I climi europei

Materie:Appunti
Categoria:Geografia
Download:610
Data:12.04.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
climi-europei_1.zip (Dimensione: 16 Kb)
trucheck.it_i-climi-europei.doc     33 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo


IL CLIMA ATLANTICO:
Interessa la fascia costiera atlantica dell’Europa Nord Occidentale e le Isole Brittaniche ed è fortemente influenzata dall’Oceano Atlantico e dalla corrente del golfo.
Presenta inverni miti grazie alla corrente del golfo, mentre le estati sono fresche, per cui l’ escursione termica annua è modesta e si aggira intorno ai 10-15° centigradi.
Le piogge sono abbondanti e ben distribuite durante tutto l’anno grazie ai venti occidentali che, provenendo dall’oceano atlantico sono carichi di umidità.
La vegetazione associata a questo tipo di clima è la foresta di latifoglie, castagni, querce.
Vicino al mare, dove l’aria è carica e il vento soffia forte c’è di solito la Brughiera (prateria dove crescono l’erica, il brugo,l’assaggina).
IL CLIMA MEDITERRANEO:
Interessa la fascia costiera dell’ Europa Meridionale che si affaccia sul mediterraneo e sul Mar Nero.
Presenta inverni miti grazie all’azione mitigatrice dell’Mediterraneo, estati molto calde, per la latitudine piuttosto bassa. Le piogge sono concentrate nel periodo autunnale e invernale, mentre in estate c’è una prolungata siccità. La vegetazione tipica è la macchia mediterranea caratterizzata da piante come il rosmarino, il mirto, il lentisco e la ginestra.
Dove piove di più c’è invece la foresta mediterranea costituita da Pini Marittimi, cipressi, lecci e querce da sughero.
IL CLIMA SEMICONTINENTALE:
Interessa le regioni centrali inclusa la Pianura Padana e presenta caratteristiche intermedie tra quelle di cui “marittimi” e quelle continentali aumentando la distanza dal mare gli inverni sono più freddi e le estati più calde, per cui l’escursione termica annua si fa più accentuata. Le piogge cadono nelle stagioni intermedie(primavera e autunno).
La vegetazione era la foresta di Latifoglie che però oggi sopravvive solo in piccoli lembi di territorio.
IL CLIMA CONTINENTALI:
Interessa l’Europa Orientale include le terre che si affacciano sul Mar Baltico che non è in grado di esercitare una sensibile azione mitigatrice perché è poco profondo è non è raggiunto dalla corrente del golfo.
Presenta inverni molto lunghi e rigidi mentre le estati sono brevi e calde.
L’escursione termica annua è quindi molto elevata e può raggiungere i 40°.
In inverno abbondanti nevicate, mentre le piogge sono concentrate in estate, la vegetazione è la foresta di latifoglie dove l’inverno è meno rigido, mentre dove è più rigido troviamo la taiga, cioè la Foresta di conifere e betulle.
IL CLIMA CONTINENTALE SUBARTICO:
Lo troviamo all’interno della Maseta Spagnola, nella Pianura Ungherese, nelle pianure e nella Russia meridionale. Gli inverni sono lunghi e rigidi mentre le estati sono lunghe e calde rispetto a quelle del clima continentale le piogge sono scarse, tanto che la vegetazione spontanea è costituita dalla steppa.
IL CLIMA SUBARTICO:
Interessa le estreme regioni settentrionali della Russia e Scandinava e presenta inverni lunghi e rigidi e le estati sono brevi e fresche, le precipitazioni, non abbondanti, sono prevalentemente a carattere nebbioso. Vegetazione di tundra, formata essenzialmente da muschi e licheni che si sviluppano in primavera.

Esempio