Terrorismo

Materie:Appunti
Categoria:Italiano
Download:194
Data:25.01.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
terrorismo_8.zip (Dimensione: 5.47 Kb)
trucheck.it_terrorismo.doc     29.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Violento e spettacolare, criminale e politico: questo è il terrorismo. Che può avere mille facce.
Terrorista è la bomba anarchica lanciata contro il monarca; terrorista è il colpo di pistola esploso contro il professore, il giornalista, il consulente, il politico; terrorista è il suicida col corpo dilaniato dall ordigno; terrorista è la mano di colui che uccide deliberatamente per seminare paura; terrorista è lo Stato che bombarda i civili.
E’ un’arma feroce quanto efficace, violenta quanto spettacolare, criminale e al tempo stesso politica. Ma soprattutto il terrorismo è un’arma.
A volte rappresenta l’extrema ratio per la realizzazione di principi che di per sé sarebbero anche nobili e condivisibili, se il terrorismo non avesse – quasi sempre – la caratteristica di sparare nel mucchio, di sacrificare civili inermi. Spesso la via terroristica rappresenta solo una scorciatoia per raggiungere finalità irraggiungibili per via pacifica.
Il fenomeno del terrorismo si è imposto a livello globale con il secolo appena trascorso, ma con un’intensità ed una violenza sempre in crescendo. Esiste per qualsiasi fenomeno che abbia implicazioni sociali un periodo di incubazione, una fase di maturazione e un momento, per così dire, conclusivo e terminale. Difficile, quasi sempre, però indicare il momento esatto della nascita di questo o quel fenomeno.
Per il fenomeno terroristico italiano è invece possibile indicare un preciso punto di svolta, una data che condizionerà il suo emergere ed il suo imporsi sulla scena politica del paese. Quella data è il 12 dicembre 1969: il giorno della strage di piazza Fontana a Milano.
Negli anni immediatamente precedenti la strage era cresciuto in Italia un movimento politico nuovo, quello del ’68, formato da una generazione di studenti, ma anche di operai, che aveva come primo punto all’ordine del giorno la crescita politica del movimento stesso, l’elaborazione delle strategie necessarie a pervadere l’intero tessuto della società. La prima formazione armata italiana nasce a Genova da un Circolo frequentato da giovani operai e proletari. Si chiama XXII Ottobre. Quasi contemporaneamente a Milano si formano i GAP (Gruppi di azione partigiana) voluti da un ricco editore, uscito dal PCI dopo i fatti di Ungheria del 1956: Giangiacomo Feltrinelli.
Si tratta di due minuscole formazioni che avranno vita brevissima. Ma dopo sarà il diluvio: nasceranno le Brigate rosse che concluderanno la loro parabola solo nel 1988 (con una coda ancora misteriosa nel 1999 con l’omicidio D’Antona); spunteranno al sud i NAP e poi, soprattutto al nord, Prima Linea. Fino alla galassia del terrorismo diffuso. Il terrorista ha un vantaggio tangibile. Può attaccare in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo usando praticamente ogni tecnica. E’ impossibile difendere ogni potenziale bersaglio, in ogni momento e in ogni luogo, da ogni forma di attacco. Alla luce di questo fatto, per sconfiggere i terroristi occorre dare loro battaglia – dare loro la caccia ovunque vivano, tramino e si nascondano e segnalare chiaramente agli Stati che li sostengono e danno loro rifugio che tali azioni avranno conseguenze.
Mille facce, ma in realtà due soli volti: quello del guerrigliero che usa l arma del terrorismo come lotta estrema dove altre armi hanno fallito e quello dello stratega, che pianifica il terrorismo per un disegno più ampio.
Latto terroristico del guerrigliero mira ad un risultato diretto, immediato e per lo più senza secondi fini. Il caso del terrorismo ceceno, che ha come obiettivo il ritiro delle truppe russe e la sollevazione dell opinione pubblica "nemica", rientra in questa casistica, insieme ad Hamas in Palestina, al terrorismo basco e a tutti quei gruppi che perlopiù rappresentano la cosiddetta "ala militare" di movimenti o partiti legali. Questi gruppi terroristici possono essere definiti irredentisti o separatisti.
Osama bin Laden appartiene invece al secondo gruppo, quello di coloro che utilizzano lo strumento del terrorismo per una strategia più complessa, i cui effetti immediati non coincidono necessariamente con l obiettivo reale. Il terrorismo è tuttavia un fenomeno che ha avuto una rapida espansione in tempi recenti, portando guerra e lotta politica armata, nella vita quotidiana di Paesi in tempo di pace, o estendendo i campi di battaglia fino nei bar, nei cinema, nei ristoranti e nei trasporti pubblici di Paesi in guerra permanente, come accade in Israele ad opera delle milizie arabe.
A causa della minaccia terroristica abbiamo profondamente modificato il nostro modo di vivere, basti pensare alla cancellazione dei voli che si è resa necessaria a Parigi in gennaio per le segnalazioni dei servizi segreti di un possibile attentato, o alla restrizione delle libertà individuali seguite all attentato alle torri gemelle a New York. L effetto del terrorismo, oltre che sul nostro quotidiano, incide profondamente sull assetto geopolitico del mondo e sulle strategie diplomatiche ed economiche che gli Stati compiono. Sostenere che i terroristi non raggiungono nessun obiettivo oltre a quello immediato di morte e distruzione E falso, ma purtroppo E un abitudine di molti politici, preoccupati soprattutto di dimostrare la bontà delle loro strategie di lotta.

Esempio



  



Come usare