schedatura malavoglia - Verga

Materie:Scheda libro
Categoria:Italiano

Voto:

2 (2)
Download:486
Data:02.02.2006
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
schedatura-malavoglia-verga_1.zip (Dimensione: 7.12 Kb)
trucheck.it_schedatura-malavoglia--verga.doc     35 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

SCHEDA DI LETTURA
AUTORE: Giovanni Verga
TITOLO: I Malavoglia
TRAMA IN 100 PAROLE:
Padron 'Ntoni, il capofamiglia dei Malavoglia, compra a credito una partita di lupini da zio Crocifisso grazie a Piedipapera. La Provvidenza, la barca della famiglia, fa naufragio: muoiono Bastianazzo e Menico e si perdono tutti i lupini.
Padron 'Ntoni e il nipote lavorano a giornata da padron Cipolla per pagare i debiti e non perdere la casa del nespolo ma gli sforzi risultano vani e l'avido zio Crocifisso si prende la casa: i Malavoglia si trasferiscono nella casa del beccaio.
Muoiono Luca e la Longa mentre 'Ntoni parte per la città in cerca di fortuna. Padron 'Ntoni, costretto a vendere la Provvidenza, abbandona l'attività di pescatore. 'Ntoni ritorna dalla città senza un soldo e comincia ad ubriacarsi e svolgere attività di contrabbando. Accoltella pure don Michele, e finisce in prigione. Sua sorella Lia finirà a fare la prostituta in città mentre il vecchio nonno, portato da Alfio all’ospedale, morirà.
Alessi, sposata Nunziata, riscatterà l'onore della famiglia, riappropriandosi della casa del nespolo.
'Ntoni torna a casa, ma si sente ormai escluso e, all'alba, decide di partire definitivamente.
SISTEMA DEI PERSONAGGI
PERSONAGGI PRINCIPALI:
La famiglia Malavoglia
PERSONAGGI SECONDARI:
Tutto il paese di Acitrezza
CARATTERIZZAZIONE DEI PERSONAGGI:
Padron 'Ntoni = il vecchio capofamiglia saggio e dal carattere forte
Bastianazzo = "grande e grosso", onesto e lavoratore come suo padre, che ammira e rispetta obbediente
Longa = è una donna assai minuta descritta come una buona massaia
'Ntoni = giovane a cui piace perder tempo e bighellonare in giro
Luca = è il più giudizioso dei nipoti
La Mena (Filomena) = è una donna di casa (soprannominata "Sant'Agata" perché stava sempre al telaio)
Alessi = è uguale al nonno per carattere e bontà d’animo ("un moccioso tutto suo nonno")
Lia (Rosalia) = è la più giovane ("ancora né carne né pesce"), è molto carina ma un po’ vanitosa
RAPPORTI FRA PERSONAGGI:
Padron 'Ntoni = padre di Bastianazzo e nonno di ‘Ntoni, Luca, Alessi, La Mena e Lia. Suocero della Longa
Bastianazzo = figlio di padron ‘Ntoni e marito della Longa. È il padre di ‘Ntoni, Luca, Alessi, La Mena e Lia.
Longa = moglie di Bastianazzo e madre di‘Ntoni, Luca, Alessi, La Mena e Lia.
'Ntoni = il nipote maggiore di padron ‘Ntoni, fratello di Luca, Alessi, La Mena e Lia e figlio di Bastianazzo e della Longa
Luca = nipote di padron ‘Ntoni, fratello di ‘Ntoni, Alessi, La Mena e Lia e figlio di Bastianazzo e della Longa
La Mena (Filomena) = nipote di padron ‘Ntoni, sorella di ‘Ntoni, Alessi, Luca e Lia e figlia di Bastianazzo e della Longa
Alessi = nipote di padron ‘Ntoni, fratello di ‘Ntoni, Luca, La Mena e Lia e figlio di Bastianazzo e della Longa (diventerà il marito di Nunziata)
Lia(Rosalia) = nipote di padron ‘Ntoni, sorella di ‘Ntoni, Alessi, Luca e Lia e figlia di Bastianazzo e della Longa
SPAZIO
LUOGHI GEOGRAFICI:
Sicilia, il piccolo paese di Arcitrezza
LUOGHI FISICI:
La farmacia
La bottega di Vanni Pizzuto
La casa del Nespolo
La casa del beccaio
Le strade
La piazza
L’osteria della Santuzza
(Il mare e la sciara fanno da confine)
TEMPO
QUANDO:
Gli stessi anni in cui Verga narra (1863-1878).
(Italia post-unitaria dei piccoli proprietari impoveriti)
PER QUANTO TEMPO:
Un paio d’anni (settembre 1863 – dicembre 1865)
COSA
AZIONI PRINCIPALI:
Padron ‘Ntoni compra il carico di lupini
Tempesta in mare con perdita lupini e morte Bastianazzo e Menico
Grandi sacrifici per non perdere la casa del nespolo
Padron 'Ntoni e il nipote 'Ntoni lavorano a giornata da padron Cipolla.
Lo zio Crocifisso si prende la casa del nespolo
Muoiono Luca e la Longa
‘Ntoni decide di partire per la città in cerca di fortuna.
Padron 'Ntoni è costretto a vendere la Provvidenza
'Ntoni torna dalla città senza avervi trovato fortuna
‘Ntoni si dà a una vita sregolata
‘Ntoni finisce in prigione
Il nonno si fa portare col carretto di Alfio all'ospedale, dove morirà.
Alessi si riappropria della casa del nespolo
Ntoni torna a casa
‘Ntoni decide di partire definitivamente.
AZIONI SECONDARIE:
‘Ntoni è partito per il servizio militare
tutto il paese va al funerale
I Malavoglia si trasferiscono nella casa del beccaio
‘Ntoni si ubriaca, svolge attività di contrabbando e accoltella don Michele
Lia finisce col fare la prostituta in città
Alessi sposa Nunziata
‘Ntoni esce di galera
CHI RACCONTA (tipologia del narratore):
Il narratore non s’intromette nella narrazione, è impersonale.
Sono i personaggi a raccontare la storia, con i loro punti di vista e i loro pregiudizi (non c’è’ più il cantuccio di Manzoni).
COME RACCONTA: (genere, stile e tecniche narrative)
Romanzo verista
Nuda e lucida analisi, la fredda e tragica esposizione dei fatti (tipico verismo)
Stile impersonale (es: Verga non descrive gli ambienti e i sentimenti, solo le azioni)
Lingua vicina al parlato
Molte espressioni tradotte in italiano dal dialetto
Viene mimata la costruzione della frase del dialetto siciliano
Largo uso dei proverbi e del linguaggio tipico dei pescatori
Verga si abbassa al livello dei suoi personaggi con la tecnica della regressione
La sintassi e il lessico sono quelli popolari del siciliano, con qualche errore per renderlo più realistico.
Usa il discorso diretto e indiretto libero per confondere il lettore su chi sta parlando
Uso del tempo imperfetto nella prima parte, del passato remoto nella seconda
CITAZIONE RAPPRESENTATIVA:
«Fa il mestiere che sai, che se non arricchisci, camperai» e «Contentati di quel che t'ha fatto tuo padre, se non altro non sarai un birbante»
Queste due frasi, così simili, sintetizzano il pensiero che Verga esplicita nei Malavoglia: gli ideali degli "antenati" salvano gli uomini dal progresso e il miglioramento materiale nasce dal rifiuto dei valori morali antichi. È quindi grazie ai valori della religione, della casa e della famiglia,
dell'onore, del lavoro, della solidarietà e dell'altruismo che l’uomo può salvarsi dal decadimento morale a livello personale e sociale e vivere dignitosamente una vita serena.
LIVELLO DI GRADIMENTO: 6
MOTIVAZIONE DEL LIVELLO DI GRADIMENTO:
Non si può negare che l’intento dell’autore sia stato pienamente e magistralmente soddisfatto ed è per questo che il mio giudizio personale raggiunge la sufficienza. In ogni caso il libro non mi è piaciuto granché per alcuni sostanziali motivi:
1° L’utilizzo del dialetto siciliano mi è risultato particolarmente pesante e l’uso del discorso indiretto libero mi ha confuso a tal punto da farmi perdere il filo parecchie volte.
2° Ci sono troppi personaggi e, oltretutto, sono a volte utilizzati più nomi per indicare un unico personaggio.
Nonostante questi aspetti devo riconoscere che comunque l’autore racconta con precisione molti aspetti della vita popolare degli abitanti di Sicilia, rispecchiando la condizione degli “ultimi”.
RIFERIMENTI, RICHIAMI, COLLEGAMENTI AD ALRE OPERE (note sintetiche)
Il romanticismo romantico passionale del secondo periodo (passionalità e sentimentalismo)
sente l'influenza della Scapigliatura milanese. (lo possiamo vedere in Storia di una Capinera)
Verga inserisce questo libro all’interno del Ciclo dei vinti ed ha quindi riferimenti forti a Mastro Don Gesualdo, il secondo (e ultimo) romanzo.
Fantasticheria è il romanzo, scritto dall’autore prima dei Malavoglia, in cui appaiono per la prima volta i personaggi che saranno poi o protagonisti di questo romanzo. I Malavoglia può essere associato a quest’opera perché è qui che per la prima volta appare “l’ideale dell’ostrica”, il recupero dei valori semplici e il restare attaccati alle tradizioni.
Rosso Malpelo, altra novella di Verga, può essere paragonato al romanzo dei Malavoglia perché entrambi parlano di personaggi appartenenti al più basso strato sociale: “gli ultimi”.
Fabiana Cappello
5LB

Esempio



  



Come usare