Le emorragie e primo soccorso

Materie:Tesina
Categoria:Scienze
Download:107
Data:09.03.2006
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
emorragie-primo-soccorso_1.zip (Dimensione: 3.43 Kb)
trucheck.it_le-emorragie-e-primo-soccorso.doc     22 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LE EMORRAGIE

Si chiama emorragia la fuoriuscita di sangue dai vasi sanguigni.
Quando per emorragia un soggetto perde la metà del suo sangue si verifica l’exitus.
L’emorragia può essere:
• Arteriosa (a getti intermittenti, il sangue è di colore rosso vivo);
• Venosa (a flusso costante, il sangue è di colore rosso scuro);

ed inoltre può essere:
• Esterna quando il sangue fuoriesce da una ferita o da una via naturale;
• Interna quando il sangue si versa all’interno del corpo e può evidenziarsi all’esterno attraverso vie naturali.

Norme di comportamento nelle emorragie di LIEVE O MEDIA ENTITA’

➢ Si mantiene il ferito sdraiato sul dorso
➢ Si esercita una pressione manuale sulla ferita per ottenere un tamponamento compresso
➢ Se l’emorragia interessa un arto, quest’ultimo va sollevato
➢ NON vanno somministrati alcolici perché l’alcol è vasodilatatore

Norme di comportamento nelle emorragie GRAVI, quando è interessata una GROSSA ARTERIA

➢ La compressione manuale nel sito della ferita è importante ma non può essere sufficiente
➢ Occorre comprimere il grosso vaso che si trova a monte della ferita
➢ Solo in questo modo si può tentare d’interrompere almeno temporaneamente il flusso del sangue che il cuore pompa verso la zona lesa

Quest’intervento va fatto subito altrimenti la persona muore dissanguata in pochi minuti.

Nelle manovre di compressione per quanto riguarda collo ed arto superiore, la posizione dell’infortunato deve essere seduta o semisdraiata perché il sangue arterioso arriva dal cuore ed è diretto quindi verso l’alto.
Negl’altri casi è bene che il ferito stia supino.

Esempio