La belle epoque

Materie:Altro
Categoria:Storia
Download:527
Data:07.09.2005
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
belle-epoque_1.zip (Dimensione: 7.08 Kb)
trucheck.it_la-belle-epoque.doc     49.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

“ LA BELLE EPOQUE ”

Tra il 1880 e il 1914, tutto il mondo occidentale visse un periodo di progresso e benessere, agevolato anche dalla pace tra i popoli, che viene ricordato come la “Belle Époque”.
Ci fu un progresso in medicina dove furono debellate la maggior parte delle epidemie e fu ridotta la mortalità infantile con il conseguente “boom” demografico; nei trasporti con la costruzione delle ferrovie e delle prime automobili; nel commercio mondiale e nella produzione industriale, raddoppiata ed esaltata nelle Esposizioni universali; nella pace internazionale, infatti le guerre, se vi erano, erano lontane e tra le potenze europee ogni accordo sembrava possibile.
Questo fu, inoltre, il periodo del trionfo della borghesia, delle sue attitudini, del suo stile di vita e della sua importanza che si poteva rivelare attraverso il tipo di abitazione ( quartiere, dimensioni e piano degli appartamenti ), il numero dei domestici, l’abbigliamento e i rapporti sociali cioè con quale genere di persone avevano conoscenza e confidenza.
A parte vi erano i “ricchissimi” che si permettevano una vita lussuosa e piacevole, con opere umanitarie e sociali che rafforzavano la loro immagine.
Gli imprenditori capirono intanto che le vendite potevano aumentare in base al reddito pro-capite, cioè se masse sempre più estese avevano più denaro per acquistare i prodotti.
Di conseguenza, essi concessero degli aumenti sui salari, i quali, uniti al lavoro domestico della donna, permisero al proletariato industriale, i cosiddetti “colletti blu”, di godere di un tenore di vita più alto e di approfittare della fondazione di cooperative edilizie per comprarsi una casa.
Ci fu un grande miglioramento delle condizioni di lavoro, dovuto alla riduzione della giornata lavorativa, alla diminuzione del lavoro minorile e femminile ed alla stabilità dell’occupazione.
L’industria creò una nuova categoria di impiegati, i “colletti bianchi”, pagati con stipendio, che non svolgevano lavori manuali ed avevano un livello di istruzione più alto.
Essi formarono addirittura una nuova classe sociale, la piccola borghesia impiegatizia.
L’industria si sviluppò grazie a vari elementi: la crescita demografica che offriva più manodopera, l’urbanizzazione, lo sviluppo tecnologico, quello della borghesia impiegatizia e il mercato coloniale.
Venivano prodotti tre tipi di beni: di consumo immediato (alimentari), semidurevoli (abbigliamento e vestiario) e durevoli come i mezzi di trasporto e gli elettrodomestici.
Così facendo, si creò le basi per una società di consumatori di massa.
Questo consumo era favorito dalla crescita della distribuzione attraverso i grandi magazzini e la vendita a domicilio e per corrispondenza con pagamenti rateali.
Si estese il tempo libero, nel quale i borghesi potevano praticare uno sport o ritrovarsi; nacque la pubblicità che ebbe una funzione sì persuasiva, ma anche costruttiva e creativa, e quindi si creò una nuova classe di lavoratori, gli agenti pubblicitari.
Furono costruite scuole e formati i maestri per l’istruzione elementare, per cui fasce sempre più ampie della popolazione si “alfabetizzarono”.
Nelle nazioni più industrializzate lo spettro analfabetizzazione, quindi, quasi scomparve, mentre in quelle un po’ più arretrate la maggioranza della popolazione restò analfabeta.
Dunque, il grado d’istruzione divenne uno dei criteri basilari per distinguere le classi sociali.
Una maggiore produzione si ebbe grazie “taylorismo” (un’organizzazione del lavoro ideata da F.W.Taylor), alla produzione in serie ed alla catena di montaggio (introdotta da Ford nel 1913) per cui ogni operaio eseguiva un’unica operazione, con un lavoro ripetitivo e dequalificato.
Questo sistema richiedeva però anche capireparto e lavoratori qualificati, i quali dettero origine alla cosiddetta “aristocrazia operaia”.
L’avvento della società di massa trasformò anche il carattere della politica.
Per tutto l’Ottocento essa era stata ristretta a pochi notabili, mentre la maggioranza degli uomini e la totalità delle donne non aveva neppure il diritto di votare.
Quindi crebbe l’esigenza di democratizzare la vita politica e fra il 1880 e il 1914 il suffragio (diritto di voto) universale maschile si diffuse quasi ovunque.
Nacquero i partiti di massa, di tipo classista se difendevano una sola classe, di tipo interclassista in caso contrario.
Per avere il consenso ricorsero ai manifesti ed ai giornali, usando un linguaggio popolare che tutti potevano comprendere.
Le nuove opportunità di lavoro per le donne si ebbero nel settore terziario e nell’insegnamento elementare.
Grazie a nuove leggi sociali le condizioni di lavoro migliorarono e si attuarono forme di protezione della maternità.
Iniziò così l’emancipazione della donna che fu vista con favore perché allargava il mercato dei consumatori.
Nacque anche la stampa femminile, e le donne conquistarono una maggior libertà nella moda, nella vita sociale e nei rapporti con l’altro sesso.
Si organizzarono infine movimenti femministi al fine di ottenere diritti politici quali il diritto, negato in Francia, di testimoniare nei processi e il diritto di voto, che negli Stati Uniti fu concesso nel 1920.
Il voto nelle elezioni amministrative fu ottenuto dalle “suffragette” inglesi nel 1869; il voto politico fu invece ottenuto dopo violente battaglie solo nel 1918.
In Italia la socialista Anna Kuliscioff guidò il movimento per il diritto di voto alle donne, al quale nel 1919 fu favorevole anche papa Benedetto XV: il voto però fu concesso solo nel 1946.

Esempio



  



Come usare