La crisi del dopoguerra

Materie:Riassunto
Categoria:Storia

Voto:

1.5 (2)
Download:179
Data:11.02.2007
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
crisi-dopoguerra_1.zip (Dimensione: 5.42 Kb)
trucheck.it_la-crisi-del-dopoguerra.doc     24.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

CRISI DOPOGUERRA: Il liberalismo è 1 modello economico suxato, viene soppiantato dal corporativismo (= lo stato regola il sistema economico e il conflitto sociale; suxamento lotta di classe, nello stato convivono imprenditori e lavoratori, lo stato armonizza interessi divergenti).
Stato liberale attaccato da org. popolari di massa e nuovi movimenti reazionari estremisti. Resisterà in FR e GB e cadrà a favore dei totalitarismi in IT e GE. “Tramonto dell’occidente” di Spengler: l’occ. è stato travolto da una nuova classe dirigente che ha portato i valori della modernità legati al macchinismo, all’industrialismo, alla massificazione; tale tramonto può essere fermato solo da personalità forti e carismatiche che concentrano nelle loro mani poteri forti. Si diffonde stato autoritario, antiparlamentaristico, con figura cesarea che sarà il riferimento politico dei ceti medi.
CRISI ECONOMICA INGHILTERRA: politica deflazionistica (ridurre l’inflazione tramite restrizione del credito e politica fiscale incisiva, quindi peggiorano cond. di vita). L’industria ernta in crisi xkè non riesce a competere con l’Europa; entra in crisi il settore carbonifero (uso del petrolio, ormai); ’26 = scioxo generale dei minatori che assume connotazioni rivoluzionarie; prevale l’impostazione riformista moderata delle Trade Unions. AUSTRIA/UNGHERIA: Austria: Vienna “rossa” (socialdemocrazia di Adler) o partito cattolico (diffuso nelle campagne). Obiettivo comune a socialdemocrazia austriaca e tedesca: Anschlùss = unificazione delle 2. Elezioni del ’20 = vince il partito cattolico e cade la prospettiva di una rivoluzione socialista. Ungheria: Socialdemocratici alleati coi comunisti di Bela Kùn. 21 marzo 1919 = repubblica sovietica ungherese. Governo di Bela Kùn minacciato all’esterno da rumeni (rivendicazioni territoriali) e dall’interno da contadini e prop. terrieri → cade il 1° agosto 1919: potere in mano a Horthy (trattato di pace di Trianòn: cessioni a Cecoslovacchia, Jugoslavia, Romania). Maggioranza dei paesi orientali ha regimi autoritari anticomunisti (tranne Cecoslovacchia). LEGA DI SPARTACO: Oppositori di sx alla socialdemocrazia. Nata nel ’17 a oxa di Rosa Luxenburg e Karl Liebnecht, vuole la rivoluzione. Nel ’19 diventerà Partito Comunista Tedesco (Kpd). La socialdemocrazia si allea con la dx contro la Lega e la reprime con i freikorps (milizie volontarie: membri del disciolto esercito, socialdemocratici e estremisti di dx). Es: manifestazione del gennaio ’19 a Berlino, Noske fa uccidere Rosa e Karl e tra 1919 e 1922 altri massacri tra cui Erzberger (un firmatario del patto di Varsavia) e Rathenau (presidente AEG e ministro degli esteri). NEP: nuova politica economica russa voluta da Bucharin e Lenin nel ‘21. Economia mista: l’industria pesante, il commercio estero e il sistema bancario sono nelle mani dello stato; ammessa prop. priv., il commercio minuto e le imprese con meno di 20 lavoratori. Nascita dei nepmen (gruppi arricchitisi con la ripresa dell’economia di mercato) e rafforzamento kulaki. La Nep deve garantire 1 accumulazione di capitali nelle campagne che renda possibile uno sviluppo della domanda dei prodotti industriali. 1921: rivolta marinai a Kronstad, rivogliono il soviet. Trockij si oppone alla Nep. PIANO QUINQUENNALE: 1928-32. Crisi della Nep. Stalin vuole fare un’industrializzazione forzata, per fare ciò ha bisogno di tutte le risorse disponibili delle campagne, per ottenerle deve controllare tutta la prod. agricola attraverso aziende collettive. Sterminio dei kulaki e appropriazione delle loro terre. Aziende cooperative (“kolchoz”, terra di proprietà comune) e statali (“sovchoz”, terra dello stato). PATTO VARSAVIA e NATO: blocchi contrapposti: OVEST: 1) piano Marshall del ‘47 (aiuti economici ai paesi che accettano la dottrina Truman –vs comunismo-), 2) patto Atlantico (patto militare, NATO). EST: 1) Cominform (’47; ufficio info del partito comunista; riedizione della 3^ Internazionale → dipendenza dei partiti comunisti al partito comunista sovietico), 2) patto di Varsavia (’55; patto militare), 3) Comecon (’49; consiglio di mutua assistenza economica). CRISI MISSILI CUBA: 1960: sventato un tentativo a baia dei Porci di restaurazione del regime di Batista messo in atto da esuli cubani con l’appoggio americano. Gli Usa volevano mettere fine al regime socialista cubano perché avevano paura che si espandesse in America Latina. 1962, l’URSS installa a Cuba dei missili a testata nucleare x proteggerla da altri ipotetici tentativi di restaurazione del regime di Bastista; gli USA li scoprono, si arriva quasi a una guerra; l’URSS rinuncia ai missili ma impone agli Usa di smantellare i missili installati nelle basi Nato in Turchia. Incontro freddo a Vienna tra Kennedy e Chruscev. GUERRA FREDDA: guerra ideologica, contrapposizione economica, politica e sociale tra 2 potenze. Anomala alleanza tra Ingh., USA e URSS per demolire nazismo; occultava divergenze ideologiche profonde emerse dopo la fine del nazismo. Spartizione del mondo in 2 zone d’influenza. Bisogna evitare il conflitto xkè c’è la bomba atomica da tutte e 2 le parti (equilibrio del terrore). Demonizzazione dell’avversario. 1923, WEIMAR: anno terribile. “Mondo demenziale dell’inflazione” → sparisce il potere di acquisto dei ceti medi, si arricchiscono gli imprenditori che dispongono di capitali di valuta straniera. Occupazione francese della Ruhr, che vuole garantire il risarcimento dei danni di guerra che la Germania non può dare (la Germ. Risp. Con una resistenza passiva, scioxo generale). Governo Stresemann (= politica di riavvicinamento alla Francia; fine al boicottaggio nella Ruhr, sgombero truppe francesi; persecuzioni a sx; crea Rentenmark (=marco di rendita) il cui valore è garantito non da riserve auree ma da un’ipoteca su tutti i beni del territorio nazionale.

Esempio



  



Come usare