La politica giolittiana

Materie:Tesina
Categoria:Generale

Voto:

1 (2)
Download:1208
Data:25.01.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
politica-giolittiana_1.zip (Dimensione: 4.4 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-politica-giolittiana.doc     22.5 Kb


Testo

TEMA DI STORIA

LA FIGURA DI GIOLITTI E’ STATA UNA DELLE PIU’ CARISMATICHE E PIU’ DISCUSSE DELLA STORIA D’ITALIA DI INIZIO SECOLO. DESCRIVI I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA GIOLITTIANO EVIDENZIANDONE I PREGI ED I LIMITI DELLA SUA POLITICA.

Nel 1901, dopo la crisi politico-istituzionale che colpì l’Italia, il presidente del consiglio Zanardelli nominò come ministro degli interni Giovanni Giolitti, il quale diventò poi presidente del consiglio nel 1903. La sua politica influenzò molto la storia del nostro paese, grazie anche alle diverse riforme da lui attuate.
Giolitti era un liberale e cercò di allargare la maggioranza in senso progressista coinvolgendo i socialisti: riuscì ad isolare i massimalisti (per lo più rivoluzionari) e ad integrare i riformisti. Da questo derivò il suo atteggiamento verso i conflitti di lavoro, infatti, egli sosteneva la neutralità delle forze dell’ordine e riconosceva la libertà di organizzazione sindacale; tale comportamento influì sul rafforzamento del movimento operaio e contadino, in particolare con la nascita della Cgl nel 1906. Inoltre, in relazione al problema del lavoro, regolò l’invalidità e la vecchiaia, l’infortunio sul lavoro, l’obbligo del riposo festivo, il lavoro femminile e quello minorile. Sempre in politica interna attuò la monopolizzazione statale delle ferrovie e delle assicurazioni sulla vita e, riforma molto importante, rese universale il suffragio dei maschi che sapevano leggere e scrivere o che avevano frequentato la leva militare.
La politica economica, con l’obiettivo di mantenere un bilancio statale attivo, fu caratterizzata da brillanti successi riguardanti soprattutto lo sviluppo dell’industrializzazione del paese in particolare nel triangolo Milano- Torino- Genova nei settori tessile, automobilistico e dell’acciaio; infatti, il periodo giolittiano è considerato il momento del “decollo” dell’industria italiana. Ma questo “decollo” non avvenne nello stesso modo nel Mezzogiorno e si evidenziò il divario tra Nord e Sud, perciò decise di attuare degli sgravi fiscali nel meridione.
La parte negativa del sistema giolittiano fu però rappresentata dai suoi metodi di governo, che sembravano rinnovare e rafforzare la pratica del trasformismo.
In politica estera Giolitti cercò di eliminare la sottomissione dell’Italia alla Germania, realizzando un progressivo avvicinamento alla Russia e alla Francia, con quest’ultima stabilì un accordo per sfere d’influenza in Africa (Marocco alla Francia e Libia all’Italia); si vennero a creare in questo modo dei problemi con la Triplice Alleanza. Inoltre, per accontentare anche i nazionalisti, riuscì a portare a compimento la conquista della Libia, con la sconfitta della Turchia nel 1911. Con questa guerra però mise in crisi i suoi rapporti con la sinistra, quindi cercò l’appoggio dei cattolici con il “Patto Gentiloni” del 1913; grazie a questo patto i cattolici promisero di votare per lui in funzione antisocialista in cambio di non far passare leggi antiecclesiastiche, come ad esempio quella sul divorzio.
Giolitti lasciò il potere nel 1914 allo scoppio della prima guerra mondiale. Quando ebbe inizio tale conflitto l’Italia si divise in interventisti e neutralisti; Giolitti faceva parte di questi ultimi, egli sosteneva che il nostro paese avrebbe potuto ottenere “parecchi” benefici non entrando nel conflitto (da qui la sua tesi del parecchio).
Sia durante il suo lavoro sia dopo aver dato le dimissioni, a Giolitti furono rivolte diverse critiche in particolare dalla sinistra, dagli scrittori meridionali e dalla destra. I primi due lo consideravano un “ministro della malavita”, poiché portò all’estremo il trasformismo e cercava voti anche tra i mafiosi; mentre la destra desiderava che fosse più repressivo nei riguardi delle vertenze di lavoro.
Giolitti rimase al potere per molto tempo, anche se con brevi intervalli di governi di altri politici.
Tenendo in considerazione tutto il suo operato e le critiche rivoltegli, si può affermare che Giolitti è stato molto abile a destreggiarsi nell’intricato mondo politico, ricorrendo a volte a dei metodi non proprio leali come può esserlo il trasformismo. In ogni modo è merito anche delle innovazioni in campo lavorativo e all’appoggio che diede all’industria, se durante il periodo del suo governo, l’Italia ha avuto un decollo economico, ma non dimentichiamo che è stato pagato a caro prezzo dal meridione.
Si può notare la grande importanza che la politica di Giolitti ha avuto ad inizio secolo, anche grazie a come gli storici definiscono il periodo del suo governo: “Italia giolittiana”.

Esempio



  


  1. ciao

    giolitti e la riforma sul lavoro minorile


Come usare