ANALISI PER FLUSSI

Materie:Appunti
Categoria:Economia Aziendale

Voto:

2.5 (2)
Download:896
Data:22.05.2006
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
analisi-flussi_1.zip (Dimensione: 6.99 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_analisi-per-flussi.doc     39.5 Kb



Testo

1. I FLUSSI FINANZIARI E I FLUSSI ECONOMICI
Un flusso è la variazione in aumento o in diminuzione intervenuta in un fondo di valori in un determinato periodo di tempo.
- FLUSSI ECONOMICI: variazioni originate dalla gestione reddittuale
- FLUSSI FINANZIARI: variazioni della liquidità, dei debiti e dei crediti a breve
I FLUSSI FINANZIARI NON SEMPRE COINCIDONO CON QUELLI ECONOMICI
I flussi provocati dalla gestione reddittuale sono messi in evidenza dal C.E.
Il passaggio dal reddito d’esercizio al flusso di risorse generato dalla gestione reddittuale implica la distinzione tra:
- COMPONENTI DI REDDITO MONETARI: costi e ricavi misurati da variazioni di liquidità o da variazioni nei debiti o nei crediti a breve
COSTI MONETARI: x materie prime, per godimento di beni di terzi, interessi passivi, oneri sociali, imposte
RICAVI MONETARI: vendita di prodotti, interessi attivi, proventi di varia natura
- COMPONENTI DI REDDITO NON MONETARI: costi e ricavi che non danno luogo a variazioni finanziarie nelle disponibilità liquide o nei crediti e nei debiti a breve
COSTI NON MONETARI: ammortamenti, accantonamenti a fondi rischi e oneri a m/l
RICAVI NON MONETARI: costi patrimonializzati, plusvalenze da alienazione di immobilizzaz
FLUSSO GENERATO DALLA GESTIONE REDDITUALE: ricavi monetari – costi monetari
o
reddito d’es. + costi non monetari – ricavi non monetari
2. LE FONTI E GLI IMPIEGHI
- FONTI: flussi che incrementano la disponibilità di risorse finanziarie
Le fonti che aumentano la disponibilità di risorse finanziarie possono provenire:
• dall’interno, quando vengono autogenerate dall’azienda stessa come risultato della gestione reddittuale
• dall’esterno, quando provengono dalla contrazione di debiti o da aumenti di capitale a pagamento
• da disinvestimenti, quando sono frutto della diminuzione del capitale investito si in immobilizzazioni sia nell’attivo circolante
- IMPIEGHI: flussi che assorbono risorse finanziarie preesistenti.
I mezzi finanziari raccolti possono essere impiegati:
• per effettuare investimenti
• per rimborsare i debiti
• per diminuire le fonti di finanziamento interne o per rimborsare il capitale ai soci

3. IL REDICONTO FINANZIARIO
È un prospetto che raggruppa i flussi che sono intervenuti nella situazione patrimoniale dell’azienda fra due momenti diversi.
DEVE EVIDENZIARE:
- l’attività di finanziamento dell’impresa durante l’esercizio
- le variazioni delle risorse finanziarie
- l’attività di investimento dell’impresa durante l’esercizio
- le variazioni nella situazione patrimoniale – finanziaria
RENDICONTO DELLE VARIAZIONI DELLA DISPONIBILITA’ MONETARIA: flussi che hanno comportato modifiche nel patrimonio circolante
RENDICONTO DELLE VARIAZIONI DELLA DISPONIBILITA’ LIQUIDA: flussi monetari
4. LE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO CIRCOLANTE NETTO (PCN)
Il patrimonio circolante netto è dato dalla differenza tra le attività correnti e le passività correnti ricavabili dallo S.P. riclassificato secondo criteri finanziari.
SONO OPERAZIONI CHE MODIFICANO IL PATRIMONIO CIRCOLANTE NETTO QUELLE CHE COMPORTANO VARIAZIONI NELLE PASSIVITA’ CONSOLIDATE, NEL CAPITALE PROPRIO, NELLA GESTIONE REDDITUALE E NELL’ATTIVO IMMOBILIZZATO E CHE ALLO STESSO TEMPO SI TRADUCONO IN UNA VARIAZIONE DELLE ATTIVITA’ CORRENTI O DELLE PASSIVITA’ CORRENTI.
FANNO VARIARE IL PATRIMONIO NETTO:
- le operazioni che modificano le passività consolidate
- le operazioni che modificano il capitale proprio
- le operazioni della gestione reddittuale da cui scaturisce il risultato economico dell’esercizio
- le operazioni che modificano l’attivo immobilizzato
NON FANNO VARIARE IL PATRIMONIO NETTO le operazioni che si compensano tra loro o che non incidono sulle attività correnti oppure sulle passività correnti
5. RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO
È un prospetto che riepiloga i flussi finanziari avvenuti nel periodo dando informazioni sulla struttura delle nuove fonti e dei nuovi impieghi.
Il Rendiconto finanziario si compone di 3 parti:
- 1^ parte: è evidenziata la composizione delle fonti e degli impieghi. La distinzione operata è quella tra flussi derivanti dalla gestione reddittuale e flussi derivanti da operazioni di disinvestimenti e finanziamento
- 2^ parte: sono evidenziate le variazioni intervenute nei componenti del patrimonio circolante netto
- 3^ parte: sono evidenziate le altre variazioni nella situazione patrimoniale – finanziaria che non comportano movimenti nel patrimonio circolante netto
6. INFORMAZIONI DESUMIBILI DAL RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI PCN
Il valore del patrimonio circolante netto è di solito sintomo:
- di solidità finanziaria a breve termine (SE POSITIVO)
- di squilibrio finanziario (SE NEGATIVO)
- CASI CHE SI POSSONO PRESENTARE DALL’ANALISI DELLE FONTI
* predominanza delle fonti interne: condizione migliore nelle piccole-medie imprese
* predominanza delle fonti esterne di capitale proprio: riducono l’incidenza dell’indebitamento
* predominanza delle fonti esterne di capitale di debito: l’impresa ha attuato una politica di indebitamento
* predominanza delle fonti da disinvestimenti di immobilizzazioni: c’è semplicemente un recupero di mezzi precedentemente investiti

- CASI CHE SI POSSONO PRESENTARE DALL’ANALISI DEGLI IMPIEGHI
* predominanza di investimenti in immobilizzazioni tecniche: condizione aziende in sviluppo
* predominanza di concessione di prestiti: quando l’impresa è una capogruppo che finanzia altre imprese collegate o controllate
* predominanza di rimborso di prestiti: contrazione degli oneri finanziari sul C.E.
* predominanza delle diminuzioni di patrimonio netto: l’impresa sottrae risorse finanziare all’attività produttiva a vantaggio dei soci che recuperano il capitale di rischio investito
7. RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DELLA DISPONIBILITA’ MONETARIA NETTA
Prende in esame i flussi di denaro liquido esistenti in cassa presso le banche e i c/c postali al netto dei debiti a vista considerati nel c/c passivi.
Poiché l’importo dei c/c può superare l’importo della liquidità complessiva dell’azienda, il saldo del Rendiconto finanziario della disponibilità monetaria può essere negativo: in questo caso corrisponde all’indebitamento monetario netto.

Esempio



  


  1. RITA

    STO CERCANDO UN ESERCIZIO GIà SVOLTO SULL'ANALISI PER FLUSSI DI ECONOMIA AZIENDALE

  2. alexandra

    analisi per flussi classe quinta superiore


Come usare