Ricerca sulla Germania

Materie:Appunti
Categoria:Geografia
Download:2481
Data:29.10.2001
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
ricerca-germania_1.zip (Dimensione: 167.68 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_ricerca-sulla-germania.doc     197 Kb



Testo

PUNTI DA SVILUPPARE:
GEOGRAFIA:
➢ La Germania: Territorio;
➢ Idrografia;
➢ Clima;
➢ Flora e Fauna;
➢ Le città principali;
➢ Lingua;
➢ Istruzione e cultura;
➢ Economia;
➢ Agricoltura e allevamento;
➢ Risorse forestali e pesca;
➢ Risorse minerarie;
➢ Industria;
➢ Il muro di Berlino.
________

La Germania è uno stato dell’Europa centrale. Prima del secolo scorso non era mai esistita una Germania unificata politicamente; vi erano diversi stati compresi entro le vaste aree, estese tra il Reno e l’Oder. La formazione della Germania come unità politica si ebbe nella seconda metà dell’Ottocento (1871) e tale rimase per 74 anni, sino al 1945, quando, in seguito alla seconda guerra mondiale, fu nuovamente divisa, si formarono due stati: la Repubblica federale tedesca legata al mondo occidentale e la Repubblica democratica tedesca legata alla sfera comunista dominata dall’Unione Sovietica. Il 3Ottobre del 1990, le due repubbliche si sono riunite in un unico stato, la cui capitale è tornata ad essere Berlino.
➢ IL TERRITORIO:
La Germania presenta un territorio molto vasto che può essere suddiviso in tre distinte zone: quella dei massicci antichi, con i bassopiani al centro e al nord, e quelle dei rilievi d’origine alpina a sud. Si possono riconoscere tre grandi regioni fisiche: il bassopiano germanico settentrionale, gli altipiani e la regione montuosa meridionale.
Il bassopiano settentrionale comprende pianure e ondulazioni che risentono della morfologia d’origine glaciale; esso è percorso da fiumi che provengono da rilievi centrali e meridionali, e tuttora caratterizzato da vasti depositi di loess, formatisi in età glaciale. La regione è divisa in due sezioni del corso dell’Elba: la sezione occidentale è meno fertile e presenta vaste brugherie d’erica. La sezione orientale è più fertile e comprende la regione collinare del Meclemburgo, è caratterizzata dalla presenza di numerosi laghi d’origine morenica, come il lago di Müritz.La costa è bassa e uniforme.Lungo la costa occidentale, quella bagnata dal mare del nord, ci sono terre che sono state sottratte dall’uomo al mare per la costruzione di dighe, la costa del mar Baltico presenta in alcuni punti lagune racchiuse dai sedimenti portati dai fiumi. Le isole principali sono le Frisone orientali, Helgoland nel mare del nord e Rügen nel mar Baltico. L’altopiano centrale comprende i monti più antichi del paese, come rivelano le loro forme erose e arrotondate :a nord si trovano i rilievi della Selva di Teutoburgo, a sud ovest i monti della foresta Nera e ad est i monti metalliferi e la Selva Boema.
Il punto più elevato della regione è la vetta del Mittelgebirge (1600m). La caratteristica di questa regione è la presenza di vasti giacimenti di carbone formatisi durante il Paleozoico, quando estese foreste furono sommerse dal mare. La sezione meridionale della Germania comprende i rilievi della catena alpina e i rilievi nati dall’orogenesi da cui sono sorte le Alpi, come il Giura Svevo e i monti che attraversano la Fossa Renana, tra cui l’estesa foresta Nera.
➢ IDROGRAFIA:
Il fiume principale della Germania è il Reno,che nasce dalle Alpi e scorre verso i bassopiani olandesi affacciati sul mare del Nord; i suoi principali affluenti in territorio tedeschi sono il Lippe, il Meno, la Mosella, il Neckar e la Ruhr. Il Reno, segna il confine con la Svizzera e con la Francia, costituisce una delle più importanti vie di comunicazione del mondo. Altri fiumi importanti sono l’Elba, che nasce nella regione dei Sudati e sfocia nel mare del nord, il Danubio che attraversa gran parte del sud del paese prima di entrare in Austria a Passau e l’Oder che è l’unico fiume tedesco che sfocia nel Baltico. La Germania possiede pochi grandi laghi; il maggiore è il lago di Costanza, che si estende anche in territorio austriaco e svizzero.
➢ IL CLIMA:
La Germania ha un clima temperato, che risente sia degli influssi continentali provenienti da est sia di quelli oceanici, le temperature medie si aggirano sui 9°C con leggere variazioni. Le precipitazioni sono più abbondanti a sud.
➢ FLORA E FAUNA:
Il 30% del territorio tedesco è coperto di boschi, la maggior parte dei quali si trova nella regione meridionale del paese e sui rilievi centrali. I boschi comprendono le latifoglie d’ambiente temperato,cioè querce, frassini, tigli, faggi, inoltre abeti e,a quote elevate, larici. Nelle regioni pianeggianti e costiere s’incontrano pini e betulle. Gran parte delle colline delle regioni sud occidentali e delle valli del Reno è coperta da vigneti, la cui crescita è favorita dal clima piuttosto mite.
Per quanto riguarda la fauna, la varietà di specie è modesta e comprende mammiferi come il cervo, il cinghiale, la lepre, la donnola, il tasso, il lupo e la volpe. Nelle acque del mare del Nord e del mar Baltico vivono aringhe e merluzzi, mentre nei fiumi e nei ruscelli troviamo carpe, trote e pesci gatto.
➢ LE CITTÀ PRINCIPALI:
La capitale della Germania è Berlino, città monumentale le cui vicende sono legate alla divisione in due della Germania, il cui confine passava nel cuore storico della metropoli. I principali centri del paese sono perlopiù d’origine antica, medievale. Molti sono legate allo sviluppo industriale. Le maggiori città sono:Amburgo importante centro commerciale e industriale. Il suo porto sorge alla foce dell’Elba.Costruita dal X secolo, è una città moderna con vasti parchi, un’importante università e molti musei. Sul Reno sorge Colonia città industriale. Ricostruita dopo la Seconda guerra mondiale, conserva intatto il suo maestoso Duomo gotico, una delle più grandi cattedrali d’Europa. Berlino è tornata ad essere la capitale della Germania solo dopo la riunificazione della Germania, è una gran metropoli industriale. Sorge alla confluenza dello Spree con l’Havel, su un territorio con boschi costellati da laghetti. Lubecca è la capitale della Lega Anseatica, ha conservato l’antico aspetto medioevale. È un importante porto commerciale e industriale sul mare Baltico.

➢ LINGUA:
Il tedesco è la lingua ufficiale del paese, esistono inoltre numerosi dialetti regionali. L’unica minoranza linguistica significativa è rappresentata da 100.000 serbi, discendenti delle tribù slave che i tedeschi del Medioevo chiamavano Wend, che vivono nella regione della Lusazia. La popolazione tedesca è per il 45% circa protestante, per il 40% cattolica e per il 2% mussulmana, in Germania risiedono inoltre circa 30.000 ebrei.
➢ ISTRUZIONE E CULTURA:
L’istruzione scolastica in Germania è obbligatoria e gratuita tra i sei e i 18 anni d’età, l’analfabetismo è praticamente assente. Il sistema scolastico si divide nel grado inferiore, rappresentato dalla scuola di base, e in quello superiore che prevede fondamentalmente tre diversi corsi di studi, istituti professionali,l’Hauptschule,gli istituti tecnici e il Gimnasium che si conclude con il conseguimento del diploma, necessario per l’ammissione all’università. Esistono inoltre scuole per gli adulti, come le numerose università popolari, che offrono una gran varietà di corsi e alcuni programmi che giungono fino al conseguimento del diploma. Il paese inoltre è sede dell’università di Heidelberg (1386), tra le più antiche d’Europa.
Teatri e sale da concerto attraggono numerosi spettatori; le orchestre filarmoniche di Berlino e di Monaco e l’orchestra sinfonica di Bamberga sono conosciute in tutto il mondo. Particolarmente rilevanti sono fiere e festival come quello di Wagner e quelli di Bach a Lipsia, le settimana del cinema a Berlino e la fiera del libro di Francoforte.
➢ ECONOMIA:
La Germania ha un’economia molto sviluppata, che si basa sul settore industriale. Questo era già potente prima della seconda guerra mondiale, scatenata dalla Germania per contrapporre la propria potenza al resto dell’Europa. La guerra distrusse praticamente la struttura produttiva del paese, che però rinacque in breve, nella Germania occidentale, grazie anche ai favori delle politiche occidentali, in gara con quelle orientali del Patto di Varsavia, nel cui la Germania orientale divenne il paese leader sul piano economico.
➢ AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO:
L’agricoltura riveste un ruolo di secondaria importanza nell’economia tedesca, il paese importa circa un terzo dei prodotti agricoli destinati al consumo locale. I terreni più fertili si trovano nella zona meridionale del paese; le colture principali sono barbabietole da zucchero, patate, orzo, frumento, avena, segale e luppolo( pianta erbacea,utile per aromatizzare la birra). La Germania produce anche notevoli quantità d’uva, destinata alla vinificazione.
L’allevamento principale è quello di bovini e mucche da latte, oltre che di suini.
➢ RISORSE FORESTALI E PESCA:
Silvicoltura e pesca sono due settori di gran rilevanza nell’economia tedesca. La maggior parte del legname prodotto proviene dalle grandi foreste del sud - ovest.
I maggiori porti pescherecci del paese sono quelli di Brema ,Cuxhaven nel mare del Nord e di Kiel sul mar Baltico.
Ogni anno si pescano circa 270.000 tonnellate , costituite principalmente da pesce di mare, e in particolar modo da aringhe.
➢ RISORSE MINERARIE:
La Germania possiede ricchi giacimenti minerari; i più importanti sono quelli di carbone che sono stati all’origine della grande industria di base tedesca, principalmente nella regione della Ruhr e nel Saarland , anche se l’industria ha ormai esaurito gran parte delle riserve.
Ancora importante è la produzione di lignite utilizzata dall’industria energetica; notevole importanza ha anche il petrolio che proviene soprattutto dalle zone vicino al confine olandese dove si estrae anche gas naturale.
Il potassio , di cui la Germania possiede ricchi giacimenti, abbonda nel sud-ovest e nel nord, vicino alle bocche dei fiumi Ems e Neser. In territorio tedesco esistono inoltre abbondanti riserve di sale e, in quantità più modesta, giacimenti di mercurio, argento, zolfo, piombo, uranio e zinco.
➢ INDUSTRIA:
Le grandi industrie manifatturiere sono concentrate in diversi distretti industriali; il principale si trova nella Renania settentrionale e comprende il bacino della Ruhr, il sistema industriale tedesco con i suoi complessi siderurgici, le sue acciaierie, e le industrie manifatturiere collegate.
Un altro importante distretto industriale è situato nel punto di confluenza dei fiumi Reno e Meno; in quest’area sono comprese le città di Francoforte e Mainz con le loro grandi fabbriche per la lavorazione dei metalli e la produzione di componenti elettroniche, prodotti farmaceutici,chimici e veicoli a motore.
Stoccarda è il centro di una zona di produzione di motoveicoli, apparecchiature elettroniche, macchinari per ufficio, tessuti e strumenti ottici.
Nel territorio dell’ex Germania Est si trovano grandi stabilimenti siderurgici, con importanti fonderie vicino a Berlino. Numerosi impianti chimici si trovano nella regione sì Dessau, un gran complesso petrolchimico di raffinazione sorge sull’Oder.
Le principali fonti d’energia sono oggi assicurate in misura quasi uguale dal petrolio e dalle centrali nucleari,la cui produzione però è stata recentemente ridotta. Lungo i principali fiumi del sud esistono impianti idroelettrici che però danno una produzione abbastanza scarsa.
➢ IL MURO DI BERLINO:
Il muro di Berlino fu innalzato il 13 agosto 1961 per impedire la fuga di profughi da Berlino Est a Berlino Ovest, il “muro” per quasi trent’anni ha rappresentato il simbolo della spaccatura tra il mondo occidentale e quello comunista, che alla fine della Seconda guerra mondiale di erano divisi il territorio tedesco.
Alla fine degli anni Ottanta, con il crollo del comunismo in Europa, anche quel “muro” aveva perso la sua funzione. La sera del 9 novembre 1989 il portavoce del partito comunista della Germania Democratica dichiarò ufficialmente che i confini verso la Germania Federale e Berlino Ovest erano aperti. La notizia fu accolta dalla gente con molta gioia: finalmente un popolo spaccato in due da una guerra perduta poteva riunirsi. La sera del 22 dicembre 1989 ci fu una grande festa per l’abbattimento del muro a cui partecipò tantissima gente.

Esempio



  


  1. GIULIA

    STO CERCANDO UNA RICERCA PER GEOGRAFIA SULLA GERMANIA