L'economia statunitense

Materie:Appunti
Categoria:Geografia

Voto:

2.5 (2)
Download:110
Data:29.01.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
economia-statunitense_1.zip (Dimensione: 3.93 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_l-economia-statunitense.doc     21.5 Kb



Testo

Le basi della società e dell’economia
L’economia statunitense si basa sulle grandi imprese collegate tra loro . Pochi grandi gruppi controllano i principali settori dell’industria e del terziario .
A capo dell’azienda è molto raro trovare l’industriale singolo o i suoi familiari , la proprietà è divisa tra tanti soggetti e la gestione viene lasciata ai dirigenti d’industria (manager) e ai consigli di amministrazione .
In quasi tutti i settori sono numerose le piccole e medie imprese destinate ad essere assorbite da imprese più grandi .
Parte dell’economia è regolata dall’intervento dello Stato che in agricoltura aiuta le aziende ritirando i prodotti in eccesso , dall’industria acquista molti prodotti per i suoi enti e gli enti statali finanziano la ricerca scientifica .
Nei rapporti con l’estero lo Stato regola il commercio cercando di proteggere la produzione nazionale dalla concorrenza estera .

Un’agricoltura di mercato
Gli Stati Uniti hanno buone risorse naturali per l’agricoltura e l’allevamento : pianure fertili , climi temperati , abbondanza di acque e vie fluviali per il trasporto .
E’ un’agricoltura di mercato rivolta a produrre sempre di più , a prezzi sempre più bassi .
Con la diffusione della meccanizzazione si è ridotto il numero di addetti ed è cresciuta la produzione .
Prevalgono le grandi imprese mentre le piccole imprese familiari dispongono di superfici limitate e svolgono anche altre attività , ricorrendo al part-time .
La produzione è destinata all’ampio mercato interno ma in molti settori è eccedente e viene esportata .
I prodotti più importanti sono i cereali , i prodotti industriali , i derivati dell’allevamento , frutta e ortaggi .
L’agricoltura statunitense ha operato una specializzazione del territorio agrario . In base alla natura dei terreni , alla vicinanza dei mercati e al clima , sono stati sviluppati i prodotti più redditizi e si è formata una specializzazione zonale a grandi fasce , i belt .
Negli ultimi decenni si è attuata una diversificazione ; si coltivano più prodotti e si privilegiano colture più richieste dal mercato o di maggior pregio .
Una parte consistente della produzione agricola è destinata all’allevamento di bovini , suini e animali da cortile .
L’orticoltura e la frutticoltura costituiscono una tradizionale specializzazione della California , l’Alaska è conosciuta per lo sfruttamento delle foreste e la pesca viene attuata sulle coste dell’Atlantico .
L’agricoltura nordamericana è strettamente legata all’industria e al terziario ed è presente una forte attività di coltivazione e trasformazione dei prodotti agricoli in cibi e conserve o di confezionamento per la distribuzione .
Le imprese di commercio all’ingrosso sono molto potenti e le grandi imprese agroindustriali controllano tutte le fasi dell’attività agricola .
Solo in alcune regioni , le piccole imprese agricole si riuniscono in cooperative sostenute da aiuti pubblici .
Anche l’azienda di tipo familiare è condotta con criteri imprenditoriali ; la gestione è basata su una contabilità analitica , calcoli di produttività e programmazione della produzione .
L’agricoltura dipende in misura crescente dai servizi di marketing e ricerca applicata , di conseguenza diminuiscono gli agricoltori e aumentano gli addetti a questi servizi .

Esempio