Il metodo galileiano

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2.5 (2)
Download:322
Data:06.10.2006
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
metodo-galileiano_1.zip (Dimensione: 10.29 Kb)
trucheck.it_il-metodo-galileiano.doc     53.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

IL METODO GALILEIANO
* in Galileo non c’è una teoria del metodo

applica il metodo più che teorizzarlo!
* le poche indicazioni teoriche sono sparse nelle sue opere
-- lavoro della scienza --
Lavoro della scienza

-- la scienza --
La scienza

Galileo è quindi considerato sia deduttivista che induttivista!
-- induzione e deduzione --
Induzione e deduzione sono indissolubilmente congiunte e si richiamano a vicenda

* le sensate esperienze presuppongono un riferimento alle necessarie dimostrazioni

vengono liberate dall’aspetto qualitativo e
ridotte alla loro struttura matematica e quantitativa
* le necessarie dimostrazioni presuppongono un richiamo alle sensate esperienze

le esperienze sono alla base delle ipotesi e delle intuizioni

devono essere verificate!!

-- matematica pura e teoria fisica --
Rapporti tra matematica pura e teoria fisica

* è la logica della fisica * ha valore scientifico solo se
trova riscontro nella realtà
* strumento di
scoperta scientifica
* non ha bisogno dell’esperienza

-- esperienza e verifica --
Esperienza → non è quella immediata e ordinaria! → frutto di un’elaborazione matematica dei dati

si conclude con la verifica

è lontana dalla scienza di Galilei per 2 motivi:
1.ingannevole → con lui si afferma la divisione
tra mondo fisico e mondo comune
2.non ha valore scientifico → se non viene affiancata all’esperimento

è praticamente l’esperienza intesa in modo scientifico!
Verifica→ non è quella dei sensi!! → procedura che intende creare condizioni adeguate x’ un certo evento possa prodursi

spesso un fenomeno risulta complesso → lo scienziato deve riprodurlo in modo semplificato

* eliminando elementi disturbanti
* creando condizioni ideali
______________________________________________________________

spesso Galileo non aveva a disposizione i mezzi tecnici necessari
nascono gli esperimenti mentali
si ricorre a una fisica ideale per formulare e verificare le ipotesi
anche ricorrendo all’esperienza!
-- metodo galileiano e scienza antica --
* fa risaltare i limiti della scienza antica

1. 1.non si attenevano abbastanza ai fatti! → eccedono in affermazioni teoriche e deduttive
2. si attenevano troppo alla realtà! → accettano i fenomeni passivamente,senza critica!
3. non faceva uso della matematica![quella di Platone era magico-metafisica + che scientifica]
4. mancava di controllo sperimentale → non poteva verificare le affermazioni

METODO E FILOSOFIA
Grazie al metodo Galileo arriva a formare lo schema teorico della scienza moderna

natura → ordine oggettivo e casualmente strutturato di relazioni governate da leggi
scienza → sapere sperimentale-matematico intersoggettivemente valido
La natura non può essere giudicata dall’uomo!

• non può giudicare inutili le opere della natura che non sono utili ai suoi fini
• deve cercare la causa efficiente della natura,non quella finale

come opera la natura perché opera in un certo modo
• anche lo scienziato si deve occupare solo delle leggi che regolano i fatti

z costanti di comportamento in natura
* quindi la finalità e l’essenzialità non sono parametri scientifici
malgrado inizialmente il metodo sembri autonomo, si accompagna ad alcuni schemi filosofici:
1.VALORE NELLA MATEMATICA → → → STRUTTURA MATEMATICA DEL COSMO
dalla dottrina platonico-pitagorica
2.LO STUDIO DELL’ASPETTO QUANTITATIVO DEL REALE → → → DISTINZIONE TRA PROPRIETà OGGETTIVE E SOGGETTIVE DEI CORPI
dalla teoria atomistico-democritea
*proprietà oggettive → del corpo in quanto tale
es. quantità,grandezza,
luogo,tempo,
movimento
*proprietà soggettive → che ci sono solo in relazione ai nostri sensi
es. sapori,odori, colori,suoni
3.LA VALIDITà DEL PRINCIPIO DI CAUSA → → → TEORIA DELL’UNIFORMITà DELLA NATURA

a cause simili corrispondono effetti simili
4.LA VERITà DELLA SCIENZA → → → LA CONOSCENZA UMANA è SIMILE PER GRADO DI CERTEZZA A QUELLA DIVINA

Dio → conosce la verità in modo immediato
Uomo → conosce la verità in modo progressivo [con il ragionamento]

Dio → conosce tutte le infinite verità
Uomo → conosce solo alcune verità
A monte del metodo e della sua relazione con la filosofia → fiducia realistica della corrispondenza tra pensiero ed essere
tra matematica e realtà

egli stesso si considera matematico e filosofo → per la portata ontologica delle sue scoperte
* x UrbanoVIII→Galileo non conosce le vie infiite di Dio,quindi non può parlare realisticamente ma ipoteticamente!

Esempio



  


  1. Uno che è più bravo di te, MERDA

    fa cagare porco dio ma come cazzo li prendi gli appunti