La polis greca

Materie:Riassunto
Categoria:Storia
Download:1615
Data:20.03.2007
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
polis-greca_1.zip (Dimensione: 6.74 Kb)
trucheck.it_la-polis-greca.doc     29 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Ripasso di storia

• La nascita della pòlis
Alla fine del la Grecia si trovava in un stato di profonda divisione. Sul territorio erano sparse tante città autonome: le pòlis.
Queste nacquero con una rivoluzione agraria che portò ad un aumento demografico che spinsero molte persone a migrare a causa della mancanza di materie prime dovuta al sovraffollamento. Le circostanze resero necessaria una struttura sociale più efficiente. Chi comandava si rese conto di dover stabilire delle regole per assicurare ai più deboli un minimo di garanzia. Così nacque la pòlis greca che rispondeva a tutte queste necessità. In antichità la pòlis era la città alta sede dei templi e delle abitazioni più nobili mentre i più umili occupavano la asty la citta bassa. Con la nascita di questa nuova struttura politica il termine pòlis si allargò comprendendo la città nel suo complesso. Ma la vera rivoluzione della fu il nuovo concetto di cittadino, infatti veniva ritenuto tale colui che partecipava attivamente alla vita politica e che possedeva la libertà più grande: il diritto alla parola. Fra le diverse evoluzioni della pòlis si sviluppo quella monarchica che prevedeva il potere dei magistrati. Quella aristocratica in cui il potere era mantenuto nelle mani di pochi cittadini. E infine quella democratica il cui potere apparteneva al popolo,il démos.

• La tirannide
Le pòlis di ordinamento aristocratico vennero sostituite da governi di natura timocratica che faceva partecipare alla vita politica solo gli strati più ricchi della città. Questa scelta era spinta dalla volontà di artigiani e commercianti,soggetti ad un rapido arricchimento, di ricoprire posti importanti nel governo. Gli aristocratici però non volevano cedere il loro potere e gli strati più umili si sentivano completamente esclusi così iniziarono a nascere tumultuose guerre civili che portarono alla nascita della . Il tiranno, infatti, era colui che si impossessava illegalmente della pòlis e che la comandava senza tenere conto della altre istituzioni politiche. I Tiranni però furono considerati uomini equilibrati e giusti Fra cui Cipselo, Policrate e Pittaco.

• L’Espansione Coloniale
La tumultuosa lotta politica, il sovraffollamento e le disuguaglianze sociali spinsero contadini e importanti uomini di politica ad espandersi e colonizzare ed insediarsi in territori come la Francia meridionale, l’Africa ma soprattutto il sud dell’Italia con la Sicilia. La fondazione di colonie, però, non era una caotica emigrazione individuale anzi un ordinato trasferimento di forme politiche e culturali accuratamente programmato dallo stato. Alla spedizione generalmente partecipavano forme di una politica sconfitta e quella parte impoverita della popolazione che non poteva più vivere decorosamente in patria. La madre-patria metteva a disposizione ogni tipo di supporto economico e militare. Prima della partenza veniva consultato l’oracolo di Delfi e infine veniva nominato un ossia un fondatore che guidava la spedizione. Nella terra conquistata nasceva in breve una succursale della loro città nativa ma più libera e più indipendente in cui era più facile esprimere i proprio pensiero, infatti i primi filosofi nacquero nelle colonie di oriente e di occidente. La prima colonia greca fu Ischia accanto alla quale sorsero città come Cuma, Napoli, Paestum e Taranto ma la colonie più importanti sorsero in Sicilia. I greci occuparono la parte che si rivolgeva verso la Grecia e qui si svilupparono importanti centri urbani come Siracusa che fu capace di produrre un vero surplus alimentare che favoriva l’importazione verso la Grecia. Questo periodo di grande espansione economica permise in poco tempo l’arricchimento di una classe media come gli artigiani e i commercianti. In poco tempo si diffuse il sistema monetario che sostituì il baratto e nacquero vere e proprie banche che prestavano soldi con l’ interesse.

• Sparta

Le fonti su Sparta sono molto limitate e si perdono nel mito poiché gli spartani, gelosi della loro cultura, non provvederono a trasmettere alle generazioni future il patrimonio culturale.
Secondo la leggenda Sparta fu fondata dal mitici Re Menelao ma circondata da vicini ostili i suoi primi passi furono cauti e incerti. In breve tempo riuscì ad espandersi grazie al suo piccolo ma efficientissimo esercito. Nella società Greca arcaica la guerra era considerata da un punto di vista individuale ma gli spartani svilupparono una tecnica militare collettiva la cosiddetta tattica oplitica. Essa consisteva in una falange di uomini corazzati che combattevano a fianco a fianco in ranghi serrati.
Sparta cessò di espandersi dopo aver espugnato la rocca di Itome così la sua politica fu essenzialmente rivolta al mantenimento dei confini. In questo periodo, probabilmente, si sviluppo la figura di Licurgo che sviluppo l’aristocrazia a Sparta.
La popolazione degli Spartani era divisa in tre gruppi: spartiati, iloti e perieci.
Gli spartiati erano il ceto dominante ed erano gli unici cittadini di pieno diritto. Essi si dedicavano interamente alla guerra ed erano addestrati ad un regime di vita comunitario. Sin dalla tenera età venivano addestrati in caserma. Compiuto il trentesimo anno potevano partecipare all’assemblea e sposarsi, a patto di continuare gli addestramenti fino a settanta anni. Il mantenimento della famiglia era assicurato dall’ appezzamento di terra ma una delle istituzioni più comune erano i sissìzi cioè i pasti comuni a cui si attesta l’ introduzione a Licurgo.
Gli Iloti erano i discendenti degli indigeni ed erano tenuti a coltivare i lotti di terra degli Spartiati. La loro vita era molto dura e ogni anno gli spartiati dichiaravano formalmente guerra agli iloti praticando la krytéia, una prova di abilità che gli spartiati compivano prima di terminare il loro addestramento.
I perieci erano gli abitanti delle comunità indigene situate attorno alla città. Le loro condizioni erano migliori di quelle degli Iloti ma erano tenuti a combattere al fianco degli Spartani e vivevano indipendentemente nelle loro città.
Sparta era governata, inizialmente, da due re. In seguito accanto a questa figure si sviluppo la gherousia, il consiglio degli anziani formato da 28 membri che venivano eletti a vita attraverso l’ intensità di ovazioni ricevuta da ciascuno e che giudicavano tradimento e i crimini di sangue e l’apélla l’assemblea popolare. Essa si riuniva all’ aperto , aveva come partecipanti tutti gli spartiati e aveva l’autorità di eleggere i magistrati,di spedire le ambascerie e di conferire la cittadinanza.
Gli Efori invece controllavano l’integrità e proponevano le leggi e venivano eletti ogni anno in numero di cinque.
La donna a Sparta godeva di numerosi privilegi rispetto alle altre società che si svilupparono in Grecia. Era libera di praticare attività come l’atletica e il suo unico dovere verso la società era di generare figli sani all’ esercito spartano. Infatti se sposate non provvedevano alla crescita dei fanciulli che era affidata alle schiave.

Esempio



  


  1. marta 26-04

    Sono in prima del liceo scientifico tradizionale, giovedì di questa settimana ho l'interrogazione di storia per cui non ho ancora iniziato a studiare (non sto scherzando e oggi è martedì) e dovrei studiare 50 pagine se studi assi dal libro quindi vengo qui. Ho bisogno di un riassunto su Atene e sulle guerre persiane. Grazie.

  2. andrea

    in questo riassunto sono stati saltati periodi importanti della storia..no stò scherzando è un buon riassunto che mi ha fruttato un buon voto quindi molte grazie!