La colonizzazione greca e fenicia nel Mediterraneo

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

1.5 (2)
Download:281
Data:31.01.2001
Numero di pagine:4
Formato di file:.txt (File di testo)
Download   Anteprima
colonizzazione-greca-fenicia-mediterraneo_1.zip (Dimensione: 2.66 Kb)
trucheck.it_la-colonizzazione-greca-e-fenicia-nel-mediterraneo.txt     5.84 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

La colonizzazione greca e fenicia nel Mediterraneo
Fin dal IV e III millennio a.C. il Mediterraneo divenne il primo e piщ prodigioso polo di sviluppo della civiltа; ampiamente percorso in etа neolitica sia nel suo bacino orientale che in quello occidentale, esso conobbe le prime compiute organizzazioni sociali di stampo mediterraneo nel III millennio a.C. Insediatisi nell'isola di Creta, i popoli egeo-minoici avevano infatti gradualmente sviluppato un modello di civiltа originale che dal Mediterraneo traeva le sue piщ essenziali strutture: popolo marinaro, dedito ai commerci, questa stirpe inaugurт una nuova fase della storia dell'umanitа, facendo della produzione artigianale e dello scambio dei prodotti la sua attivitа principale e dando origine al primo nucleo della "cittа" antica, ben diversa dal villaggio rurale di epoca preistorica e dalle cittа monumentali e sacrali dell'Asia mediorientale. Di questo stesso modello di civiltа marittimo-commerciale fecero parte i Fenici, che dalle loro sedi costiere dell'Asia Minore (l'attuale Libano) si espansero rapidamente in tutto il Mediterraneo fissandovi stabili basi di appoggio per i loro commerci. Tra il XV e l'VIII sec. a.C. le cittа fenicie di Tiro, Sidone e Biblo conquistarono e gestirono il monopolio del commercio tra l'Asia e le coste settentrionali e occidentali del Mediterraneo. Il legno di cedro, la porpora e i cereali, le ceramiche egee e asiatiche, il grano e il papiro dell'Egitto costituirono per secoli la base del commercio fenicio. Queste esportazioni dall'Oriente verso l'Occidente venivano compensate dalle importazioni che, per tramite degli stessi Fenici, il mondo egeo, povero di materie prime, faceva dell'oro e dell'argento iberico, del rame britannico e del cuoio dell'Europa centrale. Lungo queste vie di commercio sorsero cosм intorno all'XI e X sec. a.C. insediamenti e colonie fenicie (Cartagine, Gibilterra, Marsiglia ecc.) che, col tempo, raggiunto un alto grado di autonomia, divennero altrettanti poli di sviluppo del commercio mediterraneo. Cipro, giа interamente occupata nell'XI sec. a.C., divenne nel X un fiorente centro commerciale. Quando sul finire del II millennio a.C. una nuova serie di invasioni sconvolse l'assetto politico ed etnico dell'Egeo, il Mediterraneo era giа pressochй completamente conosciuto e percorso da sistematiche esplorazioni fenicie. Cosм l'espansione greca dell'VIII-VI sec. a.C. non fu che il proseguimento e il perfezionamento dell'opera fenicia. Il modello di civiltа mediterraneo raggiunse con i Greci una sorta di maturitа e di perfezione: l'insediamento umano nelle cittа di tipo commerciale assunse maggiore consistenza e stabilitа; in esso il potere si organizzт in una solida gerarchia di funzioni in seno alla quale artigiani e commercianti andavano via via assumendo un ruolo determinante. Il commercio si collegт sempre piщ strettamente a una produzione locale (ceramiche, tessuti ecc.) e una stabile attivitа finanziaria и testimoniata dalla coniazione di monete che percorsero dal mare Egeo tutte le coste mediterranee. Le tecniche di navigazione migliorarono a partire dal VII sec. Si perfezionarono il disegno e la carenatura dei legni, la velatura, e gli artigiani di Corinto vararono in quest'epoca la prima trireme, nave destinata a dominare il Mediterraneo per tutta l'epoca classica. Con l'ausilio di questa nuova tecnologia l'espansione greca assunse un ritmo rapido e possente. Intorno al 775 a.C. i Greci raggiunsero la baia di Napoli, avviando la colonizzazione della Magna Grecia. Empori vennero aperti in Sicilia, in Siria e lungo le coste dell'Asia. Colonie furono fondate in Anatolia, sul mar Nero, lungo le coste dell'Africa e della penisola iberica fino a Marsiglia. Sul finire del VI sec. i Greci avevano ormai conquistato il monopolio del commercio mediterraneo. Ne conseguм un predominio politico che si affermт definitivamente con la vittoria greca nelle guerre persiane (478 a.C.), il cui esito assicurт alle popolazioni greche la stabilitа delle frontiere orientali, annullando ogni tentativo di espansione degli imperi asiatici verso l'Occidente. In seno al mondo egeo per tutto il corso del V sec. la potenza economica e militare di Atene egemonizzт la civiltа mediterranea. Atene, vera metropoli cosmopolita, era una nuova cittа che possedeva tutte le caratteristiche della repubblica marinara e mercantile, il cui modello dominerа per secoli la fantasia delle genti mediterranee fino a rinascere nel XIII sec. nelle repubbliche marinare italiane. L'asse commerciale ateniese era costituito dall'importazione cerealicola (grano d'Italia e del mar Nero) e dall'esportazione di manufatti (ceramiche, tessuti, suppellettili, armi). Le vicende connesse alla rapida e prodigiosa avventura macedone spostarono nel corso del IV e III sec. a.C. il centro politico e commerciale del mondo antico dall'Egeo e dal Mediterraneo verso l'Asia. Impero territoriale piщ che marittimo, i vasti domini conquistati da Alessandro sembrarono per un attimo aprire un nuovo sistema di comunicazione tra Oriente e Occidente e inaugurare un nuovo modello di civiltа. Ma dopo la scomparsa del suo creatore (323 a.C.), il debole tessuto dello Stato macedone-persiano si infranse, spezzando i legami tra Asia e Occidente e determinando un nuovo spostamento degli interessi politici e commerciali dell'epoca verso il Mediterraneo. Nelle lotte che conseguirono alla spartizione dell'Impero Macedone, il Mediterraneo ritornт a essere al centro dell'azione storica. Il periodo ellenistico и dunque segnato da una generale rinascita della vita marittima e da una ripresa dell'espansione nel Mediterraneo. Nuovi Stati si affacciarono sul bacino orientale nel corso del III e II sec. a.C. trasformandosi in poli di sviluppo della civiltа. Alessandria d'Egitto, metropoli commerciale al culmine del suo splendore, dominт in questo periodo i commerci mondiali, costituendo il centro piщ importante di scambio tra l'Oriente e l'Occidente.

Esempio