Una barca nel bosco

Materie:Scheda libro
Categoria:Italiano
Download:327
Data:21.10.2005
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
barca-bosco_2.zip (Dimensione: 7.17 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_una-barca-nel-bosco.doc     30 Kb



Testo

Una barca nel bosco
Titolo: Una barca nel bosco
Autrice: Mastrocola Paola
Casa Editrice: Guanda
Anno: 2004
Biografia dell’autore
Paola Mastrocola è nata nel 1956 a Torino, dove tuttora risiede. Ha lavorato per il teatro scrivendo commedie per ragazzi. Ha pubblicato due raccolte di poesie e saggi sulla letteratura italiana del Trecento e Cinquecento. Insegna in un liceo scientifico.
Già autrice del fortunato romanzo La gallina volante, felice esordio narrativo che le valse il Premio Calvino per l’inedito 1999, e del successivo Palline di pane, con cui arrivò finalista al Premio Strega 2001, Paola Mastrocola continua il suo percorso di scrittrice con il racconto di una nuova intensa storia di vita: "Una barca nel bosco” che ha ricevuto nel luglio 2004 il primo premio per la sezione Narrativa in occasione della 7° edizione del Premio Nazionale di letteratura naturalistica

Riassunto
“Una barca nel bosco”, così è soprannominato da zia Elsa il protagonista dell’omonimo racconto, Gaspare Torrente. Il giovane è originario di un’isola del sud Italia, figlio di un pescatore, si reca a Torino per studiare, in quanto nella sua piccola isola non ci sono scuole adatte al suo alto livello d’intelligenza. Gaspare, infatti, vuole diventare latinista e conosce tutte le materie quasi alla perfezione. Questo si nota anche dal fatto che a soli tredici anni riesce a tradurre Orazio e a leggere Verlaine, perciò non può starsene nella sua isola, ma deve per forza frequentare un liceo per poi laurearsi e diventare qualcuno d’importante.
La sua famiglia non è delle più agiate, perciò suo padre deve trattenersi sull’isola e continuare a lavorare e a fare sacrifici per mantenere la moglie, il figlio e potergli pagare la scuola. Una volta a Torino Gaspare non trova ciò che si aspettava. Gli insegnanti non sono validi, riprendono le materie dal principio, arrivano in ritardo, e i compagni sono indietro con le conoscenze, seguono solo certe mode, si vestono in modo strano, diverso da lui. Per esempio loro hanno le scarpe della Nike, la felpa bicolore col cappuccio, la cintura di pesce, la Playstation, il masterizzatore, cose che Gaspare neanche conosce.
Così all’inizio si trova in difficoltà, si sente sotto gli occhi di tutti e non accettato, lui vorrebbe imparare, studiare, ma questo sembra l’ultimo pensiero dei compagni e dei professori. Gaspare non sa cosa fare, si sente spaesato, si iscrive all’ora di ascolto, con la psicologa, attività che lo aiuterà un po’ ad ambientarsi e a non sentirsi escluso, vorrebbe comprare le cose che hanno gli altri, diventare come loro, ma la madre non capisce questo suo cambiamento improvviso. La madre non riferisce niente al padre che intanto compie tanti sacrifici per il figlio, che è rimasto solo sull’isola e che può rivedere la famiglia solo occasionalmente per le feste. Gaspare riesce ad acquisire la benevolenza dei compagni solo passando i compiti di latino. Trova, però, un altro ragazzo che sembra assomigliargli, Furio, chiamato da tutti “l’Avulso”.
Terminato il liceo, dopo una lunga decisione, Gaspare si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza. Anche qui non è facile per lui studiare ciò che veramente vorrebbe, ma alla fine riesce a laurearsi. Una laurea che però non gli servirà a nulla, perché poco dopo apre un bar. Intanto la madre e, inseguito, la zia muoiono e Gaspare rimane solo. Solo con le sue piante. Prima di ritornare nella sua isola ancora una volta, ma ora per rimpiangere il padre ormai morto a cui però non ha raccontato molte cose, ritrova il suo amico Furio, che era andato a studiare all’estero e che ora, insieme a Gaspare, progetta Boschi-Mondo insieme ai suoi peluche.
Personaggi Principali
Gaspare è il protagonista di questo romanzo. È un adolescente di tredici anni, proveniente da un ambiente piccolo e quindi ancora non al passo con la moda e le tecnologie, con una mentalità più chiusa e restrittiva. Infatti, quando arriva a Torino, una grande città del nord Italia, si trova spaesato, si sente diverso dagli altri, non ha le scarpe e le maglie alla moda, non ha neanche il cellulare ma , ha “solo” voglia di studiare e di imparare. Zia Elsa dice sempre a Gaspare “sei una barca nel bosco”, proprio perché non centra niente tra tutti quei ragazzi che parlano in gergo, che seguono le stesse mode e che formano un unico gruppo in cui tutti sono identici, è proprio come un pesce fuor d’acqua, che morirebbe poco dopo. Ama molto il latino, infatti, il suo sogno sarebbe quello di diventare latinista.
La madre di Gaspare, ha una gastronomia sotto casa di zia Elsa, all’inizio è molto contenta del figlio, dei bei voti che prende, dei dieci in latino, e ne va orgogliosa declamandolo a tutte le persone che si presentano nel negozio per comprare tutte le prelibatezze e le polpette che ogni giorno prepara.
Ma con il passare del tempo Gaspare cambia e la madre non lo riconosce più, lo vede strano, non capisce cosa gli stia succedendo, perché non prende più quei bei voti, ma non ha il coraggio di dirlo al marito che intanto sull’isola sta facendo molti sacrifici per farlo andare a scuola, e mente, dicendo che lì va tutto bene e Gaspare è molto bravo.
Il padre, infatti, non saprà mai la verità. Rimane sempre sull’isola a svolgere il suo lavoro di pescatore in inverno e a far fare il giro turistico in estate alle gente che arrivava all’isola. Spesso, quando Gaspare era bambino, andava in barca insieme al padre, e dopo la sua morte torna nell’isola, prende la barca e sta nel mare a parlare invano con il padre, che ormai non c’è più, ma che forse lo ascolta. La morte del padre pesa molto a Gaspare. Lui vorrebbe raccontargli tante cose, dirgli la verità, ma ormai è morto. È morto quando ancora faceva la terza liceo, qualche giorno dopo che Corinne se ne era andata. Morto per ischemia. Solo questa parola è rimasta a Gaspare, una parola che
ha lasciato con tante parole dentro, che gli fanno male.
Commento
Gran parte della vicenda è ambientata nella plumbea Torino, una grande città moderna del nord Italia. Una città sviluppata che segue certe mode e dove la gente sembra avere le stesse necessità. Viene brevemente presentata anche l’isola di Gaspare, e l’oceano in cui il padre e lui andavano in barca, nella sua infanzia felice.
Alla fine, si vede la vecchia casa di Zia Elsa trasformata in un Bosco-Mondo, pieno di tutte quelle piante che Gaspare aveva comprato quando ancora erano piccole, ma che adesso sono cresciute tanto da arrivare oltre al soffitto.
Sicuramente il tema predominante in questo romanzo è basato sulla società moderna e il rapporto che un adolescente può avere con essa. Gaspare è uno di quei tanti ragazzi che oggi frequentano le nostre scuole. All’interno della realtà scolastica, tra i ragazzi, è consueto che si formino dei gruppi, all’interno dei quali i ragazzi la pensano allo stesso modo, si vestono uguali, ascoltano la stessa musica, praticano lo stesso sport, frequentano gli stessi locali. Questo è pressoché normale. Ma succede anche che qualcuno non riesca o non possa integrarsi in un gruppo, perché gli altri non lo accettano, perché porta le scarpe non alla moda, perché ha una felpa vecchia, perché non ha l’ultimo cellulare perché il sabato sera non va nella discoteca più in voga, e così non viene accettato e si sente escluso. Essere esclusi è quello che ha provato Gaspare appena arrivato a Torino. Uno cerca quindi di cambiare, di fare quello che fanno gli altri, di comprare quello che hanno gli altri, perdendo quella propria personalità che, se anche non viene apprezzata, è comunque importante. Non è poi possibile a tutti cambiare, per esempio sarebbe difficile per una famiglia come quella di Gaspare, non troppo agiata, con piccole possibilità di spesa in cui è difficile arrivare a fine mese. Un genitore vorrebbe sempre soddisfare tutte le richieste del figlio per renderlo felice, ma in molti casi non se lo può permettere, così il figlio si sente deluso e spesso si ribella. Questo tema del gruppo, dell’essere accettati, della paura di non piacere agli altri è qualcosa che preoccupa molto i giovani di oggi, e che spesso porta anche gravi problemi. Non è raro, infatti, che si senta parlare di adolescenti che si rovinano la vita o che spesso arrivano anche ad uccidersi perché non sono accettati e vengono disprezzati dal resto branco. A mio avviso, questo non è ammissibile. Non è giusto che una persona sia esclusa solo perché si veste in un certo modo o ascolta una musica differente. Ognuno ha una propria personalità, e ognuno di noi è speciale per qualcosa, come speciale era Gaspare, e quindi è brutto escludere qualcuno, tutti dovrebbero essere accettati per quello che sono, non per quello che cercano di essere.
Questo romanzo mi ha colpito molto e l’ho apprezzato altrettanto,
perchè presenta quello che può essere lo stato d'animo di un adolescente che non riesce ad integrarsi all'interno di un gruppo. Gaspare è una ragazzo diverso, non per difetto, ma perchè trova la bellezza nelle cose che spesso vengono rifiutate dalla società dei ragazzi di oggi. Penso che ognuno di noi possa apprezzare cose che agli altri sembrano strane, fa parte di ognuno avere una propria personalità che non deve essere cambiata o nascosta solo per piacere ad altri, alla massa.. Questo libro secondo me dovrebbe fare capire che ognuno deve essere se stesso, non deve cambiare per fare un piacere agli altri o farsi accettare, ognuno deve essere quello che è, e piacere soprattutto a se stesso. perché ha un linguaggio molto semplice, scorrevole ed efficace, parla di noi giovani e delle nostre problematiche, rispecchia la realtà e la società legata per lo più a falsi valori.

Esempio



  



Come usare