Dieci piccoli indiani di Agatha Christie

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale
Download:1180
Data:19.07.2000
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
dieci-piccoli-indiani-agatha-christie_1.zip (Dimensione: 6.42 Kb)
trucheck.it_dieci-piccoli-indiani-di-agatha-christie.doc     28.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

SCHEDA DEL LIBRO
AUTORE:
Agatha Christie
TITOLO:
Dieci piccoli indiani
TITOLO ORIGINALE:

Ten Little Niggers
ANNO DI EDIZIONE:
1992
ANNO DI PUBBLICAZIONE:
1939
GENERE:
Giallo
BREVI NOTIZIE
SULL’AUTORE:
Torquay 1890 - Wallingford 1976
Non segue studi regolari ma viene educata privatamente.
La vigilia del Natale 1914 sposa Archibald Christie, giovane ufficiale d’artiglieria, che due giorni dopo parte per la guerra.
Durante questo periodo Agatha presta servizio come crocerossina nell’ospedale di Torquay; qui nasce la sua prima detective story “The Mysterious Affair at Styles” (“Poirot a Styles Court”) che sarà pubblicata nel 1920.
Nel 1918 Archibald ritorna in patria e un anno dopo nasce la loro figlia Rosalind.
Nel 1928 divorzia da Archibald e si risposa nel 1930 con Max Mallowan.
Nel 1933 scrive “Murder on the Orient Express” (“Assassinio sull’Orient-Express”).
Nel 1939 scrive “Ten Little Niggers”, letteralmente “Dieci piccoli Negri”, che nel 1977 viene cambiato in “Dieci piccoli Indiani”.
Nel 1956 riceve l’onorificenza di Commander of the Order of the British Empire.
Nel 1961 riceve la laurea honoris causa in lettere dall’università di Exeter.
Nel 1971 viene nominata Dame dell’Impero Britannico.
Nel 1973 scrive il suo ultimo romanzo “Postern of Fate” (“Le porte di Damasco”).
Ha scritto più di 65 romanzi, numerosi racconti e ha partecipato alla prima del film “Assassinio sull’Orient Express” tratto dall’omonimo romanzo.
PRESENTAZIONE DEL
PROTAGONISTA:
Il protagonista è Lawrence John Wargrave, giudice da poco in pensione, ormai prossimo alla morte per una strana malattia, che diventa un assassino.
Egli fin da piccolo aveva l’istinto di uccidere, ma era frenato da un forte senso della giustizia.
Dopo aver concluso la carriera, decide di commettere lui stesso un crimine: l’uccisione di dieci persone che a suo avviso, pur avendo commesso un crimine, non erano mai state riconosciute colpevoli dalla giustizia ordinaria.
BREVE DESCRIZIONE DEGLI
ALTRI PERSONAGGI E
DELLE LORO RECIPROCHE RELAZIONI:
- Il signor Edward George Armstrong, famoso chirurgo.
- La signorina Emily Caroline Brent, vecchia zitella di sessantacinque anni.
- Il signor William Henry Blore, detective privato.
- La signorina Vera Elizabeth Claythorne, graziosa segretaria.
- Il signor Philip Lombard, avventuriero.
- Il signor John Gordon Macarthur, vecchio generale in pensione.
- Il signor Anthony James Martson, playboy.
- I signori Thomas ed Ethel Rogers, domestici.

BREVE TRAMA:
Dieci persone, estranee l’una all’altra, sono invitate a trascorrere una breve vacanza in una splendida villa a Nigger Island, senza sapere chi è il loro ospite.
Tutti accettano l’invito e giunti all’isola trovano ad attenderli due domestici.
Dopo cena, una voce misteriosa, proveniente da un disco posto sul grammofono, li accusa di essere degli assassini contestando a ciascuno le loro colpe.
Nascono accese discussioni ed ognuno espone la propria versione dei fatti. Poco dopo, Martson, bevendo dal suo bicchiere cade a terra. Il dottor Armstrong, visitandolo, ne constata la morte per asfissia da cianuro di potassio.
Tutti pensano ad un suicidio e più tardi si ritirano nelle loro stanze.
Al mattino, Armstrong viene svegliato da Rogers, il maggiordomo, preoccupato perché la moglie non si sveglia. Dopo colazione Armstrong informa tutti che la signora Rogers è morta nel sonno.
Tutti sono preoccupati, temono vi sia qualcuno sull’isola che voglia ucciderli.
Blore, Lombard e Armstrong, nel pomeriggio, ispezionano l’intera isola ma non trovano nessuno.
Verso sera scoppia una tempesta e Armstrong, vedendo che il generale Macarthur non rientra, esce a cercarlo rientrando poco dopo per annunciarne la morte.
I superstiti sospettano che l’assassino sia uno di loro.
Il mattino seguente Rogers viene trovato morto con una ferita d’ascia sul cranio.
Tutti sono turbati! Dopo colazione la signorina Brent accusa vertigini e si sdraia in sala da pranzo dove poco più tardi viene trovata morta.
Nel pomeriggio i quattro uomini rimasti sono in salotto a discutere sul da farsi, quando un urlo di Vera li richiama al piano superiore. Tre di loro salgono trovandola con un’alga al piede. Chiarito il motivo dello spavento di Vera, ridiscendono e trovano il giudice Wargrave morto.
Nella notte Armstrong sparisce misteriosamente.
Blore, Vera e Lombard convinti che l’assassino sia lui, dopo aver controllato la casa, l’abbandonano dirigendosi alla scogliera. Ma sono senza provviste e Blore decide di ritornare alla casa per rifornirsi.
Vera e Lombard, dopo una vana attesa, tornano anche loro alla casa e lo trovano morto sulla veranda col cranio schiacciato sotto un blocco di marmo.
Spaventati ritornano alla scogliera dove trovano un corpo galleggiante in mare.
È il cadavere di Armstrong.
Vera, sconvolta, ruba la pistola a Lombard e gli spara poi torna alla casa dove in preda alla disperazione s’impicca.
EPILOGO: l’SOS lanciato dagli ospiti durante la tempesta è raccolto da un gruppo di giovani esploratori che si recano sull’isola ed avvertono Scotland Yard di quanto avvenuto. I detective di Scotland Yard non si spiegano il mistero:
dieci morti su un’isola deserta e neanche una traccia dell’assassino.
Nel “Documento manoscritto mandato a Scotland Yard dal capitano del peschereccio “Emma Jane”, Wargrave spiega che lui, in accordo con Armstrong, ha ideato la propria morte ed avendo in seguito ucciso Armstrong nessuno poteva immaginare che in realtà l’assassino era lui.
Alla morte di Vera, egli, dopo aver chiuso il documento in una bottiglia e gettatala in mare, si era tolto la vita.

COMMENTO CRITICO:
Questo libro mi è piaciuto in quanto il genere poliziesco di Agatha Christie affascina e tiene in sospesa ogni trama fino alla conclusione.
È molto interessante il modo con cui la scrittrice descrive le dieci singole morti mascherando sempre il colpevole tale da farlo apparire ogni volta come una persona estranea al gruppo, ma interessata all’uccisione dei singoli componenti.
Senza la spiegazione finale descritta nel documento contenuto nella bottiglia ripescata in mare, non si sarebbe mai conosciuto il vero colpevole.

Esempio



  



Come usare