Il Vaticano

Materie:Appunti
Categoria:Geografia
Download:76
Data:20.02.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
vaticano_1.zip (Dimensione: 4.12 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-vaticano.doc     26 Kb



Testo

Vaticano, Stato délla Città del-
stato (440 m2, 1000 ab.) creato l'11 febbraio 1929 con il Trattato del Laterano (Concordato) concluso tra la Santa Sede e l'Italia, allo scopo di assicurare al pontefice l'indipendenza da qualsiasi sovranità temporale. Ubicato in Roma, comprende la basilica di San Pietro con l'omonima piazza (soggetta, però, a servitù internazionale a favore dell'Italia), i Palazzi Vaticani e i giardini circostanti; godono, inoltre, del diritto di extraterritorialità alcune aree minori, situate anch'esse in territorio italiano e sulle quali sorgono basiliche (Santa Maria Maggiore, San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le Mura), palazzi, sedi di uffici della Santa Sede e la villa di Castel Gandolfo, sul lago di Albano, residenza estiva del papa. Secondo la legge fondamentale dello Stato, pubblicata l'8 giugno 1929, il pontefice, capo supremo della Chiesa, è sovrano dello Stato, che dal 1969dc - anno in cui è stata regolata anche la legislazione penale - esercita i poteri legislativo, esecutivo - tramite una commissione di cardinali, coadiuvata da un organo consultivo (la Consulta dello Stato) e da un delegato speciale - e giudiziario. La lingua abitualmente usata è l'italiano, ma gli atti ufficiali vengono redatti in latino. Cittadini dello Stato della Città del Vaticano sono il pontefice e i cardinali di curia (cioè residenti a Roma, anche se fuori dal Vaticano); le persone che risiedono stabilmente nello Stato della Città del Vaticano per ragioni di lavoro o di impiego e i loro congiunti conviventi se autorizzati alla residenza. Oltre ad avere un enorme prestigio internazionale legato alla sua funzione spirituale, la Città del Vaticano assolve un ruolo storico- artistico-culturale unico al mondo. La basilica di San Pietro - eretta sul luogo della sepoltura dell'apostolo, in sostituzione di un'antica basilica voluta da Costantino - fu costruita tra il 1506 e il 1626. I lavori furono diretti, con successive modifiche al primitivo progetto bramantesco che prevedeva un edificio a croce greca, da sommi artisti tra i quali lo stesso Bramante, Raffaello, B. Peruzzi, Antonio da Sangallo il Giovane e Michelangelo, al quale si deve anche il progetto della celebre cupola; C. Maderno, infine, eresse la facciata, mentre tra il 1656 e il 1667 G. L. Bernini realizzò la sistemazione della piazza antistante. I Palazzi Vaticani comprendono circa 1.400 sale, camere e cappelle, il cui abbellimento avvenne principalmente nei secoli XV, XVI e XVII - a opera soprattutto del Pinturicchio, di Michelangelo, di Raffaello, di Antonio da Sangallo il Giovane e del Bernini -, proseguono poi nei secoli successivi. Ultima opera di grande rilievo è la grandiosa Sala di udienze (1973) di P. L. Nervi. Quanto agli istituti culturali, la Città del Vaticano ospita una celebre pinacoteca, in cui si conservano opere di Giotto, Gentile da Fabriano, Beato Angelico, Raffaello, Caravaggio, P. Lorenzetti, S. Martini, F. Lippi, Perugino Leonardo, Tiziano, Domenichino, eccetera. Un'energica azione di richiamo nei confronti di studiosi e turisti, inoltre, esercitano il Museo Pio-Clementino (arte classica), il Museo Etrusco, il Museo Egizio e il Museo Lateranense, comprendente due diverse sezioni: il Museo Profano, che conserva materiale di scavo proveniente da Roma, Ostia, Veio e Cerveteri, e il Museo Cristiano con sarcofagi, pitture murali, mosaici e statue provenienti dalle catacombe. Famosi, infine, sono l'Archivio Vaticano e la Biblioteca Apostolica Vaticana. L'Archivio, "destinato a contenere tutti gli atti e documenti che riguardano il governo della chiesa universale", fu riunito nell'edificio attuale nel 1798 e dal 1880 è aperto alla consultazione degli studiosi. La biblioteca - ricca di un milione di volumi circa, con 60.000 manoscritti 8.000 incunaboli e circa 100.000 stampe e incisioni - fu invece sistemata nella sede attuale da Sisto V ed è il risultato dell'acquisizione, avvenuta nel corso dei secoli, di svariate collezioni; a essa sono annessi un istituto di restauro e una scuola di paleografia e biblioteconomia.

Esempio