I mammiferi

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

1.5 (2)
Download:469
Data:23.11.2001
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
mammiferi_4.zip (Dimensione: 6.74 Kb)
trucheck.it_i-mammiferi.doc     38.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

Mammiferi
Classe di animali a sangue caldo comprendente gli esseri umani e tutti gli altri organismi che nutrono la propria prole con il latte. I mammiferi sono ricoperti da una pelliccia più o meno abbondante, sono dotati di diaframma e hanno il sistema nervoso più sviluppato di tutto il regno animale. La maggior parte dei membri del gruppo ha due paia di arti, solitamente zampe; in alcuni casi, tuttavia, un paio di arti è ridotto a residui vestigiali, come nei cetacei, oppure è andato completamente perduto, come nel dugongo e nel lamantino. Tutti i mammiferi, con la sola eccezione dei monotremi ovipari, danno alla luce piccoli vivi che vanno incontro ai primi stadi di sviluppo all'interno del corpo della madre. Alcuni mammiferi nascono relativamente poco sviluppati, mentre altri vengono alla luce già in grado di camminare e perfino di correre, completamente coperti di pelo e con occhi e orecchie già funzionali. La gamma delle dimensioni dei mammiferi è straordinariamente ampia; il più grande, la balenottera azzurra, spesso supera i 30 m di lunghezza, mentre le specie più piccole (topiragno, topi e pipistrelli) sono lunghe meno di 5 cm, coda esclusa.
Anatomia
Lo strato più esterno del corpo dei mammiferi, chiamato tegumento, consiste della cute e dei suoi derivati. La cute, più o meno pelosa, serve da protezione contro gli insulti meccanici e l'invasione da parte dei microrganismi e, inoltre, impedisce una perdita eccessiva di calore e umidità. In molti mammiferi il colore della cute o della pelliccia si confonde con l'ambiente naturale dell'animale; in altri casi vi è, invece, un grande contrasto con l'ambiente naturale, in modo da favorire l'emissione di segnali visivi che forniscono informazioni sull'identità di una specie, come pure sul sesso, l'età o lo status sociale di un individuo. La cute può funzionare anche come organo di senso e organo escretore e contiene ghiandole specializzate. Le ghiandole mammarie, presenti in forma completamente sviluppata in tutti i mammiferi adulti di sesso femminile, secernono il latte per nutrire la prole. Le ghiandole sudoripare, solitamente localizzate alla base dei peli, sono state descritte in quasi tutti i mammiferi terrestri, ma sono assenti in certi roditori, nei bradipi del genere Choloepus e nei mammiferi acquatici come le balene, i delfini, i dugonghi e i lamantini. Molti mammiferi hanno, tuttavia, poche ghiandole sudoripare funzionali; nei cani e nei gatti, ad esempio, sono attive solo quelle sulla pianta del piede. Le ghiandole di meibomio, localizzate sul bordo della palpebra, secernono un film oleoso che copre e protegge il globo oculare, impedendo l'evaporazione delle lacrime e riducendo l'attrito con la palpebra. La secrezione delle ghiandole del cerume impedisce la penetrazione di particelle di polvere e di piccoli insetti nell'orecchio interno. Molti mammiferi hanno ghiandole odorifere localizzate nel tegumento di varie parti del corpo; i fluidi secreti da queste ghiandole allontanano i nemici e attraggono gli individui dell'altro sesso.
Sebbene tutti i mammiferi abbiano due occhi, negli animali che vivono sotto terra, come i talpidi, questi organi hanno perso in parte o completamente la loro funzione e in alcuni casi sono coperti dalla cute. Le orecchie dei mammiferi terrestri e arboricoli sono visibili superficialmente come processi cartilaginei, mentre l'orecchio esterno dei mammiferi acquatici come le foche e i trichechi è ridotto a poco più di un piccolo lembo protettivo. Nelle balene le aperture esterne dell'orecchio sono semplicemente dei piccoli fori. Gli organi interni dei mammiferi sono essenzialmente simili in tutta la classe. Le caratteristiche interne che distinguono i mammiferi dai vertebrati inferiori sono la presenza di 2-4 lobi ottici nel cervello, di un diaframma muscolare che separa cuore e polmoni dalla cavità addominale, di un singolo arco aortico localizzato a sinistra e di un cuore suddiviso in 4 camere, comprendente 2 atri e 2 ventricoli; è tipica, inoltre, l'assenza di nuclei nei globuli rossi del sangue dopo la nascita. Tutti i mammiferi, con la sola eccezione dei dugonghi, dei lamantini e di alcuni bradipi e formichieri, hanno 7 vertebre cervicali; questa caratteristica è condivisa dalla giraffa e dalla balena, come dal topo e da altri piccoli mammiferi. Altri aspetti esclusivi dello scheletro dei mammiferi sono l'articolazione fra le ossa della tibia e quelle del tarso, la catena degli ossicini dell'orecchio e l'articolazione della mandibola all'osso squamoso del cranio.
Riproduzione
Tutti i mammiferi si riproducono sessualmente, secondo due modalità differenti: nei mammiferi ovipari primitivi gli organi escretori e genitali si aprono in un orifizio comune, chiamato cloaca e il passaggio dei gameti dal maschio alla femmina avviene per contatto delle cloache; in tutti gli altri mammiferi, invece, le cellule sessuali maschili sono introdotte nel corpo della femmina mediante copulazione. Dopo la fecondazione, in tutti i mammiferi lo sviluppo della prole ha luogo interamente nel corpo della madre; a questa regola fanno eccezione i monotremi, che producono uova dal guscio coriaceo contenenti molto tuorlo, e i marsupiali, nei quali il periodo di gestazione dura solo 10-15 giorni e il resto dello sviluppo ha luogo dopo il parto, nel marsupio della madre. I piccoli dei mammiferi non sono abbastanza sviluppati per condurre un'esistenza indipendente immediatamente dopo la nascita, ma devono essere allattati e accuditi per un periodo di tempo variabile a seconda della specie.
Cenni storici
I mammiferi apparvero probabilmente sulla Terra durante l'era mesozoica. La maggior parte degli zoologi crede che essi si siano evoluti dai teriodonti, un gruppo di rettili, vissuti nel Triassico e oggi estinti, che avevano alcune caratteristiche simili a quelle dei mammiferi. I primi animali fossili identificati con sicurezza come mammiferi furono rinvenuti in rocce risalenti al periodo giurassico. Durante il periodo giurassico esistevano cinque ordini distinti di mammiferi: uno di essi, estintosi nell'Eocene, era costituito da piccoli animali simili a roditori, con incisivi adatti a rosicare e molari con numerose cuspidi, per questo chiamati multitubercolati. Un secondo ordine (triconodonti) era costituito da piccoli carnivori, i cui molari erano dotati di tre semplici cuspidi coniche; anche quest'ordine si estinse prima della fine dell'Eocene. Un terzo gruppo di piccoli mammiferi insettivori, i pantoteri, comprendeva i probabili antenati dei mammiferi odierni. Gli altri due ordini giurassici sono quello dei simmetrodonti e dei docodonti. Delle sottoclassi di mammiferi tuttora esistenti, i monotremi non sono rappresentati nella documentazione fossile, mentre i primi fossili di marsupiali e placentati furono rinvenuti in rocce del Cretaceo. A quanto pare i monotremi non ebbero successo nella competizione con i placentati e all'inizio dell'Eocene erano limitati alla famiglia dell'opossum nel Nord America e a diverse famiglie in Sud America (ora in gran parte estinte) e in Australia. I primi resti fossili dei placentati rinvenuti finora vennero trovati nel Nord America occidentale e in Europa occidentale; i placentati ebbero origine verso la fine del Cretaceo e, stando ai documenti fossili, si diffusero rapidamente durante il Cenozoico per formare il gruppo di mammiferi dominante in tutto il mondo tranne che in Australia. L'ordine degli insettivori, considerato il più antico dei mammiferi placentati, comprende animali molto simili ai placentati più primitivi presenti nella documentazione fossile.
Distribuzione
In massima parte i mammiferi sono animali terrestri che vivono negli habitat più svariati, come le regioni desertiche, la tundra, le montagne e le foreste pluviali tropicali. Alcune specie di placentati sono acquatiche. I monotremi sono limitati all'Australia, alla Tasmania e alla Nuova Guinea. I marsupiali sono dominanti nella stessa regione dei monotremi, ma due gruppi di marsupiali sono originari delle Americhe. Due ordini di mammiferi placentati, i pipistrelli e i roditori, sono rappresentati nella fauna di tutti i continenti, eccettuata l'Antartide. In Australia i placentati sono rappresentati da alcune specie di ratti, dal dingo e da alcuni pipistrelli; probabilmente il dingo e i ratti vi furono introdotti dall'uomo. I primati sono originari della maggior parte delle regioni tropicali e subtropicali, ma non di quelle australiane. Gli insettivori, i lagomorfi e gli artiodattili sono originari di tutti i continenti tranne che dell'Australia e dell'Antartide, mentre i perissodattili sono nativi dell'Eurasia, dell'Africa e del Sud America. Gli xenartri o sdentati vivono solo nelle Americhe. I dermotteri sono esclusivi della penisola malese, dell'Indonesia, del Borneo e delle Filippine. I folidoti sono diffusi in Africa e Asia. I tubulidentati sono esclusivamente africani. Due piccoli ordini, quello dei proboscidati e degli iracoidei, sono rappresentati solo nelle faune asiatica e africana.
Classificazione scientifica: Esistono diverse classificazioni della classe dei mammiferi, che comprende 4600 specie viventi ed è solitamente suddivisa in tre sottoclassi: gli ovipari (monotremi), i marsupiali e i placentati. I monotremi comprendono l'ornitorinco e le echidne australiani. I marsupiali comprendono gli opossum americani e molti mammiferi australiani, come i canguri e i koala. Tra i mammiferi placentati si trova la maggior parte delle specie di mammiferi, di solito suddivise in 17 ordini: insettivori (talpe, topiragno, tenrec e ricci); dermotteri (colughi o galeopiteci); chirotteri (pipistrelli); carnivori (felini, viverridi, canidi, ienidi, procionidi, ursidi e mustelidi, focidi, otaridi e odobenidi); macroscelidi (simili agli insettivori); primati (tupaidi, lemuridi, lorisidi, tarsioidei, scimmie platirrine, cercopicetidi, ilobatidi, scimmie antropomorfe o pongidi, e ominidi); xenartri o sdentati (armadilli, bradipi, formichieri americani); folidoti (pangolini); tubulidentati (oritteropo); roditori (sciuridi, castoridi, geomidi, perognati, ratti, topi, miotalpe, ghiri, dipodidi, istricidi, cavidi e cincillidi); lagomorfi (conigli, lepri e ocotonidi); sirenii (lamantini e dugonghi); cetacei (balene e delfini); iracoidei (procavie); artiodattili (suini, ippopotami, cammelli, lama, tragulidi, cervidi, giraffidi, bovini, antilopi, capre e pecore); perissodattili (cavalli, rinoceronti e tapiri); e proboscidei (elefanti).

Esempio



  



Come usare