La Metafisica di Aristotele

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

1.5 (2)
Download:150
Data:12.12.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
metafisica-aristotele_1.zip (Dimensione: 5.1 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-metafisica-di-aristotele.doc     27 Kb



Testo

Le scienze
• Teoretiche (Filosofia prima, Fisica, Matematica) Indagano il necessario
• Pratiche (Etica, Politica)
• Poietiche (Le tecniche)
La metafisica
• Studia “le cause e i principi primi”
➢ Studia “l’essere in quanto essere”
• Studia “la sostanza”
• Studia “Dio e la sostanza immobile”
L’essere e la sostanza
L’essere ha una molteplicità di aspetti e significati.
I vari significati dell’essere

Categorie: caratteristiche fondamentali e strutturali dell’essere, cioè quelle determinazioni generalissime che ogni cosa ha e che non può fare a meno di avere.
1. Sostanza
2. Qualità
3. Quantità
4. Dove
5. Quando
6. Agire
7. Subire
8. Relazione
(9.) Avere
(10.) Giacere
La più importante è la sostanza, perché tutte le altre la presuppongono.
La sostanza è il centro di riferimento delle categorie (e dell’accidente, della potenza e dell’atto, del vero e del falso).
L’essere non ha un unico significato, né molti significati completamente diversi fra loro, ma una molteplicità di significiati uniti fra loro da un comune riferimento alla sostanza.
Se l’essere si identifica con le categorie, e le categorie si riferiscono tutte alla sostanza, allora la domanda “che cos’è l’essere ?”, diventa “Che cos’è la sostanza ?”
Per sostanza Aristotele intende l’individuo che funge da soggetto reale di proprietà e da soggetto logico di predicati. E’ chiamata anche tode ti, il questo qui. E’ un ente autonomo, in quanto, al contrario delle proprietà, ha vita propria.
Sinolo: forma e materia.
Forma: natura propria di una cosa, quella che fa si che essa sia ciò che è. E’ l’elemento caratterizzante e determinante del sinolo, la “sostanzialità della sostanza” (Aristotele spesso chiama sostanza non solo il sinolo, ma anche la forma)
Materia: è il quid o sostrato, l’elemento passivo e determinato, che viene strutturato dalla forma.
La sostanza oggetto di scienza
Ogni cosa è sostanza. La sostanza non differisce dalle altre in quanto sostanza, ma per altre caratteri. Tutte le cose sono fatte di una stessa sostanza. Quindi tutte le scienze, che studiano la sostanza, hanno lo stesso valore e la stessa dignità. (E’ anche un modo per restituire dignità all’analisi della natura: non solo ciò che è perfetto deve essere studiato, come invece diceva Platone)
Le quattro cause
• Materiale
• Formale
• Efficiente
• Finale
I platonici hanno trovato la causa formale, ma è impensabile che questa possa essere trascendente, non presente nelle cose stesse.
Il divenire
Il divenire esiste, ma come deve essere pensato ? Non come un passaggio dall’essere al non-essere o viceversa, ma come passaggio da un certo tipo di essere ad un altro tipo di essere.
Potenza: la possibilità da parte della materia di assumere una determinata forma.
Atto: la realizzazione congiunta di tale capacità. (anche entelechia, cioè perfezione attuata)

La Metafisica
Aristotele

Esempio