Acquedotto

Materie:Appunti
Categoria:Chimica

Voto:

2.5 (2)
Download:172
Data:13.02.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
acquedotto_1.zip (Dimensione: 5.19 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_acquedotto.doc     25 Kb



Testo

ACQUEDOTTO
Trattamento delle acque per la loro potabilizzazione.
-POTABILIZZAZIONE-
Consiste in una serie di trattamenti chimico-fisici che rendono l’acqua utilizzabile a scopo alimentare, senza recare danni alla salute. Durante I trattamenti s’interviene sul colore, odore, torbidità e presenza di sostanze organiche, in modo che tali parametri rientrino nei limiti impostati dalla legge. Il processo e` suddiviso in quattro stadi:
1. Sedimentazione: sedimentazione primaria per eliminare I solidi in sospensione;
2. Chiariflocculazione: le acque grezze, mediante un canale a cielo aperto, sono inviate nel reattore di chiariflocculazione costituito da una torre circolare, dove l’acqua e` trattata con un flocculante. Come reattivo flocculante si usa di solito il poliidrossi cloruro di alluminio, un polielettrolita sul quale vengono adsorbite alcune sostanze organiche come, argille o sostanze chimiche (NH4+, CO3=, e altre); il risultato e` una miscela acqua fango. Il fango ( materiale organico ) adsorbito sul flocculante, si deposita sul fondo, mentre l’acqua chiarificata può subire I successivi trattamenti ;
3. Disinfezione : nello stesso reattore avviene un trattamento con ClO2 per ossidare le sostanze nocive e inquinanti. Il ClO2 viene prodotto nell’impianto stesso in modo automatico : 4 HCl + NaClO2 → 4 ClO2 + 5 NaCl + 2 H2O. I reagenti sono dosati da una centralina in modo da avere una concentrazione in HCl pari al 33% in eccesso rispetto alla concentrazione di NaClO2 che e` stechiometrica, del 25%. L’utilizzo di acido e il lavorare sotto vuoto e` necessario per evitare esplosioni. In passato al posto di ClO2 si usava come ossidante NaClO ; oggi e` stato bandito in quanto l’ossidazione produceva sottoprodotti tossici, tipo clorometano, cancerogeno e dannoso per il fegato. L’uso di ClO2 e` favorito anche dal punto di vista economico, infatti il ClO2 e` piu` ossidante del NaClO, quindi si riducono le quantità da usare. Tuttavia anche il ClO2 presenta dei problemi : l’ NaClO2 non reagito potrebbe formare cloriti o clorati, che sono potenti agenti mutageni. In alternativa e` stato prodotto dell’ozono, che si ottiene da ossigeno sottoposto ad una scarica di 15000 V, il che richiede apparecchiature sofisticate e costose.
4. Filtrazione : l’acqua chiarificata viene pompata a 80 l/s nelle vasche di filtraggio. Il fondo di queste vasche e` ricoperto di uno strato di sabbia silicea che contiene il 99 % di quarzo inerte. La sabbia viene lavata ogni 36 ore per rimuovere l’ MnO2 ( nero ) che vi si deposita, e per evitare eventuali intasamenti. Il lavaggio e` fatto in due modi: il primo consiste nell’insufflare una miscela di acqua e aria attraverso gli ugelli del fondo della vasca; il secondo prevede, prima, di insufflare aria per smuovere il letto, poi acqua per allontanare le impurità. L’acqua quindi, attraversa gli ugelli per arrivare poi ai serbatoi, e dopo opportuna analisi di laboratorio, viene distribuita alla rete idrica.
Dopo la filtrazione si ha un abbattimento del cloro residuo da 0.4 a 0.2 ppm; quest’ultimo e` il contenuto di cloro nell’acqua che arriva a noi utenti.
I dosaggi dei flocculanti sono stabiliti attraverso il Jar-Test che viene eseguito in questo modo: si prendono 5 contenitori e si riempiono con acqua grezza, ad ognuna e` aggiunto un quantitativo differente di flocculante, per simulare quello che avviene nei decantatori. Quindi si calcolano:
1. Tempo di formazione del fiocco;
2. Grandezza del fiocco;
3. Tempo di deposito;
-ANALISI CHIMICHE-
Viene controllata l’acqua in entrata e in uscita. I parametri tenuti sotto controllo sono:
• pH : si usa un pHmetro;
• torbidità: tramite misura di diffusione della luce attraverso il campione;
• concentrazioni ioniche : mediante misure di conducibilità;
• cloro residuo : mediante analisi volumetriche;
• durezza totale : col metodo di Mohr;
• presenza di metalli disciolti : tramite spettroscopia di assorbimento atomico;
• presenza di batteri.

1

Esempio



  



Come usare