Anna Karenina

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale
Download:757
Data:20.12.2000
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
anna-karenina_2.zip (Dimensione: 12.72 Kb)
trucheck.it_anna-karenina.doc     50.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Andrea Barlassina Classe 1 B
ANNA KARENINA
RIASSUNTO
La prima parte del romanzo и incentrata sulla coppia composta da Stepan, fratello di Anna, e Dolly, in crisi a causa dei continui tradimenti di lui, un essere superficiale e facile alle avventure. Facendo visita al fratello per tentare di pacificare la sua situazione familiare, Anna conosce Aleksej Vronskij bello e affascinante, tutto l’opposto del marito, alto funzionario statale propenso a trattare gli eventi della vita come pratiche burocratiche.
Ben presto tra Anna e Vronskij scoppia un’amore travolgente: dalla loro relazione, disapprovata dalla societа del tempo di cui sono l’espressione e che li aveva eletti tra i suoi membri migliori, nasce una bambina cui viene imposto il nome di Anna; dopo il parto Anna rischia la morte a causa della febbre puerperale, cade in delirio e chiede il perdono del marito accorso al suo capezzale.
Karenin accetta la situazione fino a riconoscere una figlia non sua purchи vengano fatte salve le convenzioni sociali,vale a dire venga mantenuto il silenzio verso l’esterno. Con le burrascose vicende familiari, da un lato di Anna e dall’altro di suo fratello Stepan, si intreccia la storia di Kitty, sorella minore di Dolly, un tempo corteggiata da Vronskij e poi sposa di Konstantin Levin, vecchio amico di famiglia dotato di uno spirito estremamente sensibile, nel quale Tolstoj sembra trasferire se stesso e le inclinazioni della sua anima. Le coppie giа unite o che vengono a formarsi conoscono destini diversi: Stepan e Dolly si riconciliano, ma nell’accettazione da parte della donna di un’unione familiare che non porta alcuna felicitа, se non a quella indiretta di poter educare con tranquillitа i figli; Anna, insofferente dell’ipocrisia in cui и costretta a vivere, abbandona il marito ( che non le concederа il divorzio e le impedirа per sempre di rivedere la figlia) e parte per l’estero con Vronskij.
ANALISI DELLA TECNICA NARRATIVA
Tolstoj usa la piщ classica delle forme narrative: la terza persona; mentre racconta riduce a nulla la parte del narratore tendendo ad evitare qualsiasi commento: il lettore deve trarre le sue conclusioni dagli elementi narrativi che sono stati posti sotto il suo sguardo, senza l’ausilio dello scrittore. Qualsiasi mediazione viene abolita: il narratore и come un occhio che guarda le cose,le ordina e le segue nel loro divenire; egli vuole che abbiano la stessa veridicitа che hanno nella realtа.Nessun tipo di tecnica narrativa deve farci rammentare che stiamo leggendo un romanzo.
Particolarmente interessante in Tolstoj и come egli tratta la questione del tempo: maestro nell’arte di rallentare l’azione egli riesce a dare al lettore la sensazione che interi mesi od anni siano trascorsi durante il breve tempo impiegato a leggere il libro.
Il passare delle stagioni viene sapientemente solo accennato, quasi di sfuggita, mediante alcuni piccoli particolari: che la cena in cui Levin si dichiara, corrisposto finalmente, a Kitty, si svolga d’inverno si capisce da questa frase quasi impercettibile detta da Levin: “ C’и molta gente? Chi?” domandт Levin, arrossendo involontariamente, mentre col guanto faceva cadere la neve dal cappello.
ANALISI DEI PRINCIPALI PERSONAGGI
ANNA KARENINA
E’ il personaggio piщ amato dall’autore: viene descritta in modo mirabile giа al suo apparire, quando scende dal treno e incontra per la prima volta l’uomo che segnerа il suo destino e per il quale si perderа, il conte Vronskij. Anna rappresenta a suo modo la ricerca dell’amore assoluto, ma viene punita perchи vuole soltanto il possesso esclusivo di un uomo bello, brillante che sia a sua totale disposizione.
Alla fine lei farа soltanto la propria infelicitа , quella dell’amante,dei suoi figli e del marito: rendendendosi conto di questo non le rimane che una scelta drammatica, quella di togliersi di mezzo uscendo dalla vita che pur le aveva fatto balenare la possibilitа di essere felice.
Coloro che infrangono la legge divina, come Anna Karenina, possono conoscere soltanto un’uva velenosa dai grappoli amarissimi.
Ma, come ci avverte l’epigrafe all’inizio del romanzo, nessuno puт arrogarsi il diritto di giudicare : non la societа russa di Pietroburgo e di Mosca, non i lettori ma solamente Dio.
.
KONSTANTIN LEVIN
E’ il “secondo” protagonista che costruisce con Kitty l’unica storia d’amore a lieto fine del romanzo : forte e timido,caparbio e dubbioso, con un’intelligenza ricca ma non pratica, Levin и in fondo convinto che le buone qualitа per l’uomo siano possibili solo nella solitudine, come consente solo la vita di campagna, e che la vita di societа renda pettegoli,sciocchi e falsi.Come Anna ,che ha cercato il significato della vita nell’amore disperato, anch’egli cerca di capirne l’essenza e rimane sconvolto al punto da cercare il suicidio: la vita gli appare come la malvagia irrisione di qualche demone.
L’unica cosa a salvare Levin dalla disperazione и l’esistenza che conduce anche se non risponde alle sue esigenze intellettuali.
STEPAN OBLONSKIJ
Il romanzo si apre proprio con l’apparizione di questo spumeggiante personaggio chiave, che и il punto d’incontro delle due vicende che vi si intrecciano: и il fratello di Anna e il cognato di Kitty, che Levin ama ardentemente.
Tolstoj si serve di questo personaggio, benpensante,aristocratico e inetto per farci passare dai fasti e dalle luci dell’aristocrazia e portarci verso le profonditа piщ tragiche e piщ spiacevoli della vicenda amorosa di Anna.
ALEKSEJ VRONSKIJ
E’ l’amante di Anna che si sforza di renderla felice rinunciando anche alla sua carriera: subisce l’amore travolgente di lei e finisce per esserne annientato; и un uomo medio, equilibrato e ordinato che non conosce l’essenza drammatica della realtа.Quando Anna cade ammalata per disperazione cerca di togliersi la vita sparandosi al petto.
ALEKSEJ KARENIN
La sua figura di marito viene dipinta da Tolstoj in maniera singolare e contradditoria: dapprima ci appare come un aristocratico gestore della vita familiare in senso burocratico e poi improvvisamente come uomo dotato di grandi sentimenti e capace di un perdono quasi impossibile verso la moglie adultera.
Alla fine si comporterа come la societа del tempo esige da lui non consentendo ad Anna il divorzio e la condannerа irrimediabilmente.
TEMA TRATTATO
Il romanzo analizza, attraverso alcune vicende esemplari, di cui quella riguardante la protagonista и la piщ importante e passionale, la buona societа moscovita contemporanea e il tema piщ vasto e universale dell’istituzione familiare, mezzo per raggiungere stabilitа affettiva ma anche, in alcune condizioni, luogo di soffocamento delle aspirazioni piщ autentiche, destinate a naufragare di fronte alle convenzioni sociali.
Tolstoj vuole fustigare la societа per il rifiuto freddo e crudele con cui punisce la colpa d’amore di una donna in fondo nobile e fiera,invece di lasciare a Dio l’eventuale vendetta.
COMMENTO PERSONALE
E’senza dubbio uno dei piщ bei libri che io abbia mai letto: mi ha colpito particolarmente la capacitа dell’Autore di descrivere i personaggi e le scene che si svolgono negli ambienti piщ diversi. Sono rimasto completamente affascinato dal ritratto di Anna che emerge dal romanzo come una cometa bellissima anche se avvolta da una tragica luce. Non si puт fare a meno di amarla e di comprendere la tragedia che porta dentro di se: proprio come dice l’epigrafe nessuno ha il diritto di giudicare il comportamento degli altri.
Credo che questo sia il piщ bell’insegnamento che ci viene da Tolstoj.
04/05/1998
1 di 5

Esempio



  



Come usare