Kant

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

1 (2)
Download:123
Data:05.02.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
kant_15.zip (Dimensione: 4.58 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_kant.doc     23.5 Kb



Testo

GIUDIZI ANALITICI A POSTERIORI

Sono quelli in cui il predicato dice qualcosa di nuovo rispetto al soggetto aggiungendosi a quest'ultimo in virtù dell'esperienza, ovvero a posteriori.
In altri termini Kant li chiama "ampliativi".

MATERIA & FORMA
Materia e forma della conoscenza. Per materia o contenuto, Kant intende il "determinale in generale" ,ovvero la molteplicità, caotica e mutevole delle impressioni sensibili che provengono dall'esperienza. Per forma intende : la determinazione del determinabile, ovvero l'insieme delle modalità fisse attraverso cui la mente ordina la materia sensibile.

LA RIVOLUZIONE COPERNICANA
E' il mutamento di prospettiva realizzato da Kant il quale invece di supporre che le strutture mentali si modellino sulla natura, suppose che l'ordine della natura si modelli sulle strutture mentali. Infatti, come Copernico incontrò problemi nello spiegare la sua teoria sulla rotazione degli astri, Kant, incontrando a sua volta grandi difficoltà nello spiegare ciò.

LA FACOLTA' DELLA CONOSCENZA
Secondo Kant la conoscenza, scaturisce dai sensi, da dove va nei sensi e poi nell'intelletto. La conoscenza, ha quindi 3 facoltà principali: la sensibilità che è la facoltà attraverso cui gli oggetti ci sono dati intuitivamente attraverso i sensi; l'intelletto: che è la facoltà attraverso cui conosciamo i dati sensibili tramite i concetti puri o categorie; la ragione: è la facoltà attraverso cui procedendo oltre l'esperienza cerchiamo di spiegare la realtà mediante le idee di anima, uomo e Dio. Su questa tripartizione della facoltà, è basata la critica della ragion pura. Questa si divide in 2 tronconi principali: la dottrina degli elementi e la dottrina del metodo. La dottrina del metodo si dirama in Estetica trascendentale, e Logica trascendentale, che studia l'intelletto e le sue forme a priori. L'estetica trascendentale, studia la sensibilità e le sue forme a priori di spazio e di tempo mostrando come su di essa si formi la matematica. La Logica trascendentale, si sdoppia a sua volta in Analitca trascendentale, che studia l'intelletto e le sue forme a priori, (le 12 categorie) mostrando come su di esse si formi la fisica e in Dialettica trascendentale, che studia la ragione e le sue tre idee: anima, mondo e Dio, mostrando come su di esse si formi la metafisica.
Estetica trascendentale
• DOTTRINA DEGLI ELEMENTI Logica trascendentale Analitica
• DOTTRINA DEL METODO Dialettica

ESTETICA TRASCENDENTALE
Dal greco aisthĕticos "che concerne sensazione" E' la scienza di tutti i principi a priori della sensibilità ovvero la sezione della Ragion pura in cui Kant studia lo spazio e il tempo, mostrando come su di essi si fondi la matematica.
Lo spazio è la forma del senso esterno, cioè quella rappresentazione a priori, necessaria che sta a fondamento di tutte le intuizioni esterne e nel disporsi delle cose una accanto all'altra. Il tempo è la forma del senso interno cioè la rappresentazione a priori di che sta a fondamento dei nostri stati d'animo interni e del loro disporsi secondo un ordine di successione. Però dato che noi riusciamo a percepire ciò che c'è all'esterno grazie al nostro senso interno, il tempo, diventa la maniera universale attraverso la quale percepiamo tutti gli oggetti.
Egli sostiene che a base della matematica, vi siano Spazio & Tempo, in quanto,
vede nella aritmetica, e nella geometria, le scienze sintetiche a priori per eccellenza.
A priori in quanto i teoremi matematici e geometrici, vengono, sviluppati indipendentemente dall'esperienza. Ciò accade perché alla base della matematica sta l'intuizione pura di spazio e di tempo.

ANALITICA TRASCENDENTALE
E' quella parte della logica trascendentale che studia l'intelletto nelle sue forme a priori, ovvero scioglie o risolve l'attività dell'intelletto nei suoi elementi di base e nel loro legittimo uso.
In pratica senza l'analitica trascendentale nessun oggetto potrebbe mai essere pensato.

Esempio