Kant

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2 (2)
Download:40
Data:22.10.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
kant_27.zip (Dimensione: 4.42 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_kant.doc     25 Kb



Testo

Kant
Critica della ragion pura
Lez.1
Giudizio analitico apriori e giudizio sintetico a posteriori come limite rispettivamente dei razionalisti e degli empiristi
1. limite dei razionalisti… la scienza non è fatta di giudizi analitici apriori altrimenti sarebbe sterile
2. limite degli empiristi… l’esperienza non raggiunge mai la necessità
dunque introduzione dei giudizi sintetici apriori (cfr lez. 2)
Lez.2
Facoltà umane
➢ Sensibilità - interrelazione con il mondo; soggetto passivo
➢ Intelletto – attività di comprensione, soggetto attivo
➢ Ragione – spiegazione globale della realtà attraverso le tre idee di anima, mondo e Dio
Conoscenza umana limitata dunque metafisica non scienza eppure bisogno umano, va alla ricerca dell’incondizionato.
Per la necessaria correlazione categorie-fenomeni introduzione principi sintetici apriori (correlaz. apriori esperienza ma non derivazione)
Filosofia della critica nel senso che mette in discussione l’uso delle categorie fenomeniche per lo studio della metafisica.
Lez. 3
Rivoluzione Copernicana _ nuovo concetto di realtà (dualismo fenomeno\inseità realismo\idealismo)
Non è più la struttura conoscitiva dell’uomo che si conforma alla realtà bensì il contrario, il soggetto è attivo e non passivo.
Realtà conoscibile solo nella sua forma fenomenica (gegenstand) e non in quella noumenica (object), pregiudizio dell’affermare un’inseità senza le prove (critica degli idealisti).
Il fenomeno è conosciuto dall’intelletto attraverso l’intuizione, cioè la conoscenza sensibile e immediata.
➢ Schopenahuer, realismo partendo da Kant
➢ Hegel, idealismo partendo da Kant

Lez. 4
L’io nella filosofia kantiana come appercezione trascendentale del filosofo
➢ Cartesio – Io come RES cogitans
➢ Kant – io come FUNZIONE (non l’ìo psicologico ma quello trascendente)
Critica della ragione pura
1. Estetica trascendentale – Anima - sensibilità
2. Analitica trascendentale - Mondo - intelletto
3. Dialettica trascendentale – Dio – ragione
Gli idealisti considereranno le facoltà kantiane come in realtà dialettica (contradditorietà) interna dello spirito
Individualità vs oggettività della struttura kantiana della conoscenza (gli esseri razionali hanno la stessa struttura conoscitiva… gli angeli…)
Di nuovo filosofia kantiana come filosofia del limite ed abbandono della trascendenza come speculazione filosofica dopo Kant (metafisica come non scienza, Dio come postulato, cfr Critica della ragion pratica)
Gli idealisti in contrapposizione di nuovo propongono la Storia dello spirito riconducendo le forme all’io.

Esempio



  



Come usare