Primo soccorso

Materie:Appunti
Categoria:Educazione Fisica
Download:2054
Data:15.02.2008
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
primo-soccorso_4.zip (Dimensione: 43.56 Kb)
trucheck.it_primo-soccorso.doc     77 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Introduzione
• Scopo del primo soccorso
Lo scopo del primo soccorso è quello di aiutare il personale qualificato a salvare la vita dell’infortunato aiutandolo a riprendersi, chiamando i soccorsi e assistendolo nell’attesa di questi ultimi. Si chiama primo soccorso infatti perché è l’aiuto immediato che si dà ai feriti prima che intervenga un esperto o i soccorsi.
Per prima cosa se ci si trova su un incidente bisogna capire che infortunio a subito il ferito e non muoverlo a meno che non sia strettamente necessario(es incendio), poi in seguito avvisare i servizi di competenza dell’incidente segnalando le condizioni del ferito, la località, la via, numero di telefono, chi chiama e se vi è necessità di altri mezzi di soccorso come ad esempio i pompieri.
• Cassetta del primo soccorso
Nella cassetta del primo soccorso un primo soccorritore può trovare:
• 2 paia di guanti sterili
• disinfettante
• compresse di garze sterili
• cerotti adesivi
• 2 bende di garza
• un paio di forbici tagliabendaggi
• laccio emostatico
• pomata antiustioni
• manuale per l’utilizzo
• Posizione di sicurezza
Questo tipo di posizione consente alla persona di respirare liberamente, senza correre il rischio che la lingua od il vomito le ostruiscano le vie respiratorie, e deve essere raggiunta evitando che il capo effettui torsioni sull'asse longitudinale della colonna vertebrale. Ecco come procedere...
Infortuni sportivi
• Emorragia
Quando si ha a che fare con una emorragia innanzitutto bisogna pulire e disinfettare la ferita. In seguito fasciarla con garze o con un fazzoletto che faccia pressione sulla ferita. La fasciatura però, non deve essere troppo stretta perché potrebbe causare difficoltà di circolazione nella parte interessata.
• Perdita di sangue dal naso
Mentre si svolgono attività sportive chiunque ha il rischio di ricevere una botta nel naso e questo può provocare una fuoriuscita di sangue. Per interrompere l’emorragia, l’infortunato stesso o qualcuno che lo assiste deve farlo sedere con il busto leggermente inclinato in avanti; in seguito l’infortunato deve stringere il naso tra l’indice e il pollice per circa 5 minuti. In questo modo l’emorragia si ferma, ma l’infortunato per evitare una ricaduta deve evitare di soffiarsi il naso per un po’ di tempo.
• Frattura agli arti
Un frequente infortunio nello sport è quello della frattura agli arti. In queste situazioni, per prima cosa bisogna immobilizzare la parte interessata in modo che le ossa fratturate non causino danni ulteriori ai tessuti circostanti. In qualsiasi caso non bisogna mai cercare di rimettere a posto le ossa fratturate e bisogna cercare di spostare meno possibile l’infortunato.
Le fratture possono essere di 2 tipi: frattura esposta(quando l’estremità dell’osso fratturato fuoriesce dalla pelle con perdita di sangue e dove si richiedono immediate cure mediche)e la frattura semplice(quando le estremità delle ossa fratturate non sono visibili perché coperte dalla pelle. I sintomi di questa frattura sono dolore, gonfiore, difficoltà a muovere l’arto)
• Svenimento
Lo svenimento è la perdita di sensi dovuta ad un’insufficiente irrorazione di sangue al cervello e consegue mancato rifornimento d’ossigeno o da un calo di pressione dovuta ad uno sforzo.
In questo caso bisogna stendere lo svenuto per terra e sollevargli le gambe in modo che il sangue torni a circolare regolarmente.
I sintomi possono essere: pallore, giramento di testa, perdita di conoscenza di breve durata.
• Crampi
Il crampo è un improvviso dolore dovuto alla contrazione di un muscolo. Per far passare il dolore bisogna rilassare il muscolo.
Nello sport sono molto frequenti il crampo al polpaccio o alla coscia. Per quanto riguarda il polpaccio: a gamba distesa, esercitate una leggera pressione sotto il piede, sorreggendolo con un mano all'altezza della caviglia
crampo alla coscia: fate distendere la gamba e tenendola sollevata alla caviglia con una mano, esercitate con l'altra una leggera pressione verso il basso all'altezza del ginocchio.
Bisogna mantenere queste posizione per almeno 10-15 secondi e dare all’infortunato da bere liquidi contenenti molti sali minerali.
• Distorsione
La distorsione è spesso causata da colpi o cadute. La distorsione provoca una fuoriuscita di sangue nella sede articolare, che si gonfia ed appare molto arrossata e compare anche un forte dolore e il movimento è bloccato.
Le articolazioni più colpite sono: caviglia, polso e ginocchio e i sintomi sono gonfiore dell’articolazione, dolore e difficoltà di movimento.
Per prima cosa è molto importante mettere ghiaccio sulla parte dolorante per ridurre il gonfiore e in seguito fasciare e immobilizzare l’articolazione infortunata. In caso di distorsione è sempre meglio portare l’infortunato in pronto soccorso per accertamenti con lastre e migliori fasciature e cure adeguate.

Esempio