Relazioni di fisica

Materie:Appunti
Categoria:Fisica

Voto:

1 (2)
Download:305
Data:13.09.2001
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
relazioni-fisica_1.zip (Dimensione: 9.13 Kb)
trucheck.it_relazioni-di-fisica.doc     56.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LABORATORIO DI FISICA
RELAZIONE N. TITOLO: Le lenti
SCOPO DELL’ESPERIENZA
1 1 1
Verifica dell’equazione sui punti coniugati: + =
p q f
p = distanza tra l’oggetto e la lente
q = distanza tra l’immagine dell’oggetto e la lente
f = distanza tra la lente e il fuoco.
APPARECCHI E MATERIALI
• Banco ottico con cavalieri:
1. proiettore
2. porta diaframma
3. schermo
4. lente biconvessa
• Metro a nastro
• Calibro
• Calcolatrice
SCHEMA DI MONTAGGIO

1 2 3 4

5
6

1. schermo
2. porta diaframma
3. lente biconvessa
4. proiettore
5. cavaliere
6. banco ottico.
ESECUZIONE DELL’ESPERIENZA
Preparare il banco ottico su cui si posizioneranno quattro cavalieri che avranno il compito di sorreggere, da destra verso sinistra (come nel disegno), un proiettore, una lente biconvessa, un porta diaframma e uno schermo bianco.
Accendere il proiettore.
Spostando la lente cercare di mettere a fuoco la figura che si raccoglie sullo schermo.
Dopo aver messo a fuoco l’immagine del diaframma misurare con il metro a nastro la lunghezza f, che è la distanza tra il fuoco e la lente.
Eseguire delle misure con condizioni di distanza tra l’oggetto e la lente differenti:
1. l’oggetto deve essere a distanza maggiore di due volte la lunghezza della distanza focale (2f l ogg.)
2. l’ogg. deve avere distanza dalla lente pari a due volte il fuoco (ogg. = 2f)
3. la distanza tra l’ogg. e la lente è compresa tra due volte la lunghezza focale e una volta la lunghezza focale (f s ogg. 2f)
4. L’oggetto deve avere distanza pari alla lunghezza focale (ogg. = f)
5. L’oggetto deve essere a distanza minore della lunghezza focale (c.o.oogg.of).
Per ogni condizione calcolare la distanza q (distanza tra la lente e l’immagine dell’oggetto), l’ingrandimento e la natura dell’immagine.
TBELLE, CALCOLI
GRAFICI ALLEGATI NUMERO: 1
F = 10,09 cm ==> 10 cm 2f = 20 cm.

P cm
Q cm
G (q/p) cm
NATURA IMMAGINE
2f 2 ogg.
26
16.5
0.63
Capovolta, rimpicciolita, reale.
Ogg. = 2f
20
20
1
Capovolta, grand. reale, reale.
F F ogg. 2f
15
28.5
1.9
Capovolta, reale, ingrandita.
Ogg. = f
10
Virtuale, capovolta.
c.o. c ogg. . f
5
-10
2
Non capovolta, virtuale, ingran.
ANALISI DEI DATI E RISULTATI OTTENUTI
Osservando la tabella si può arrivare a molte conclusioni. Al variare della lunghezza p variano anche le altre due lunghezze: q ed f.
L’immagine si potrà raccogliere su uno schermo e, misurandola sarà rimpicciolita, quando la lunghezza p è maggiore di due volte la lunghezza focale.
Avrà un ingrandimento pari a 1 solo nel caso in cui la distanza dall’oggetto alla lente è uguale a due volte la lunghezza focale, l'immagine sarà inoltre capovolta e reale.
Quando la distanza dell’oggetto dalla lente è uguale alla lunghezza focale si può notare che l’immagine è ancora capovolta ma non è più reale, vale a dire che non si può raccogliere su uno schermo, quindi è virtuale, perciò si formerà all’infinito.
L’immagine è ingrandita e non capovolta solo quando la distanza dell’oggetto dalla lente è minore della lunghezza focale ma sarà virtuale e quindi, non si potrà raccogliere su uno schermo.

Pagina 1 di 2
LABORATORIO DI FISICA
RELAZIONE N. TITOLO: Le lenti
SCOPO DELL’ESPERIENZA
1 1 1
Verifica dell’equazione sui punti coniugati: + =
p q f
p = distanza tra l’oggetto e la lente
q = distanza tra l’immagine dell’oggetto e la lente
f = distanza tra la lente e il fuoco.
APPARECCHI E MATERIALI
• Banco ottico con cavalieri:
1. proiettore
2. porta diaframma
3. schermo
4. lente biconvessa
• Metro a nastro
• Calibro
• Calcolatrice
SCHEMA DI MONTAGGIO

1 2 3 4

5
6

1. schermo
2. porta diaframma
3. lente biconvessa
4. proiettore
5. cavaliere
6. banco ottico.
ESECUZIONE DELL’ESPERIENZA
Preparare il banco ottico su cui si posizioneranno quattro cavalieri che avranno il compito di sorreggere, da destra verso sinistra (come nel disegno), un proiettore, una lente biconvessa, un porta diaframma e uno schermo bianco.
Accendere il proiettore.
Spostando la lente cercare di mettere a fuoco la figura che si raccoglie sullo schermo.
Dopo aver messo a fuoco l’immagine del diaframma misurare con il metro a nastro la lunghezza f, che è la distanza tra il fuoco e la lente.
Eseguire delle misure con condizioni di distanza tra l’oggetto e la lente differenti:
1. l’oggetto deve essere a distanza maggiore di due volte la lunghezza della distanza focale (2f l ogg.)
2. l’ogg. deve avere distanza dalla lente pari a due volte il fuoco (ogg. = 2f)
3. la distanza tra l’ogg. e la lente è compresa tra due volte la lunghezza focale e una volta la lunghezza focale (f s ogg. 2f)
4. L’oggetto deve avere distanza pari alla lunghezza focale (ogg. = f)
5. L’oggetto deve essere a distanza minore della lunghezza focale (c.o.oogg.of).
Per ogni condizione calcolare la distanza q (distanza tra la lente e l’immagine dell’oggetto), l’ingrandimento e la natura dell’immagine.
TBELLE, CALCOLI
GRAFICI ALLEGATI NUMERO: 1
F = 10,09 cm ==> 10 cm 2f = 20 cm.

P cm
Q cm
G (q/p) cm
NATURA IMMAGINE
2f 2 ogg.
26
16.5
0.63
Capovolta, rimpicciolita, reale.
Ogg. = 2f
20
20
1
Capovolta, grand. reale, reale.
F F ogg. 2f
15
28.5
1.9
Capovolta, reale, ingrandita.
Ogg. = f
10
Virtuale, capovolta.
c.o. c ogg. . f
5
-10
2
Non capovolta, virtuale, ingran.
ANALISI DEI DATI E RISULTATI OTTENUTI
Osservando la tabella si può arrivare a molte conclusioni. Al variare della lunghezza p variano anche le altre due lunghezze: q ed f.
L’immagine si potrà raccogliere su uno schermo e, misurandola sarà rimpicciolita, quando la lunghezza p è maggiore di due volte la lunghezza focale.
Avrà un ingrandimento pari a 1 solo nel caso in cui la distanza dall’oggetto alla lente è uguale a due volte la lunghezza focale, l'immagine sarà inoltre capovolta e reale.
Quando la distanza dell’oggetto dalla lente è uguale alla lunghezza focale si può notare che l’immagine è ancora capovolta ma non è più reale, vale a dire che non si può raccogliere su uno schermo, quindi è virtuale, perciò si formerà all’infinito.
L’immagine è ingrandita e non capovolta solo quando la distanza dell’oggetto dalla lente è minore della lunghezza focale ma sarà virtuale e quindi, non si potrà raccogliere su uno schermo.

Pagina 1 di 2

Esempio