Jane Austen e Mary Shelly

Materie:Appunti
Categoria:Inglese

Voto:

2.5 (2)
Download:1180
Data:29.01.2007
Numero di pagine:9
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
jane-austen-mary-shelly_1.zip (Dimensione: 14.37 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_jane-austen-e-mary-shelly.doc     50 Kb



Testo

Romanzo
Il romanzo ha come protagonisti l'orgoglio di classe del signor Darcy e il pregiudizio di Elizabeth Bennet nei confronti di questo. La trama del romanzo si concentra sulle vicende della famiglia Bennet, composta dai signori Bennet e dalle loro cinque figlie in età da marito: Jane, Elizabeth, Mary, Catherine e Lydia. Lo scopo della vita della signora Bennet, una donna frivola e poco intelligente, è di vedere sposate le sue figlie. Il signor Bennet, invece, è un uomo intelligente e sarcastico che ha trovato il suo tranquillo equilibrio ignorando le intemperanze della moglie e delle figlie minori, ma anche trascurando in una certa misura le sue responsabilità verso la famiglia. Quando un ricco scapolo, il signor Bingley, si trasferisce nelle vicinanze, nasce l'amore tra lui e Jane Bennet. Elizabeth Bennet sviluppa un'antipatia immediata per il miglior amico di Bingley, il ricco e altezzoso signor Darcy, che al contrario si innamora di lei. Elizabeth respinge la proposta di matrimonio di Darcy sulla base dei suoi pregiudizi e di informazioni false alle quali era stata portata a credere per via della sua antipatia per il gentiluomo. La maniera di Darcy di dichiarare il proprio amore non aiuta il successo, dal momento che lui si mostra sprezzante e sdegnoso verso le origini poco elevate della famiglia della ragazza. Le frequentazioni successive la portano man mano a riconoscere il suo errore e il valore del suo pretendente, soprattutto quando Darcy interviene per salvare l'onore della sventata sorella minore Lydia, che scappa a Londra con un giovane truffatore senza scrupoli. Alla fine del romanzo le due coppie di innamorati, Jane-Bingley ed Elizabeth-Darcy, riescono finalmente a sposarsi.
Trama
The novel has as protagonists the pride of class of Mr. Darcy and the prejudgment of Elizabeth Bennet in the comparisons of this. The weft of the novel concentrates on the vicissitudes of the Bennet family, composed from the Bennet getlteman and theirs five daughters in age from husband: Jane, Elizabeth, Mary, Catherine and Lydia. The scope of the life of mrs. Bennet, a frivolous and little intelligent woman, is to see its daughters married. Mr. Bennet, instead, is an intelligent and sarcastico man who has found its calm equilibrium ignoring the intemperances of the moglie and the smaller daughters, but also neglecting in one sure measure its responsibilities towards the family. When a rich bachelor, Mr. Bingley, moves itself in the vicinities, the love between he and Jane Bennet is born. Elizabeth Bennet develops an immediate aversion for the better friend than Bingley, rich and arrogant Mr. Darcy, than on the contrary innamora of she. Elizabeth rejects the proposal of wedding of Darcy on the base of its prejudgments and of false information to which it had been capacity to believe for via of its aversion for the gentiluomo. The way of Darcy to declare just the love does not help the happened one, from the moment that he scornful and sdegnoso extension towards the little elevated origins of the family of the girl. The successive frequentations carry it man hand to recognize its error and the value of its expecting, above all when Darcy takes part in order to save the honor of the blanketed smaller sister Lydia, than scappa to London with a truffatore young person without scrupoli. In the end of the novel the two braces of sweethearts, Jane-Bingley and Elizabeth-Darcy, finally succeed to marry themselves.
Commento
Jane Austen descrive in maniera poetica, intelligente e ironica la vita delle giovani donne e la società nella campagna inglese del Settecento, anche attraverso una minuziosa caratterizzazione psicologica e comportamentale dei personaggi della storia. Il manoscritto originale fu composto fra il 1796 e il 1797, originariamente con il titolo First Impressions. Fu pubblicato nel 1813 al termine di un processo di revisione iniziato nel 1811. All'epoca in cui scrisse Orgoglio e pregiudizio, la Austen era appena ventenne, e viveva nella stessa camera della sorella. Scriveva su semplici quaderni. Non si leggono invece, nella trama, riferimenti ai drammatici eventi storici di quegli anni (primi fra tutti, la rivoluzione francese e l'inizio delle campagne napoleoniche).
Jane Austen describes in poetica, intelligent and ironica way the life of the young women and the society in the English campaign of the 1700's, also through one meticulous psychological and behavioural characterization of the personages of the history. The manuscript originates them was composed between 1796 and 1797, originally with the title it First Impressions. It was published in 1813 to the term of a process of review begun in 1811. To the age in which it wrote Pride and prejudgment, the Austen was hardly ventenne, and lived in the same room of the sister. It wrote on simple notebooks. They are not read instead, in the weft, references to the drammati to us historical events of those years (first between all, the French revolution and the beginning of the napoleoniche campaigns).
Maggio 1816: la sorellastra di Mary Shelley, Claire Clairmont, diventata l’amante di lord Byron, convince i coniugi Shelley a seguirlo a Ginevra. Il tempo piovoso confina spesso i dimoranti e questi occupano il tempo libero leggendo storie di fantasmi tedesche tradotte in francese. Byron propone allora di comporre loro stessi una storia di fantasmi: tutti cominciano a scrivere, ma Mary non ha subito l’ispirazione. Intanto le lunghe conversazioni degli uomini vertono sulla natura dei principi della vita, su Darwin, sul galvanismo, sulla possibilità di assemblare una creatura e infondere in essa la vita. Tali pensieri scatenano l’immaginazione di Mary e portano all’incubo che è all’origine del grande mito gotico: uno studente che si inginocchia di fianco alla creatura che ha assemblato; creatura che, grazie ad una qualche forza, comincia a mostrare segni di vita. Mary inizia il racconto decisa a ricreare quel terrore che essa stessa ha provato nell’incubo: il successo dello scienziato nell’animare la creatura l’avrebbe terrorizzato ed egli sarebbe scappato dal suo lavoro, sperando che, abbandonato a se stesso, l’essere sarebbe morto; ma la creatura rimane sconcertata dalla sua solitudine(“Satana aveva i suoi compagni che lo ammirassero ed incoraggiassero; ma io sono solo”) e avrebbe voluto delle spiegazioni, similmente a quelle di Adamo del Paradise Lost di Milton che compaiono all’inizio del testo: “Did I request thee, Maker, from my clay (creta) to mould me man., did I solicit thee from darkness to promote me...?” Il marito spinge Mary a sviluppare maggiormente la storia che viene continuata in Inghilterra.
Maggio 1816: sorellastra of Mary the Shelley, Claire Clairmont, become the lover of lord Byron, convinces the spouses Shelley to follow it to Geneva. The rainy time often confines dwelling and these occupy the free time reading German history of translate ghosts in French. Byron then proposes to compose same they one history of ghosts: all begin to write, but Mary has not endured the inspiration. While the long conversations of the men concern on the nature of the principles of the life, on Darwin, the galvanism, the possibility to assemble one creature and to instill in it the life. Such thoughts trigger the imagination of Mary and carry to the incubus that is to the origin of the great gothic myth: one student that is knelt down of flank to the creature who has assembled; creature who, thanks to one some force, begins to show signs of life. Mary begins the decided story to recreate that terror that same it has tried in the incubus: happened of the scientist in animating the creature terrorizzato it and it would be escaped from its job, hoping that, abandoned to if same, the being would be died; but the creature remains abashed from its solitudine (“Devil had its companions who admired it and encouraged; but I am alone”) and I would have intentional of the explanations, similarly to those of Adam of the Paradise Lost di Milton that appear at the beginnig of the text: “Did the request thee, Maker, from my Clay (clay) to mould me man., did solicit thee from darkness to promote me…” The husband pushes Mary to mainly develop the history that comes continued in England

Frankenstein, o il Prometeo moderno è un romanzo scritto da Mary Wollstonecraft Shelley fra il 1816 ed il 1817, pubblicato nel 1818. È questo il romanzo che genera il nome del dottor Victor von Frankenstein ed il personaggio della creatura, spesso ricordata come Mostro di Frankenstein, i quali a livello popolare sono (erroneamente) ricordati sotto lo stesso nome. Il primo obiettivo dell'autrice sembra fosse stato quello di attaccare il "delirio di onnipotenza dell'uomo che vuole farsi simile a Dio diventando egli stesso creatore".È probabilmente grazie alla figura del mostro, espressione della paura, al tempo diffusa, per lo sviluppo tecnologico, che il romanzo è divenuto immortale. Frankenstein è uno dei miti della letteratura proprio perché affonda le sue radici nelle paure umane. La "creatura" è l'esempio del sublime, del "diverso" che in quanto tale causa terrore. Dalla pubblicazione del libro, il nome di Frankenstein è entrato nella cultura popolare, in ambito letterario, cinematografico e televisivo. È inoltre spesso utilizzato, per estensione, come esempio negativo in quello bioetico, alludendo al fatto che il suddetto dottore compisse esperimenti illeciti o eticamente discutibili.
Frankenstein, or the modern Prometeo is a novel written from Mary Wollstonecraft Shelley between 1816 and 1817, published in 1818. The novel that generates the name of doctor the Victor von Frankenstein and the personage of the creature, often remembered like Monster of Frankenstein is this, which to popular level is (erroneously) remembers to you under the same name. The first objective of the author seems had been that one to attack the “delirium of omnipotent of the man whom it wants makes similar to God becoming he same creator”. It is probably thanks to the figure of the monster, expression of the fear, to the diffused time, for the technological development, than the novel it has become immortale. Frankenstein is one of myths of the literature just because it sinks its roots in the human fears. The “creature” is the example of the sublime one, of the “various one” that in how much such cause terror. From the publication of the book, the name of Frankenstein has entered in the popular culture, in literary within, cinematographic and television. Moreover it is often used, by extension, for example negative in that bioetico, alluding to the fact that the aforesaid doctor completed illicit or ethically debatable experiments.
Prometeo
Il sottotitolo del romanzo, Il Prometeo moderno (The modern Prometheus), allude all’aspirazione degli scienziati di poter fare tecnicamente qualsiasi cosa. Vi sono due versioni della storia di Prometeo che Mary Shelley cerca di unificare:il Prometeo della mitologia greca, un gigante ribelle che ruba il fuoco dall’Olimpo per salvare l’umanità, da cui viene tratto il tema della ribellione contro il destino la rielaborazione romana della leggenda di Ovidio (dalle Metamorfosi), in cui Prometeo plasma gli esseri umani dalla creta.
The subtitle it of the novel, the modern Prometheus (The modern Prometheus), alludes to the aspiration of the scientists of being able to make whichever thing technically. There are two versions of the history of Prometheus that Mary Shelley tries join: the Prometheus of Greek mythology, a rebellious enormous that steals the fire from Mount Olympus in order to save the humanity, from which the roman rework of the legend of Ovid (from the Metamorphoses comes drawn the topic of the rebellion against the destiny), in which Prometheus it puts molding on the human beings from the clay.

Frankenstein e il suo genere
Per l’autrice di quello che è generalmente considerato più grande mito gotico di tutti i tempi, la presenza di alcune opere come background letterario è scontata: ha infatti letto The Italian e The Mysteries of Udolpho di Ann Radcliffe, The Monk di Lewis, Vathek di William Beckford. Quest’ultimo si rifiuta di ammettere Frankenstein all’interno del genere gotico, per lo stile realistico delle sue descrizioni, che producono un effetto molto più potente dello stile di Beckford. In effetti Frankenstein è diverso dal tradizionale gotico in cui gli elementi naturali rimangono intatti. Quella natura che ci circonda tanto amata nel Settecento viene fortemente invasa. È Victor stesso a dichiarare di voler sconfiggere ogni malattia e debolezza umana.Vi sono alcuni punti però che possono accostare Frankenstein al gotico, come l’ansia data per la mancanza di una via d’uscita, il fatto che entrambi i protagonisti vogliano perseguitarsi fino alla morte di uno di loro. Man mano che si procede verso la fine della storia i loro percorsi si fanno sempre più intrecciati, fino a ricordare un Doppelgänger Motiv. Il romanzo può dunque rientrare in un tipo di gotico moderno che illustra l’aspetto più importante di questo genere e cioè la mancanza del rapporto tra causa ed effetto o comunque la sua debolezza. Successivamente l'opera è stata anche considerata il primo romanzo di fantascienza.
For the author of what generally greater gothic myth is considered than all the times, the presence of some works like background literary is discounted: in fact it has read to The Italian and The Mysteries of Udolpho di Ann Radcliffe, The Monk di Lewis, Vathek di William Beckford. This last one refuses to admit inside of the sort gotico Frankenstein, for the realistic style of its descriptions, that they produce to an effect the much most powerful one of the style of Beckford. In Frankenstein effects it is various from the traditional gothic in which the natural elements they remain intact. That nature that it so much encircles to us loved in the 1700's comes strongly invaded. She is same Victor to declare of wanting to defeat every disease and human weakness. There are some points but that they can approach Frankenstein to the gothic, like the anxiety given for the lack of one via of escape, the fact that both the protagonists want to torment until death of one of they. As one proceeds towards the end of the history their distances are made more and more interlaces to you, until remembering a Doppelgänger Motiv. The novel can therefore re-enter in a type of modern gothic that illustrates the aspect more important than this kind and that is the lack of the relationship between cause and effect or however its weakness. Subsequently the work has been also considered the first novel of fantascienza.

Esempio