Il medioevo ellenico

Materie:Appunti
Categoria:Storia
Download:478
Data:28.09.2007
Numero di pagine:11
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
medioevo-ellenico_2.zip (Dimensione: 14.6 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-medioevo-ellenico.doc     46 Kb



Testo

Il periodo che va dal 1200 all'800 a.C. circa prende il nome di Medioevo ellenico; è in quest'epoca che intervennero numerosi cambiamenti nella civiltà greco, come l'introduzione dell'uso del ferro
Il MEDIOEVO ELLENICO ( XII - IX SEC. A.C. )
Intorno al 1200 a.C. in Grecia giunsero i Dori, un gruppo di Indoeuropei che si stanziarono nelle regioni più a nord.
Essi erano culturalmente più arretrati delle popolazioni greche, infatti erano guerrieri che vivevano di rapine, di caccia e di pastorizia, ma conoscevano già l'uso del ferro.
Questa invasione determinò un vasto movimento migratorio di Greci che, abbandonate le proprie terre, si trasferirono sulle coste dell'Asia Minore, dove fondarono città con usi, lingua e costumi greci (prima colonizzazione).
Cominciò allora quel lungo periodo di tempo, i secoli bui della storia greca, di cui ben poco conosciamo, che fu detto medioevo ellenico.
Durante questa epoca l'organizzazione statale micenea si frantumò e le condizioni di vita peggiorarono.
Molte regioni si spopolarono, i commerci diminuirono, la popolazione, ridotta in povertà, tornò alla coltivazione dei campi e all'allevamento del bestiame, l'arte inaridì la sua creatività e forse si perse anche l'uso della scrittura.L'età buia, tuttavia, fu non solo un'epoca di decadenza; a poco a poco la Grecia si riprese economicamente, uscì dal vuoto provocato dal crollo della civiltà micenea e costruì una società nuova. Nuova per la Grecia stessa, ma nuova anche per l'umanità intera.
Il dominio del re si indebolì a vantaggio dei nobili, i grandi proprietari terrieri che, in grado di procurarsi le armi più costose conquistarono un primato economico, militare e politico e, gradatamente, determinarono la scomparsa della monarchia e la nascita dell'aristocrazia (potere dei nobili).
LA NASCITA DELLA POLIS ( CITTÀ - STATO )
Il re miceneo, come i faraoni egiziani e i re mesopotamici, aveva goduto di enormi privilegi: il suo palazzo si identificava con lo Stato, con l'economia, con la religione e il suo potere quasi assoluto non era mai stato messo in discussione dall'aristocrazia guerriera che lo circondava. Dall'invasione dorica invece la figura del re uscì fortemente ridimensionata: l'eliminazione fisica di molti sovrani micenei e l'abbattimento delle basi stesse del loro potere, fece emergere infatti, in modo sempre più prepotente, il ruolo dell'aristocrazia, composta sia dalla nobiltà dorica che da quella micenea, ormai amalgamatesi.Ovunque il re, che ora veniva chiamato basiléus, rimase in carica ancora per un certo periodo, ma solo come un primo tra gli uguali che governava sotto lo stretto controllo degli altri aristocratici. Poi egli fu ridotto al ruolo, molto più modesto, di supremo sacerdote.Con la dissoluzione dei regni micenei emerse dunque una situazione sociale del tutto inedita: gli aristocratici colsero l'occasione di creare un'organizzazione in cui il potere del singolo nobile trovava un rafforzamento, ma anche un limite, nel potere degli altri nobili. Fu un processo lungo, ma alla fine nacque una forma associativa del tutto nuova nella storia dell'umanità: la polis.La polis comprendeva anche il territorio circostante, costituito dai campi, dai villaggi, dai pascoli e dai porti.
La città era governata dai rappresentanti delle famiglie nobili raccolte in un consiglio cittadino, la gherusia, mentre il resto della popolazione partecipava alle assemblee.
Ogni polis si considerava indipendente, per questo vi furono fra le città continui scontri che impedirono la formazione di uno stato unitario.
La nascita della città determinò la ripresa economica in Grecia grazie soprattutto all'incremento delle attività artigianali e commerciali che contribuirono alla formazione di un nuovo ceto di ricchi.
La polis dei cittadini
Nella polis tutti coloro che possedevano la qualifica di cittadini avevano gli stessi diritti e gli stessi doveri; si riunivano in assemblea ed eleggevano i magistrati, cioè gli esecutori del volere collettivo. Bisogna tuttavia tener ben presente che i cittadini non si identificavano completamente con gli abitanti; essi erano dei privilegiati che detenevano il potere e lo esercitavano sul resto della comunità. Nelle prime poleis il gruppo dei cittadini era estremamente ristretto e coincideva con gli aristocratici, ma presto, anche se non dovunque, esso si allargò anche ad altre classi sociali.
Noi moderni traduciamo spesso la parola polis con « città stato », ma in realtà lo Stato non si identificava con la città, perché anche la campagna circostante ne faceva parte. Città e campagna erano infatti un'unità inscindibile poiché anche se occupava un territorio ben definito, la polis non era semplicemente un luogo geografico. Un greco non avrebbe mai espresso l'idea di « Stato ateniese » dicendo « la polis di Atene » : nessuno lo avrebbe capito. Egli diceva invece « la polis degli Ateniesi ». « Atene » era un luogo con case, templi, edifici pubblici, ma erano gli Ateniesi a costituire la polis.
La piazza
La polis gravitava attorno all'« agorà », che è la piazza in cui i cittadini si riuniscono in assemblea per discutere i problemi della comunità e decidere collegialmente sulle leggi che occorrono ; essa è contemporaneamente il luogo del mercato e il centro economico e religioso, e perciò vi sorgono gli edifici pubblici, gli uffici, i templi, gli altari. L'agorà è un'autentica invenzione urbanistica, che non trova riscontro né nei centri del Vicino Oriente né in quelli micenei dove tutto dipendeva dal re e non c'era bisogno di un luogo dove tenere l'assemblea.
Il potere e la discussione
Quando tutti i cittadini diventano uguali e le decisioni politiche nascono da un accordo o da un compromesso tra diverse istanze, ecco che diventa fondamentale farsi capire bene e riuscire a convincere una folla che ascolta e ha delle emozioni tutte particolari e tipiche della folla.La retorica diventa un'arte o una scienza con regole ben definite e con insegnanti prestigiosi. Prevale chi esprime l'idea migliore nel modo migliore. I Greci fecero addirittura della persuasione una dea, la dea Peithó.

Religione greca
Benché Zeus fosse il sommo dio, i greci lo consideravano più il governatore del mondo che il suo creatore. La sua supremazia era limitata dal fatto che gli altri dei possedevano volontà e funzioni indipendenti: Apollo (identificato anche con Febo, il dio della luce) presiedeva alla medicina, agli animali, alla musica e all'Oracolo di Delfi; Era, sposa di Zeus e protettrice del matrimonio; Poseidone, dio del mare e provocatore dei terremoti; Atena, patrona di Atene e delle arti; Afrodite, dea dell'amore. Più tardi, Dioniso, dio della vegetazione e centro dei culti misterici, giunse ad occupare uno dei primi posti. A mano a mano che le città-stato si sviluppavano, la religione si mescolava sempre di più alla vita politica; il culto venne infine disciplinato dalle esigenze della comunità, assumendo più che altro il valore politico e formale di religione di stato. Le funzioni del culto, che prima erano privilegio del monarca o di pochi aristocratici vennero ora affidate ai sacerdoti; questi erano privati cittadini che venivano eletti come i normali magistrati, e al termine del loro mandato abbandonavano la carica. In assenza di una casta sacerdotale specializzata come, per esempio, i bramini indiani o i sacerdoti cristiani, il culto aveva in Grecia un carattere di estrema semplicità : chiunque poteva rivolgersi agli dei e praticare i riti in loro onore.Per soddisfare le esigenze di una religione più intima, profonda e personale ci fu un sempre maggiore sviluppo dei culti misterici: - l'orfismo e i misteri eleusini o quelli dionisiaci - molti greci erano scontenti degli dei olimpici che rispecchiavano i costumi di un'aristocrazia dominante.
L'oligarchia
Nonostante le città-stato greche avessero ciascuna una propria autonomia, esse furono comunque caratterizzate da un comune sviluppo politico: alle originarie monarchie, tra l'800 e il 650 a.C., si sostituirono governi aristocratici formati da oligarchie, che detenevano, oltre al controllo delle terre, anche quello politico. La gran parte della popolazione, composta da piccoli proprietari terrieri, artigiani, contadini, mercanti, aveva scarso peso politico; importanti erano invece le aggregazioni tribali, che talora prendevano forma più ampia, assumendo così il nome di fratríe.I nobili avevano nelle mani un forte potere economico; erano proprietari terrieri e allevatori di bestiame. I nomi con cui venivano chiamati esprimono la realtà di una casta che si riteneva superiore per origine divina, per virtù morali, per ricchezza; sappiamo infatti che si definivano eupatridoi, « i ben nati », eughenéis, « di buona stirpe », kalòi kài agathói, « i belli e buoni », hippobótes, «allevatori di cavalli ». I loro ideali di vita si manifestavano nel lusso e nello sfarzo: quando si recavano all'assemblea stupivano la gente comune con il loro incedere superbo, i mantelli di porpora, le capigliature ben curate e la scia di profumo che lasciavano dietro di sé. I loro passatempi preferiti erano i cavalli e la caccia.
Il distacco tra gli aristocratici e il popolo non poteva essere più grande. Il problema principale per l'uomo comune era quello di sempre: la sopravvivenza. Esso era particolarmente assillante per i semplici braccianti, i teti, che non possedevano nulla tranne il proprio corpo, e che si mettevano a disposizione dei proprietari terrieri ricevendo in cambio un misero salario.

Carestie ed espansione
Una serie di carestie e di cattivi raccolti coinvolse nell'ottavo secolo non solo i poveri contadini senza terre, ma anche i piccoli proprietari terrieri, che nel secolo precedente se l'erano cavata abbastanza bene.
Quando un piccolo proprietario terriero non raccoglieva abbastanza da sfamare se stesso e la famiglia chiaramente non poteva neanche pagare i debiti contratti con chi gli aveva fatto credito durante i mesi invernali.
Non potendo restituire il prestito con i relativi interessi, nel migliore dei casi era costretto a cedere il proprio campo, che andava così ad allargare le proprietà del suo creditore; nel peggiore, subiva insieme alla sua famiglia la sorte di tutti coloro che non pagavano i debiti: la schiavitù.
Se egli riusciva invece a giungere fino alla morte senza subire questo destino, ciò capitava inevitabilmente ai suoi figli; con l'eredità infatti, la proprietà paterna veniva divisa in parti uguali, e diminuivano quindi le possibilità di trarre di che vivere da un campo di modesta estensione.
D'altra parte i terreni agricoli della Grecia non permettevano di sfamare una popolazione in espansione, quindi ad un certo punto i cittadini in soprannumero di una polis erano costretti a scegliere tra la miseria e la partenza per fondare una nuova colonia. Ma sfuggendo alla fame e alla miseria divennero protagonisti dell'espansione della civiltà greca in tutto il Mediterraneo.
L'espansione greca
Colonia in greco antico si dice apoikìa, che letteralmente significa "casa fuori". Il termine, nella sua etimologia, non contiene alcun significato riconducibile all'intento di conquista o di imperialismo.

La diaspora dei Greci, che li portò alla fondazione di poleis in tutto il Mediterraneo, si verificò in due fasi: in un primo momento, verso il XII sec. circa, si ebbe una pura e semplice fuga, a causa delle invasioni, specialmente quella dorica. La gente scappava per salvare la pelle e la libertà, cercando rifugio soprattutto nelle isole del Mar Ionio e dell'Egeo. Nell'VIII sec. a. C. cominciò invece un flusso migratorio organizzato, provocato dal forte incremento demografico delle poleis.
I primi viaggi furono promossi da Calcide, polis della penisola Eubea, ma ben presto seguirono altre spedizioni da tutta la Grecia per oltre 150 anni. Focea, Corinto, Megara, Sparta, Locri, Rodi, Samo, divennero, città-madri di altrettante poleis greche in terre lontane. Coloni greci approdarono sulle coste dell'Italia meridionale, dell'Italia Meridionale e insulare, della Gallia, della Spagna, dell'Africa, del Mar Nero, e fondarono città che divennero presto ricche e potenti: Metaponto, Sibari, Reggio, Messina, Siracusa, Catania, Agrigento, Marsiglia, Malaga, Sagunto, Cirene e tante altre. La cultura greca si fuse con quella delle popolazioni locali, dando origine a civiltà splendide e originali.Il termine apoikìa usato dai Greci per definire le colonie indica con maggiore esattezza il fenomeno: all'atto della partenza, infatti, la città-madre forniva ai coloni ogni genere di aiuti: navi, mezzi, informazioni; quando però la spedizione prendeva possesso delle nuove terre formando una nuova comunità, la polis che nasceva era del tutto autonoma rispetto alla madrepatria. Restavano i legami di lingua, di cultura, di religione, fiorivano i rapporti commerciali, ma cessavano completamente quelli politici; la colonia era libera di espandersi, di seguire un suo sviluppo originale stipulava trattati, fondava a sua volta altre colonie, si dava leggi, sceglieva i propri magistrati, il tutto senza alcuna interferenza della madrepatria.Le colonie greche più importanti, in territorio italiano, sorsero a:
• Cuma, Napoli, Paestum in Campania;
• Sibari, Crotone, Locri, Reggio in Calabria;
• Naxos, Catania, Siracusa, Messina, Agrigento in Sicilia.

Agricoltura e controllo del traffico commerciale
La grandezza e il vanto della maggior parte delle colonie erano basati sull'agricoltura: la prosperità agricola di Cuma, Catania, Lentini, Siracusa, Sibari, Nasso era famosa nell'antichità.Alcune colonie erano state invece fondate con lo scopo preciso di controllare i flussi del traffico commerciale: in queste l'attività prevalente non fu l'agricoltura, ma il commercio.
Pitecusa (Ischia) deteneva una posizione chiave lungo la via marittima verso l'Etruria, terra ricca di ferro e altri minerali. Messina e Reggio, fondate sulle due sponde dello Stretto occupavano una posizione altrettanto strategica. La più avanzata città greca nel Mar Tirreno Marsiglia la quale diffuse in Spagna, Gallia ed Etruria i prodotti dell'artigianato greco, olio e vino in cambio di argento, stagno e altri minerali.Dalle colonie del Mar nero proveniva il legname da Costruzione e il grano.
I rapporti con le culture locali
I rapporti tra i coloni greci e le popolazioni locali, le quali erano ad uno stadio culturale più arretrato, Per la maggior parte, le popolazioni indigene erano a uno stadio più arretrato di quello greco. Con i Siculi della Sicilia, i Lucani e i Bruttii dell'Italia meridionale (la cosiddetta Magna Grecia), i Traci del Mar Nero, i Libici dell'Africa i contatti tra le due culture (quella dei coloni e quella degli indigeni) assunsero forme molto diverse, in rapporto all'atteggiamento delle popolazioni locali, al comportamento dei nuovi venuti, alla situazione geografica.Vediamo tre esempi completamente diversi riguardanti la colonizzazione della Sicilia.
Convivenza pacifica. A Nasso e Lentini si instaurò una fin dall'inizio una proficua convivenza pacifica: la popolazione locale conservò gran parte delle terre e si aprì spontaneamente all'influenza culturale greca.
Indigeni in riserva. Nella Sicilia sud-orientale gli indigeni furono confinati in zone precise e tenuti a bada.
Indigeni schiavizzati. A Siracusa e non solo gli indigeni furono spogliati di ogni avere, resi schiavi e costretti ai lavori nei campi.In ogni caso ad un certo punto gli indigeni venivano almeno in parte assimilati, anche perché i coloni greci non si portavano dietro donne dalla madre-patria.
Nelle colonie ci sono minori differenze sociali
Nelle colonie contavano poco la nobiltà e i privilegi di casta, nelle colonie contavano lo spirito d'iniziativa, la volontà di lavorare molto, la capacità organizzativa, il coraggio, la decisione, a volte la spietatezza. E' perciò normale che proprio nelle colonie siano stati sperimentati nuovi rapporti sociali: le terre venivano divise in lotti uguali, diventava importante anche la nuova classe degli artigiani che si poteva alleare con la classe dei liberi agricoltori e dei commercianti ai danni della nobiltà.
Legislazione scritta
Zeleuco di Locri, Diocle di Siracusa, Caronda di Catania furono gli autori delle prime legislazioni scritte tra il VII e il VI secolo a.C. Questo fatto è coerente con quanto detto nel paragrafo precedente riguardo ad maggiore giustizia sociale nelle colonie. Infatti quando la giustizia era amministrata da giudici aristocratici che si trasmettevano le leggi oralmente è chiaro che non tutti i cittadini potevano essere uguali davanti alla legge.Dalle colonie le leggi scritte furono poi gradualmente adottate anche nelle poleis della madre-patria.
I beni in comune delle isole Lipari
L'apertura delle comunità coloniali verso esperienze sociali nuove e stimolanti ha una delle sue manifestazioni più sorprendenti in ciò che accadde nelle isole Lipari, dove, nel vi secolo, si erano insediati coloni di Cnido e di Rodi.Poiché i pirati etruschi facevano agli abitanti di Lipari una guerra continua, essi crearono una flotta e si divisero in due gruppi: gli uni coltivavano le terre che avevano messo in comune, gli altri combattevano i pirati; i beni erano di tutti e i pasti venivano consumati insieme. Essi vissero per un certo tempo così, in regime comunistico. Più tardi si spartirono l'isola di Lipari, dove si trovava la loro città, ma continuavano a coltivare in comune le altre isole. Infine si divisero il suolo per un periodo di venti anni; ogni volta che terminava questo periodo rimettevano a sorte i lotti. Così sconfissero gli Etruschi in molte battaglie navali ...
Diodoro Siculo.Il « comunismo » delle isole Lipari è certo un caso del tutto eccezionale, ma non per questo meno significativo, della tendenza verso l'uguaglianza sociale che doveva manifestarsi lontano dalla madrepatria, in situazioni particolarmente difficili.Tuttavia, con il passare del tempo, i tradizionali modelli sociali finirono per prevalere, e sorsero ovunque, anche nelle colonie, potenti aristocrazie locali detentrici del potere politico e della maggior parte della ricchezza.

Esempio



  



Come usare