Giordano Bruno

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2 (2)
Download:142
Data:02.02.2006
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
giordano-bruno_11.zip (Dimensione: 3.96 Kb)
trucheck.it_giordano-bruno.doc     22 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

GIORDANO BRUNO
È l’autore più significativo per la filosofia naturalistica del ’500.
Guarda con attenzione alla natura
Dio è posto all’interno della natura, è l’insieme delle forze che la animano.
Insieme a Bruno operano: Telesio e Campanella
Dio viene pensato come anima del mondo (ritorno pre-socratico) VISIONE ILOZOISTICA
DIO E’ LA NATURA CONSIDERATA NEL SUO PRINCIPIO IMMANENTE, non è più una presenza trascendente.
• Bruno è un ribelle: non accetta DOGMI e DOTTRINE ASSOLUTE
• Per lui essere religiosi significa cercare sempre il principio
Religione = Filosofia I sapienti ricercano sempre un rapporto con Dio
Bruno viene convocato in Italia da un patrizio veneto, che voleva imparare da lui la NEMNOTECNICA
Arte che consentiva di acquisire rapidamente tutto lo scibile umano
Lo denuncia perché non riesce ad apprendere tutto lo scibile. Viene, quindi convocato dall’Inquisizione a Roma e viene condannato al rogo.
UNIVERSO: composto da infiniti mondi. Non è imperfetto come quello di Cusano, ma è perfetto perché deriva da Dio.
Bruno scrive opere di vario tipo: commedie, opere poetiche e didattiche…
Difende il sistema copernicano, non perché lo condivida appieno, ma perché questa visione gli concedeva di rompere con i vecchi sistemi, lo aiutava ad andare contro al tipico sistema chiuso dell’epoca.
Secondo Bruno l’avvicinamento a Dio avviene a partire da un rapporto con la realtà dell’esperienza per poi arrivare alla CONTRACTIO MENTIS ( = energie intellettive)
Si accompagna ad un EROICO FURORE, ossia cogliere Dio e sentirlo dentro di sé (entusiasmos).

Esempio