Guinness

Materie:Tesina
Categoria:Generale
Download:919
Data:27.06.2008
Numero di pagine:52
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
guinness_1.zip (Dimensione: 457.49 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_guinness.doc     746 Kb


Testo

Istituto Dante Alighieri
Uno sguardo alle politiche di una grande impresa globale
De Bhuinn Colm
V^ ITC a.s. 2007/2008
Indice
Premessa 3
Inglese – The company history and modern times 4
Geografia Economica – La localizzazione 8
Economia Aziendale – Il bilancio d’esercizio 15
Scienza delle Finanze – Le imposte che gravano sulle S.p.A 28
Diritto – L’Unione Europea 39

Premessa
La Guinness è nata nel 1759 a St. James’s Gate a Dublino, Irlanda. Oggi è venduta in oltre 150 Paesi. Il suo mercato principale è la Gran Bretagna, ma il sito di produzione più grande della Guinness si trova in Nigeria, il suo secondo mercato più importante, testimone di come la globalizzazione ha trasformato questo produttore di birra in una grande impresa globale. Nel 1997, Guinness e GrandMet si sono uniti, creando Diageo Plc, un’impresa transnazionale presente in 180 Paesi, con prodotti come Guinness, Baileys e Smirnoff.
Grazie a questo studio, ho approfondito alcuni argomenti relativi alla gestione e alle scelte di un’impresa di queste grandi dimensioni.
Le materie che ho preso in considerazione sono cinque:
• In Inglese - ho parlato della nascita e dell’evoluzione della Guinness dal 1759 ad oggi;
• In Geografia Economica - della localizzazione e delocalizzazione, i loro fattori e un caso recente di delocalizzazione che riguarda la Guinness;
• In Economia Aziendale - ho presentato il bilancio d’esercizo della Diageo, capogruppo della Guinness, la mia traduzione in italiano, il bilancio in generale - le sue finalità, le norme che lo regolano e la sua composizione;
• In Scienze delle Finanze - ho presentato le tre imposte più importanti che gravano sulle società: IRES, IRAP e IVA.
• In Diritto - l’Unione Europea, che ho ritenuto opportuno includere essendo l’organismo alla base della globalizzazione dell’economia europea;

Iniziamo dalla presentazione della storia e dell’evoluzione della Guinness in inglese
INGLESE: The company history and modern times
Arthur Guinness, born in 1725 in Co. Kildare, was the son of Richard Guinness, among whose duties was to supervise the brewing of beer for the workers on the estate. As Arthur grew up, he helped his father with his work.
When, in 1752, Arthur was left an inheritance of £100, he used the money to start his own brewery in Leixlip with his brother Richard. Just three years later, he handed the business over to Richard and went to Dublin with a view to starting a brewery of his own.
On December 31st 1759, Arthur Guinness signed a lease on the St. James’s Gate Brewery for 9,000 years at £45 per annum. The brewery he bought was small, disused and ill-equipped. So began the Guinness brewing legend. Ever since, the St. James’s Gate Brewery has been at the heart of the success of Guinness.
Growth and expansion
By the 1770s the now famous Guinness porter was being brewed. In 1799 the decision was made to concentrate solely on brewing extra stout porter instead of the weaker ale that was then being produced.
The late eighteenth century marked a period of rapid growth, with the first major expansion of the brewery taking place. In 1803 Arthur Guinness died, and his son Arthur Guinness II took over.
By 1833 St. James’s Gate Brewery had become the largest brewery in Ireland and in 1862 the Guinness trademark label was introduced.
Under Edward Cecil Guinness, in 1873, the size of the brewery doubled and spread north to bound the river Liffey.
Largest brewery in the world
By 1886, Guinness had become the largest brewery in the world, with an annual production of 1.2 million barrels. An illustration of the global profile that Guinness now had was the appointment of Overseas Travellers in the 1890s.
These were international quality controllers. They travelled abroad to ensure that the Guinness sold outside of Ireland was of the same high quality as that found at home.
This commitment to quality has been a cornerstone of the brewing process up to the present day.
Expansion
The beginning of the 20th century saw further expansion and at its peak more than 4,000 people were directly employed at St. James’s Gate. By 1914, output had reached almost three million barrels annually.
Guinness also grew stronger as a truly global brand. Foreign Extra Stout, a variant of the original Guinness stout, fortified specifically for export, was shipped – and later brewed – in countries across the world. Foreign Extra Stout now accounts for over 40% of the Guinness sold worldwide.
With the launch of draught Guinness as it is now known, in the 1950s, Guinness further increased in popularity and its distribution widened.
Modern times
Five are now Guinness’s most important markets:
1. Great Britain
2. Nigeria
3. Ireland
4. United States
5. Cameroon
Guinness is the world’s leading stout, sold in more than 150 countries worldwide. Despite being a hugely successful brand, in Britain and Ireland, Guinness sales are falling, mainly because wine has become so popular. In 2006 Guinness sales in Ireland were down 7%. In Ireland, with 40% of the population under 25, Guinness also has an image problem as a bit of a grandfather’s drink, much heavier than easy-drinking fizzy lagers. Nevertheless, Guinness is successfully opening up new markets. Guinness’s top market is still Britain, but in second place is no longer Ireland, but Nigeria – where barley is replaced by maize and sorghum. In fact, Lagos, and not Dublin, is home to the world’s largest Guinness brewery.
The start of Diageo
In May 1997 Guinness and Grand Metropolitan merged to form a new company, tentatively called GMG Brands. Seven months later the £12 billion ($19 billion) merger, the largest in U.K. history to that point, had been finalized, but not before a five-month battle with LVMH had ended peacefully. LVMH agreed to drop its opposition to the merger in return for receipt of £250 million upon the merger's consummation; the merged entity would retain Guinness's 34 percent stake in LVMH's Moët Hennessy champagne and cognac division, while LVMH would hold about 11 percent of the new company. Guinness and GrandMet also had to agree to divest the Dewar's Scotch whiskey and Bombay gin brands in order to gain approval from U.S. and European regulators. In late March 1998, the merged company, now named Diageo plc, announced an agreement to sell these brands to Bermuda-based Bacardi Ltd. for £1.15 billion ($1.94 billion) in cash. The name "Diageo" had been derived from the Latin "dia" (day) and the Greek "geo" (world). The company explained that the name was supposed to convey that "every day, all around the world, millions of people enjoy our brands."
Diageo was centred on brands. At its founding, the company had four main businesses: United Distillers & Vintners (UDV), Pillsbury, Guinness, and Burger King. UDV (which generated about 45 percent of overall revenue) was a combination of the numerous leading liquor brands of Guinness's United Distillers unit and GrandMet's International Distillers & Vintners unit; UDV became the world's number one distiller upon its formation. Pillsbury (29 percent) retained GrandMet's four packaged-food megabrands: Pillsbury, Green Giant, Häagen-Dazs, and Old El Paso. Guinness (18 percent) included such stellar brewing brands as Guinness, Harp, Kilkenny, Cruzcampo of Spain, Red Stripe, and Kaliber. Burger King (8 percent) trailed only McDonald's among the world's hamburger chains. Bull and Greener were named co-chairmen of Diageo, while McGrath became Diageo's first chief executive.
Refocusing on Premium Drinks
By 2000 Diageo had endured three years of criticism from analysts unimpressed by the outcome of the Grand Met-Guinness merger. The company's sales were sluggish and its share price was sinking. A new management team took over that year, led by Lord Blyth, chairman of the Boots Company PLC, who was named non-executive chairman, and Paul Walsh, the new chief executive, who had previously headed Pillsbury. Walsh immediately began shaking up the firm. UDV and Guinness were combined into a single beverage division, Guinness UDV. More dramatically, Walsh narrowed the company to a single focus: premium drinks. In mid-2000 Diageo announced plans to divest both Pillsbury and Burger King. Pillsbury was ultimately sold to General Mills, Inc. in October 2001 for about $6 billion in stock and the assumption of $5.1 billion in debt. Diageo emerged with a 33 percent stake in General Mills, but by late 2005 Diageo had completely divested this holding. In December 2002, meantime, Diageo completed its exit from the food industry with the sale of Burger King to a consortium led by Texas Pacific Group Inc. in a £940 million ($1.5 billion) deal. Also divested during this period was the Guinness World Records business, which was sold in July 2001 to Gullane Entertainment for £45.5 million ($64.5 million).
Diageo shuttered its Park Royal brewery in London in June 2005, transferring its production of Guinness for the U.K. market to its St. James's Gate brewery in Dublin.
Principal Subsidiaries:
Diageo Ireland; Diageo Great Britain Limited; Diageo Scotland Limited; Diageo Brands BV (Netherlands); Diageo North America, Inc. (U.S.A.); Diageo Capital plc; Diageo Finance plc; Diageo Capital BV (Netherlands); Diageo Finance BV (Netherlands); Diageo Investment Corporation (U.S.A.).
Principal Divisions:
Diageo Europe; Diageo International; Diageo North America.
Principal Competitors:
Pernod Ricard SA; Bacardi & Company Limited; Brown-Forman Corporation; Fortune Brands, Inc.; Heineken N.V.; SABMiller plc; Molson Coors Brewing Company; Carlsberg A/S.
• Public Company
• Incorporated: 1997
• Employees: 20,000
• Sales: £9.04 billion ($16.18 billion) (2005)
• Stock Exchanges: London New York
• Ticker Symbols: DGE (London); DEO (New York)
• NAIC: 312120 Breweries; 312130 Wineries; 312140 Distilleries
Key figures 2007:
– Marketing spend increased by a further 8%
– Operating profit includes a gain of £40 million in respect
of exceptional items
– Return on invested capital increased 70 basis points to 14.4%
– Strong free cash flow of £1,365 million
– £2.3 billion returned to shareholders: £858 million
in dividends and £1,400 million of share buybacks
Avendo parlato della nascita e dell’evoluzione dell’impresa, analizziamo ora nel dettaglio un fenomeno molto importante che la Guinness ha vissuto più volte durante questo percorso
GEOGRAFIA ECONOMICA: La localizzazione
Le prime forme di insediamento all’estero di attività produttive risalgono al primo periodo coloniale. Si trattava di una localizzazione obbligata, poiché vincolata dalla presenza di materie prime o risorse – minerali e prodotti di piantagione – disponibili solo in siti particolari e non lavorabili altrove. Fu così che apparvero dalla Florida al Brasile i primi zuccherifici di proprietà europea.
Tra la fine dell’Ottocento e il primo Novecento alcune grandi imprese cominciarono a insediare impianti all’estero, per avvicinarsi questa volta ai mercati di sbocco dei loro prodotti. Scelsero, quindi, Paesi dove l’industrializzazione aveva già creato alcune premesse: la presenza di una manodopera con cultura industriale e di altre imprese locali capaci di assorbire i semilavorati, un certo potere d’aquisto. Mentre imprese americane iniziavano a sbarcare in Europa, grandi gruppi tedeschi investivano, per esempio, in Italia.
L’approdo nei Paesi in via di sviluppo da parte di quelle che conosciamo come società multi o transnazionali risale perlopiù al secondo dopoguerra. La scelta ebbe altre motivazioni e fu resa possibile dal verificarsi di alcuni prerequisiti. Spesso, infatti, il Sud del mondo non costituiva un mercato interessante, dati gli insufficienti livelli di reddito, ma in compenso permetteva di sfruttare altre vantaggiose opportunità, a partire dal basso costo della manodopera. Inoltre, dovevano aprirsi i mercati, con l’abbattimento dei dazi doganali, ma neppure il passaggio dal protezionismo a una situazione generalizzata di liberismo commmerciale avrebbe reso possibile l’internazionalizzazione delle imprese se nel frattempo non fossero diminuiti sensibilmente i costi di trasporto. Localizzare attività produttive nei Paesi in via di sviluppo apparve ulteriormente vantaggioso per la facile disponibilità di suoli edificabili, il cui costo, al contrario, lievitava sensibilmente nei Paesi d’origine delle multinazionali.
Anche l’assenza di normative ecologiche favorisce l’emigrazione delle imprese perché permette di produrre senza rispettare le rigide normative e senza sostenere i costi che nel Nord del mondo vengono imposti per tutelare l’ambiente e la salute della manodopera e delle popolazioni.
Pure il minor costo dell’energia svolge la sua parte, se si decide di insediarsi in Paesi che ne sono dotati in abbondanza, come è il caso di quelli petroliferi o ricchi di miniere di carbone. Infine, la debolezza o l’assenza delle organizzazioni sindacali consente talvolta di eludere le leggi rigorose che nel mondo sviluppato proteggono i lavoratori, con il conseguente sfruttamento delle donne e persino dei bambini.
Con la terza Rivoluzione Industriale si è affermato un nuovo modo di produrre. Gli addetti al settore industriale sono diminuiti drasticamente e si espande il terziario; le produzioni si smaterializzano perché richiedono meno materie prime e più tecnologia.
Taylorismo e fordismo (catena di montaggio), sui quali si basò il modo di produrre durante la seconda Rivoluzione industriale, ossia tra la fine dell’Ottocento e gli anni settanta del secolo scorso, hanno lasciato il passo a sistemi più flessibili, secondo il principio del just in time (al momento giusto) si produce in maniera diversificata su ordinazione del cliente e non per stoccare merci nel magazzino. Si avrà così il trionfo del toyotismo: un modo di produrre inventato in Giappone dalla Toyota Auto.
I criteri di localizzazione
I principali vincoli e fattori che condizionano le decisioni in merito alla localizzazione territoriale delle imprese sono:
- vincoli ecologico-ambientali: sono costituiti dalle caratteristiche naturali dei siti nei quali vengono ubicate le unità produttive.
- i fattori funzionali: riguardano invece le particolari necessità tecnico-economiche di ogni impresa.
Vincoli Ecologici Fattori Funzionali
- risorse idriche - materie prime
- spazi adeguati - fonti energetiche
- vicinanza al mare - imprese fornitici
- caratteri geologici e morfologici dei siti - mercato del lavoro
- smaltimento dei rifiuti - mercato (distribuzione)
- pericolosità delle lavorazioni - trasporti
- servizi e infrastrutture
Esempi:
- nel caso delle imprese minerarie possono ubicarsi dove ci sono i minerali;
- nel caso delle centrali termonucleari esse non possono ubicarsi in aree a rischio sismico.
Inoltre possiamo riassumere alcuni fondamentali criteri di scelta operativa in fatto di localizzazione spaziale delle unità produttive.
1. Beni di investimento e di consumo: le imprese produttrici di beni di investimento e di semilavorati sono maggiormente condizionate dal ruolo che le materie prime esercitano nella loro attività. Le imprese che producono beni di consumo tendono ad avvicinarsi ai mercati di sbocco, alle grandi aree urbane, nelle quali si concentra un’elevata quota di consumatori. Es. l’industria del mobile si insedia anche in paesi privi della risorsa primaria, che importano, poiché in questo settore prevale il ruolo di altri fattori (la professionalità, il design. Il reddito dei consumatori)
2. Produzioni di qualità: nella produzione di beni di lusso e di qualità, la professionalità degli addetti resta il fattore determinante per il successo dell’impresa. Una buona professionalità è da ricercare in zone in cui vi sono istituti scolastici che preparano i giovani, così da esserci un intreccio di teoria (sapere) e di pratica (saper fare) che dà origine a una cultura dell’oreficeria o degli strumenti musicali, del mobile o del cuoio.
3. Produzioni di massa: in questo caso giocano un ruolo importante i costi della manodopera, infatti è una delle ragioni che spiega il decentramento produttivo nei paesi orientali o in via di sviluppo. Al basso costo della manodopera si aggiungono l’assenza di un controllo sul lavoro minorile e femminile, l’assenza di una protezione sindacale e di normative in materia ambientale.
4. Aree portuali: nei paesi in cui il sistema produttivo si basa su economie di trasformazione (importazione di materie prime di cui sono privi ed esportazione dei prodotti finiti) le aree portuali rivestono un ruolo importante, infatti le imprese che lavorano sull’esportazione trovano conveniente insediarsi nelle vicinanze dei grandi scali marittimi per evitare inutili trasporti interni.
I siti di produzione della Diageo, capogruppo della Guinness
I modelli di localizzazione
I modelli di localizzazione sono due: accentrato e diffuso. Tra i due, come lungo un segmento, si colloca un miriade di altre situazioni che tendono di volta in volta più verso un estremo o l’altro. Da ciascuna realtà derivano conseguenze diverse per quanto riguarda sia l’organizzazione del territorio, sia il complessivo sistema economico-sociale. In linea generale si può affermare che, mentre nelle prime fasi dell’industrializzazione venne privilegiato il modello accentrato, con la terza Rivoluzione industriale si impone quello della fabbrica diffusa sul territorio, parallelamente al processo di deurbanizzazione che investe i centri urbani.
L’insediamento accentrato
Questo modello di localizzazione era condizionato dai vincoli tecnologici del passato che imponevano scelte quasi obbligate: disponibilità di energia e di acqua, vicinanza alle materiale prime e alle linee ferroviarie. Le imprese dello stesso settore e quelle operanti in comparti diversi tendevano ad avvicinarsi una all’altra, richiamando manodopera e altre attività produttive, commerciali, di servizio.
La congiunta presenza di molte unità produttive giustificava l’intervento pubblico che si traduceva nella realizzazione di infrastrutture e servizi (scali ferroviari, nodi autostradali, strutture distributive, servizi doganali e bancari), grazie ai quali le imprese beneficiavano di economie esterne. In genere a essere privilegiate furono le aree urbane e la riduzione dei costi che derivava da un simile modello di insediamento generava le cosidette economie di agglomerazione basate su vincoli di interdipendenza, che alimentavano il circuito degli insediamenti, mediante integrazioni orizzontali e verticali.
Il decentramento produttivo
Le fabbriche della seconda Rivoluzione industriale erano spesso di notevoli dimensioni e ubicate nelle periferie delle città. La progressiva crescita metropolitana le inglobò nel tessuto urbano, con effetti negativi sul piano sociale e l’emergere di diseconomie esterne dovute proprio a una organizzazione del territorio non specializzata, caratterizzata dal mescolarsi confuso di insediamenti abitativi e di attività produttive. La qualità della vita dei cittadini peggiorò, poiché la presenza di aree industriali e residenziali a ridosso le une delle altre comportava degrado del paesaggio, traffico, rumore, inquinamento dell’aria, mancanza di spazi e verdi e per il tempo libero. Per le stesse imprese coinvolte, la precedente favorevole localizzazione si tramutò progressivamente in deseconomie esterne. Accerchiati dalle successive edificazioni, gli insediamenti produttivi si trovano impossibilitati a espandersi; mancavano parcheggi per i lavoratori, che a partire dagli anni Sessanta-Settana avevano abbandonato le biciclette per venire al lavoro in auto.
Mancavano spazi per nuovi uffici, aree di carico, magazzini.
Venutesi a trovare dentro le città e non più alla loro periferia, le imprese si trovarono ad affrontare problemi e costi notevoli per i trasporti all’esterno delle merci prodotte e i rifornimenti di materie prime o semilavorati.
Andò in crisi il binomio industrializzazione-urbanesimo che aveva accompagnato decenni di sviluppo economico. La rottura del binomio fu accelerata, negli anni Settanta del Novecento, dalla crisi petrolifera e dalle trasformazioni tecnologiche che aprirono la strada alla terza Rivoluzione industriale. I costi energetici subirono una impennata e la vecchia archiettura industriale si revelò antieconomica e inefficiente; l’automazione modificò i modi di produrre suggerendo nuove tipologie di fabbriche dalle dimensioni decisamente inferiori. I giganteschi complessi produttivi si revelarono inefficienti e costosi. Il Giappone fu il primo Paese a introdurre impianti di minori dimensioni, persino nei settori dominati dalle unità produttive di enormi dimensioni (chimica di base e siderurgia) dimostrando che flessibilità, risparmio energetico e nuovi ordini di grandezza nei rapporti tra i fattori della produzione (terra, lavoro, capitale) avevano effetti positivi sui costi. Informatica e robotica hanno svolto un ruolo primario nella scelta delle localizzazioni con evidenti conseguenze sull’organizzazione del territorio. La telematica, in particolare, ha indotto a frazionare le grandi unità produttive nelle quali erano accorpate tutte le funzioni: direzionale, commerciale, produttive; funzioni che oggi vengono spesso rilocalizzate in siti molto distanti tra loro. Ne è derivato un processo di decentramento produttivo, ancora in corso, che ha coinvolto tutte le aree urbane dei Paesi ad advanzato sviluppo economico-sociale. Con il trasferimento di molte imprese di notevoli dimensioni all’esterno dei perimetri urbani, si sono liberate aree, talvolta di dimensioni molto amplie, con il conseguente problema della loro riqualificazione. La decisione di decentrare spesso si traduce in una forma di finanziamento indiretto per l’impresa, in seguito alla notevole differenza tra il costo delle nuove aree agricole in cui viene insediata e il valore dell’area urbana dismessa. Talvolta il ricavo netto garantito dalla compravendita delle due aree è tale da fungere esso stesso da stimolo alla rilocalizzazione.
Il caso di delocalizzazione – La chiusura della fabbrica Guinness di Park Royal (Londra) e il trasferimento della produzione
Il 15 Aprile 2005 Diageo, la società transnazionale che controlla la Guinness, ha annunciato che intendeva spostare la produzione di Guinness destinata al mercato britannico a St. James’s Gate a Dublino, il sito storico della Guinness. Con questo ha fatto sapere che, con investimenti e miglioramenti nei processi di produzione, St. James’s Gate sarebbe capace di soddisfare sia i bisogni del mercato britannico che anche il mercato irlandese e quelli internazionali che già soddisfava. Questo ha comportato la chiusura della fabbrica di Park Royal a Londra, attiva dal 1938. Il trasferimento della produzione in Irlanda a St. James’s Gate dove sir Arthur Guinness cominciò a produrre la famosa birra ha visto una crescita nella produzione pari al 50% dall’estate del 2005.
Questa decisione è stata presa dopo l’analisi di vari fattori:
Fattori interni:
• il costo del sito
• il valore se venduto
• disponibilità di spazio per espansione
• disponibilità di mandopera qualificata per la produzione aggiuntiva
• la flessibilità dei dipendenti di lavorare con nuovi processi e tecnologie
• provenienza del marchio – St. James’s Gate è la casa della Guinness
Fattori esterni:
• disponibilità e costo di materie prime come orzo e luppolo
• infrastruttura per il trasporto delle materie prime alla fabbrica e per il trasporto della Guinness sui mercati
• disponibilità di una quantità sufficiente di acqua pulita per uso nella produzione
• questioni economici, tassazione, salari, ambiente ecc.
Uno sguardo è stato dato anche alla capacità produttiva delle due fabbriche:
St. James’s Gate, Dublino Park Royal, Londra
Capacità di produzione: 4 milioni di ettolitri 2 milioni di ettolitri
(8 milioni di barilotti) (4 milioni di barilotti)
per anno per anno
Dimensioni: 55 acri 80 acri (non tutti usati per
la produzione di birra)
Fornisce: Irlanda, Europa, Stati Uniti Solo Regno Unito
e altri mercati
Dall’inizio St. James’s Gate aveva un grande vantaggio, produceva già due volte la quantità di Guinness rispetto a Park Royal, e in altre parole, St. James’s Gate aveva bisogno di un aumento soltanto del 50% di capacità produttiva, mentre Park Royal aveva bisogno di un aumento del 200%.
In più, St. James’s Gate risale al 1759 e durante gli ultimi due decenni la fabbrica ha visto numerose trasformazioni e investimenti, facendola diventare una delle fabbriche di birra più moderne al mondo.
Perciò possiamo affermare che la decisione di delocalizzare a Dublino è stata presa per la capacità della fabbrica irlandese di aumentare la capacità produttiva del 50% entro 18 mesi, e anche grazie ai costi più bassi di trasporto rispetto al costo alto della terra londinese.
La fabbrica diffusa
Le minuscole unità produttive, il lavoro a domicilio, i subappali che sembravano retaggi anacronistici di un’età paleoindustriale, sono stati rivalutati. Negli ultimi due-tre decenni si è assistito al proliferare di nuove fabbriche di piccole o medie dimensioni, più diffuse sul territorio, meno preoccupate di concentrarsi in aree ristrette per realizzare economie di agglomerazione. Risulato di questo fenomeno è l’affermarsi di nuove regioni industriali che si sono affiancate a quelle tradizionali, caratterizzate dal dominio del gigantismo industriale. Non estranea a quella scelta è stata la consapevolezza che la piccola unità produttiva è molto più elastica, in grado di cogliere con prontezza i mutamenti del mercato in un contesto che impone rapidità di adeguamento, dato che costumi, valori e tendenze sociali vanno evolvendo con crescente rapidità. Le fabbriche minori sono anche più facilmente controllabili per quanto concerne le relazioni industriali, giacché spesso riescono a non fare i conti con le forti centrali sindacali: una ragione che ha spinto molte imprese statunitensi a trascurare il vecchio perimetro del Nord-Est e a privilegiare quelle che sono diventate le regioni emergenti: il Sud (in particolare la Georgia), il Midwest, l’Arizona e il Nord-Ovest.

Per quanto riguarda invece la gestione dell’impresa, è necessario conoscere l’andamento
dell’azienda e i risultati delle strategie messe in atto.
ECONOMIA AZIENDALE: Il bilancio d’esercizio
Diageo Consolidated income statement - For the year ended on June 30th 2007
In millions of £
2007
2006
Sales
9,917
9,704
Excise duties
(2,436)
(2,444)
Net sales
7,481
7,260
Cost of sales
(3,003)
(2,921)
Gross profit
4,478
4,339
Marketing expenses

(1,162)
(1,127)
Other operating expenses
(1,157)
(1,168)
Operating profit
2,159
2,044
Sale of General Mills and other businesses
(1)
(157)
Interest receivable
111
51
Interest payable
(362)
(244)
Other finance income

55
24
Other finance charges
(16)
(17)
Share of associates profits (after tax)
149
131
Profit before taxation
2,095
2,146
Taxation
(678)
(181)
Profit from continuing operations
1,417
1,965
Discontinued operations

139
-
Profit for the year

1,556
1,965
Consolidated balance sheet – For the year ended on June 30th 2007
In millions of £
2007
2006
Non-current assets
8,769
9,090
Intangible assets
4,383
4,534
Property, plant and equipment
1,932
1,952
Biological assets
12
13
Investments in associates
1,436
1,341
Other investments
128
69
Other receivables
17
12
Other financial assets
52
42
Deferred tax assets
771
1,113
Post employment benefit assets
38
14
Current assets
5,187
4, 837
Inventories
2,465
2,386
Trade and other receivables
1,759
1,681
Other financial assets
78
71
Cash and cash equivalents
885
699
Total assets

13,956
13,927
Current liabilities
(4,199)
(3,335)
Borrowings and bank overdrafts
(1,535)
(759)
Other financial liabilities
(43)
(36)
Trade and other payables
(1,888)
(1,803)
Corporate tax payable
(673)
(681)
Provisions
(60)
(56)
Non-current liabilities
(5,587)
(5,911)
Borrowings
(4,132)
(4,001)
Other financial liabilities
(104)
(78)
Other payables
(38)
(37)
Provisions
(274)
(306)
Deferred tax liabilities
(582)
(674)
Post employment benefit liabilites
(457)
(815)
Total liabilities
(9,786)
(9,246)
Net assets
4,170
4,681
Equity
4,170
4,681
Called up share capital
848
883
Share premium
1,341
1,340
Other reserves
3,186
3,168
Retained deficit
(1,403)
(889)
Equity attributable to equity shareholders of the parent company
3,972
4,502
Minority interests 198 179
Traduzione in italiano di Colm de Bhuinn:
Conto economico consolidato - Per l’esercizio chiuso il 30 Giugno 2007
In milioni di £
2007
2006
Vendite
9,917
9,704
Imposta di consumo
(2,436)
(2,444)
Ricavi
7,481
7,260
Costo delle vendite
(3,003)
(2,921)
Utile lordo
4,478
4,339
Costi di marketing

(1,162)
(1,127)
Altri oneri
(1,157)
(1,168)
Reddito operativo
2,159
2,044
Vendita di General Mills e altre aziende
(1)
(157)
Interessi attivi
111
51
Interessi passivi
(362)
(244)
Altri proventi finanziari

55
24
Altri oneri finanziari
(16)
(17)
Quota di utile di collegate (ante imposte)
149
131
Utile ante imposte
2,095
2,146
Imposte
(678)
(181)
Utile da operazioni destinate a continuare
1,417
1,965
Operazioni destinate a cessare

139
-
Utile dell’esercizio

1,556
1,965
Stato patrimoniale consolidato - Al 30 Giugno 2007
In milioni di £
2007
2006
Attivo non corrente
8,769
9,090
Attività immateriali
4,383
4,534
Immobilizzazioni, impianti e machinari
1,932
1,952
Attività biologiche
12
13
Investimenti v/soci
1,436
1,341
Altri investimenti
128
69
Altri crediti
17
12
Altre attività finanziarie
52
42
Imposte attive differite
771
1,113
Benefici dopo rapporto di lavoro
38
14
Attivo corrente
5,187
4, 837
Rimanenze
2,465
2,386
Crediti commerciali e diversi
1,759
1,681
Altre attività finanziarie
78
71
Cassa
885
699
Totale attività

13,956
13,927
Passività correnti
(4,199)
(3,335)
Prestiti e indebitamenti finanziari
(1,535)
(759)
Altre passività finanziarie
(43)
(36)
Debiti commerciali e diversi
(1,888)
(1,803)
Imposte aziendali dovute
(673)
(681)
Accantonamento
(60)
(56)
Passività non correnti
(5,587)
(5,911)
Prestiti
(4,132)
(4,001)
Altre passività finanziarie
(104)
(78)
Altri debiti
(38)
(37)
Accantonamento
(274)
(306)
Passività tributarie differite
(582)
(674)
Benifici dopo rapporto di lavoro
(457)
(815)
Totale passività
(9,786)
(9,246)
Attività netta
4,170
4,681
Patrimonio netto
4,170
4,681
Capitale sociale
848
883
Sovrapprezzo azioni
1,341
1,340
Altre riserve
3,186
3,168
Disavanzo trattenuto
(1,403)
(889)
Capitale attribuibile ad azionari
del capogruppo
3,972
4,502
Interessi di minoranza 198 179
Che cos’è il Bilancio d’esercizio?
• Definizione e funzioni
• Generalità sul bilancio e normativa di riferimento del c.c.
• Componenti del bilancio d’esercizio
• Criteri di valutazione
Il bilancio d’esercizo è il documento redatto dagli organi amministrativi al termine del periodo amministrativo, con cui si rappresenta la situazione patrimoniale e finanziaria dell’azienda e il risultato economico dell’esercizio.
Il Codice Civile fissa una serie di regole e di principi cui gli amministratori devono attenersi nella formazione del bilancio d’esercizio. L’art. 2423 comma 2 cc. fissa la clausola generale: “Il bilancio d’esercizio dev’essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto, la situazione patrimoniale e finanziaria della società ed il risultato economico dell’esercizio”.
Il bilancio ha due importanti funzioni:
• Funzione conoscitiva, offrendo informazioni sull’andamento economico delle scelte e delle modalità di gestione e sugli elementi che compongono il patrimonio di funzionamento, esprimendo i risultati ottenuti per effetto delle strategie, delle scelte e delle modalità poste in essere dal sistema azienda;
• Funzione di controllo, essendo lo strumento con cui gli organi preposti all’amministrazione sottopongono il proprio operato all’esame e all’approvazione di chi ha loro assegnato l’incarico di governare l’azienda
Il bilancio svolge un importante ruolo nell’ambito dell’informativa sulla gestione aziendale. Le informazioni ottenibili dal bilancio possono essere di tipo storico, oppure prospettico, e queste, proiettate verso il futuro, sono ricavabili attraverso l’utilizzo dell’analisi per indici e per flussi.
L’impresa coinvolge una molteplicità di soggetti che sono interessati alle sue vicende. Gli utilizzatori del bilancio (stakeholders) possono essere distinti in due categorie:
• Soggetti interni all’impresa; portatori di interessi diretti (proprietario o soci e lavoratori dipendenti)
• Soggetti esterni all’impresa; portatori di interessi indiretti (investitori in capitale di rischio, finanziatori, clienti e fornitori ecc.)
L’insieme dei prospetti che compongono il bilancio e i suoi allegati prende il nome di sistema informativo di bilancio.
Il sistema informativo del bilancio è composto:
1. dal bilancio d’esercizio, formato dallo Stato patrimoniale, dal Conto economico e dalla Nota integrativa, redatti secondo gli art. 2424, 2425, 2427 e 2427 bis del codice civile
2. dalla relazione sulla gestione (art. 2428 del c.c.)
3. dalla relazione del collegio sindacale (art. 2429 del c.c.)
4. dalla relazione del soggetto incaricato del controllo contabile (art. 2429 del c.c.)
5. da altri documenti
Normativa sul bilancio
L’attuale normativa sul bilancio d’esercizio è stata stabilita con il decreto legislativo n. 127/1991 che ha dato attuazione alla IV Direttiva CEE, modificata in parte delle Direttiva 2003/51/CE. Le disposizioni comunitarie sono state recepite dal nostro codice civile con un’articolazione che va “dal generale al particolare” e stabiliscono:
Componenti del bilancio d’esercizio
1. Stato Patrimoniale – presenta la situazione patrimoniale e finanziaria dell’impresa.
Nello Stato Patrimoniale i diversi elementi sono classificati nell’Attivo, secondo la destinazione economica degli impieghi, e nel Passivo, secondo la provenienza delle fonti di finanziamento.
A sinistra si trova l’ Attivo, a destra il Passivo. Ogni sezione è suddivisa in:
• Classi lettere maiuscole (A,B,C,D ecc…);
• Sottoclassi numeri romani (I, II, III, IV ecc…);
• Voci numeri arabi (1, 2, 3, 4, 5 ecc…);
• Sottovoci lettere minuscole (a, b, c, d, ecc…).
SCHEMA DI STATO PATRIMONIALE (art. 2424 c.c.)
ATTIVO
A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata.
B) Immobilizzazioni:
I. Immobilizzazioni immateriali:
1) costi di impianto e di ampliamento;
2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità;
3) diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno;
4) concessioni, licenze, marchi e diritti simili;
5) avviamento;
6) immobilizzazioni in corso e acconti;
7) altre.
Totale.
II. Immobilizzazioni materiali:
1) terreni e fabbricati;
2) impianti e macchinario;
3) attrezzature industriali e commerciali;
4) altri beni;
5) immobilizzazioni in corso e acconti.
Totale.
III. Immobilizzazioni finanziarie, con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l'esercizio successivo:
1) partecipazioni in:
a. imprese controllate;
b. imprese collegate;
c. imprese controllanti;
d. altre imprese;
2) crediti:
a. verso imprese controllate;
b. verso imprese collegate;
c. verso controllanti;
d. verso altri;
3) altri titoli;
4) azioni proprie, con indicazione anche del valore nominale complessivo.
Totale
Totale immobilizzazioni (B)
C) Attivo circolante:
I. Rimanenze:
1) materie prime, sussidiarie e di consumo:
2) prodotti in corso di lavorazione e semilavorati;
3) lavori in corso su ordinazione;
4) prodotti finiti e merci;
5) acconti.
Totale
II. Crediti, con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l'esercizio successivo:
1) verso clienti;
2) verso imprese controllate;
3) verso imprese collegate;
4) verso controllanti;
5) verso altri.
Totale.
III. Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni:
1) partecipazioni in imprese controllate;
2) partecipazioni in imprese collegate;
3) partecipazioni in imprese controllanti;
4) altre partecipazioni;
5) azioni proprie, con indicazione anche del valore nominale complessivo;
6) altri titoli.
Totale
IV. Disponibilità liquide:
1) depositi bancari e postali;
2) assegni;
3) denaro e valori in cassa.
Totale.
Totale attivo circolante (C)
D) Ratei e risconti, con separata indicazione del disaggio su prestiti.
PASSIVO
A) Patrimonio netto:
I. Capitale
II. Riserva da sopraprezzo delle azioni
III. Riserve di rivalutazione
IV. Riserva legale
V. Riserva per azioni proprie in portafoglio
VI. Riserve statutarie
VII. Altre riserve, distintamente indicate
VIII. Utili (perdite) portati a nuovo
IX. Utile (perdite) dell'esercizio
Totale
B) Fondi per rischi e oneri:
1) per trattamento di quiescenza e obblighi simili;
2) per imposte;
3) altri.
Totale
C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato.
D) Debiti, con separata indicazione, per ciascuna voce, degli importi esigibili oltre l'esercizio successivo;
1) obbligazioni;
2) obbligazioni convertibili;
3) debiti verso banche;
4) debiti verso altri finanziatori;
5) acconti;
6) debiti verso fornitori;
7) debiti rappresentati da titoli di credito;
8) debiti verso imprese controllate;
9) debiti verso imprese collegate;
10) debiti verso controllanti;
11) debiti tributari;
12) debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale;
13) altri debiti.
Totale
E) Ratei e risconti con separata indicazione dell'aggio su prestiti.
2. Conto economico – evidenzia i risultati conseguiti nelle diverse aree gestionali:
• Area della produzione, che accoglie i costi e i ricavi della gestione caratteristica;
• Area della gestione finanziaria, nella quale vengono inseriti elementi finanziari e patrimoniali;
• Area della gestione straordinaria, che comprende le minusvalenze e plusvalenze straordinarie e le sopravvenienze e insussistenze straordinarie.
Nel conto economico sono evidenziati, oltre al risultato finale, anche due risultati intermedi:
• La differenza tra valore e costi della produzione
• Il risultato prima delle imposte
SCHEMA DI CONTO ECONOMICO (art. 2425 c.c.)
A) Valore della produzione:
4) ricavi delle vendite e delle prestazioni;
5) variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti;
6) variazioni dei lavori in corso su ordinazione;
7) incrementi di immobilizzazioni per lavori interni;
8) altri ricavi e proventi, con separata indicazione dei contributi in conto esercizio.
Totale.
B) Costi della produzione:
9) per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci;
10) per servizi;
11) per godimento di beni di terzi;
12) per il personale:
a. salari e stipendi;
b. oneri sociali;
c. trattamento di fine rapporto;
d. trattamento di quiescenza e simili;
e. altri costi;
13) ammortamenti e svalutazioni:
a. ammortamento delle immobilizzazioni immateriali;
b. ammortamento delle immobilizzazioni materiali;
c. altre svalutazioni delle immobilizzazioni;
d. svalutazioni dei crediti compresi nell'attivo circolante e delle disponibilità liquide;
14) variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci;
15) accantonamenti per rischi;
16) altri accantonamenti;
17) oneri diversi di gestione.
Totale.
Differenza tra valore e costi della produzione (A-B).
C) Proventi e oneri finanziari:
18) proventi da partecipazioni, con separata indicazione di quelli relativi ad imprese controllate e collegate;
19) altri proventi finanziari;
a. da crediti iscritti nelle immobilizzazioni, con separata indicazione di quelli da imprese controllate e collegate e di quelli da controllanti;
b. da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni;
c. da titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni;
d. proventi diversi dai precedenti, con separata indicazione di quelli da imprese controllate e collegate e di quelli da controllanti;
20) interessi e altri oneri finanziari, con separata indicazione di quelli verso imprese controllate e collegate e verso controllanti.
Totale (15-16-17).
D) Rettifiche di valore di attività finanziaria:
21) rivalutazioni:
a. di partecipazioni;
b. di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni;
c. di titoli iscritti all'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni.
22) svalutazioni:
a. di partecipazioni;
b. di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni;
c. di titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni.
Totale delle rettifiche (18-19).
E) Proventi e oneri straordinari:
23) proventi, con separata indicazione delle plusvalenze da alienazioni i cui ricavi non sono iscrivibili al n. 5;
24) oneri, con separata indicazione delle minusvalenze da alienazioni i cui effetti contabili non sono iscrivibili al n. 14 e delle imposte relative a esercizi precedenti.
Totale delle partite straordinarie (20-21).
Risultato prima delle imposte (A-B+-C+-D+-E);
25) imposte sul reddito dell'esercizio;
26) (risultato dell'esercizio);
27) (rettifiche di valore operate esclusivamente in applicazione di norme tributarie);
28) (accantonamenti operati esclusivamente in applicazione di norme tributarie);
29) utile (perdita) dell'esercizio
3. Nota Integrativa – illustra le voci iscritte nello Stato patrimoniale e nel Conto economico, fornisce informazioni supplementari sia qualitative sia quantitative e indica i criteri di valutazione applicati nella redazione del bilancio.

Criteri di valutazione
Allo scopo di evitare comportamenti scorretti da parte degli amministratori, che possono essere tentati di sopravvalutare il patrimonio aziendale o all’opposto di costruire riserve occulte, sono stati imposti dei vincoli giuridici e dei vincoli tecnici.
• VINCOLI GIURIDICI consistono nelle disposizioni del codice civile riguardanti la redazione del bilancio, la struttura e i contenuti dei documenti che lo compongono e i criteri di valutazione che devono essere osservati.
• VINCOLI TECNICI consistono nei principi contabili di generale accettazione, ossia nelle regole di comportamento che è necessario osservare per pervenire a una corretta rappresentazione della realtà aziendale.
I suddetti vincoli sono finalizzati a rendere i bilanci d’esercizio documenti affidabili, redatti sulla base di criteri uniformi nel tempo e nello spazio.
Il criterio base per le valutazioni è il COSTO, inteso come insieme degli oneri che l’impresa a sostenuto per l’acquisizione o la produzione di un determinato bene.
Il costo, nel principio della prudenza, viene considerato il limite masso alle valutazioni, con alcune eccezioni:
1. la valutazione dei lavori in corso su ordinazione possono essere iscritti in base ai corrispettivi contrattuali maturati con ragionevole certezza;
2. la valutazione delle partecipazioni in imprese controllate e collegate che possono essere iscritte in base al criterio della frazione del patrimonio netto.
È prevista l’applicazione del Fair Value (valore equo o di mercato) per valutare le attività finanziarie detenute a scopo di negoziazione e quelle disponibili per la vendita (es. titoli quotati iscritti in C II – Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni).
Relazione sulla gestione
Gli amministratori unitamente al bilancio, devono redigere una relazione sulla gestione, che costituise un documento di fondamentale importanza per giudicare l’andamento aziendale e per comprenderne scelte, motivazione e prospettive al di là dei dati puramente contabili.
La relazione ha un contenuto descrittivo sui principali fatti che hanno caratterizzato l’esercizio e su quelli eventualmente verificatisi dopo la chiusura del periodo amministrativo. A tali informazioni sono aggiunte anche informazioni quantitative, su specifici settori di attività, come un’analisi della redditività per singoli segmenti.
Le informazioni fornite dalla relazioni devono consentire ai destinatari del bilancio di comprendere l’andamento reddituale dell’azienda. Il codice civile stabilisce il contenuto minimo della relazione sulla gestione, indicandone gli obiettivi informativi e i dati che devono essere forniti (art. 2428).
Controllo contabile
Il controllo contabile è obbligatorio in tutte le società di capitali. Durante il controllo il soggetto incaricato:
• verifica nel corso dell’esercizio e con periodicità almeno trimestrale, la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione nelle scritture contabili dei fatti di gestione
• verifica se il bilancio d’esercizio e, ove redatto, il bilancio consolidato, corrispondono alle risultanze delle scritture contabili e degli accertamenti eseguiti e se sono conformi alle norme che li disciplinano
• esprime con un’apposita relazione un guidizio sul bilancio d’esercizio e, ove redatto, sul bilancio consolidato.
Come è obbligatoria la redazione del bilancio, è obbligatorio anche il pagamento delle imposte, e sono queste che ho illustrato di seguito:
SCIENZE DELLE FINANZE: Le imposte più importanti
• IRES
• IRAP
• IVA
IRES
A partire dal 1° Gennaio 2004, è stata introdotta la nuova Imposta sul Reddito delle Società (IRES). L’IRES ha sostituito la vecchia IRPEG (Imposta sul Reddito delle Persone Giuridiche).
Caratteri:
• L’IRES è un’imposta proporzionale con aliquota del 33% (27,5% per i periodi d'imposta che iniziano dall'1/1/2008 - Art. 1, comma 33, lettera e) della Legge 24 dicembre 2007, n° 244). Il legislatore ha ritenuto opportuno non istituire un’imposta progressiva, per evitare un’eccessiva imposizione sugli utili e sui dividendi.
• è globale, in quanto grava sul reddito complessivo netto, da qualunque fonte provenga.
• è personale, in quanto si adegua alla capacità contributiva del contribuente, valutata in relazione alle sue finalità, per esempio il trattamento riservato alle società di capitali lucrative è diverso di quello riservato alle società mutualistiche, che non distribuiscono utili ai soci.
I soggetti passivi dell’IRES sono:
• le società per azioni e in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative e le società di mutua assicurazione residenti nel territorio dello Stato;
• gli enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali;
• gli enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali;
• le società e gli enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato, incluse le società di persone e le associazioni indicate nell’articolo 5 del TUIR.
L’oggetto dell’imposta
L’oggetto dell’imposta è il reddito complessivo netto, cioè quello risultante dal conto economico, e risulta così composto:
1) Componenti positive
a) gli utili netti
b) le plusvalenze patrimoniali
c) i dividendi delle azioni e gli utili di partecipazione
d) i redditi proveniente da beni immobili
2) Componenti negative
a) le perdite di esercizio
b) le perdite di emissione
Se il reddito d'impresa è negativo, la perdita può essere portata in deduzione dai redditi degli esercizi successivi, ma non oltre il quinto (con eccezione dei primi tre anni di attività con riporto delle perdite illimitato).
Esenzioni
Non soggetti all’IRES sono:
a) le amministrazioni dello Stato, comprese quelle a ordinamento autonomo, anche se dotate di personalità giuridica
b) le Società di investimento a capitale variabile (Sicav)
c) le cooperative
Inoltre:
d) sono deducibili dall’imponibile dell’Ires i ristorni effettuati ai soci delle cooperative
e) se i dividendi prodotti da una società di capitali sono distribuiti a favore di un’altra società di capitali, la doppia tassazione Ires è limitata al 5% del loro importo
f) non sono soggette all’imposta le plusvalenze ottenute attraverso le partecipazioni in altre società
g) le società di capitali, purché i loro soci siano a loro volta società di capitali, possono optare per la tassazione per trasparenza, che prevede che il reddito della società non venga tassato in capo a essa, ma sia imputato alle società “socie” in proporzione alla loro quota di partecipazione.
IRAP
L'Imposta regionale sulle attività produttive, o IRAP, è stata istituita con il decreto legislativo 15 dicembre 1997 n.446. È un'imposta di competenza regionale che, nella sua applicazione più comune, colpisce il valore della produzione netto delle imprese ossia in termini generali il reddito prodotto al lordo dei costi per il personale e degli oneri e dei proventi di natura finanziaria.
Caratteri:
• L’IRAP è reale, in quanto colpisce una determinata richezza tenendo conto solamente della sua natura (e quindi non della capacità contributiva del contribuente)
• è proporzionale
• accertata tramite autotassazione, cioè attraverso la presentazione della dichiarazione da parte del contribuente
• il suo importo non è deducibile dal reddito complessivo
I soggetti passivi dell’Irap sono:
• Società per azioni, Società a responsabilità limitata, Società in accomandita per azioni
• Enti che hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di una attività commerciale
• Amministrazioni pubbliche (Stato, Regioni, Province, Comuni, ecc.)
• Enti non commerciali residenti
• Società ed enti non residenti di qualsiasi tipo
• Società in nome collettivo e Società in accomandita semplice
• Persone fisiche esercenti attività commerciali o di lavoro autonomo
• Produttori agricoli (solo se non esonerati)
La base imponibile si determina in maniera differente a seconda che il soggetto passivo sia:
1. un'impresa commerciale ordinaria; valore aggiunto prodotto: differenza tra il valore della produzione e i costi sostenuti, ulteriormente diminuita delle variazioni delle rimanenze e degli oneri diversi
2. un’impresa commerciale semplificata; corrispettivi aumentati delle rimanenze finali, diminuiti di determinati costi e delle esistenze iniziali
3. un’impresa agricola; corrispettivi delle operazioni soggette all’Iva, diminuiti dei costi di acquisto dei bini destinati alla produzione
4. esercenti le arti e le professioni; l’ammontare dei compensi diminuito dei costi e dei compensi pagati a terzi
5. amministrazioni dello Stato, un ente non commerciale o un ente pubblico; l’ammontare delle retribuzioni corrisposte
Aliquota e calcolo dell’imposta
L'importo da versare si ottiene applicando alla base imponibile, detta Valore della Produzione Netta, un'aliquota secondo quanto previsto dall'Art.16 del Decreto Legislativo 446 del 1997. L’aliquota ordinaria è fissata nella misura del 4.25%. Le Regioni hanno la possibilità di elevare o ridurre l’aliquota fino ad un massimo dell'1%.
Con la legge finanziaria per il 2005 è stata stabilita la possibilità per le Regioni di elevare l'aliquota ordinaria dell'1% in caso di sfondamento della spesa sanitaria. Tale possibilità è divenuta obbligo nella Finanziaria 2006 ed ha comportato l'aumento dell'aliquota ordinaria al 5,25% per l'Abruzzo, la Campania, il Lazio, il Molise e la Sicilia relativamente agli anticipi dell'IRAP del 2006.
Con la legge finanziaria 2007 nell'ambito degli interventi noti come riduzione del cuneo fiscale è stata introdotta la deduzione dall'imponibile dell'intero costo dei contributi assistenziali e previdenziali versati per i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato e di una deduzione di 5.000 euro, rapportata ad anno, per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d'imposta. La deduzione decorre dal 1 febbraio 2007 nella misura del 50% e per l'intero ammontare a decorrere dal 1 luglio 2007. La deduzione potrà essere applicata con il primo acconto 2007 scadente il 18 giugno 2007 in quanto il decreto legge n. 67/2007 ha eliminato il vincolo dell'approvazione comunitaria. Ciò nonostante non sono del tutto esclusi vincoli di compatibilità con la normativa comunitaria sulla concorrenza, in particolare se le deduzioni non fossero estese agli operatori dei settori bancario, assicurativo e finanziario per il momento escluse dall'agevolazione (il Governo si è impegnato ad estendere la deduzioni anche a queste categorie), ma anche qualora venissero sollevate obiezioni su altri aspetti della nuova norma.
Con la legge finanziaria 2008 (Art. 1 comma 226) l'aliquota del 4,25 % è stata abbassata al 3,9 %. Per le Regioni che avevano adottato una diversa aliquota, essendosi avvalse della possibilità di cui all'Art. 16 comma 3 del D.Lgs. 446/1997, od essendo incorse nella misura richiamata sopra, relativa alla Finanziaria 2006, l'aliquota per il 2008 viene calcolata moltiplicando quella in vigore per il coefficiente 0,9176.
Considerazioni
L'Irap è stata istituita nell'ambito della riforma della finanza locale che ha tra l'altro istituito anche l'addizionale regionale Irpef. Con la sua istituzione sono stati soppressi l'Ilor (Imposta locale sui redditi), Iciap, imposta sul patrimonio netto delle imprese, tassa di concessione governativa sulla partita Iva, contributo per il servizio sanitario nazionale (tassa della salute), contributi per l'assicurazione obbligatoria contro la tubercolosi, contributo per l'assistenza di malattia ai pensionati, tassa di concessione comunale.
L'imposta ha, sin dalla sua introduzione, suscitato notevoli polemiche. Questo in quanto, andando a colpire il reddito al lordo del costo del personale, grava in particolar modo su imprese ad alta intensità di manodopera riducendone la redditività. Inoltre l'Irap spesso viene pagata dalle imprese anche in presenza di una perdita di esercizio andando ulteriormente ad aggravarla.
Numerosi sono stati gli attacchi politici e legislativi portati a questo tributo dalla sua introduzione. Innanzitutto si è cercato di escludere dall'ambito di applicazione le attività che non hanno una vera e propria organizzazione o in cui l'organizzazione non è che un elemento accessorio dell'attività. Sotto questo punto di vista ci sono state alcune sentenze di Commissioni Tributarie che hanno dato ragione ai contribuenti ma nessuna interpretazione o modifica ufficiale è arrivata in questo senso; tuttavia, negli ultimi anni sono state introdotte alcune deduzioni per limitare la sua incidenza sulle piccole e piccolissime imprese.
Un altro intervento contro l'Irap è stato effettuato presso la Corte di Giustizia dell'Unione Europea che è stata chiamata a decidere se tale tributo fosse in realtà un duplicato dell'Iva, come da parere dell'ormai famoso avvocato Jacobs. Tuttavia, il ricorso è stato respinto: in data 3 ottobre 2006 la Corte ha dichiarato la compatibilità dell'IRAP col diritto comunitario (sentenza 82/2006).
IVA
L’imposta sul valore aggiunto è un’imposta indiretta sul consumo che grava interamente sul consumo finale. Quest’imposta è contenuta nel D.P.R. 633/72 e successive modificazioni.
L’Iva è l’imposta indiretta più importante, fornendo il 19% del gettito tributario complessivo all’erario.
Caratteri:
• L’Iva è un’imposta generale perché colpisce tutti i consumi, tranne alcune eccezioni
• Proporzionale, ma ad aliquote differenziate (minima per i beni di prima necessità, elevata per i generi di lusso)
• Plurifase e colpisce il valore aggiunto
• Neutra perché grava sul consumatore nella stessa misura, indipendentemente dal numero di passaggi che intervengono lungo il processo produttivo
• Trasparente in quanto è facilmente determinabile l’importo dell’imposta
Meccanismo dell’imposta:
I contribuenti di fatto (incisi) sono i consumatori finali del bene o della prestazione, anche se l’imposta viene accertata nei confronti degli imprenditori, degli esercenti arti o professioni e degli importatori, che sono i contribuenti di diritto (percossi). L’articolo 18 del D.P.R. n.633 stabilisce che “Il soggetto che effettua la cessione di beni o prestazione di servizi imponibili deve addebitare la relativa imposta a titolo di rivalsa, al cessionario o al comittente”. Si parla della traslazione in avanti dell’imposta. Ogni operatore acquista al prezzo + Iva e rivende ad un prezzo più elevato + Iva, trasferendo l’imposta su un altro operatore fino ad arrivare al consumatore finale. Ogni operatore è tenuto a versare all’erario la differenza tra l’Iva riscossa sulle vendite e quella pagata sugli acquisti.
Esempio:
Il dettagliante acquista il prodotto dal grossista a un prezzo + Iva; l’imposta che esso paga sull’acquisto è a suo credito, in quanto gli deve essere rimborsata attraverso il meccanismo della rivalsa. Il dettagliante trasferisce perciò l’imposta sul suo cliente cedenogli il prodotto a prezzo maggiorato + Iva. L’imposta che il dettagliante riscuote dalla vendita è a suo debito, in quanto non costituisce un ricavo, ma un tributo riscosso per conto dello Stato.
I soggetti passivi dell’Iva sono:
• i soggetti che cedono beni e prestano servizi nell’esercizio di un’impresa; questa categoria comprende tutti gli imprenditori commerciali individuali e sociali, quelli agricoli e i piccoli imprenditori
• i soggetti che cedono beni e prestano servizi nell’esercizio di un’arte o di una professione; tutti i professionisti a prescindere che siano tenuti o meno all’iscrizione in albi professionali, nonché gli artisti
• i soggetti che effettuano importazioni, anche se non esercitano un’impresa, un’arte o una professione
Classificazione delle operazioni:
1. operazioni imponibili -
a) le cessioni di beni che siano effettuate nell’esercizio di imprese, arti e professioni in base ad atti a titolo oneroso che trasferiscano la proprietà o che costituiscano diritti reali di godimento su beni.
b) le prestazioni di servizi verso corrispettivo, effettuate nell’esercizio di imprese, arti o professioni. Trattasi di prestazioni in esecuzione di contratto d’opera, di appalto, di trasporto, mandato, spedizione, agenzia, mediazione, deposito, ecc.
c) Le importazioni, da chiunque siano effettuate. Sono da considerarsi importazioni, ai fini dell’IVA, le importazioni definitive e le reimportazioni a scarico di temporanee esportazioni
2. operazioni estranee – operazioni inesistenti ai fini dell’imposta dal momento che mancano i presupposti per la loro assoggettabilità.
a) le cessioni di beni effettuate da soggetti che non esercitano attività imprenditoriale o da soggetti che non esercitano arti o professioni.
b) Le prestazioni di servizi rese da soggetti che non esercitano attività imprenditoriali o da soggetti che non rivestono la qualifica di artisti o professionisti
3. operazioni escluse – quelle che non vengono considerate cessioni di beni o di servizi effettuate nell’esercizio di un’impresa o professione. Non devono essere fatturate né registrate e non formano il volume di affari del contribuente.
a) le cessioni effettuate da imprenditori riguardanti beni che non rientrano nell’oggetto dell’impresa.
b) i conferimenti di aziende in società.
c) l’autoservizio
4. operazioni non imponibili – le operazioni che, pur consistendo in cessioni di beni e in prestazioni di servizi e concorrendo alla formazione del volume di affari del soggetto cedente, non sono considerate compiute nel territorio dello Stato. Vanno regolarmente fatturate e registrate.
a) cessioni all’esportazione (trasferimenti di beni tramite trasporto o spedizione al di fuori del territorio doganale)
b) operazioni simili alle cessioni all’esportazione, cioè le cessioni di navi e di aeromobili;
c) servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali: trasmporti di persone attraverso i territori di più Stati in dipendenza di un unico contratto; trasporti di beni in esportazione, in transito o in importazione temporanea, i noleggi e le locazioni di navi, aeromobili, autoveicoli, vagoni ferroviari, container ecc.
5. operazioni esenti – sono le operazioni che, per motivi sociali, economici e politici, sono esenti dal tributo. Essi sono elencate nell’articolo 10 del DPR n.633. Devono essere fatturate e registrate. I più importanti sono:
a) le operazioni di credito e di finanziamento, compreso lo sconto di crediti, le fideiussioni, le dilazioni di pagamento, la gestione di fondi comuni di investimento.
b) le locazioni e gli affitti di beni immobili, comperse le pertinenze. L’esenzione non vale per gli affitti di aziende commerciali e per le locazioni finanziarie.
c) le prestazioni rese nell’esercizio delle professioni e arti sanitarie soggette a vigilanza (medicina, chirurgia, veterinaria ecc.)
d) le prestazioni di ricovero e cura rese da enti ospedalieri o da cliniche.
e) le prestazioni educative dell’infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni tipo.
f) le prestazioni di trasporto pubblico urbano di persone.
Base imponibile
A formare la base imponibile concorrono:
a) il prezzo del bene o servizio
b) le spese o prestazioni accessorie.
Aliquote
Le attuali aliquote dell’IVA sono:
1) 20%; aliquota ordinaria
2) 4%; per i generi di prima necessità
3) 10%; cosidetta “aliquota intermedia” (cessioni, importazioni e acquisti intracomunitari di volatili e animali da cortile, uova, pesci, crostacei e molluschi, latte conservato e yogurt; cessioni e importazioni di carni bovine e suine; somministrazioni di alimenti e bevande nei pubblici esercizi; prestazioni alberghiere, spettacoli cinematografici ecc.)
Obblighi di fatturazione e di registrazione
1) Inizio, variazione, cessazione di attività
Entro trenta giorni dall’inizio di attività, il soggetto che intraprende l’esercizio di un’impresa deve farne dichiarazione all’Ufficio delle entrate. Al momento della dichiarazione, L’ufficio attribuisce al contribuente un numero di partita. Questo numero deve essere indicato in ogni documento destinato all’Ufficio. Dal 1.1.1993 gli operatori della UE sono identificati attraverso un codice individuale, Partita Iva, che in Italia è costituito da 11 cifre preceduti dalla sigla IT.
2) Fatturazione delle operazioni
Per ciascuna operazione imponibile effettuata deve essere emessa una fattura, anche sotto forma di nota, conto o parcella, al momento dell’effettuazione dell’operazione, cioè nel momento in cui sorge l’obbligazione tributaria. La fattura deve contenere:
a) data di emissione e numero progressivo
b) ditta, denominazione, residenza, luogo
c) partita Iva
d) natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi
e) corrispettivi e altri dati necessari per la determinazione della base imponibile
f) aliquota e ammontare dell’imposta
3) Registrazione delle vendite e degli acquisti
Entro i termini previsti per la liquidazione dell’imposta, il contribuente deve registrare le fatture, nell’ordine della loro numerazione, nell’apposito registro delle fatture.
Obblighi dei contribuenti
1) Liquidazioni e versamenti
L’imposta va liquidata ogni mese. Il contribuente deve calcolare, in base alle annotazioni eseguite sui registri Iva relativamente alle fatture emesse nel mese precedente, la differenza tra l’ammontare complessivo dell’imposta riscossa sulle vendite (a debito) e quello dell’imposta detraibile (a credito).
Entro l’ultimo giorno di ciascun mese il contribuente è tenuto a versare l’importo di tale differenza. Il pagamento va effettuato presso uno degli istituti di credito o dei concessionari delegati alla riscossione delle imposte dirette.
I contribuenti con volume di affari annuo non superiore a €309 874,13 possono optare per le dichiarazioni periodiche e per i versamenti trimestrali, però con interessi dell’1%.
2) Dichiarazione annuale e versamento a conguaglio
Entro il 31 luglio di ogni anno, i contribuenti esclusi dalla dichiarazione unica (quando l’esercizio finanziario non coincide con l’anno solare) sono tenuti a presentare la dichiarazione dell’Iva dovuta per il precedente anno solare, che deve essere trasmessa telematicamente entro il 31 ottobre.
Deve contenere:
a) l’ammontare imponibile delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi registrate nell’anno precedente, distinto secondo l’aliquota applicabile, nonché l’ammontare delle relative imposte;
b) l’ammontare delle operazioni non imponibili (esportazioni e cessioni intracomunitarie) e quello delle operazioni esenti;
c) l’ammontare degli acquisti, delel importazioni e degli acquisti intracomunitari per i quali è ammessa la detrazione, nonché l’ammontare delel relative imposte;
d) la differenza tra l’ammontare complessivo dell’Iva a debito e quello dell’Iva detraibile;
e) l’ammontare dei versamenti mensili (o trimestrati) e gli estremi delle relative attestazioni.
I contribuenti devono versare, entro il 27 dicembre di ogni anno, come acconto del versamento relativo al mese stesso, un importo pari all’88% del versamento effettuato per il mese di dicembre dell’anno precedente. L’acconto non è dovuto se di ammontare inferiore a €103,29.
I diversi regimi dell’Iva
Soggetti Regime
Lavoratori autonomi con volume di affari annuo non superiore a €309 874,13
Regime semplificato (salvo opzione per quello ordinario)
Lavoratori autonomi con volume di affari annuo non superiore a €309 874,13
Regime ordinario
Imprese che prestano servizi con volume di affari annuo non superiore a €309 874,13 e imprese aventi per oggetto altre attività con volume di affari annuo non superiore a €516 456, 89
Regime semplificato (salvo opzione per quello ordinario)
Imprese con volume di affari annuo superiore ai predetti limiti
Regime ordinario
1) Regime semplificato
Soggetti:
a) gli esercenti, le arti e le professioni che nell’anno solare precedente hanno conseguito un volume di affari non superiore a €309 874,13;
b) le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi che nell’ che nell’anno solare precedente hanno conseguito un volume di affari non superiore a €309 874,13 e quelle aventi per oggetto altre attività con un volume di affari non superiore a €516 456, 89.
Per questi soggetti il debito di imposta è dato dalla differenza tra l’Iva riscossa dai clienti e quella pagata ai fornitori. Sono soggetti ad una contabilità semplificata (godono delle semplificazioni in materia di fatturazioni e registrazioni e possono optare per le liquidazioni e i versamenti trimestrali). Sono tenuti, comunque, ad osservare la dichiarazione di inizio, di variazione e di cessazione di attività e la dichiarazione annuale e il versamento a conguaglio (contenuti del D.P.R. n.633. Sono assoggettabili a controlli basati sugli studi di settore.
2) Regime ordinario
Soggetti:
a) gli esercenti, le arti e le professioni che nell’anno solare precedente hanno conseguito un volume di affari superiore a €309 874,13;
b) le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi che nell’ che nell’anno solare precedente hanno conseguito un volume di affari non superiore a €309 874,13 e quelle aventi per oggetto altre attività con un volume di affari non superiore a €516 456, 89.
Per questi soggetti il debito di imposta è dato dalla differenza tra l’Iva riscossa dai clienti e quella pagata ai fornitori. Sono soggetti ad una contabilità ordinaria; sono tenuti alle liquidazione e ai versamenti mensili. Non hanno semplificazioni in materia di fatturazioni e di registrazione, con l’eccezione però che non devono tenere i registri dell’Iva (se le relative annotazioni sono riportate nel libro giornale). Hanno il vantaggio di essere meno soggetti a controlli basati sugli studi di settore.
3) Regime speciale
Gli operatori che effettuano cessioni di prodotti agricoli e ittici elencati nella prima parte della tabella A, allegata al D.P.R. 633/72, purché abbiano ricavi non superiore a €10 329,14 sono ammessi a una detrazione forfettaria pari all’importo risultante dall’applicazione, all’ammontare imponibile delle operazioni, di percentuali di compensazione stabilite con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze. I produttori agricoli che nell’anno solare precedente hanno realizzato un volume di affari non superiore a €2582,28 sono esonerati dagli obblighi di fatturazione, di registrazione, di versamento periodico e di dichiarazione. Per tutti gli altri operatori, quelli con un volume di affari compreso tra €2582,28 e €10 329,14 sono soggetti alla contabilità semplificata, mentre agli altri il regime ordinario. Sono soggette a un regime speciale altre attività elencate dalla legge, tra cui: commercio di generi di monopolio e di fiammiferi; commercio di giornali e altre pubblicazioni periodiche; prestazioni dei gestori di posti telefonici pubblici; attività di spettacolo; vendite di beni usati, di oggetti d’arte e di aniquariato.
Nel 1973 Irlanda e Gran Bretagna sono entrati a far parte dell’Unione Europea e
da quel momento hanno dovuto mettersi in regola con i regolamenti e direttive comunitari. E’ per questo motivo che abbiamo ritenuto importante parlare delle tappe più importanti della formazione e delle istituzioni dell’Unione Europea.
DIRITTO: L’Unione Europea
L'Unione europea (UE) è una famiglia di Paesi europei democratici che si sono impegnati a lavorare insieme per la pace e la prosperità. Non è una semplice organizzazione per la cooperazione internazionale ma qualcosa di diverso. I suoi Stati membri hanno creato una serie di istituzioni comuni a cui delegano una parte della loro sovranità in modo che le decisioni su questioni specifiche di interesse comune possano essere prese democraticamente a livello europeo.
Ora l’UE si è estesa e accoglie 27 paesi e tratta un’ampia serie di questioni che toccano da vicino la nostra vita quotidiana.
I paesi che fanno parte dell’Unione Europea sono: Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Repubblica Ceca, Malta, Irlanda, Estonia, Danimarca, Grecia, Lussemburgo, Regno Unito, Portogallo, Lituania, Germania, Cipro, Polonia, Lettonia, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Finlandia, Italia, Slovacchia, Austria, Romania e Bulgaria.
TAPPE IMPORTANTI
1948: OECE
La prima forma di collaborazione tra gli Stati europei è stata la creazione dell’Organizzazione europea di cooperazione economica (OECE), costituita per gestire gli aiuti finanziari dagli Stati Uniti, allo scopo di aiutare la ricostruzione europea e la ripresa economica, nell’ambito dell’ERP (Piano Marshall). Questo organismo non si è mostrato molto efficace, a causa dei suoi poteri limitati nei confronti degli Stati membri e nel 1961 venne sciolta.
18 Aprile 1951: Nasce l'Europa
Nella primavera del 1950 l'Europa è sull'orlo del baratro: la guerra fredda fa gravare la minaccia di un conflitto fra paesi occidentali e paesi dell'est.
Jean Monnet propose al ministro degli Affari estere francese Robert Schuman e al cancelliere tedesco Konrad Adenauer di creare un interesse comune ai due paesi. Tale proposta venne solennemente formulata dalla Francia il 9 maggio 1950 e accolta con fervore dalla Germania, dall'Italia, dai Paesi Bassi, dal Belgio e dal Lussemburgo. Il trattato che istituisce la prima Comunità Europea, quella del carbone e dell'acciaio (CECA), fu firmato nell'aprile del 1951 e segnò l'inizio dell'Europa delle realizzazioni concrete. La CECA si poneva i seguenti obiettivi:
• Garantire a tutti gli Stati membri la fornitura di carbone e acciaio a condizioni uguali, con il divieto di istituire dazi doganali e sussidi o altre misure protezionistiche a sostegno dei produttori nazionali contro la concorrenza degli altri produttori comunitari
• Stabilire una tariffa doganale comune nei confronti dei Paesi terzi extracomunitari
25 marzo 1957: La Comunità Economica Europea (CEE) e CEEA
Gli stessi Stati hanno sottoscritto il trattato di Roma nel 1957, dando vita alla CEE e alla CEEA (Comunità europea per l’energia atomica) o EURATOM. Quest’ultima è nata con l’obiettivo di creare un’industria nucleare europea per usi pacifici o produttivi. La CEEA, oltre alla realizzazione di un mercato comune nel settore dell’energia nucleare, promuove la ricerca scientifica e gli investimenti, stabilisce norme per la sicurezza ed effettua controlli.
La CEE ha come obiettivo la crezione di un’unione doganale e di un mercato europeo comune (MEC) tra gli Stati membri. E’ un’organizzazione generale, diretta a promuovere politiche comuni in vari settori.
20 luglio 1963: Atto di fusione
Il cosidetto atto di fusione, contenuto nel Trattato di Bruxelles (1965), con il quale dal 1967 le Comunità europee hanno creato un’organizzazione comune costituita da un’unica Commissione europea e un unico Consiglio dei ministri.
1 gennaio 1973: Primo ampliamento della Comunità Europea
L'Unione Europea è aperta a tutti i paesi europei che desiderino fare propri gli impegni previsti dai trattati e proseguire obiettivi fondamentali comuni.
Il 1° gennaio 1973, Danimarca, Irlanda e Regno Unito entrano a far parte della Comunità Europea. È seguito un ampliamento verso sud, durante gli anni Ottanta, a mano a mano che Grecia, Spagna e Portogallo trovano posto nel contesesto delle nazioni democratiche.
La terza ondata di adesioni, nel 1995, nasce dalla volontà dei paesi dell'Europa scandinava e centrale di aderire a un' unione che andava consolidando il mercato interno, dopo il crollo del blocco sovietico. Nel 2004 entrarano a far parte dell’UE altri 10 paesi, dell’Europa dell’Est: Polonia, Latvia, Lituania, Estonia, Repubblica Ceca, Slovenia, Slovakia, Cipro, Malta e Ungheria. Il 1° Gennaio 2007 entrarano la Romania e la Bulgaria.
7-10 giugno 1979: Le prime elezioni dirette a suffragio universale del Parlamento europeo
Il Parlamento europeo svolge un ruolo fondamentale nell'equilibrio istituzionale della Comunità, in quanto rappresenta i popoli ed è simbolo della natura democratica del progetto europeo.
Quanto alla nomina dei parlamentari europei, fino al 1979 essi erano espressione dei parlamenti a livello nazionale. Dal 1979, il Parlamento europeo è eletto ogni cinque anni a suffragio universale diretto in tutti i paesi dell'Unione.
17 febbraio 1986: firma dell'Atto unico europeo
L'obiettivo del trattato di Roma di istituire un mercato comune è stato in parte realizzato negli anni Sessanta, con la soppressione dei dazi doganali interni e delle restrizioni quantitative agli scambi. Gli autori del trattato avevano però sottovalutato tutta una serie di altri ostacoli nascosti, che sotto forma di regolamenti diversi costituivano spesso barriere insormontabili.
La Commissione prese pertanto un'iniziativa audace, che avrebbe portato alla adozione dell'Atto unico. Questo fissa, per l'1 gennaio 1993, il completamento del mercato interno e fornisce alle istituzioni comunitarie, i mezzi per adottare le trecento direttive necessarie allo scopo. Altro obiettivo è la coesione economica sociale.
1990: Convenzione di Schengen
Nel 1990 è stata sottoscritta la Convenzione di Schengen, creando uno spazio comune tra gli Stati membri delle Comunità europee, con l’esclusione della Gran Bretagna e dell’Irlanda, ma con l’aggiunta della Norvegia e dell’Islanda, sviluppando una cooperazione degli organi giudiziari e la polizia. All’interno della zona Schengen sono stati aboliti i controlli alle frontiere.
1 novembre 1993: nasce l'Unione europea
Con l'entrata in vigore, l'1 novembre 1993, del trattato sull'Unione europea, firmato il 7 febbraio 1992 a Maastricht, la costruzione europea assume una nuova dimensione. In base al trattato, le competenze dell’UE riguardano tre settori:
• La politica sociale, diretta a realizzare la liberalizzazione del mercato del lavoro e l’armonizzazione delle politiche nazionali
• La politica estera e di sicurezza comune (PESC)
• La cooperazione in materia di giustizia e di affari interni (CGAI), relativa al controllo sulle frontiere esterne, all’immigrazione, al diritto di asilo e alla lotta contro il terrorismo e la criminalità organizzata (anche tramite l’EUROPOL).
Del trattato di Maastricht i cittadini ricorderanno forse e soprattutto la decisione che più concretamente inciderà sulla vita quotidiana di ciascuno, ovvero la realizzazione dell'Unione economica e monetaria (UEM). L'1 gennaio 1999, entreranno a far parte di tale Unione tutti i paesi che si saranno conformati a una serie di criteri economici, garanzia della loro sana gestione finanziaria e di stabilità futura per la moneta unica, l'euro,
Ultima tappa logica del completamento del mercato interno è l'immissione in circolazione della moneta unica.
ISTITUZIONI
Parlamento europeo
Il Parlamento europeo, eletto ogni cinque anni a suffragio universale diretto, è l'espressione della democrazia dei cittadini europei. È’ composto da 786 membri e ha sede a Strasburgo (Francia).
Gli europarlamentari, dal 1979, sono eletti direttamente dai cittadini europei. Ad esempio, i cittadini comunitari residenti in Italia possono votare ed essere eletti in Italia a condizione che siano iscritti in una apposita lista elettorale e che non presentino la candidatura per la stessa elezione in un altro Stato dell’Unione europea. Inoltre, a partire dalle elezioni del 2004, la carica di membro del Parlamento europeo è incompatibile con quella di parlamentare italiano.
Il Parlamento Europeo è dotato di un regolamento interno ed ha un Presidente, che viene eletto dallo stesso Parlamento dai suoi membri ed è assistito da un Ufficio di Presidenza.
All’interno del Parlamento operano i gruppi politici, che sono aggregazioni volontarie trasversali di parlamentari formate da deputati di nazionalità diverse ma con il medesimo orientamento politico, e le commissioni parlamentari che svolgono funzioni preparatorie rispetto all’attività dell’intera assemblea e sono formate da un numero ristretto di parlamentari.
A partire dalla fine degli anni Ottanta il Parlamento Europeo ha assunto un ruolo di notevole importanza all’interno dell’organizzazione comunitaria, riducendo quello che veniva definito deficit democratico dell’Unione Europea.
Le funzioni principali del Parlamento Europeo sono:
• la partecipazione all’attività legislativa;
• l’approvazione e il controllo del bilancio;
• l’attività di indirizzo e di controllo politico.
La partecipazione all’attività legislativa avviene insieme alla Commissione e al Consiglio dei ministri; infatti il Parlamento Europeo partecipa al procedimento di formazione degli atti normativi comunitari ma non è titolare esclusivo del potere legislativo.
L’approvazione del bilancio preventivo e il controllo del bilancio da parte del Parlamento hanno un’importanza fondamentale dal punto di vista politico in quanto condizionano le scelte di fondo dell’Unione Europea. Tradizionalmente nel bilancio dell’UE si distinguono le spese obbligatorie, che sono previste nei trattati o in altri atti comunitari (politica agricola comune, sostegno dei mercati agricoli), e le spese facoltative che sono tutte le altre spese. Oltre alle spese, il bilancio comunitario comprende anche le entrate che sono costituite dai prelievi agricoli sulle importazioni di prodotti agricoli dai Paesi terzi, dai dazi doganali derivanti dagli scambi di prodotti non agricoli e dalla risorsa IVA, costituita da una percentuale della base imponibile dell’imposta sul valore aggiunto.
L’attività di indirizzo e controllo politico viene svolta mediante la presentazione di interrogazioni, l’esame di relazioni, la richiesta di chiarimenti e l’approvazione di risoluzioni per indirizzare l’attività comunitaria in alcune materie.
Consiglio Europeo
Si tratta di un organo di impulso ed indirizzo politico dell’Unione Europea.
Il Consiglio non può svolgere funzioni legislative ma ha il compito di dare all’Unione gli impulsi necessari per il suo sviluppo e di definirne gli orientamenti e le priorità politiche generali.
La Costituzione Europea ha soppresso la presidenza a turno del Consiglio e ha introdotto la figura autonoma del Presidente del Consiglio Europeo; esso viene eletto a maggioranza qualificata dallo stesso Consiglio per un periodo di due anni e mezzo.
Il Presidente del Consiglio Europeo svolge funzioni preparatorie delle riunioni e presiede i lavori del Consiglio, che, inoltre, è formato dai Capi di Stato o di Governo degli Stati membri e dal Presidente della Commissione.
In base alla Costituzione il consiglio europeo deve riunirsi almeno una volta al trimestre e si pronuncia per consenso.
Consiglio dell'Unione europea (Consiglio dei Ministri)
Si tratta dell’organo che è posto al vertice dell’organizzazione comunitaria e a cui sono attribuiti ampi poteri normativi e decisionali.
Il Consiglio dell’Unione europea, che di regola si riunisce a Bruxelles, è formato da un ministro per ogni Stato membro, designato di volta in volta dal Governo degli Stati membri a seconda delle materie iscritte all’ordine del giorno.
Il Consiglio dei ministri quindi è un organo non permanente, perché si riunisce soltanto quando deve deliberare su una questione di sua competenza, e a composizione variabile, perché si riunisce in formazioni distinte.
È da notare inoltre, che il Consiglio dell’Unione europea non rappresenta i cittadini europei ma gli Stati membri, e più precisamente, i loro Governi nazionali.
Il Consiglio dei ministri ha un proprio regolamento e un Presidente, che ha il compito di organizzare e di dirigere la sua attività; in base alla Costituzione europea la presidenza del Consiglio viene affidata a rotazione ad un gruppo di tre Paesi per diciotto mesi.
Nell’esercizio delle sue funzioni il Consiglio dei ministri dell’UE si avvale di un Segretario Generale, che viene nominato dallo stesso Consiglio e svolge principalmente compiti di preparazione e di coordinamento dei lavori consiliari, nonché di esecuzione delle decisioni del Consiglio.
Le funzioni principali del Consiglio dei ministri dell’Unione europea riguardano:
• la funzione legislativa e di bilancio;
• la definizione delle politiche comuni e il coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri;
• la conclusione di accordi internazionali con Paesi terzi o con altre organizzazioni internazionali.
Attualmente alcune decisioni indicate in modo tassativo (politica fiscale, politica estera e di sicurezza comune) devono essere votate all’unanimità, senza tenere conto di eventuali astensioni, mentre tutte le altre decisioni devono essere deliberate a maggioranza qualificata.
Commissione europea
Il vero e proprio “motore” dell’attività comunitaria è la Commissione europea, organo con funzioni di iniziativa legislativa ed esecutiva.
Dal 1° Novembre 2004 la Commissione è formata da un cittadino per ciascuno Stato membro nominato per un periodo di 5 anni; in seguito però la Costituzione europea ha disposto che la Commissione dovrà essere composta da un numero di commissari corrispondente a due terzi degli Stati membri, salvo una diversa decisione adottata all’unanimità dal Consiglio europeo.
La Commissione ha la propria sede a Bruxelles ed è diretta da un Presidente, che dalla fine degli anni Novanta svolge un ruolo molto importante, in quanto definisce gli orientamenti dell’attività della Commissione,e in particolare prende decisioni riguardanti:
• l’attribuzione delle competenze o “portafogli” ai singoli membri della Commissione;
• la nomina dei vicepresidenti della Commissione e l’eventuale richiesta di dimissioni obbligatorie da parte di uno o più commissari.
Uno dei vicepresidenti della Commissione è il Ministro degli affari esteri dell’Unione Europea,che rappresenta una delle principali novità introdotte dalla Costituzione Europea e viene nominato a maggioranza qualificata dal Consiglio europeo.
Il Ministro degli Esteri è responsabile della politica estera della UE, in quanto contribuisce alla elaborazione di una politica estera, di sicurezza e di difesa comune e presiede il Consiglio Affari esteri.
La Commissione è un organo permanente e a composizione stabile, in quanto si deve riunire periodicamente e, nel corso della legislatura, i commissari non possono essere sostituiti o revocati. La Commissione è inoltre un organo collegiale in quanto le sue deliberazioni devono essere adottate a maggioranza.
Ogni commissario a una competenza specifica relativa a un determinato settore di attività della Comunità e, a differenza dei ministri che fanno parte del Consiglio, non rappresenta gli interessi particolari di uno Stato ma quelli generale dell’Unione.
La Commissione svolge principalmente le seguenti funzioni:
• l’iniziativa legislativa, che consiste nella preparazione di proposte di atti normativi da sottoporre all’approvazione del Consiglio dei ministri e del Parlamento europeo;
• l’esecuzione del bilancio comunitario e la gestione dei programmi comunitari;
• il coordinamento e l’attuazione delle politiche comunitarie;
• la vigilanza sull’applicazione del diritto dell’UE da parte degli Stati membri e il controllo sull’osservanza degli obblighi e degli adempimenti comunitari.
Infine alla Commissione è attribuita la direzione degli apparati burocratici e amministrativi dell’Unione e la negoziazione di accordi commerciali e di cooperazione con altri Paesi.
Corte di Giustizia
Ha sede a Lussemburgo ed è formata da un giudice per ogni Stato e alcuni avvocati generali, eletti per una durata di 6 anni. Compito principale è il controllo giurisdizionale sull’osservanza dei trattati e degli atti normativi dell’ UE; inoltre regola e giudica le controversie in merito all’applicazione dei trattati istitutivi. E’ formata dalla Corte di giustizia, dal Tribunale e dagli eventuali Tribunali specializzati competenti in alcune materie specifiche.

FONTI COMUNITARIE
Le fonti di produzione del diritto dell’UE sono:
• i trattati istitutivi, costituendo la fonte primaria dell’ordinamento europeo
• i principi generali del diritto, che risultano dalle interpretazioni delle sentenze della Corte di giustizia
• i regolamenti e le direttive, che sono fonti secondarie, emanati dagli organi comunitari in base alle disposizioni contenute nei trattati
Regolamenti comunitari
Sono fonti generali, in quanto si rivolgono a tutti gli Stati membri e contengono delle norme giuridiche che sono immediatamente vincolanti per tutti i soggetti all’interno dei singoli Stati, senza necessità di un atto interno di recepimento.
Nel nostro ordinamento i regolamenti comunitari sono fonti primarie rinforzate. Secondo la Corte costituzionale le norme che vi sono contenute:
• prevalgono, nelle materie attribuite alla competenza comunitaria, sulle norme contenute nelle leggi e nelle altre fonti nazionali
• possono anche derogare le disposizioni contenute nella Costituzione o in fonti di livello costituzionale, a eccezione dei principi fondamentali
Direttive
Non sono fonti generali, perché possono rivolgersi anche verso singoli Stati, e contengono delle norme giuridiche che sono vincolanti soltanto per gli Stati membri e non per le singole persone fisiche o giuridiche operanti al loro interno.
Le disposizioni contenute in una direttiva comunitaria sono applicabili all’interno dell’ordinamento giuridico dei singoli Stati soltanto in seguito all’emanazione di un atto interno di addattamento (recepimento).
Bibliografia:
• Scienza delle Finanze e Diritto Tributario – Alfredo Gilibert – Lattes
• La Geografia del Mondo Globalizzato – Merkes – DO.GE
• Speak Up – Marzo 2008
• Entriamo in Azienda 3 – Astolfi, Barale & Ricci – Tramontana
• Diritto – Nuovo corso di Diritto 3, Diritto Pubblico – Tramontana
• Codice Civile – Izzo, de Luca, Petrucci – Simone per la scuola
Sitografia:
• www.diageo.com
• www.agenziaentrate.it
• www.studenti.it
• www.guinness.ie
• www.cerpi.it/taxonomy/term/4/9
• it.wikipedia.org
• www.xbrl.name/index.html
• www.analisiaziendale.it
• www.business2000.ie/cases
• www.investis.com
2

Esempio



  



Come usare