Scheda Arthur Conan Doyle

Materie:Scheda libro
Categoria:Italiano
Download:252
Data:12.03.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
scheda-arthur-conan-doyle_1.zip (Dimensione: 5.07 Kb)
trucheck.it_scheda-arthur-conan-doyle.doc     23.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Autore del libro: Arthur Conan Doyle
Titolo: Uno studio in rosso ed altri racconti
Collana: La bottega del lettore
Casa editrice: Bruno Mondatori
Analisi temporale: La vicenda si svolge in due fasi completamente diverse, che si riuniscono solo con la conclusione del caso, perciò non c’è corrispondenza tra fabula e intreccio.

Analisi dei luoghi: Anche per i luoghi la vicenda è divisa in due: la prima parte si svolge in Inghilterra, con la scoperta degli omicidi, le indagini di Sherlock Holmes e la risoluzione del caso e la seconda in America, con l’ antefatto della vicenda riguardante la comunità dei prescelti dell’ angelo Merona.

Analisi dei Personaggi:

Sherlock Holmes: è l’ indiscusso protagonista del giallo. Ha una mente geniale in cui archivia tutti gli indizi. Mediante le sue conoscenze (es. riconoscere le impronte ), sa ricollegarli in una geniale soluzione, per cui riesce ad incriminare il colpevole.
La sua vita è piuttosto vuota, poiché non ha amici oltre a Watson, non una donna e nemmeno una famiglia.

Dr. John Watson: è un medico dell’ esercito britannico. Ha una cultura tanto profonda quanto quella di Holmes, ma gli manca l’ intuito che caratterizza il suo amico.
La vicenda è narrata da lui, con l’ ausilio dei suo appunti.

Stangrenson: viveva tra “i prescelti dell’ angelo Merona” e poi è diventato il segretario di Debber. E’ la seconda vittima di J. Hope.

Enoch Debber: è la prima vittima uccisa per vendetta da Hope con una pillola avvelenata. Faceva parte dei “prescelti dell’angelo Merona”, dove aveva sposato Lucy.

Lestrade e Gregson: sono i due investigatori di Scotland Yard che competono con Sherlock Holmes. Prendono decisioni diverse tra di loro riguardanti il caso, che poi risultano entrambe errate.

John Ferrier: è un grosso amico di Lucy, che poi diventa sua figlia adottiva. E’ costretto ad inserirsi nella comunità dei “prescelti dell’ angelo Merona”, per salvarsi dal deserto. Muore ucciso dai “prescelti” nel tentativo di fuggire dalla comunità con la figlia Lucy.

Lucy: non è la reale figlia di Ferrier, ma avendo perso entrambi i genitori è stata adottata da lui. Ha sposato Debber nella comunità e tentando di fuggirvi ha perso il padre. Per la disperazione di questo fatto è morta.

Stile Narrazione: “Uno studio in rosso e altri racconti”, presenta, a differenza di altri libri “Gialli”, la capacità e naturalezza con la quale Holmes risolve i casi analizzando particolari trascurati da tutti e in particolare da Watson del quale si colgono i difetti e i pregi di un uomo semplice e superficiale come lo sono la stragrande maggioranza degli uomini, che non si soffermano sulle cose e agiscono di impulso, senza cogliere i particolari, senza esaminarli e metterli a confronto. Un altro particolare che rende scorrevole e piacevole la lettura del libro è la scelta di far raccontare gli avvenimenti da Watson, che usa un linguaggio semplice e discorsivo.

Trama: Il dottor Watson era appena tornato a Londra dlle cure ricevute all’Ospedale di Peshawar in Afghanistan a causa di una pallottola che lo aveva colpito in battaglia. Era seduto ad un bar, quando il giovane Stamford si avvicinò e fu proprio lui a presentare Sherlock Holmes a Watson.
Da qui inizia quella strana amicizia tra Watson e Holmes e da qui incomincia una serie di racconti che vedono i due impegnati a risolvere omicidi e rapimenti. I racconti descrivono anche la progressiva conoscenza che li porta a capire i pregi e i difetti di ciascuno, rafforzando e sviluppando la loro amicizia.
Ogni racconto presenta un nuovo caso e nuove difficoltà da superare, i due saranno sempre insieme fino a quando un caso non li separerà. Si ritroveranno poi e risolveranno l’ultimo caso, salutandosi per sempre.

Esempio



  



Come usare