La condizione della donna

Materie:Tema
Categoria:Italiano
Download:4442
Data:07.01.2010
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
condizione-donna_1.zip (Dimensione: 13.66 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-condizione-della-donna.doc     36.5 Kb



Testo

TEMA

Fin dall’antichità le donne sono state considerate inferiori rispetto agli uomini.

Molti illustri filosofi greci (come Aristotele o Platone) assunsero posizioni molto severe e infondate nei confronti della donna, la consideravano una creatura inutile e generata da una natura malvagia;
durante il Medioevo le donne venivano viste come streghe (bruciate al rogo) o come creature angeliche di cui i poeti o letterati si servivano per intercedere presso Dio, (Beatrice per Dante, Fiammetta per Boccaccio, Lucia per Petrarca…);
dopo la rivoluzione industriale cominciarono a essere maggiormente rispettate perché portatrici di reddito ma soltanto nel 1946 poterono votare per la prima volta.

L’uomo probabilmente ha sempre criticato nella donna la sua mancanza di forza fisica o di robustezza, qualità che probabilmente riteneva indispensabili in un essere “superiore”, tuttavia essa rappresenta dolcezza, comprensione, sicurezza…

L’uomo e la donna sono esseri opposti (estremamente diversi), ma allo stesso tempo complementari (procreano insieme), nessuno dei due esisterebbe senza l’altro (come il giorno non esisterebbe senza la notte o viceversa);
esattamente come lo Yin e lo Yang, insieme formano l’equilibrio, ma questo può anche essere rotto quando uno prende il sopravvento sull’altro.

Purtroppo non esiste questo cosiddetto equilibrio perché l’uomo si considera superiore e tratta la donna come un essere inferiore, come un oggetto.

Nei paesi sottosviluppati le ragazze o addirittura le bambine sono costrette a sposarsi attraverso un matrimonio combinato, spesso la prima volta che vedono il marito, (l’uomo con cui saranno obbligate a passare il resto della vita) è proprio davanti l’altare.

In passato e ancora oggi continuano ad esistere “harem”, edifici in cui vivono tante mogli appartenenti ad un unico uomo.

Le vedove sono considerate come iettatrici e causa della morte del marito.

In molti paesi le donne sono vittime di continue discriminazioni, violenze; non godono di alcun diritto ma gravano sulle loro spalle onerosi doveri.

Anche in paesi sviluppati, come il nostro, in cui giuridicamente una donna possiede gli stessi diritti e doveri di un uomo, è provato che effettivamente esse vengono retribuite il 27% in meno e che trovano lavoro più difficilmente…

Le donne spesso si trovano costrette a scegliere tra la carriera e la famiglia; devono essere madri; mogli apprezzate; abili cuoche; donne attraenti; soddisfatte lavoratrici.

Per portare a termine tutti i suoi molteplici doveri la donna deve dimostrare abilità manageriali e deve esserci una divisione paritaria degli impegni familiari e sociali all’interno della vita di coppia.

Per risolvere la “questione femminile” è necessario che la società si assuma il compito di offrire servizi che permettano ai lavoratori di conciliare il lavoro con le esigenze familiari e che l’uomo in modo paritario si assuma responsabilità familiari riconoscendo alla compagna le stesse opportunità.

Esempio



  


  1. laura

    un testo espositivo:nonostante le conquiste del secolo scorso le donne vengono ancora discriminate.ritieni che questo accada solo in alcuni paesi orientali o anche nel nostro paese?


Come usare