Immanuel Kant

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2 (2)
Download:253
Data:29.01.2001
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
immanuel-kant_4.zip (Dimensione: 5.03 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_immanuel-kant.doc     18.5 Kb



Testo

IMMANUEL KANT 1724-1804
Nasce a Konisberg in Russia dove trascorre tutta la sua vita. Diventa professore nell'universitа e rifiuta cariche piщ elevate. Fu un uomo metodico e solitario, figlio dell'illuminismo.
Tratto fondamentale dell'illuminismo: centralitа attribuita alla ragione umana in quanto finita.
Secondo l'empirismo i limiti della ragione umana erano dati dall'esperienza.
PRODUZIONE LETTERARIA DI KANT:
1) PERIODO PRECRITICO
PRECEDE IL VERO PERIODO CRITICO
- (1755) STORIA UNIVERSALE DELLA NATURA E
TEORIA DEL CIELO. И UNO SCRITTO DI FISICA ASTRONOMIA. E' INTERESSATO ALLE
SCIENZE DELLA NATURA. IPOTIZZA CHE IL MONDO SI SIA FORMATO DA UNA NEBULOSA
ORIGINARIA.
- (1766) I SOGNI DI UN VISIONARIO SPIEGATI COI
SOGNI DELLA METAFISICA
- (1770) DISSERTAZIONE SULLA FORMA E I
PRINCIPI DEL MONDO SENSIBILE E INTELLIGIBILE. SPARTIACQUE TRA I DUE PERIODI
2) PERIODO CRITICO
E' LA SUA VERA FILOSOFIA
- (1781) CRITICA DELLA RAGION PURA
- (1788) CRITICA DELLA RAGION PRATICA
- (1790) CRITICA DEL GIUDIZIO
RITIENE CHE LA SCIENZA DIA SOLIDI RISULTATI E CHE SIA UN SAPERE CUMULATIVO.
NEL 1769 KANT AFFERMA DI AVER AVUTO UN'ILLUMINAZIONE. IUM MI HA RISVEGLIATO
DAL SONNO DOGMATICO
- VERITA’ DI RAGIONE
- VERITA’ DI FATTO
KANT CONDIVIDE L'EMPIRISMO DI IUM MA NON CONDIVIDE L'ESITO SCETTICO RIGUARDO
ALLA FISICA. VUOLE CHIARIRE I LIMITI, LA POSSIBILITа E LA VALIDITа DELLA
CONOSCENZA.
LA RAGIONE ISTITUISCE UN TRIBUNALE IN CUI LA RAGIONE GIUDICA SE STESSA.
NEL 1769 RIVOLUZIONE COPERNICANA DELLA CONOSCENZA:
PORTA IL SOGGETTO AL CENTRO.
E' L'OGGETTO CHE SI ADEGUA AL SOGGETTO
IL SOGGETTO NON и Piщ PASSIVO
CONOSCENZA OGGETTIVA = UNIVERSALE
STRUTTURE A PRIORI PRECEDONO L'ESPERIENZA.
NEL 1770 DISSERTAZIONE. KANT APPLICA IL COPERNICANESIMO FILOSOFICO ALLA
CONOSCENZA UMANA
CONOSCENZA SENSIBILE:
1) FORMA = SPAZIO TEMPO *FENOMENO UTI APPARENT
2) MATERIA = IMPRESSIONI *FENOMENO UTI APPARENT
CONOSCENZA INTELLETTUALE * NOUMENO UTI EST
TUTTO: = REALTA'
FENOMENI = RAPPRESENTA L'OGGETTO COSм COME APPARE
NOUMENO = REALTа COSм COME и
CONOSCENZA SENSIBILE:
- FORMA A PRIORI * SPAZIO TEMPO (SONO IDEALI)
- MATERIA (IMPRESSIONI)
FORME A PRIORI DELLA SENSIBILITа
SPAZIO = FORMA A PRIORI DEI FENOMENI ESTERNI
TEMPO = FORMA A PRIORI DEI FENOMENI INTERNI
L'INTELLETTO и IN GRADO DI CONOSCERE I PRINCIPI VERI DELLA REALTа
NOUMENO : Ciт CHE и PENSATO
SPAZIO E TEMPO: INTUIZIONI PURE A PRIORI
INTUIZIONI: NON DERIVA DA UN RAGIONAMENTO
PURE: NON CONTENGONO NULLA DI EMPIRICO
PRIORI: ANTICIPANO E CONDIZIONANO L'ESPERIENZA
1781-1787:
CRITICA DELLA RAGION PURA TEORETICA
LA CRITICA DELLA RAGION PURA и L'ANALISI DELLA NOSTRA FACOLTа CONOSCITIVA,
TESO A METTERE IN LUCE GLI ELEMENTI A PRIORI
IL PROGRAMMA DEL CRITICISMO SI BASA SU TRE DOMANDE:
- COM'и POSSIBILE UNA MATEMATICA PURA?
- COM'и POSSIBILE UNA FISICA PURA?
- COM'и POSSIBILE LA METAFISICA COME SCIENZA?
ANCHE SE LA METAFISICA NON и UNA SCIENZA L'UOMO TENDE AD ESSA.
PENSARE SIGNIFICA GIUDICARE * ATTRIBUIRE UN PREDICATO AD UN SOGGETTO
GIUDIZI ANALITICI: A PRIORI; IL PREDICATO NON AGGIUNGE NIENTE DI NUOVO AD UN
SOGGETTO
SOGGETTO + PREDICATO (SI FONDA SUL PRINCIPIO DI NON CONTRADDIZIONE)
GIUDIZI SINTETICI: A POSTERIORI (ALCUNI CORPI SONO PESANTI)
DERIVANO DALL'ESPERIENZA
NON AONO UNIVERSALI
NON SONO NECESSARI
MENTRE I PRIMI ERANO STERILI QUESTI SONO FECONDI
DOVREBBE ESSERE POSSIBILE UN TERZO TIPO DI GIUDIZIO IL QUALE ABBIA ALLO
STESSO TEMPO LA VALIDITа DI GIUDIZI UNIVERSALI E FECONDI.

GIUDIZI SINTETICI A PRIORI
LA SCIENZA POSA SULLA POSSIBILITа DEI GIUDIZI SINTETICI A PRIORI
SE E COME SIANO POSSIBILI I GIUDIZI SINTETICI A PRIORI, CIOи PROPOSIZIONI
NELLE QUALI LA CONNESSIONE TRA I DATI EMPIRICI NON SIA CONDIZIONATA
DALL'ESPERIENZA, MA DETERMINATA NECESSARIAMENTE DALL'INTELLETTO.
QUESTI GIUDIZI SAREBBERO AL TEMPO STESSO FECONDI E UNIVERSALI E NECESSARI.
TUTTO Ciт CHE ACCADE HA LA SUA CAUSA
LA CRITICA DELLA RAGION PURA
1) DOTTRINA DEGLI ELEMENTI: ANALISI DEGLI ELEMENTI A PRIORI
DELLA CONOSCENZA INTELLETTUALE
A) ESTETICA TRASCENDENTALE: ANLISI DEGLI
ELEMENTI A PRIORI DELLA CONOSCENZA SENSIBILE
B) LOGICA TRASCENDENTALE: ANALISI DEGLI
ELEMENTI A PRIORI DEL PENSIERO
ESTETICA: DOTTRINA DELLA SENSIBILITа
LOGICA:
1) ANALITICA TRASCENDENTALE: ANALISI DEGLI ELEMENTI A PRIORI
DELLA CONOSCENZA INTELLETTUALE
2) DIALETTICA TRASCENDENTALE: ANALISI DELLA RAGIONE
TRASCENDENTALE: Ciт CHE HA PER OGGETTO LE FORME A PRIORI DELLA CONOSCENZA
ANALITICA TRASCENDENTALE:
1) ANALITICA DEI CONCETTI
2) ANALITICA DEI PRINCIPI
ANALITICA TRASCENDENTALE: SI APPLICA LA RIVOLUZIONE COPERNICANA
ALL'INTELLETTO. ANCHE L'INTELLETTO CONOSCE SOLO I FENOMENI.
INTELLETTO:
1) FORME A PRIORI: CATEGORIE (CONCETTI PURI * и LA CONDIZIONE
CHE MI PERMETTE DI FORMARE UN CONCETTO EMPIRICO * RISULTATO DELLA
CONOSCENZA)
2) MATERIA * FENOMENI
LE CATEGORIE:
1) CATEGORIA DELLA QUANTITа: UNITа, PLURALITа, TOTALITа
2) CATEGORIA DELLA QUALITа: REALTа, NEGAZIONE, LIMITAZIONE
3) CATEGORIA DELLA RELAZIONE: INERENZA E SOSTANZIALITа,
CASUALITа E DIPENDENZA, COMUNANZA O RECIPROCITа D'AZIONE
4) CATEGORIA DELLA MODALITа: POSSIBILITа/IMPOSSIBILITа,
ESISTENZA / NON ESISTENZA, NECESSITа /CONTINGENZA.
LA DEDUZIONE TRASCENDENTALE: LA SPIEGAZIONE DEL MONDO IN CUI CONCETTI A
PRIORI SI POSSONO RIFERIRE AD OGGETTI.
DEDUZIONE: RAGIONAMENTO DAL GENERALE AL PARTICOLARE
INDUZIONE: DAL PARTICOLARE AL GENERALE
SIGNIFICATO PER KANT IN AMBITO GIURIDICO:
DEDUZIONE: GIUSTIFICAZIONE DELL'USO DELLE CATEGORIE
CATEGORIE * FENOMENI
* *
A PRIORI VENGONO DALL'ESPERIENZA
UNIFICAZIONE:
- MOTEPLICITа * FENOMENI
- UNITа * UNITа ORIGINARIA PRECEDENTE ALLE
CATEGORIE
UNITа
*
CATEGORIE
*
UNIFIC.
*
FENOMENI
- UNITа * IO PENSO : и QUELL'UNITа ORIGINARIA
CHE CONSENTE ALLE CATEGORIE DI UNIFICARE IL MOLTEPLICE DELL'ESPERIENZA
IO PENSO: NON и MAI OGGETTO DELL'ESPERIENZA
*
и LA PURA POSSIBILITа LOGICA DELL'UNIFICAZIONE
INFONDATEZZA DELLA TEOLOGIA
1) (CARTESIO) ATTRIBUISCE L'ESISTENZA (CHE и UNA CATEGORIA); IL
CONCETTO DI PERFEZIONE DIVINA IMPLICA, FRA LE INFINITE PERFEZIONI, ANCHE
QUELLA DELL'ESISTENZA
2) (ARISTOTELE, SAN TOMMASO); LA CONTINGENZA DEL MONDO IMPLICA
L'ESISTENZA DI UN ESSERE ASSOLUTAMENTE NECESSARIO.
3) PROVA FISICA-TEOLOGICA: L'ORDINE DELLA NATURA IMPLICA UNA
FINALITа E L'ESISTENZA DI "UN'ARTEFICE" (SCOPO DEL MONDO)
- CRITICA IL LORO USO "COSTITUTIVO", MA VI и
UN USO REGOLATIVO
- LA METAFISICA NON и UNA SCIENZA MA и UN
ESIGENZA DELL'UOMO
LA CRITICA DELLA RAGION PRATICA:
CHE COSA POSSO SAPERE?
- PRESUPPOSTO DELLA LEGGE MORALE INSCRITTA A
PRIORI (UNIVERSALE) (LIBERTа)
- L'UOMO и UN ESSERE BIPOLARE
- LA LEGGE MORALE SI CONFIGURA COME DOVERE
RIGORISMO : COINCIDE CON LA RAGION PRATICA
PRINCIPI:
- MASSIMA: PRINCIPIO SOGGETTIVO DELL'AZIONE
- IMPERATIVI IPOTETICI: PRESCRIVE UN'AZIONE
COME CONDIZIONE PER RAGGIUNGERE QUALCOSALTRO.
- SE LO SCOPO и INCERTO: IMPERATIVO
DELL'ABILITа
- IMPERATIVI IPOTETICI: UNA LEGGE MORALE DEVE
ESSERE INCONDIZIONATA. SEMPRE CONDIZIONI ALLO SCOPO CHE SI VUOLE
RAGGIUNGERE.
IL DOVERE PER IL DOVERE
IMPERATIVO CATEGORICO и 1 MA HA 3 FORMULAZIONI DIVERSE:
1) "AGISCI IN MODO TALE CHE LA MASSIMA DELLA TUA AZIONE POSSA
SEMPRE VALERE COME PRINCIPIO DI UNA LEGISLAZIONE UNIVERSALE"
- FORMA DELL'UNIVERSALITа
2) "AGISCI IN MODO DA TRATTARE L'UMANITа, SIA NELLA TUA PERSONA
CHE IN QUELLA DI CHIUNQUE ALTRO, SEMPRE ANCHE COME FINE E MAI COME MEZZO"
- RISPETTO DELLA DIGNITа UMANA. L'ESSERE UMANO
и PORTATORE DI UNA DIGNITа CHE GLI DERIVA DA UNA LEGGE MORALE
3) "AGISCI IN MODO TALE CHE LA VOLONTа, IN VIRTщ DELLA SUA
MASSIMA, POSSA CONSIDERARSI UNIVERSALMENTE LEGISLATRICE"
- PRINCIPIO DELL'AUTONOMIA DELLA LEGGE MORALE
CARATTERISTICHE DELL'IMPERATIVO CATEGORICO:
1) FORMALITа: LA LEGGE NON CI DICE CHE COSA DOBBIAMO FARE, MA
COME DOBBIAMO FARLO
2) DISINTERESSE: LA LEGGE MORALE NON INDICA UN FINE IN VISTA
DEL QUALE AGIRE; SI DEVE AGIRE SEMPLICEMENTE perchй SI DEVE
3) AUTONOMIA: IL COMANDO MORALE NON и UN IMPERATIVO ESTERNO, MA
IL FRUTTO DELLA VOLONTа SPONTANEA, CHE, ESSENDO LEGGE A SE STESSO, FA SI CHE
SAI, SOTTOMETTENDOCI AD ESSA, NON FACCIAMO CHE OBBEDIRE A NOI STESSI.
POSTULATI DELLA RAGION PRATICA
VIRTщ = BENE SUPREMO
+
FELICITа = BENE SOMMO
POSTULATO: и UNA PROPOSIZIONE INDIMOSTRABILE MA NECESSARIA PER UN'ALTRA
DIMOSTRAZIONE
TRE POSTULATI:
1) LIBERTа
2) L'IMMORTALITа DELL'ANIMA: perchй L'UOMO ABBIA A DISPOSIZIONE
UN TEMPO INFINITO PER MIGLIORARE LA PROPRIA VOLONTа FINO A DIVENTARE SANTA
3) L'ESISTENZA DI DIO
1)2)3) NON SONO TRE RISULTATI DELLA CONOSCENZA TEORETICA.
POSSO SOLO NUTRIRE LA RAGIONEVOLE SPERANZA DELLE TRE COSE.
KANT AMMETTE L'ESISTENZA DEL NOUMENO CHE ERA STATO NEGATO.
IO POSSO SOLO CONOSCERE IL MODO DEL MECCANISMO MA POSSO SPERARE
PRIMATO DELLA RAGION PRATICA
CRITICA DEL GIUDIZIO
CHE COSA POSSO PENSARE.
KANT CERCA DI CONCILIARE I DUE MONDI ATTRAVERSO IL SENTIMENTO
QUESTO GIUDIZIO RIFLETTENTE
ESTETICO O IN MODO IMMEDIATO
PAG 13
- GIUDIZIO ESTETICO : IL SOGGETTO INTUISCE
- GIUDIZIO TEOLOGICO : IL SOGGETTO PENSA
- GIUDIZIO ESTETICO: INTUISCO LA REALTа CHE
OSSERVA
- LA BELLEZZA и UN ARMONIA TRA 1 OGGETTO E ME
- IL BELLO
4 CARATTERISTICHE DEL GIUDIZIO ESTETICO:
- UN PIACERE SENZA INTERESSE
- UN'UNIVERSALITа SENZA SCOPO
- UNA NECESSITа SENZA CONCETTO
IL SUBLIME и UN SENTIMENTO DI DISPIACERE O PIACERE PROVOCATO NELL'UOMO O DA
QUALCOSA SMISURATAMENTE HGRANDE O POTENTE
GIUDIZIO TEOLOGICO
INSIEME CHE SPIEGA LE PARTI
MECCANICISMO: LE PARTI SPIEGANO IL TUTTO
ORGANICISMO: IL TUTTO SPIEGA LE PARTI

Esempio



  



Come usare