Siddharta, Jack Frusciante, Il nome della rosa

Materie:Appunti
Categoria:Italiano

Voto:

1.5 (2)
Download:224
Data:08.08.2005
Numero di pagine:10
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
siddharta-jack-frusciante-nome-rosa_1.zip (Dimensione: 8.97 Kb)
trucheck.it_siddharta,-jack-frusciante,-il-nome-della-rosa.doc     24.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

SIDDHARTA
Perchй questo romanzo piace tanto ai giovani di ogni nazione? Io stesso lo lessi tanti e tanti anni fa, quando ancora per me la lettura era un mondo quasi magicamente nuovo.
Siddharta affascina perchй и una parabola di vita, che valica i propri limiti spaziotemporali, immergendo il lettore in un continuo divenire di esperienze, capaci di accomunare genti di tutto il mondo.
Un ragazzo, un uomo che va alla ricerca del proprio credo, dei propri valori, non soffermandosi mai in uno stato, in un frammento di conoscenza, in una contingenza esperenziale ben definita ma limitata; al contrario egli diventa continuo pellegrino spaziale, e ancor piщ emozionale: un pendolare dell'Io, che strenuamente vive nuove esperienze, raggiunge una migliore comprensione della realtа, della vita, della morte. E' veramente un cercatore, Siddharta, e la sua vita romanzesca intriga il lettore e lo richiama ai suoi pensieri piщ profondi, alle sue piщ intime percezioni, ad un'oggettivitа mediata dalla soggettivitа dell'Ego.
Come non ricordare le parole del protagonista? "So pensare, attendere, digiunare": questa una delle chiavi del suo pensiero.
Ed и proprio nel Sй, che l'uomo deve trovare non solo la propria essenza, ma anche la propria forza e il proprio stimolo a vivere. Questo sembra suggerirci l'autore. Mai fermarsi, continuamente sperimentare, in un perpetuo divenire di noi stessi, un panta rei che si riassume nell'episodio del fiume, un'eterna ricerca del nirvana in vita, che deve continuamente passare attraverso il samsara delle trasmigrazioni, dei cambiamenti, dei passaggi obbligati dell'esistenza.
Ma и un cammino fecondo, che non potrа che farci crescere come persone, e i cui frutti raccoglieremo in ogni epoca della nostra vita.
Questa, la grandezza di Siddharta.
Il romanzo tratta la vita di un giovane,Siddharta appunto,figlio di un saggio Brahmino. Ad un certo punto della storia egli,"aveva cominciato ad alimentare dentro di sй la scontentezza.Aveva cominciato a sentire che l’amore di suo padre e di sua madre, e anche l’amore di Govinda,suo amico,non avrebbero fatto per sempre la sua eterna felicitа,non gli avrebbero dato la quiete,non lo avrebbero saziato,non gli sarebbero bastati".
Siddharta cosм decise di partire per cercare quella pace e quella serenitа che tanto desiderava;egli passт la vita viaggiando e trascorrendo lunghi periodi con persone diverse:visse con gli asceti nella foresta,ascoltт la dottrina del Buddha,visse con i samani e imparт il saper ascoltare,il saper aspettare e il saper digiunare.Ogni sua decisione fu influenzata da questi tre insegnamenti fino a quando incontrт Kamala,una donna che gli insegnт l’arte dell’amare e da cui ebbe un figlio segreto.Successivamente a questo incontro Siddharta cambiт profondamente egli capм che"il mondo e la pigrizia erano penetrati nel suo animo,lentamente lo riempivano,lo rendevano stanco e pesante…il mondo l’aveva assorbito,il piacere l’aviditа, la pigrizia, e infine quel peccato ch’egli aveva sempre disprezzato e deriso come il piщ stolto di tutti:l’avarizia".Capito ciт egli decise di abbandonare di nuovo tutto e di andare nella foresta;qui pronto ad uccidersi sentм provenire dal fiume una voce che diceva "Om"la sacra parola dei samana che indica la perfezione,"il Perfetto".Dopo questo episodio cadde in un profondo sonno;al risveglio incontrт per la prima volta Govinda,suo amico di infanzia che aveva deciso di ricercare se stesso con l’aiuto della dottrina del Buddha.Visse poi con un barcaiolo che gli insegnт ad ascoltare la voce del fiume;l’uomo fu la prima e unica persona che era stata in grado di ascoltare Siddharta.
Da quest’ultima esperienza capм che "il mondo in sй,ciт che esiste intorno a noi e in noi,non и unilaterale.Mai un uomo ,o un atto,и tutto samsara o tutto nirvana,mai un uomo и interamente santo o peccatore.Sembra cosм perchй noi siamo soggetti alla illusione che il tempo sia qualcosa di reale..il tempo perт non и reale..e se ciт и vero allora anche la discontinuitа che sembra esservi tra il mondo e l’eternitа,tra il male e il bene,и un’illusione…il mondo non и imperfetto,o impegnato in una lunga via verso la perfezione:no,и perfetto in ogni istante ogni peccato porta giа in sй la grazia,tutti i bambini portano giа in sй la vecchiaia,tutti i lattanti la morte,tutti i morenti la vita eterna…Per questo a me par buono tutto ciт che esiste,la vita come la morte,il peccato come la santitа,l’intelligenza come la stoltezza…Le parole non possono amare:ecco perchй le dottrine non contano a nulla per me…poichй anche la liberazione e la virtщ,anche samsara e nirvana sono mere parole."
Questo romanzo mi ha particolarmente colpito perchй la storia narra la vita di un giovane che puт rappresentare ognuno di noi.Tutti noi infatti cerchiamo sempre di migliorare la nostra vita,di trovare la nostra felicitа anche se spesso cadiamo nelle tentazioni piщ grandi che ci distolgono dal nostro cammino:come Siddharta che cade nelle tentazioni che lo portano alla pigrizia, all’aviditа, nonchй all’avarizia.
Siddharta и riuscito a riprendere il suo cammino e raggiungere la sua meta anche se con difficoltа enormi,e ci и riuscito solo grazie ad una grande forza d’animo, difficile da trovare quando siamo in preda a delle grandi tentazioni.

JACK FRUSCIANTE
Quando lessi questo libro, anni orsono, rimasi al contempo perplesso per lo stile espressivo, utilizzato dal giovane autore, ed anche interessato alla sensibilitа delle tematiche affrontate.
Un amore quasi platonico viene descritto in questo volume, e il suo maggior pregio и proprio la soffusa carica emozionale, l'intensa espressivitа emotiva, che culla il lettore lungo le pagine di un mito giovanile, di una realtа urbana affascinante tanto quanto esistenzialmente in crisi.
Quest'opera intriga il lettore con il suo fascino diluito e mai artificioso, con la sua malia di aria fresca in un mondo letterario agganciato a stereotipi precostituiti.
E' una piacevole lettura giovanile, che piace per il suo aroma innocente di brio adolescenziale.
Jack Frusciante и uscito dal gruppo
AUTORE: Enrico Brizzi
CASA EDITRICE: Baldini e Castoldi
LUOGO E ANNO DI PUBBLICAZIONE: Milano, 1997
NUMERO DELLE PAGINE: 173
GENERE DEL LIBRO: Romanzo d' amore
TEMA: Alex и un ragazzo diciasettenne che frequenta il liceo " Caimani" di Bologna. E' un ragazzo intrapendente, dotato di tutti i difetti e i pregi della sua etа tardoadolescenziale; pronto a lottare contro i guai, le intimidazioni e gli imbrogli. Il "vecchio Alex" , cosi lo chiamavano, era follemente innamorato di Adelaide, una ragazza che frequentava la sua stessa scuola.
L' entusiasmante storia di Alex iniziт quando Aidi; gli telefonт per ottenere in prestito un libro. Da lм iniziт, l' avventura del protagonista che, a seguito del suo innamoramento vedrа cambiare la sua vita profondamente: infatti, si trasformerа e diventerа un ragazzo ricco di sentimenti.
Egli trascorre molte ore a passeggiare o in bicicletta, pensando al suo amore Aidi. La ragazza perт purtroppo parte per gli Stati Uniti per un anno e Alex rimane inconsolabile.
PERSONAGGI PRINCIPALI: Alex e Adelaide
AMBIENTE: Cittа di Bologna
MESSAGGIO DELL' AUTORE: Ha voluto comunicare l' importanza del gruppo per un adolescente; infatti, и fondamentale avere degli amici di cui fidarsi.
STILE/LINGUAGGIO: L' autore utilizza un linguaggio molto semplice, colloquiale; tipico degli adolescenti.
CAPITOLI, PAGINE PIU' INTERESSANTI, ESPRESSIONI ORIGINALI DA RICORDARE:
Il capitolo piщ interessante e divertente и stato il primo, nel quale si narrano piщ vicende che coinvolgono Alex, il protagonista, mentre nel secondo e nel terzo, la storia и piщ centrata su Adelaide.
GIUDIZIO PERSONALE: Il racconto ha un contenuto originale, ricco di emozioni e sentimenti del protagonista, che coinvolgono il lettore.
Mi и piaciuto questo libro, perchи in diversi aspetti della vita che conduceva Alex, mi sono riconosciuta. E' un libro divertente e piacevole da leggere
Il nome della rosa di Umberto Eco
E' difficile scrivere una recensione sul "Nome della rosa". E' difficile per due motivi. Il primo и che questo libro и una caposaldo della narrativa moderna, quindi questa recensione non potrа avere, per forza di cose, alcuna aura di originalitа. Il secondo и dovuto alla complessitа intrinseca del romanzo.
Giа chiamarlo romanzo и riduttivo in quanto in esso sono contenute tante chiavi di lettura da rischiare di confondersi. Sia ben chiaro, il libro puт essere letto anche come semplice giallo ma se negherebbe l'intrinseca ricchezza.
La storia и (forse) stranota. Il Francescano Guglielmo da Baskerville accompagnato dal novizio Adso da Melk (colui che narra la storia) viene inviato ad indagare in un monastero dove accadono fatti insoliti e misteriosi. Solo dopo un incredibile percorso investigativo si giungerа ad una soluzione del complicato enigma. Ecco, se consistesse solo in questo il libro sarebbe un buon giallo e basta. E' impossibile non notare, perт, la collocazione della vicenda. A cavallo tra Inquisizione, Sacro Romano Impero, spostamento del sede del Papato ad Avignone e grandi dispute filosofico-teologiche. Insomma una vera cronaca del tempo che il dotto Eco snocciola con la complessitа e la dovizia di particolari che gli и propria e che non possono lasciare il lettore indifferente.
In certi punti ci si scoraggia un pт pensando di non leggere piщ un romanzo ma un saggio. Tuttavia anche questi particolari servono per ricreare l'atmosfera di un medioevo ancora lontano oltre 150 anni dal Rinascimento ma ricco ed interessante.
Un libro da leggere assolutamente.
Il romanzo "il nome della rosa" di Umberto Eco pubblicato nell' ottobre 1980 racconta gli eventi accaduti in un' abbazia (probabilmente dell`Italia settentrionale), nell' arco di sette giorni.
Nell' introduzione -- intitolata (con ironia) Naturalmente manoscritto , e parte integrante del testo -- l' autore afferma di avere ricevuto (e subito tradotto durante la lettura) la versione francese, del 1842, di un manoscritto del XIV. secolo, opera di un monaco benedittino , Don Adso da Melk, che, vecchio, ricorda importanti vicende della sua vita di novizio. E tuttavia, come il manoscritto, anche la versione francese, accidentalmente sottratta, scompare nel nulla, e solo alle causuali testimonianze confermano l' esistenza di ciт che й stato letto e trascritto.
Nel prologo, Adso, il narratore, si presenta, dа informazioni sul periodo storico della sua giovinezza, e infine descrive la figura di Guglielmo da Baskerville (il dotto francescano inglese al cui servizio era stato posto), impegnato, nel novembre 1327, in una difficile missione, per ricomporre i contrasti che oppongono, il nome della povertа della chiesa , i francescani minorati ai fedeli del papa, Giovanni XXII , in un periodo in cui dilagono i movimenti ereticali. Ai piedi della roccia su cui sorge l' abbazia (dove appunto avveranno gli incontri tra le due delegazione religiose), Guglielmo dа giа prova della sua capacitа di osservazione: fa ritrovare infatti il cavallo dell' abate -- sfu.ggito ai monaci -- limitandosi a deciffrarre i segni lasciati nella fuga. Nell' abbazia, Adso e Guglielmo visitano i luoghi piщ significativi, e in particolare lo scriptorium (dove vengono copiati e illustrati i manoscritti antichi), e la biblioteca (dale struttura labirinticha, accessibile al solo bibliotecario), e fanno la conoscenza con quelli che saranno i protagonisti delle imminenti vicende: l' abate, Ubertino da Casale ( in ordine di eresia), l' erborista severino, il bibliotecario Malacchia, alcuni giovani traduttori e scribi, il cellario Remigio, addetto alle proviste, il servo Salvatore, e infine un vecchio monaco cieco, Jorge da Burgos (ex bibliotecario), che si presenta polemizzando sul > e la >. Ma soprattutto vengono a sapere della recentissima e misteriosa morte del giovane Adelmo da Otranto, espertissimo minatore; Guglielmo и incaricato di indagare le cause. Il secondo giorno si apre con un efferato delitto: dall' orchio dove и raccolto il sangue dei maiali spunta un cadavere, presto identificato per quello di Venazio da Salvemec,
>. Guglielmo indaga anche sulla nuova morte e, interrogando Bencio da Upsala e Berengario da Arundel, viene a sapere delle accese discussioni nello scrittorium approposito di libri (e in particolare nel secondo libro della poetica di Aristotele perduto fin dal antichitб), e dei comportamenti peccaminosi dei giovani monaci. L' attenzione di Guglielmo si rivolge sempre piщ alla biblioteca, e alla sua struttura; saputo di un passaggio segreto, vi accade con addosso la notte stessa. Entrati nell' labirinto i due rischiano perт di perdersi, attratti da visioni fantastiche.
Il terzo giorno si apre con la scomparsa di Berengario. Mentre lo si cerca inutilmente, Adso ha modo di conoscere >, e , da Ubertino apprende la storia di fra Dolcino , il capo carismatico dell' eresia. Entrato da solo in Biblioteca il novizio ne fugge spaventato, ma per incontrare nella grande cucina dell' abbazia una splendida fanciulla, una ragazza del villaggio, che lo conquista e lo avvia ai piaceri dell' amore. Й Guglielmo a ritirarlo, in piena notte, mentre la fanciulla й scomparsa. Adso conferma il suo peccato, ma gli eventi sovrastano : proprio una sua parola spinge Guglielmo ai palnea, dove scopre, in una vasca piena d' aqcua, il corpo di Berengario. Il quarto giorno й dominato dall' orrore per l' annegato; ma Guglielmo -- dopo un attento esame del cadavere -- propende, con l'erborista Severino, per un avvelenamento.
Mentre si scopono i legniami con glieretici di Remigio e di Salvatore, arrivano all' abbazia i rappresentanti dei minori e del papa. Gulielmo non rinuncia a trovare nel labirinto, ma ancora una volta il segreto й impenetrabile il buio della notte, e Salvatore й sorbreso ad armeggiare davanti alla cucina, con la ragazza amata da Adoso sobito imprigionata come strega .
Lґattenzione, nel quinto giorno, sempra essere sopratutto polarizzata dalle due legazioni e delle loro dotte disquisizioni sulla povertб di Gesъ e sul potere temporale della Chiesa ; ma di nuovo un delitto riporta ogni interessse ai misteri dell' abbazia. Dopo aver parlato a Gulielmo di uno strano libro, Severino viene scoperto con la testa spaccata. Trovato al suo fianco, il cellario й accusato dell' assasinio, nonostante la sua protestata innocenza; la giustizia nell' abbazia й ormai amministrata dai legati del papa, e, mentre Ubertino da Casale preferisce la fuga, un sermone di Jorge da Burgos emmonisce tutti sulla prossima venuta dell' Anticristo Anticristo.
Al mattutino del sesto giorno stramazza al soulo il bibliotecario Malachia: и la quinta morte misteriosa. Guglielmo si accorge che, come la lingua di Berengario, anche i polpastrelli delle prime tre dita della mano destra di Malachia sono scuri: и il sengno del veleno. Decide dunque di non desistere dalle ricerche (nonostante il diverso parere dell' abate e dei legati papali) e di allargare le ingagini al passato dell' abbazia e sopratutto agli ex bibliotecari. Scopre infine il segreto per entrare nella parte piщ nascosta del labirinto, lа dove i misteri possono sciogliersi.
Nella notte tra il sesto e il settimo giorno Guglielmo e Adso ritornano nella biblioteca. Mentre vi arrivano sentono una persona agitarsi moribonda in un chiuso budello dentro la parete, ormai in preda a soffocamento (il sesto morto si rivelerа poi essere proprio l' abate). Nel punto piщ interno del labirinto trovano invece il vecchio Jorge da Burgos. Il mistero si svela: in biblioteca и conservato il secondo libro della Poetica di Aristotale , ma Jorge lo ha sempre tenuto nascosto, impedendone assolutamente la lettura. Il libro, dedicato al riso, avrebbe >. Per questo il vecchio ne aveva cosparso le pagine di un potente veleno. Jorge и ora sconfitto, ma non si dа per vinto. Tenta di distruggere il prezioso volume inghiottendone le pagine avvelenate (sarа il settimo morto) e nella miscia che segue appicca il fuoco alla biblioteca: cosм va perduto definitivamente il secondo libro della Poetica.
Il romanzo si conclude con un Ultimo Folio: informa che l' intera abbazia, cui le fiamme si sono estese, >. Ma Adso e Guglielmo hanno giа ripreso la loro strada, e presto si separeranno per mai piщ rivedersi.

Esempio



  



Come usare