tutte le notizie che abbiamo. I principali nomi "divini" dei C.
continentali sono: il giа nominato Teutates, un Taranis (Tuono?), un Sucellus forse di natura
infera, le "dee" Smertrios e Rosmerta connesse con la prosperitа agricola, un dio-cervo Cernunno
(piщ probabilmente una specie di signore degli animali) e un dio-toro Tarvos trigaranos, una dea-
orsa Artio e una dea-cavalla Epona e le cosiddette "madri" (Matrone). Gli edifici sacri sono tutti
d'epoca romana. Si hanno notizie di sacrifici umani, o uccisioni rituali, e di operatori sacrali
(druidi), coadiuvati da druidesse; su scala minore agivano i poeti cantori, o bardi. Altre notizie
concernono la caccia alle teste, il culto dei morti eroicizzati e la raccolta del "sacro" vischio
cresciuto sulle querce. Fra i C. insulari si celebravano quattro feste stagionali: Beltene (1є
maggio), Lugnasad (1є agosto), Imbolc (1є febbraio) e Samhain (1є novembre).
BibliografiaPer la storia: T. G. E. Powell, The Celts, Londra, 1958; J. Moreau, Die Welt der Kelten,
Stoccarda, 1959; V. Kruta, W. Forman, I celti occidentali, Novara, 1986. Per la religione: M. L.
Sjoestedt, Dieux et hйros des Celtes, Parigi, 1940; V. Pisani, Le religioni dei Celti e dei Balto-
Slavi nell'Europa precristiana, Milano, 1950; J. de Vries, Keltische Religion, Stoccarda, 1961; F.
Le Roux, Les Druides, Parigi, 1961; A. Ross, Dei ed eroi della mitologia celtica, Milano, 1986.

Esempio