Filosofia del linguaggio

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2.5 (2)
Download:794
Data:09.06.2000
Numero di pagine:100
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
filosofia-linguaggio_1.zip (Dimensione: 66.87 Kb)
trucheck.it_filosofia-del-linguaggio.doc     216 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Appunti per un percorso sulla filosofia del linguaggio

Alcune doverose premesse e considerazioni
Chiunque aprisse un buon dizionario dei termini filosofici e consultasse la voce "filosofia del linguaggio", vedrebbe subito messo in primo piano il carattere "di frontiera" di tale disciplina la quale "confina" un po’ con tutte le branche della filosofia e con una molteplicità di saperi scientifici particolari. Non c'è, infatti, attività umana che non sia interessata dalla e alla riflessione più o meno filosofica sulla natura del linguaggio e, in questa ottica, potremmo facilmente spaziare dalla logica (in certi autori e in certi momenti storici in rapporto strettissimo) alla metafisica e alla ontologia (un fortissimo nesso in tal senso sembra caratterizzare e sostenere l'intera mentalità antica), alla epistemologia (in tal caso è evidente che la suddetta "saldatura" risulta operante nel XX secolo, alla gnoseologia, alla psicologia intesa come scienza sperimentale, alla riflessione sull'uomo in generale e nella totalità delle sue manifestazioni e, infine, alla problematizzazione di tipo morale ed ideologico. Tutto ciò discende dalla logica delle "cose stesse" ed è necessario mettere in primo piano quanto oggettivamente il linguaggio sia consustanziato con ogni attività umana in quanto strettissimo è il rapporto che lo lega al pensare ed alla elaborazione teorica così come evidente ma altrettanto operante è il rapporto che lo lega al nostro agire pratico ed alla nostra concezione del mondo così come, infine, non va dimenticato che il linguaggio è ipotecato ideologicamente nella misura in cui, anche se inavvertitamente, esso veicola valori.
Tutto ciò, evidentemente, fa si che un siffatto tema debba essere costantemente richiamato durante l'intero corso dell'azione didattica e che, se si agisce in sinergia con gli altri docenti, ci sia la necessità e l'opportunità di collegamenti operanti un po’ verso tutte le discipline curriculari.
Se, infine, l'azione didattica viene organizzata in prospettiva, il docente di filosofia, fin dal primo approccio con la classe, può cominciare a fornire utili strumenti per una più approfondita comprensione dell' "essenza", della poesia e della letteratura con un occhio idealmente rivolto alle problematiche letterarie storicamente originatesi col Decadentismo. Dal Decadentismo in poi, infatti, è perfettamente percepibile come la produzione letteraria si sviluppi nella consapevolezza della necessità di trovare nuove forme di comunicazione per lasciare intravedere nuove dimensioni della realtà e della esistenza e tutto ciò si traduce nella continua proposta di nuovi "linguaggi".
Se, poi, si vuole dare all'azione didattica il respiro più ampio possibile, si farebbe bene a conferire al termine "linguaggio" un significativo quanto più "allargato" possibile. Si dovrebbe precisare, cioè, che non si intende parlare esclusivamente del linguaggio verbale ma di qualsiasi forma di comunicazione all'interno della quale è possibile rinvenire regole per la produzione dell'atto comunicativo.
Il docente, inoltre, farebbe bene a tenere sempre presente nella sua testa la distinzione tra filosofia del linguaggio e linguistica, avendo chiaro che si tratta di una distinzione e non di una separazione e che tra queste due attività umane esistono zone di sovrapposizione, interazioni e reciproci condizionamenti. La filosofia del linguaggio, infatti, si interroga in modo prioritario sulla "natura" e sulla funzione del linguaggio, mentre la linguistica privilegia l'esame dei meccanismi interni alla lingua considerandola come un insieme strutturato e portando avanti un discorso più tecnico.
Naturalmente il pensiero di un linguista come Ferdinando De Saussure ha impresso una svolta profonda alla riflessione filosofica sul linguaggio, così come, un altro grande linguista contemporaneo vivente Chomsky possiamo e dobbiamo definirlo come un pensatore che ha un piede dentro la linguistica nel senso precedentemente chiarito, e un altro, nella filosofia del linguaggio. Se Saussure, infatti, ha condizionato preterintenzionalmente la filosofia del linguaggio, Chomsky, invece, proprio per meglio impostare questioni di linguistica, ha sentito il bisogno di "sconfinare" nella speculazione filosofica cercando di ipotizzare la presenza di una attività della "mente", considerata in una prospettiva universale e concepita come colei che sorregge e presiede alla produzione delle lingue naturali.
Il docente, infine, farebbe bene ad avere consapevolezza di come si acquisisca la padronanza della lingua e dovrebbe anche in un qualche modo rendersi conto del grado di sviluppo del discente relativamente alle sue competenze linguistiche. Gli psicologi, infatti, hanno costantemente insistito sulla cosiddetta "mediazione verbale" per la quale, ci sia lecita l'espressione, tra un atto intellettivo ed un altro c'è sempre il filtro del linguaggio in una dinamica in cui, il possesso degli opportuni strumenti linguistico-concettuali, è il pre -requisito per lo sviluppo ed il potenziamento della attività cognitiva.
Gli psicologi insistono continuamente sulla funzione e l'importanza del cosiddetto "imprinting", ovverosia sul primissimo approccio con qualcuno o qualcosa, che condiziona tutto ciò che si svilupperà in seguito.
Se si è compresa la centralità della questione proposta e se ne viene percepita tutta la delicatezza e tutta la articolazione interna, allora l'imprinting dovrà essere fortissimo e l'attenzione dovrà essere attivata nel modo più efficace possibile.
In tale ottica, si farebbe bene a colpire le fantasie del discente, ricordandogli in modo provocatoriamente "brutale" che chi conosce mille parole ragiona pensa e conosce meglio di chi riuscisse a governarne soltanto cento. A tale provocazione il discente può reagire in molti modi e va tenuto in conto anche la possibilità di una "indifferenza" spesso soltanto apparente. Verosimilmente, però, ci sarà chi contesterà tale affermazione, ma proprio l'atteggiamento contestativo è già il segno di una primissima riflessione sull'identità del pensiero e sul rapporto che lo lega al linguaggio.
Se, poi, si vuole dare un ulteriore spunto di riflessione volto a far comprendere tanto la complessità quanto i percorsi e la logica di sviluppo della lingua che parliamo, si potrebbe fare una rapidissima incursione nella psicologia medica parlando delle "afasie". Particolarmente interessante è quella detta "afasia del Wernicke" (dal nome del suo scopritore) che, non a caso, è oggetto di riflessione tanto per i cultori di linguistica quanto per i filosofi del linguaggio. Tale perdita del linguaggio, infatti, si comporta come se conoscesse la grammatica e proceda a ritroso aggredendo prima le funzioni linguistiche più complesse e poi quelle più semplici. Chi è affetto da tale afasia, infatti, pur continuando a parlare fluentemente comincia a non comprendere più il significato degli avverbi, per poi "aggredire" e "sgretolare" i verbi ed infine procedere con la stessa logica distruttiva nei confronti di aggettivi e nomi. E' chiaro che con tale esempio l'effetto drammatico è garantito, ma è verosimile che il discente comincia a sospettare che l'acquisizione di una lingua proceda seguendo una logica, e il docente di filosofia può stabilire utili rapporti di collaborazione un po’ con tutti i docenti, ma soprattutto con il docente di latino e greco se è vero, come è vero, che l'acquisizione di una lingua ad un tempo "vicina e distante" dalla lingua italiana comporta tanto particolari difficoltà quanto la possibilità di cogliere analogie nella misura in cui il discente della lingua latina riceve una "proposta" che parte dalle funzioni linguistiche più elementari per andare in direzione dei "comportamenti linguistici" dalle funzioni più complesse e poi procedere dalla grammatica alla sintassi.
Un altro effetto sicuramente traumatizzante può essere dato da una analisi della cosiddetta "ipotesi Sapir - Whorf" altrimenti detta del "determinismo linguistico". Secondo tale ipotesi (sulla quale gli studiosi nutrono più di una perplessità) piuttosto che parlare una lingua siamo "parlati" dalla lingua di appartenenza. Fu soprattutto Whorf (vedi B.L. Whorf "Linguaggio pensiero e realtà" ed. Boringheri) a proporre tale concezione dopo aver notato l'abissale differenza tra le lingue indoeuropee e lingue totalmente "altre" come quelle amerindiane. Tali lingue, infatti, ignorano quella distinzione che sembrerebbe universale tra sostantivi e verbi e risultano sensibili, ci sia lecita l'espressione, agli "eventi". La "cosa" e l'azione che la cosa compie o subisce, cioè, fanno un tutt'uno e Whorf si spinge a sostenere che l'immagine del mondo che noi produciamo ci viene indotta dalle caratteristiche strutturali della lingua di appartenenza.
Così, se noi produciamo un'immagine del mondo all'interno della quale ci sono elementi stabili ai quali può accadere qualcosa, tutto ciò non avviene in modo originario per poi avere "aristotelicamnte" un "riflesso" sul piano della lingua. Il rapporto, piuttosto, va invertito, e siamo spinti a rintracciare nel mondo sostanze attributi ed accidenti di aristotelica memoria solo perchè la nostra lingua si articola in sostantivi verbi ed aggettivi (d'altra parte, giova ricordare che la prima sistemazione della lingua greca fu dovuta ai grammatici alessandrini del III e II secolo a.C che si muovevano in una logica aristotelica).
E' prevedibile, a tale proposito, una forte reazione da pare dei discenti, i quali percepiscono quasi un attentato a quella "libertà" che ancora non hanno veramente problematizzato, ma che avvertono per istinto come un bene primario. Tutto ciò evidentemente mostra lo stesso rapporto che si può venire ad istituire tra riflessione sul linguaggio e riflessione sulla morale e sui valori e viene a galla una delle connessioni già evidenziate in sede preliminare.
Il rapporto tra filosofia del linguaggio e riflessione etica, inoltre, non si sviluppa soltanto in una dimensione speculativa ma anche nella concretezza dell'azione didattica.
Qualora qualche discente dovesse contestare violentemente la suddetta ipotesi e il docente dovesse constatare non la possibilità di un rifiuto sano in quanto espressione di reattività, ma anche l'eventualità di una poco didattica "chiusura", il docente potrebbe addurre una "prova" capace di evidenziare in modo chiarissimo il carattere ipotecante della nostra lingua di appartenenza.
Si potrebbe citare che in lingua swaili (Tale esempio è proposto in E. Sapir - Il linguaggio - ed. Einaudi - collana Paperback) esistono ben sei generi grammaticali e il discente spinto da una logica "contenutistica", verosimilmente non riuscirà a concepire qualche cosa di intermedio tra il femminile ed il maschile. In realtà, il genere grammaticale è un puro criterio di classificazione formale interno alla lingua e che si riconosce in base ad una marca fonica o ad un articolo, e i generi grammaticali della lingua centro - africana di cui sopra, sono quelli degli oggetti duri o molli, leggeri, pesanti, etc. Se l'esempio sarà stato proposto bene si sarà verificato un vero e proprio aggancio col vissuto del discente il quale opererà una prima somatizzazione di una consapevolezza.
Dopo tali provocazioni, si potrà tornare all'interno di una normalità discorsiva per fornire alcuni strumenti tecnici volti ad evidenziare funzioni del linguaggio inseribili nella più vasta prospettiva della situazione comunicativa in quanto tale. Si dovrà insistere, pertanto, sulla analisi di Jakobson ed evidenziare come il linguaggio possa svolgere funzioni emotive, conative, referenziali, etc, in base all'elemento che risulta enfatizzato all'interno della situazione comunicativa. Termini come "canale", "codice", "messaggio", "emittente", "destinatario" farebbero bene ad entrare subito nel lessico concettuale del discente, il quale, ritrovandosi in un qualcosa che gli è in un qualche modo noto anche se non conosciuto, può verosimilmente "riconciliarsi" con la riflessione sul linguaggio ed essere spinto ad un atteggiamento costruttivo e propositivo perchè percepisce la possibilità di mettere ordine in ciò di cui è già in un qualche modo saputo e che lo riguarda terribilmente da vicino. A tale proposito, si potrebbe rafforzare questo rapporto ricordando che il primo principio della scienza della comunicazione asserisce che non si può non comunicare e che ogni nostro atto ha un valore comunicativo a prescindere dalle nostre intenzioni.
Se le operazioni fino ad ora prospettate saranno state condotte in modo efficace si sarà senz'altro realizzato un imprinting ottimale.

Le riflessioni sul linguaggio nell'antichità
Democrito di Abdera può essere legittimamente considerato il primo filosofo che abbia esercitato la riflessione sul linguaggio con una certa sistematicità. Dalla constatazione che la lingua appare attraversata da omonimie e sinonimie e da altri fenomeni di "ambiguità semantica", il nostro autore ricavava una concezione del linguaggio di tipo "convenzionalistico" che, come vedremo, non sarà quella che si affermerà nel pensiero classico maturo di un Platone o di un Aristotele. In realtà, una qualche riflessine sul linguaggio è implicitamente ricavabile anche nel pensiero di quel Parmenide di Elea che è universalmente riconosciuto come l'iniziatore della ontologia.
La famosa affermazione parmenidea che lapidariamente asserisce che "l'Essere è", infatti, è linguisticamente strutturata come l'inaccettabile enunciato che afferma "il passeggiare passeggia". Il semplice fatto che Parmenide non noti o non consideri rilevante questa analogia ci permette di illuminare la sua prospettiva perchè la equivalenza linguistica fra le due frasi in oggetto non ha un corrispettivo sul piano ontologico, e, anzi, è proprio il piano ontologico in quanto ontologico a richiedere che si veda, in un qualche modo, "oltre il linguaggio" o che, comunque non si consideri pregiudiziale una analisi puramente linguistica.
Tuttavia, possiamo tranquillamente affermare che la riflessione filosofica sul linguaggio esplode in tutta la sua centralità con l'affermarsi della sofistica. Tale riflessione risulta organicamente connessa alla concezione sofistica del soggetto conoscente la cui vita mentale è originata e "indotta" dalle esperienze individuali e sensibili necessariamente diverse da soggetto a soggetto. In questa prospettiva rischia di non esistere più un unico linguaggio ma una pluralità di linguaggi che trasformerebbe, ci sia lecito il paragone, ogni soggetto umano in una monade senza finestre di Leibniziana memoria. A tale proposito è opportuno ricordare come il solipsismo sia un necessario portato dalla sofistica più estrema condotta fino alle sue più radicali conseguenze.
Da un'analisi delle concezioni della sofistica, inoltre, si ricava che la radice prima di ogni linguaggio va cercata nella mera "ostensività". Scavalcando le parole alle spalle e rintracciandone eventuali elementi linguistici che le compongono, cioè, si deve necessariamente arrivare ad una "radice" non linguistica che può essere oggetto solo di un puro indicare, di un semplice mostrare.
Il dato filosoficamente più inquietante proposto dalla sofistica, però, è un altro ed è da ricondurre alla provocazione di Gorgia da Lentini. Con le sue celeberrime affermazioni, infatti, il filosofo siciliano operava quella che potremmo definire una "disarticolazione del logos". Realtà, pensiero e linguaggio, cioè, venivano posti su piani diversi la cui osmosi e comunicazione non poteva certo essere dimostrata e l'unica cosa autenticamente "reale", l'unico dato autenticamente non esorcizzabile era proprio la parola con tutta la pericolosità della sua forza persuasiva.
Se si riflette quanto il concetto di logos sia centrale nella mentalità antica e come i molteplici significati di tale parola, postulano un continuo rapporto fra i piani che Gorgia separava e rendeva incomunicabili, possiamo misurare la portata eversiva del nostro pensatore operata nei confronti di un intera cultura e di un'intera mentalità.
La provocazione gorgiana (anche se Aristotele e Platone cercheranno di superarla) aleggerà come una sorta di nube minacciosa sulla intera cultura antica, ed essa viene necessariamente assorbita anche da chi cercherà di opporvisi con tutte le sue forze.
Mostra di averla assimilata proprio quel Socrate, tradizionalmente presentato come superamento della sofistica, e ciò è perfettamente riscontrabile se esaminiamo le sue scelte comunicative. Socrate, infatti, coglie perfettamente quanto la parola possa irrigidire il linguaggio e la scelta della "oralità" non è certo casuale. Il nostro filosofo, cioè, cerca di mantenere fluido il pensare nella consapevolezza che la parola ad un tempo lo rivela e lo occulta, ma che la funzione occultatrice prende il sopravvento qualora il linguaggio assuma la forma scritta.
Se, poi, prendiamo brevemente in esame la riflessione platonica e la riflessione aristotelica del linguaggio, possiamo notare un significativo cambio di prospettiva. I due maggiori filosofi dell'antichità, pur nella diversità delle loro posizioni di fondo, mostrano in questo caso una profonda somiglianza. Sia per Platone che per Aristotele, infatti, è perfettamente legittimo individuare la valenza ontologica degli oggetti del pensiero mediante l'analisi del comportamento linguistico dei termini che li designano.
Pertanto se un predicato x può essere tale relativamente ad una pluralità di soggetti, Platone si sente legittimato a supporre che la suddetta pluralità di soggetti "partecipi" a vario titolo di una comune "idea". Platone, cioè, sembra tentare di individuare le "idee" valutandone la consistenza ontologica proprio passando attraverso l'analisi del linguaggio e di certe "entità" linguistiche che sembrano svolgere una funzione centrale.
Aristotele, da parte sua, si sente nel diritto di dedurre il "primato ontologico" delle "sostanze individuali" attraverso analoga riflessione sul linguaggio e mediante la scoperta di come esse tendano a svolgere la funzione logico linguistica del soggetto all'interno di una frase.
Da queste primissime battute è possibile intravedere come i due filosofi suddetti stiano andando nella direzione di una sorta di "ricucitura del logos" evidenziando quanto sia stata raccolta e presa sul serio la provocazione di Gorgia da Lentini. Volendo estrarre una sintesi da tutto ciò e formulare una considerazione di carattere generale, possiamo notare come, la riflessione sul linguaggio si fonda (col rischio di confondersi) con il piano logico e ontologico. Per dovere di analisi, però, è opportuno scendere nei dettagli ed esaminare più in profondità il pensiero dei nostri autori.
Relativamente a Platone, va valutata ancora una volta tutta la valenza delle sue scelte espressive, facendo riferimento non tanto alla esposizione dialogica del suo pensiero bensì al mito. Il ricorso al mito, infatti, sembra essere sorretto da una sorta di "disagio metafisico" nei confronti del linguaggio, anche se tale "disagio" risulta consapevole della non aggirabilità del linguaggio stesso. Platone, cioè, cerca di usare "il linguaggio oltre il linguaggio" nel tentativo di dire ciò che per via ordinaria non può essere detto e tutto ciò mostra quanto il filosofo ateniese abbia fatta propria la lezione socratica relativa alle istanze che avevano sorretto la scelta dell'oralità. La "scrittura" platonica, infatti, è dotata di una "qualità" che la trasforma, ci sia lecito l'ossimoro, in una "scrittura orale", ma, anche, in una scrittura "teatralizzata" nella misura in cui i dialoganti presenti in questa o quell'altra opera squadernano "spazialmente" ciò che non può essere espresso nella forma della "temporalità" in quanto, in essa la parola pronunciata dopo rischierebbe di offuscare la precedente. La teatralità consiste nel teatralizzare il pensiero facendo coesistere più tesi e muovendosi in una prospettiva teoretica metodicamente "dilemmatica" dove il pensare è ad un tempo "spettacolo" e "spettatore". Si mima, pertanto, la ontologica dialettica delle idee cercando quei movimenti sinottici, quelle mimesi, quelle "partecipazioni" e quelle procedure "diaretiche" che sono la quinta essenza del pensiero platonico.
Verosimilmente è a tale concezione "realistica" che si ispira, nel VI secolo d.C., Isidoro di Siviglia, quando afferma che "nomina sunt consequentia rerum". Il rapporto fra riflessione sul linguaggio e ontologia, inoltre, è perfettamente percepibile in Aristotele e, tenendo presente che i grammatici alessandrini del III secolo a.C. codificarono la lingua ispirandosi al pensiero dello stagirita, possiamo parlare, facendo propria l'espressione proposta da Tullio De Mauro (Introduzione allo studio della semantica - La Terza) di "aristotelismo linguistico". Si tratta di una concezione che vede un rapporto di "isomorfismo" tra la sfera ontologica della realtà, quella del pensiero e quella del linguaggio. Il pensiero, cioè, "riflette" la struttura ultima della realtà (qualora sia organizzata razionalmente) e il linguaggio, a sua volta, "riflette" in una sorta di corrispondenza biunivoca l'operazione precedentemente fatta dal pensiero. Nel ricordare che tutto ciò è perfettamente collegabile con la concezione classica della "verità" per la quale l'"aristotelico" San Tommaso d'Aquino conia la famosa formula dell'adaequatio, possiamo evidenziare un esempio lampante di aristotelismo linguistico.
Si prendano, cioè, due classiche definizioni della sostanza, ovvero sia quella che ce la presenta come causa sui, autofondatività e ciò che è di per se sussistente con quella che ce la presenta come "ciò che può essere predicato solo di se stessa". E' chiaro che la seconda è una definizione di tipo logico linguistico e che essa si presenta come conseguenza su un altro piano della prima la cui valenza ontologica è chiaramente percepibile. Per inciso, potremmo notare che le posizioni aristoteliche e l'assunto dell'isomorfismo tra linguaggio, pensiero e "realtà", costituiscono una risposta alla provocazione gorgiana ricucendo quel logos che il filosofo siciliano aveva disarticolato. Estremamente interessante è la riflessione stoica sul linguaggio la quale non assume soltanto un taglio filosofico, ma anche la tecnicità di un taglio linguistico in quanto i filosofi della stoà analizzano e classificano le funzioni sintattiche e semantiche e distinguono le parti del discorso, proponendo l'identificazione di nomi, verbi, appellativi, congiunzioni e articoli. Si tratta, cioè, di un primo esempio di analisi grammaticale che bene testimonia la distinzione ma la non separabilità tra la concreta analisi delle funzioni linguistiche e la riflessione filosofica.
Uno dei contributi più originali degli stoici, come è noto, è la teoria del "lektòn" che anticipa problematiche molto moderne. Secondo tale concezione le parole sono termini designanti il cui corrispettivo non và cercato nelle "cose", ma nel "significato" attribuito alle cose. Il lektòn (il significato) è una entità intermedia che si pone tra il significante e la "cosa" ed esso risulta posto in essere da quel linguaggio che volendo un po’ forzare la mano al pensiero degli stoici è quasi il demiurgo della nostra immagine del mondo.
In tale concezione, evidentemente, è virtualmente presente un'ipotesi ed una istanza di carattere convenzionalistica, che, però, riguarda per la prima volta non la superficie del linguaggio ma la produzione del significato.
Va ricordato, inoltre, che, secondo la teorizzazione stoica, il lektòn è incompleto nelle parole e completo nelle proposizioni, tanto che, la logica stoica, contrariamente a quella aristotelica, non è più una logica dei termini, ma una logica proposizionale. Veramente significanti, infatti, sono le proposizioni e, pertanto solo esse possono costituire i "mattoni elementari" la cui connessione va indagata dalla logica.
A tale concezione si accompagna, ancora una volta, una diversa accezione del concetto di "verità" perchè essa compete all'organizzazione logica dei "lekta" e non ad un rispecchiamento di aristotelica memoria.
Non ci vuole molto a capire che in queste considerazioni è quasi avvertibile, ante litteram, quella prospettiva che sarà di Hobbes per la quale "veritas in dictu non in re consistit". Per completezza d'analisi, va sottolineato che gli stoici esaminarono anche altri lekta non "referenziali" come, divieti, comandi, invocazioni etc.
Oltre alle ovvie acquisizioni contenutistiche e culturali che il discente recepisce tramite la suddetta analisi il docente che così operasse sta sicuramente perseguendo e ottenendo altri e più significativi obiettivi.
Data la centralità del linguaggio all'interno di ogni manifestazione umana e data la funzione strategica che la filosofia del linguaggio ha sempre e storicamente assunto, infatti, risulta illuminata dall'interno un'intera mentalità ed una visione del mondo. Si tratta, tra l'altro, di una mentalità e di una cultura che presenta interessanti articolazioni al proprio interno e tutto ciò può avere una funzione correttiva verso semplificazioni e idealizzazioni che spesso sono una quasi inevitabile conseguenza quando si prendono ad oggetto culture temporalmente molto distanti e considerate esemplari nella loro conchiusa assolutezza.
Se, poi, l'azione del docente di filosofia risulta intelligentemente sincronizzata con quella del docente di lettere classiche, allora il suddetto obiettivo culturale sarà stato più autenticamente raggiunto e sarà stato proposto nel segno di un pluralismo del quale la scuola italiana ha sicuramente bisogno.
Oltre a tale obiettivo che potremmo definire "culturale", però, altri obiettivi risultano perseguibili in quanto il discente avrà individuato un "oggetto" della riflessione filosofica che cade sotto la sua esperienza quotidiana e che gli permette di mettersi in rapporto dialettico con se stesso.
Il discente, inoltre, avrà cominciato a percepire la complessità del linguaggio e degli atti comunicativi e avrà cominciato, anche, a intravedere il rapporto che lega la riflessione linguistica con quella logica e con quella ontologica.

La riflessione sul linguaggio nel Medio Evo
Contrariamente a ciò che si potrebbe a prima vista pensare, la riflessione filosofica sul linguaggio sviluppatasi lungo i secoli XII - XIII - XIV del Medio Evo è molto più raffinata e stimolante del previsto. La storiografia filosofica attuale è ormai pressochè unanime nel riconoscere alla riflessione filosofica medioevale un altissimo grado di raffinatezza nonchè la capacità di avere prefigurato un po’ quasi tutte le riflessioni moderne.
Dopo questa necessaria premessa, però, è doveroso fare un'altra considerazione generale per focalizzare la prospettiva che ispira tutta la riflessione sul linguaggio dell'età storica che stiamo prendendo in considerazione.
La filosofia medievale del linguaggio, infatti, risulta svincolata dalla metafisica e dalla ontologia ma risulta, anche, intrecciata in modo indissolubile con la logica. Vale la pena di anticipare che la logica si emanciperà dalla riflessione sul linguaggio solo in tempi recenti quando l'introduzione di opportuni simbolismi logici, permetterà di fare "tabula rasa" di tutte le ambiguità logico - semantiche presenti in questo o quell'altro aspetto della lingua ordinaria.
Per rinforzare ulteriormente il forte intreccio medievale che sussiste tra riflessione sul linguaggio e logica, dobbiamo evidenziare come per i medievali, la logica si presenta come una vera e propria "scientia sermocinalis". Essa, cioè, è scienza della corretta impostazione del discorso linguistico che, purgato di ambiguità e vaghezze, deve poter risultare strutturato secondo rapporti di stringente consequenzialità. E' costante preoccupazione dei filosofi del linguaggio medievali, infatti, quella di tentare di sciogliere ed eliminare le ambiguità e le vaghezze tipiche del linguaggio quotidiano e, in tale prospettiva, si produce un'analisi "tecnica" estremamente smaliziata.
La riflessione medievale, infatti, distingue preliminarmente e metodicamente tra parole "categorematiche" e parole "sincategorematiche". Queste ultime sono termini che risultano non essere portatori autonomi di "significato" ma che, tuttavia, sono "co-significanti" nella misura in cui modificano il significato di termini "categorematici". Si tratta di paroline apparentemente "innocenti" come "se", "cioè", "quindi", "allora", "o", "alcuni", "tutti", etc. Con terminologia moderna, possiamo dire che esse prefigurano in modo pressochè totale quelli che oggi vengono definiti "connettivi", e "quantificatori logici". I medievali, pertanto, prendono ad oggetto i termini sincategorematici e cercano di evidenziarne nel modo più chiaro possibile, la funzione logica.
Non ci vuole molto, quindi, a capire la quota di modernità presente in tale prospettiva e come essa in un qualche modo anticipi le svolte del pensiero logico più recente.
L'interesse dei pensatori medievali, (interesse tanto portato avanti con metodo e sistematicità da far si che essi producessero la necessaria terminologia) è anche focalizzato sui cosiddetti "esponibili". Si tratta di frasi oscure perchè in esse è nascostamente presente qualche parola sincategorematica oppure perchè i termini sincategorematici giocano ruoli poco chiari. Si prenda, ad esempio l'espressione: "ogni uomo ama una donna" e si sottolinei la presenza del termine sincategorematico "ogni" che potremmo definire un "quantificatore logico". Il significato dell'intera espressione risulta immediatamente non ambiguo in quanto capiamo perfettamente che si sta affermando come ogni singolo uomo abbia una propria donna particolare che risulta essere oggetto del suo amore. Se, però, restiamo ancorati alla lettura della frase così come è doveroso che faccia il filosofo che esercita la propria riflessione logico-linguistica, dobbiamo dire che essa sembra affermare che esiste una sola donna amata da tutti gli uomini. L'ambiguità di questo esponibile, come è chiaro, risulta determinata dalla non avvenuta esplicitazione della funzione dei termini sincategorematici "ogni" e "una".
Grazie alla raffinatezza della loro analisi linguistica, i medievali affrontano con nuovi strumenti alcuni paradossi logici dell'antichità sui quali avevano insistito proprio gli stoici. E' il caso dell'antinomia connessa ai paradossi inerenti al termine "mentire" e perfettamente esemplificati nella frase che asserisce: "Epimenide cretese dice che tutti i cretesi mentono". E' logicamente impossibile stabilire come giudicare l'affermazione di Epimenide perchè, in quanto cretese, è inserito nella classe di tutti quei cretesi classificati come menzogneri. Se tutti (si noti il quntificatore logico) i cretesi mentono anche Epimenide sta mentendo, ma nella misura in cui denuncia le menzogne dei concittadini, sta affermando qualcosa di vero. I medievali intuirono che tutto ciò era determinato dalla presenza di un elemento di "auto referenzialità" in quanto la frase in questione parlava di un oggetto ma parlava anche di se stessa che giudicava tale oggetto.
Per meglio valorizzare la raffinatezza dell'analisi dei medievali, bisogna sottolineare che essi compresero come tale paradosso andasse affrontato raffinando l'analisi linguistica avvertendo una necessità non soddisfatta e che oggi riceve risposta grazie alla distinzione tra "linguaggio-oggetto" e "metalinguaggio". Nel pensiero moderno questi paradossi non sono più tali, grazie ad una distinzione tra piani del linguaggio, che però non è una generica distinzione, ma viene proposta e strutturata indicando e "formalizzando" le regole inerenti a questo e a quell'altro piano.
L'interesse degli stoici, si rivolge anche alle parole categorematiche, ed è significativa la distinzione tra "suppositio propria" e "suppositio impropria". Con il termine suppositio si intende l'interpretazione attribuibile ad una parola, all'interno di un preciso contesto ed essa è "propria" in frasi del tipo "il pane è sulla tavola" ed "impropria" quando il termine viene adoperato metaforicamente o secondo qualche altra figura retorica come nel caso dell'espressione "il pane della sapienza".
L'atteggiamento minuzioso dei medievali si spinge a distinguere, all'interno della suppositio "propria" tra "suppositio formalis" e "suppositio materialis". E' un caso di "suppositio materialis" l'affermazione "Carlo ha cinque lettere" in quanto si riferisce alla materialità fonica della parola "Carlo". Significativa, inoltre, è la riflessione sulla "suppositio personalis", la quale, come dice la stessa espressione, riguarda le persone o, se si preferisce entità individuali. In questo caso ci imbattiamo in diverse tipologie incontrando la "suppositio personalis" classificabile come "determinata" (es: qualche uomo è calvo), oppure in quella classificabile come "confusa et distributiva" (ogni uomo è bipede) ed infine nel tipo "confusa tantum" (il già citato esempio che afferma: "ogni uomo ama una donna").

La polemica sugli universali: sintomaticità di una questione
All'interno della riflessione filosofica del linguaggio del MedioEvo, inoltre, si situa, una questione particolarmente interessante anche perchè, la dimensione linguistica si intreccia con quella logica, all'interno di un quadro dove le questioni ontologiche fanno da sfondo. La questione in oggetto, evidentemente, è quella relativa alla "polemica degli universali" e al suo interno possiamo anche ritrovare istanze di tipo teologico che, come è noto, sono centrali in una filosofia che si lascia ispirare dai dogmi del cristianesimo e, in primissimo luogo, quello della creazione.
Ci si interroga su quale fosse lo status di termini generali come "uomo" o "animale" che vennero denominati, appunto, "gli Universali". Interrogarsi su tale status significava, evidentemente, interrogarsi sulle modalità delle procedure astrattive del nostro pensiero e sulla natura dell'"oggetto" dell'astrazione.
Per S.Anselmo e Guglielmo di Champeaux gli universali erano "ante rem", cioè, entità di per se sussistenti antecedenti alla loro "incarnazione". E', evidentemente, una posizione di derivazione platonica, e gli "universali" sarebbero paragonati alle "idee" presenti nella mente di Dio e con le quali viene progettato il mondo.
Al limite opposto di tale questione, troviamo la posizione nominalistica di Roscellino per il quale gli "Universali" erano soltanto un "flatus vocis", ovvero sia, delle pure entità linguistiche, sorrette da un principio convenzionalistico ed essi dovevano essere pensati come post-rem.
Una posizione estremamente interessante è quella di Abelardo che possiamo definire "concettualistica". L'Universale, cioè, esprime un concetto ed è inerente a quello che i medievali chiamavano "sermo". Si tratta, evidentemente, della soluzione "logica" di un problema linguistico che ricorda molto da vicino le posizioni già analizzate dello stoicismo. D'altra parte Abelardo si era formato sui testi di Boezio all'interno dei quali le concezioni dell'antica stoà erano chiaramente presenti.
La "Sintesi" di tale questione che animò il dibattito filosofico dell'epoca, viene proposta da quel S.Tommaso d'Aquino, che non a caso rappresenta il punto più alto della riflessione filosofica - teologica del medioevo. Quello tomistico si presenta come un intelligente e argomentato "compromesso" perchè il nostro autore sostiene che l'Universale sia tanto ante-rem quanto in-re e quanto, inoltre, post-rem a seconda delle angolazioni dalle quali si osserva il problema. Nella mente di Dio, infatti, l'Universale ha una funzione archetipico-platonica ed è ante-rem per essere in-re a creazione avvenuta e presentarsi come post-rem se lo consideriamo nella sua dimensione di prodotto dell'astrazione della mente. D'altra parte, come è noto, nel tomismo riecheggia la filosofia di Aristotele ed è presente quell'aspetto tipico della mentalità antica per il quale esiste uno stretto rapporto tra ontologia e gnoseologia dove la gnoseologia ripercorre per via "ascensionale" i percorsi "discensionali" dell'ontologia.
E' il caso di sottolineare nuovamente il rapporto fra teologia e riflessione sul linguaggio e va notato come la riflessione linguistica possa essere funzionale e "razionalizzare" il dogma della creazione.
Se vogliamo, retrospettivamente, possiamo riflettere sul silenzio aristotelico su tale questione perchè esso si presenta come una sorta di "silenzio metodico" forse proprio perchè lo stagirita aveva compreso le molteplici sfaccettature della questione ma, essendogli estraneo il problema della creazione, non aveva avvertito il bisogno di affrontarla.
Le ultime questioni analizzate ci spingono anche ad un'altra considerazione, capace di mostrare l'onnipervasività della filosofia del linguaggio e capace di evidenziare quanto sia stata percepita la centralità della parola e della sua forza creativa. Nei libri del Vecchio Testamento, infatti, si legge che all'origine c'era Dio, che il Verbo era presso Dio, che il verbo era Dio, e vale la pena di accennare a Filone di Larissa che concepiva Dio come "logos incarnato".

Filosofia del linguaggio e problematiche della conoscenza: prospettive di fondo dell'età moderna e questioni particolarmente significative
Prima di affrontare le tematiche della modernità relative al linguaggio vale la pena di ricordare l'affermazione "pan-linguistica" del filosofo medievale Guglielmo di Salisbury per il quale la grammatica era la culla di tutte le questioni filosofiche.
Un altro cenno va dedicato ai cosiddetti "modisti" e alla "grammatica speculativa" per la quale, come già riscontrato in Platone ed Aristotele, l'ontologia è desumibile dalla struttura del linguaggio. Per i modisti e per la loro grammatica speculativa, le lingue potevano variare solo in superficie e in modo accidentale mentre le loro strutture più profonde non potevano che essere sostanzialmente identiche e modellate dalla "logica della sostanza" aristotelicamente intesa. Anche se in forma necessariamente non smaliziata e infinitamente meno tecnica di come avverrà nella riflessione contemporanea, i "modisti" prefigurano un’ intuizione di tipo chomskiano il quale, trascendendo la dimensione tecnica dello studio della struttura della lingua, e accedendo necessariamente ad una riflessione che non può che essere filosofica, ipotizzerà una sorta di "grammatica profonda".
Se ora prendiamo in esame la filosofia del linguaggio del Rinascimento e dell'età moderna, ci troviamo nella necessità di fare una doverosa considerazione preliminare. La filosofia del linguaggio cioè, tende a svincolarsi dalla logica (con alcune significative eccezioni) e contemporaneamente assistiamo ad un avvicinamento in direzione della gnoseologia.
Estremamente significativo a tale proposito è il pensiero di quel Bacone che è sicuramente uno dei padri della "modernità". Il filosofo inglese, nella sua pars destruens passa in rassegna i cosiddetti "idola" ovvero sia quegli errori insiti nell'uomo, nel funzionamento profondo della sua soggettività, nei comportamenti con i quali esprime la sua essenza. Nella nostra ottica l'attenzione necessariamente ricade su quegli "idola fori" che affondano le radici nell'atto comunicativo in quanto tale e, pertanto, nella comunicazione verbale. Bacone sa perfettamente quali siano le ambiguità presenti nel linguaggio a quali errori di prospettiva ci possono indurre e propone l'ideale di una "lingua purgata" che, molto alla lontana, prefigura un tema che sarà centrale nel Neopositivismo logico. Il filosofo inglese auspicava una non meglio precisata "lingua edenica" ovvero sia una lingua incorrotta situata nel mitico paradiso terrestre. Bacone non dice in modo autenticamente convincente come costruire (o recuperare) tale lingua anche se verrebbe da pensare che essa dovrebbe essere capace di porsi una sorta di "corrispondenza biunivoca" perfetta con la "realtà". Nonostante la vaghezza della proposta baconiana, però, c'è un aspetto sicuramente degno di nota, in quanto viene sottolineato lo strettissimo rapporto che deve poter esserci tra conoscenza scientifica e creazione di un opportuno linguaggio.
Se, poi, facciamo riferimento al concetto di verità baconiano, auspicato ma non completamente attuato, che la concepisce come funzione della prassi, verrebbe da pensare che la lingua edenica dovrebbe essere composta da termini il cui "significato" dovrebbe sciogliersi completamente nel loro valore operativo.

Con qualche forzatura e intendendo il "linguaggio" in senso lato potremmo fare riferimento a quel Galilei che concepiva la matematica come una sorta di "lingua divina" che veniva "parlata" dalla natura. Quella galileana, evidentemente, era una metafora un po’ sbrigativa e sicuramente pitagorizzante, ma bene esemplifica quanto sia stimolante la riflessione sul linguaggio, come la stessa realtà può essere vista come il "luogo" in cui si parlano e si intrecciano più "lingue".

Uno dei personaggi più significativi e dove la riflessione linguistica è sicuramente in primo piano costituendo un tratto caratteristico del suo filosofare è certamente il pensatore inglese Hobbes.
Muovendosi in una prospettiva fenomenistica e concependo il "nomen" come "cristallo di sensazioni" costruito mediante criteri selettivi tutti interni alla lingua intesa nella sua convenzionalità, il nostro filosofo operativizza il nominalismo che cessa di essere soltanto una ipotesi sul linguaggio per diventare uno strumento funzionale alla organizzazione della conoscenza. Per Hobbes, infatti, la ragione umana agisce correttamente e organizza in modo coerente la conoscenza se si vive e si progetta come un "calcolare con nomi". Valutata attentamente ed in prospettiva, quella hobbesiana si presenta come una proposta di creazione di un linguaggio artificiale simbolico e formalizzato che dovrebbe avere la funzione di fondare e indirizzare la conoscenza. Siamo, cioè, in presenza di una "ragione linguistico-sintattica" alla quale si accompagna quel noto concetto di "verità" per il quale la sfera di esercizio di tale valore consiste unicamente nella dimensione linguistica.
Se la dimensione sintattica è privilegiata da Hobbes, nell'empirista Locke troviamo in primo piano una preoccupazione che potremmo definire "semantica".

Per Locke il compito della filosofia è quello di chiarificare il significato dei nostri strumenti concettuali e tale opera di chiarificazione richiede una prospettiva empiristica e la operativizzazione di quel principio che afferma che "nihil est in intellectu quod non fuerit in sensu". Il significato di ogni nostra "idea" è coglibile solo se siamo in grado di ricostruire il percorso psico-logico e l'individuazione del "significato" dovrebbe garantirci da usi illegittimi. Costante, infatti, è in Locke una diffidenza verso la metafisica, nonchè la preoccupazione relativa alla individuazione di un criterio che non permetta che essa si infiltri all'interno delle nostre conoscenze inficiando quel valore di autenticità che necessariamente è "empirico". Ciò che preoccupa Locke, cioè, è quello che potremmo chiamare il rischio della "reificazione" ovvero sia il pericolo di scambiare una pura esigenza del pensiero per contenuto di realtà empiricamente conoscibile. Proprio per questo il filosofo inglese è sensibile alla "dimensione semantica" e continuamente si chiede quale sia il contenuto empirico denotato dalle nostre parole.
E' chiaro che ci muoviamo in una prospettiva molto distante dall'"Aristotelismo linguistico" e i termini della lingua sono figli di un'operazione arbitraria ma che, nella misura in cui è ricostruibile, nè paralizza il pensiero nè gli conferisce una sorta di "schizofrenia anarchica".
Nella prospettiva Lockiana, evidentemente, le procedure astrattive e generalizzanti del pensiero non si modellano su "gradini ontologici" ma risultano condizionate empiricamente e "culturalmente".
Per correttezza d’analisi, è doveroso sottolineare che il suddetto rischio della "reificazione" era presente, anche se in forma implicita, già nella concezione baconiana degli "idola fori".
Sempre riferendoci alla concezione Lockiana, è necessario porsi un'altra questione relativa alla funzione primaria svolta dal linguaggio. Da una parte, infatti, esso sembra avere lo scopo fondamentale di comunicare conoscenza, ma dall'altra, senza che ciò sia in contraddizione con quanto appena detto, esso sembra essere dotato della funzione di analizzare e comprendere un pensiero, che senza esso, quasi non sarebbe nella misura in cui non si esprime in forme che lo oggettivano.
Per inciso, è il sensista Condillac che insiste particolarmente su questo secondo aspetto, a testimonianza, ancora una volta, dell’inscindibile rapporto pensiero-linguaggio.

Si fa strada, però, anche una terza ipotesi che trovava i suoi sviluppi più conseguenti nel pensiero romantico fino a prolungarsi nelle propaggini idealistiche del primo '900. Attraverso il linguaggio, cioè, si comincia a costituire un universo concettuale articolato, non più soltanto dotato di "significato" e "senso" come già teorizzato da Hobbes e Locke, ma provvisto, anche, di un "sistema di valori". Attraverso il linguaggio, quindi, si costituisce una vera e propria Weltanschauung.
Per "completare" il quadro della riflessione filosofica sul linguaggio nella età moderna, però, è necessario seguire anche un altro filone che elabora temi che avranno uno sviluppo molto più articolato della filosofia del '900 e, segnatamente, nelle riflessioni filosofico-scientifiche.
Si è già detto come in età moderna la filosofia del linguaggio si fosse accostata principalmente alla gnoseologia, ma va ricordato che c'è anche una tendenza che la aggancia alle problematiche della logica.
Bisogna avvertire, però, che l'oggetto della riflessione non sono più le lingue naturali bensì i linguaggi artificiali e formalizzati che scoprono l'effetto potenziante di un opportuno simbolismo.
In tale ottica, il nostro discorso non può non prendere in considerazione il pensiero di quel Leibniz che, senz'altro impressionato e stimolato dagli ideogrammi della lingua cinese, riteneva possibile costruire un "alfabeto simbolico" del pensiero capace di esprimere quelli che potremmo definire come "atomi concettuali". E' l'ideale leibniziano della "characteristica universalis" che dovrebbe permettere la creazione di una "lingua pura" che, agganciandosi ai suddetti "atomi concettuali" del pensiero, necessariamente avrebbe il più ampio dei respiri e permetterebbe una comunicazione universale superando le barriere delle lingue naturali. Ma lo scopo di tale costituenda "lingua logica" sarebbe anche un altro e tale scopo si presenta dotato di un'importanza ancor più superiore. L'ipotetica "lingua logica" di cui sopra,infatti, dovrebbe permettere, per sua stessa natura, l'allargamento indefinito delle conoscenze mediante l'istituzione di nuovi rapporti e "calcoli" con i quali investire gli elementi di base.
Naturalmente, dietro tutto ciò c'è la "metafisica della monade" la quale, come è noto, è "centro di rappresentazione" del mondo e viene concepita come un "microcosmo" logico-gnoseologico nel quale si riflette, in modo più o meno trasparente e cosciente, il "macrocosmo" tutto.
Naturalmente resterebbe da stabilire in termini più precisi come vada tecnicamente pensato il rapporto fra lingue naturali e lingue artificiali e l'ideale della "characteristica universalis" risulta, appunto, un mero progetto.
E' doveroso notare, però, quanto profonda sia stata la intuizione leibniziana (tra l'altro presente nei secoli precedenti: si pensi a Raimondo Lutto) in quanto il nostro filosofo in un qualche modo anticipa le tematiche odierne relative alla "intelligenza artificiale" la quale, però, si regge sulla consapevolezza della istanza puramente convenzionale che ispira la scelta di questa o di quell'altra "lingua artificiale". La contemporaneità, cioè, quando prende ad oggetto le "lingue artificiali", opera in un contesto totalmente sgombro da riferimenti ontologico-metafisici e la scelta viene operata in base a puri criteri di "economicità funzionale".
Va ricordato infine che Leibniz esprimeva e cercava di realizzare un'istanza precedente che aveva caratterizzato la riflessione logica. I medievali, con il loro gusto della distinzione e della precisazione, avevano parlato di una logica intesa come "ars demostrandi" (naturalmente è una logica formale di tipo deduttivo) e di una logica come "ars inveniendi" coincidente, virtualmente, col problema del metodo e necessariamente procedente in modo induttivo. Leibniz cerca di unificare tali due sfere in una prospettiva nella quale la "dimostrazione", se investe gli "atomi logici" di cui sopra e li struttura secondo una logica combinatoria, è già di per sè "induzione"ed "inventio".

Se, ora, vogliamo in un qualche modo prefigurare tematiche che anticipano molto da vicino la contemporaneità diviene doveroso un riferimento alla linguistica romantica e alle concezioni di un Herder e di un Von Humboldt.
Soprattutto quest'ultimo insiste su come ogni lingua sia la proposta di una precisa Weltanschauung in quanto mossa da uno "spirito animatore" unico e irripetibile. Per Von Humboldt, romanticamente, nella lingua si esprime il Volkgeist (spirito del popolo) e le lingue sono espressione dell'essenza di quelle nazioni che vanno concepite come autentici soggetti collettivi e pensate in termini di "individualità storiche". E' agevole scorgere in tutto ciò la chiara presenza di elementi ideologici che si infiltrano nella riflessione filologica sul linguaggio e che possono facilmente sfociare in polemiche di segno già "nazionalistico" tra lingue il cui "spirito" è rimasto intatto e lingue "imbastardite" perchè dotate di una "identità meno forte".
Seguendo questo percorso possiamo spingerci fino alle soglie del primo Novecento prendendo in considerazione pensatori che, come Croce, hanno mantenuto una prospettiva idealistica opportunamente purgata da elementi irrazionalistico-romantici che spingono verso l'esaltazione delle rispettive lingue nazionali.


Per Benedetto Croce esiste una perfetta saldatura tra intuizione ed espressione e ciò che lo spirito umano intuisce risulta già in un qualche modo espresso. Crocianamente chi dicesse di avere un articolato mondo interiore ma di non riuscire a trovare i modi per esprimerlo, cioè, starebbe dimostrando con le sue stesse affermazioni che tale mondo interiore, di fatto, non esiste. Una nuova intuizione, infatti, sa necessariamente trovare i suoi segni perché nasce con la consapevolezza che senza tale "rivestimento" non può chiarire sé a se stessa. Andrebbe ricordata, a supporto di quanto affermato, la teorizzazione crociana dell'arte (e, segnatamente, della poesia) come "sintesi a-priori di sentimento e immagine".
Il sentimento intuito, infatti, è nuovo solo se originariamente sintetizzato con una immagine e la sua "traduzione" successiva è soltanto un fatto "tecnico" che deve essere animato solo dal bisogno di restare fedeli a ciò che originariamente si è sentito nella forma di un'immagine.
Crocianamente, pertanto, la lingua (in senso lato ed in senso stretto) è costitutivamente creatività e vale la pena di ricordare come Leo Spitzer (che con Croce aveva scambi culturali ed affinità di vedute) usasse dire che "non c'è moto dell'animo che non si trasformi in un moto del linguaggio".
La linguistica idealistica, proprio perché insisteva sulla costitutiva e originaria creatività della lingua, si opponeva ad una linguistica di derivazione positivistica per la quale la suddetta "creatività", sfuggendo ai controlli di una misurazione oggettiva, non poteva essere oggetto di studio e tematizzazione e bisognava limitarsi alle manifestazioni "positive" della lingua considerandola nella sua capacità di veicolare in modo oggettivo informazioni. Della coesistenza di queste due tendenze, ai primi del '900 ci da testimonianza l'idealista Karl Vossler, autore, nel 1905, di un saggio intitolato "idealismo e positivismo nella scienza del linguaggio".

E' chiaro che il "segmento" precedentemente analizzato risulta, per la varietà dei temi affrontati, di problematica mediazione didattica che rischia di spingersi fino ai limiti dell'impossibilità. Naturalmente, ipotizzando una scuola profondamente riformata, nella quale la filosofia viene affrontata per problemi e non per autori, il docente dovrà stare molto attento alla realistica praticabilità dei suoi progetti, operando intelligenti e non penalizzanti semplificazioni ed esemplificazioni.
Va tenuto presente, anche, che l'obiettivo più centrale è quello di far sì che il discente sia il più possibile consapevole delle questioni della contemporaneità novecentesca. La semplificazione di cui sopra, pertanto, dovrà essere preparatoria al perseguimento di tale obiettivo e bisogna guardarsi da un pericolo insito nella natura stessa dell'insegnamento della filosofia. Spesso, cioè, accade, che il docente di filosofia fornisca spunti stimolanti ma difficili da comporre in un quadro che, senza rinunciare alla molteplicità delle sfaccettature, appaia coerente ed ordinato.
Poichè, come vedremo, le filosofie novecentesche, in un qualche modo imparentate con la riflessione sul linguaggio,vanno nelle più svariate direzioni, con il rischio che la filosofia diventi un "osceno" contenitore in cui può rientrare di tutto, il segmento appena preso in esame dovrà essere elargito con la massima prudenza e cercando di ottenere quella che, con termini tecnici, si definisce una "operativizzazione degli obiettivi". Il discente, dovrà acquisire abilità e capacità e le consapevolezze teoriche diventano autenticamente tali se concretamente applicate "in fieri". Chiunque abbia esperienza di lavoro didattico, infatti, sa perfettamente che vale il principio per il quale ascoltare semplicemente delle informazioni già equivale ad un dimenticare, mentre il vedere è un ricordare e l'agire è un capire. Del resto, l'uso delle moderne tecniche multimediali ha dimostrato che, qualora gli stimoli provengano da più organi sensoriali (vista e udito), cresce notevolmente la capacità di ritenere i contenuti e tale capacità si impenna ulteriormente se si situa il discente in una operazione interattiva. Naturalmente non si tratta di computerizzare l'insegnamento, anche perché, nonostante la possibilità di interagire col computer scegliendo l'apertura di questa o di quell'altra finestra il modello di apprendimento fornito da tali macchine risulta, in ultima istanza, skinneriano e ispirato da una logica di "condizionamento operante" sicuramente molto efficace per il raggiungimento di determinati scopi, ma altrettanto sicuramente limitato relativamente alla possibilità di un intervento autenticamente creativo. L'auspicabilissima interattività da realizzare in una classe, pertanto, deve essere di altro tipo e al discente bisognerà fornire suggerimenti dando contemporaneamente le condizioni che ne rendono possibili le utilizzazioni. L'interattività, pertanto, deve poter far leva su ciò che il discente già sà lasciando intuire la possibilità di un nuovo utilizzo nonchè la possibilità di gettare luce interpretativa su nuove tematiche in base a consapevolezze precedentemente acquisite magari in altri ambiti disciplinari.
In tale ottica e relativamente al segmento precedente, il docente di filosofia potrà far leva su consapevolezze tratte dall'insegnamento della matematica, da quello della lingua italiana, della storia dell'arte, cercando una "sinergia metodica" con i rispettivi docenti.
Così, se la proposta Leibniziana può apparire chiara nella sua formulazione astratta e come pura espressione di un'esigenza, essa rischierà di essere vissuta come priva di contenuto operativo, suscitando nel discente magari una impalpabile "angoscia della conoscenza". Tutto ciò potrà essere facilmente evitato se si fa opportuno riferimento a quell'algebra che i discenti assimilano spesso solo "tecnicamente" senza riuscire a riflettere su ciò che la caratterizza e sulla funzione delle scelte linguistiche che l'hanno prodotta. L'algebra, infatti, è una disciplina altamente formale che corrisponde ad una sorta di "matematica al quadrato" e dove il calcolo è reso più universale e più velocizzato grazie alla funzione di un opportuno simbolismo. Si tratta, evidentemente, di una "lingua artificiale" e la filosofia di Leibniz, dopo tale di/semantizzazione operativizzante, può anche essere presentata come una proposta di "algebrizzazione del pensiero".
Relativamente alla concezione idealistica del linguaggio, l'operativizzazione di quanto precedentemente proposto passa attraverso un'ulteriore riflessione sulla natura dei linguaggi poetici. Analizzando tecnicamente quali sono gli elementi che determinano i particolari effetti di una poesia ben riuscita, si potrebbe far notare che essa si organizza come una sorta di "struttura aperta" arricchibile di nuovi significati e interpretazioni. Verrebbe a galla, pertanto, come la poesia sia attuazione di una potenzialità "poietica" insita nel linguaggio in quanto tale e come essa, Heideggerianamente diremmo, sia una apertura verso l'essere ed il suo senso.
E' chiaro che un rapporto altrettanto stretto, e, anzi, psicologicamente molto più forte ed evidente può essere cercato e trovato agganciandosi alla storia dell'arte. Naturalmente, bisognerà saper scegliere con cura i testi pittorici cercando quelli in cui la creazione di nuove "realtà", nella misura in cui si propongono nuove problematizzazioni e nuovi approcci alla realtà stessa, è più chiaramente percepibile. A tale proposito gli esempi sicuramente non mancano ed uno che sicuramente colpisce qualsiasi discente e lo spinge alla problematizzazione è il seguente: si potrebbe far notare come un ritratto di una persona, pur avendo nel rispetto delle proporzioni oggettive degli elementi della sua fisionomia, possa essere infinitamente meno "somigliante" di una non oggettiva caricatura. Il discente immediatamente percepisce (ma poi lo si dovrà spingere ad una chiarificazione concettuale) che una caricatura, diciamo così, "coglie l'essenza" e propone una nuova prospettiva attraverso la quale rapportarsi al proprio "oggetto". L'arte è problematizzazione della realtà ed, anzi, anche "creazione" di nuovi ordini di realtà, ma tutto ciò non avviene se non si è prodotto un nuovo "linguaggio" che attivi quelle potenzialità latenti che gli idealisti riconoscono al linguaggio comune.

Per una opportuna prefigurazione di molte delle problematiche novecentesche sulla filosofia del linguaggio: Nietzsche ed i suoi aforismi
Come già ricordato le problematiche novecentesche sulla filosofia del linguaggio vanno in una molteplicità di direzioni estremamente variate e rischia di mancare (anzi manca) un filo conduttore facendo sì che ci troviamo in una situazione in cui il denominatore comune può essere cercato solo inserendo i singoli filoni nella complessità della situazione storico-sociale-culturale colta nella sua capacità di proporre e imporre una varietà di stimoli virtualmente infiniti.
Se le cose stanno in questi termini, evidentemente, bisognerà operare con prudenza e attraverso le opportune scelte strategiche, magari individuando una sorta di punto di snodo e presentandolo come un "crocicchio culturale".
Tutto ciò, verosimilmente, può essere trovato nella filosofia di Nietzsche enucleandone sì, i contenuti, ma senza disgiungerli (perchè l'operazione sarebbe scorretta) dalle forme espressive con le quali vengono comunicati.
Come è noto, da un certo momento della sua produzione in poi, Nietzsche, decisamente consuma la sua scelta "aforistica" e ciò avviene per una molteplicità di motivi. Gli aforismi ed il loro tono oracolare, infatti, sono espressione di un profondo disagio nei confronti del linguaggio comune che Nietzsche avverte come potentemente ideologizzato da una cultura che, nel momento in cui ha occultato il greco senso del tragico, sembra essere volta a racchiudere l'esistenza in un sistema di certezze precostituite, tanto rassicuranti quanto castranti, ed avere il fine di "rimpicciolire" l'uomo.
Lo stile aforistico, pertanto, è un tentativo di sottrarsi al linguaggio per conquistare una più autentica libertà che necessariamente passa attraverso tale ribellione e la proposta sempre in fieri di un altro linguaggio o, se si preferisce, di un linguaggio "altro". E' come se Nietzsche volesse parlare solo ad orecchie che siano in grado di intenderlo, costruendo una sorta di "Aristocrazia dello spirito" che è, per i motivi suddetti, anche una "Aristocrazia del linguaggio".
Poichè, la comunicazione aforistica non ha certo la caratteristica della "oggettività", Nietzsche sembra chiedere al lettore di essere "interpretato" piuttosto che severamente e oggettivamente compreso.
Se questo tassello viene usato bene, tutto ciò può essere un ottimo viatico per quella ermeneutica che è uno dei filoni più vivi della filosofia del '900 e che propone precise interpretazioni sulla natura del linguaggio. Chi legge Nietzsche "somatizzandolo" stabilisce una sorta di circuito aperto tra l'interpretato e se stesso come interpretante ed il discente può già cominciare a cogliere in termini operativi quella questione tanto Heideggeriana quanto Gadameriana nota come "circolo ermeneutico".
Va anche sottolineato che Nietzsche sembra voler recuperare la comunicazione su un piano più alto in quanto si tratta non di un semplice travaso di contenuti da una testa pensante ad un'altra, ma di una continua interazione che fa sì che o la comunicazione è anche creazione o essa decade inevitabilmente (Heideggarianamente diremmo) sul piano della banalità quotidiana e della "chiacchiera".
Che la comunicazione autentica sia creazione è un contenuto che può essere facilmente elargito colpendo il discente nella sua sfera emotiva. Nei momenti più alti e magici del rapporto amoroso, infatti, gli innamorati è come se cercassero un nuovo linguaggio che possa riguardare loro e solo loro, fondando un mondo abitabile solo dalle loro persone. Naturalmente il discente potrà riconoscersi in tali affermazioni, ma, in nome di una "ragione dialettica", bisognerà far notare i pericoli di un isolamento solipsistico rafforzando ancora una volta l'affermazione per la quale "ogni medaglia ha il suo rovescio".
Come è noto, la scelta comunicativa Nietzschiana è stata messa in stretta relazione con quell'espressionismo presente tanto in pittura (Munch, Ensor) tanto in letteratura (Kafka, Pirandello), che sembra animato da una voglia di deformare la realtà, come se l'uomo trovasse la sua ragion d'essere e la sua identità trasfigurando il mondo della quotidianità e quasi facendo propria una rivisitata affermazione cartesiana per la quale è come se si dicesse: "trasfiguro, quindi sono". Tale insofferenza nei confronti del linguaggio ha una spiegazione storico-sociale ed essa va messa in strettissima relazione con gli scenari avviatisi con la II Rivoluzione industriale nei quali l'uomo, Marcusianamente, tende ad assumere l'unica dimensione di produttore-consumatore.
In tale ottica le scelte espressive di Nietzsche, appaiono in tutta la loro sintomaticità ed esse possono essere utilmente collegate con quel decadentismo che, portatore di "anime" molto diverse fra loro (si pensi ad un Pascoli, ad un D’Annunzio, etc.) può essere considerato come un fenomeno unitario solo se ne individuiamo "in negativo" un "collante". Il decadentismo è, infatti, in un primo momento percezione della crisi dell'uomo contemporaneo, per poi divenire, nella sua fase più matura, "coscienza della crisi", ciò spiega la multiformità di tale movimento, in quanto, infiniti sono, in linea di principio, i modi di reagire a tale crisi, e si può andare da una sorta di regressione al mondo dell'infanzia (Pascoli) ad atteggiamenti superomistici (D'Annunzio) alla teorizzazione compiaciuta e ironica della inettitudine (Svevo) per arrivare alla polverizzazione dell'io e del mondo, del paralizzante relativismo pirandelliano. La suddetta inquietudine non può non tradursi in una articolata sperimentazione linguistica perchè ciò che si cerca di descrivere, se consideriamo la questione dal suo versante oggettivo, è una sub-realtà o una infra-realtà, una meta-realtà, mentre, se focalizziamo l'attenzione sul versante soggettivo, ciò che viene tematizzato è la sub-coscienza o la in-coscienza o la pre-coscienza, etc.


Per una giusta ottica sulla filosofia del linguaggio novecentesca: "la svolta linguistica", individuata da Rorty
Per rapportarsi alla novecentesca filosofia del linguaggio e per evitare preventivamente impostazioni che potrebbero in un qualche modo essere riduttive, vale la pena di problematizzare quella svolta linguistica di cui parla Rorty quando ritiene di individuare un criterio di lettura generale per interpretare la filosofia contemporanea nel suo complesso. Il nostro autore parla di svolta linguistica per lo meno in un duplice senso di facilissima chiarificazione. Innanzitutto va sottolineato come il linguaggio venga considerato dalla filosofia contemporanea come l'unico vero reperto per studiare l'uomo e le sue manifestazioni. Il linguaggio, cioè, rappresenta l'elemento positivo assolutamente non aggirabile nel quale le manifestazioni umane trovano un loro riflesso ed un loro rispecchiamento, e tale situazione corrisponde ad un fenomeno che è innanzitutto "reale". E' proprio il linguaggio, cioè, (e qua cogliamo la seconda funzione) a costituire il nucleo propulsore di tutto l'agire razionale dell'uomo le cui manifestazioni, tutte immerse e condizionate dal linguaggio, si traducono e si esprimono, appunto, in comportamenti produttori di questo o di quell'altro "linguaggio".
Sarebbe tale consapevolezza ad avere ispirato nascostamente tutta la produzione filosofica contemporanea, e ciò ha fatto sì che i classici problemi della filosofia visti nella loro complessività siano stati affrontati attraverso un "approccio linguistico". La filosofia della scienza, le tematiche psicologiche, quelle sociologiche o antropologiche etc, cioè, hanno considerato i rispettivi oggetti in termini di linguaggi pensandoli non solo come capaci di produrre un linguaggio ma, addirittura, come strutturati essi stessi con le modalità di una "lingua" (naturalmente si tratta, evidentemente, di tante lingue specifiche).

Un altro accorgimento per fare opportunamente cogliere la nuova prospettiva che sembra aprirsi nella filosofia del '900 può essere quello (didatticamente utilissimo), di presentare preventivamente la vastità "dell'arco problematico" investito dalla nuova ottica. Tale compito può essere efficacemente svolto se si individuano autori tra loro "distanti" in quanto le problematiche affrontate si situano su piani diversi e che, nello stesso tempo, possano avere un valore esemplare nella misura in cui permettono l'individuazione di alcuni filoni fondamentali. Al nostro scopo ci serviremo di tre pensatori, particolarmente significativi come Freud, Wittgenstein e Heidegger.

Relativamente al fondatore della psicoanalisi, va preventivamente sgombrato il terreno da un equivoco in quanto Freud non è certo il primo ad avere studiato ed individuato l'inconscio nè l'unico ad averne colto l'importanza per la vita psichica nel suo complesso. Tutto ciò è ben evidenziato proprio dal nostro autore il quale, in un'opera divulgativa scritta sintetizzando una serie di conferenze tenute in America, (Freud: "Introduzione alla psicoanalisi" edizione Boringhieri) riporta come Platone usasse dire che la differenza tra i buoni e i malvagi consiste nel fatto che i primi compiono azioni riprovevoli soltanto in sogno. Il filosofo ateniese, cioè, aveva già perfettamente colto come attraverso l'attività onirica si manifestano elementi che rimangono seppelliti nella psiche. Il grande merito freudiano infatti è un altro, ed esso consiste nell'avere sottolineato con grande forza tutta la centralità dell'inconscio fin quasi ad individuarlo come il grande burattinaio del nostro agire e del nostro sentire ma, nello stesso tempo, di averne teorizzato la decodificabilità.
Tutto ciò avviene perchè, ci sia lecita l'espressione, l'inconscio "parla" e si manifesta, come è noto, attraverso i lapsus e gli atti mancati, la somatizzazione di conflitti psichici profondi e, soprattutto, i sogni.
Ma, per indirizzare meglio il discorso freudiano nella prospettiva precedentemente sottolineata, possiamo usare espressioni più forti e dire non solo che l'inconscio ha un linguaggio ma che esso stesso si struttura come un linguaggio, anche se di tipo particolarissimo.
Tutto ciò, risulta in modo particolarmente evidente se prendiamo in considerazione il "parlare" dello inconscio attraverso i sogni.
Il padre della psicoanalisi, dopo aver distinto tra contenuto latente e contenuto manifesto dei sogni ed avere incentrato l'attenzione sul primo elemento, prende in esame il cosiddetto "lavoro onirico" che si esprime attraverso i "processi di simbolizzazione". I "simboli onirici" si formano, come è noto, per "condensazione"(2) e per "spostamento"(1), e se riflettiamo su queste procedure possiamo notare più di un'analogia tra lo "spostamento" e le figure retoriche di tipo metaforico e tra la "condensazione" e le figure retoriche di tipo metonimico.

(1. La simbolizzazione per spostamento viene prodotta quando, volendo ad un tempo evocare e nascondere l'oggetto che provoca turbamento psichico, l'attenzione viene spostata su qualcosa che può essere "limitrofo a vario titolo" e capace di evocare l'oggetto in questione. E' chiaro che si è messa in moto quella che Freud chiama "censura onirica".
2. Per condensazione si intende un processo di simbolizzazione che opera inserendo l'oggetto vestito di particolare carica emotiva, in un contesto che lo strania e lo rende irriconoscibile, tenendo presente che il contesto che lo nasconde può anche essere un contesto che lo risemantizza. Ecco così che per esempio, in un unico oggetto (un volto umano) possono essere "condensati" elementi provenienti da una molteplicità di direzioni. Anche in questo caso opera la censura onirica, ed è chiaro che, metonimicamente, la "parte" dà significato al "tutto" così come è chiaro che il contenente può avere come suo intrinseco valore questo o quell'altro contenuto).

Naturalmente, poichè tutto ciò è il prodotto di un lavoro onirico che ha la funzione di manifestare censurando, l'inconscio si struttura e si presenta come un altro linguaggio o, se si vuole usare un'espressione più potente e pregnante, come il "linguaggio dell'altro" (l'altro da noi che è dentro di noi). Se, poi, vogliamo restituire alla psicoanalisi tutta la sua carica eversiva, dobbiamo prendere in considerazione i motivi di scandalo, ed essi vanno cercati nel labile confine che separa la sanità dalla follia, nella centralità della sessualità e nella scoperta della sessualità infantile di un bambino freudianamente definito come "perverso polimorfo", ma, forse, soprattutto in quelle "pulsioni di morte" che il padre della psicoanalisi ritiene di avere individuato e delle quali parla nell'opera "Al di là del principio del piacere" del 1921. Tali "pulsioni" si esprimono attraverso la cosiddetta "coazione a ripetere" che consiste in un irrigidirsi e automatizzarsi dei comportamenti come se la nostra psiche si rifiutasse di esprimersi liberamente quasi volesse rifugiarsi in un automatismo. La "coazione a ripetere" può avere una sua espressione anche sul piano linguistico in senso stretto e non è raro costatare come il nostro comportamento verbale, in situazioni particolari di stress o depressione, si irrigidisca in formule espressive sempre uguali e stereotipate. Naturalmente il discente sarà profondamente colpito da tutto ciò ma potrebbe dimostrare, insieme ad una viva attenzione, anche un atteggiamento di diffidenza o fortemente critico. A tale proposito, un modo didatticamente efficace per sottolineare l'attendibilità delle teorizzazioni freudiane può essere quello di operativizzarle mediante una mirata incursione nel campo dell'arte, della poesia e della letteratura.
Tale "incursione" sarà più efficace e motivata se preventivamente sarà stata focalizzata l'attenzione sulle teorizzazioni freudiane che prendono ad oggetto i suddetti fenomeni. Per il nostro pensatore, infatti, arte, letteratura e poesia nascono nel loro profondo da un'esigenza di "sublimazione" dei conflitti irrisolti del nostro inconscio e se ciò è vero dovremo necessariamente trovare in una poesia o in un quadro i corrispettivi linguistici, magari nella forma straniata, della condensazione o dello spostamento o della coazione a ripetere. Tale operazione è più facile del previsto soprattutto se incentriamo l'attenzione sui fenomeni artistico-letterari più vicini ai nostri giorni.
Nel Pascoliano "Il gelsomino notturno" il fenomeno dello "spostamento" è chiaramente percepibile perchè il poeta sembra spinto quasi da una forza superiore a guardare "con la coda dell'occhio" la casa in cui si sta consumando la prima notte nuziale e "sposta" l'attenzione su "fiori notturni che si aprono" (chiaro simbolo del sesso femminile) o su "api che trovano già chiuse le celle" (simbolo dell'esclusione del poeta dalla sessualità e dei suoi irrisolti problemi). Nella lirica pascoliana, inoltre, incombe continuamente la presenza dei genitori defunti e sembra che una forza occulta costringa il poeta a nominarli continuamente o, comunque, ad evocarli più di una volta. Anche il lessico richiama il classico tema freudiano del rapporto tra eros e tanathos in quanto il sesso femminile che sta per concepire una nuova vita viene definito "urna molle e segreta" e la parola "urna" rimanda ad un lessico di morte.
Tutto ciò ha fatto sì che la critica abbia individuato in questa lirica pascoliana una sorta di "super-io funerario" che sembra controllare e giudicare il poeta e si presenta come il responsabile di un non chiarito rapporto con la sessualità.
Nella lirica Carducciana "San Martino" il poeta sembra voler rimanere attaccato al mondo operoso degli uomini scacciando i tristi pensieri di morte e, nella parte finale della poesia, il cacciatore che fischia sull'uscio del casolare all'interno del quale scoppietta lo spiedo rimira "stormi di uccelli neri" e se l'inconscio parla e "strania" i suoi contenuti, allora è legittimo sottolineare come la parola "stormi" sia l'anagramma di "mostri". Il cacciatore, cioè, cerca un mondo rassicurante ed umano dove i pensieri di oggi possano emigrare verso un mondo altro che è, poi, il mondo inconscio della "rimozione".
Un altro esempio di criptoscrittura possiamo rinvenirlo nella poesia foscoliana "Alla sera" dove il tema della morte è tanto annunziato quanto oggetto,proprio nel momento in cui si presenta nella sua "corposità" e in tutta la sua concreta possibiltà, di un tentativo di rimozione. Ecco che il poeta parla del "torme dei pensieri" che se ne vanno insieme al "reo tempo che passa", ed anche in questo caso possiamo notare che la parola "torme" sia l'anagramma della parola "morte".
Se, infine, vogliamo, ulteriormente evidenziare il fenomeno di una coazione a ripetere, che ancora una volta si nasconde in forme straniate in virtù di una sorta di censura, possiamo fare riferimento alla celeberrima "A Silvia" leopardiana. E' noto come Silvia rappresenti la speranza destinata a morire incontrando le consapevolezze razionali di quell'io che, freudianamente, vive sotto il dominio del "principio di realtà". Il poeta non può non essersi ripetuto più volte e interiormente il nome di Silvia e la scrittura lo "tradisce" facendo sì che tale nome, per coazione a ripetere, venga riproposto in forma irriconoscibile. La prima strofa, infatti, finisce con la parola "salivi" la quale, guarda caso, è l'anagramma di "Silvia", quasi che la speranza si scomponesse proprio mediante il suo "salire" verso la gioventù, ovvero sia verso il chiarire sè a se stessa.
Esempi di questo tipo si potrebbero moltiplicare all'infinito, e le coincidenze sarebbero troppe per non apparire sospette e tutto ciò, evidentemente, costituisce un elemento di supporto per la validità delle teorizzazioni freudiane.
Ma il linguaggio dell'inconscio si genera ruotando attorno a quel "complesso di Edipo" che Freud definisce con grande efficacia come "il centro nucleare di tutte le nevrosi".
E' chiaro, a tale proposito che l'"Amleto" di Shakespeare si regge su un rapporto di amore e odio tra il protagonista e la figura del padre da vendicare, ma ciò su cui bisogna insistere in sede didattica, va ricercato in altra direzione. E' noto che il grande drammaturgo inglese abbia dedicato quest'opera a un non identificato W.H. che qualcuno ha ritenuto di poter interpretare attribuendo tali iniziali a tale Henry Wriotesley, ma che, freudianamente, può essere interpretato come William Himself e ciò mostrerebbe quanto Shakespeare fosse portatore di un freudiano "Edipo irrisolto".

Se, ora, spostiamo il riflettore della nostra analisi sul cosiddetto "primo Wittgenstein", ovvero sia sulle concezioni contenute nel "Tractatus logico-filosofico", possiamo agevolmente cogliere un altro dei filoni fondamentali della novecentesca riflessione filosofica sul linguaggio.
Preliminarmente è bene precisare che lo scopo del Tractatus è quello di individuare quale debba essere l'organizzazione interna di un linguaggio rigorosamente scientifico. Tale scopo si rivela in stretta relazione con la condizione storica del tempo, caratterizzata da una profonda crisi che aveva investito i modelli positivistici della razionalità scientifica e che si era manifestata con la nascita delle geometrie non euclidee, della teoria della relatività di Einstein, della fisica quantistica e del principio d’ indeterminazione di Heisenberg.

Una corretta comprensione della questione, però, richiede che si faccia riferimento, innanzitutto, alle posizioni empirio-criticiste di Ernst Mach il quale aveva mostrato come la metafisica e le sue "tentazioni" fossero capaci di insinuarsi all'interno dello stesso linguaggio della scienza che, per essere opportunamente depurato, doveva poter recuperare un rapporto di corrispondenza biunivoca con i dati empirico-fattuali.
In tale contesto diveniva urgente un nuovo compito della filosofia la quale doveva potersi trasformare in una sorta di "terapia del linguaggio" per evitare che nascessero problemi che, prima ancora di poter essere sottoposti al criterio di verità/falsità, si costituissero come problemi privi di senso. Il criterio della "sensatezza", pertanto, diveniva assolutamente prioritario ed il compito della filosofia si configurava come quello di una demistificazione dei falsi problemi.

Prima di scendere nei particolari e analizzare i contenuti e le proposte del Tractatus, però, è bene sottolineare quale sia la forma espositiva nella quale Wittgenstein propone le sue concezioni. Il Tractatus, infatti, si presenta come un "sistema d’aforismi" dove l'aforisma, lungi dallo svolgere la già individuata funzione Nietzschiana, risulta funzionale ad una formulazione delle questioni filosofiche che sia la più rigorosa possibile. Gli aforismi, infatti, costituiscono un sistema ed il loro reciproco richiamarsi serve ad una altrettanto reciproca illuminazione e serve ad eliminare ogni alone di ambiguità. Come è noto il Tractatus è composto da sette proposizioni fondamentali e da ognuna di esse se ne ricavano altre che appaiono come dirette conseguenze logiche all'interno di un'opera di "derivazione" puntualmente "fotografata" da un'apposita numerazione che serve ad individuare ogni singola proposizione come conseguenza della precedente. Tale forma espositiva, evidentemente, è volta a dare compattezza e rigorosità all'argomentazione e, nello stesso tempo, spinge il lettore a ripercorrere le procedure logiche che gli vengono proposte dall'autore. Un linguaggio che si auto-costituisce come capace di espungere, in virtù della sua stessa natura, l'intrusione d’ogni possibile elemento metafisico è un linguaggio la cui "essenza" possiamo definirla come "pittografica". Il linguaggio, cioè, funziona quasi come un quadro che riporta fedelmente sulla "tela" del pensiero le strutture oggettive del mondo.
Se, però, vogliamo penetrare ancora più in profondità la prospettiva di Wittgenstein, possiamo ricorrere ad un più calzante esempio. Il linguaggio, cioè, deve poter avere la stessa funzione di uno spartito musicale, il quale è di per sè già virtualmente la musica che deve essere suonata. Tale teorizzazione potrebbe far pensare ad una forma rivisitata di "Aristotelismo linguistico", ma una simile concezione sarebbe viziata da un errore di prospettiva. Per Wittgenstein, infatti, non ci sono essenze ontologiche che si rispecchiano nel pensiero-linguaggio, perchè il linguaggio ha come oggetto della sua rappresentazione i così detti e "positivi" fatti, ovvero sia quelle che potremmo definire, "esperienze elementari". Il mondo, infatti, è concepito da Wittgenstein come la totalità dei fatti e all'interno di questi ultimi è possibile rintracciare quelli che Wittgenstei chiama "fatti atomici"(sachverhalt). Si tratta, come è facile comprendere, di "fatti" non ulteriormente scomponibili i quali hanno come loro corrispettivo linguistico le "proposizioni elementari".
Il linguaggio, se vuole rispettare il requisito della scientificità e vuole essere aderente ai dati empirico-fattuali, deve potersi organizzare secondo un sistema di "gerarchie funzionali" e le proposizioni devono potersi combinare fra loro in modo tale che non ci sia la possibilità dell'intrusione di elementi spuri che altro non sarebbero che esigenze incontrollate e illegittime di un pensiero che cede alla tentazione di proiettare se stesso sul mondo.
Per dirla in termini Wittgensteiniani, ogni proposizione complessa deve poter essere riconducibile a proposizioni elementari e presentarsi come "funzione di verità" di queste ultime. La non intrusione di elementi spuri è garantita dal carattere "neutro" (cioè logicamente puro) dei "connettivi logici" i quali combinano le proposizioni tra loro, evitando il rischio che esse possano perdere il rapporto "pittografico" con il mondo inteso come "totalità dei fatti".
Un altro aspetto notevole del Tractatus è la teorizzazione Wittgensteiniana per la quale il linguaggio, data la sua natura ed il suo compito, non può trascendere se stesso e non può, pertanto, dimostrare quella funzione pittografica della quale abbiamo discusso. Una simile eventualità, infatti, significherebbe creare un altro linguaggio o, peggio, un linguaggio "altro," non più in "corrispondenza biunivoca" con i dati empirico-fattuali. L'"essenza" del linguaggio, quindi, piuttosto che "dimostrata" può essere soltanto "mostrata", e il linguaggio, rappresentando il mondo, dice se stesso e la sua funzione più vera.
C'è, però, un altro aspetto nel Tractatus che merita particolare interesse ed esso è costituito da quell'affermazione per la quale Wittgenstein asserisce che "i limiti del mio mondo sono i limiti del mio linguaggio". Sembrerebbe, cioè, che il mondo si dà attraverso il linguaggio e che ogni ipotesi sulla realtà o trova il linguaggio rigoroso con la quale essere formulata, o resta sospesa in una sorta di "limbo di impotenza".
Naturalmente il linguaggio di cui Wittgenstein parla nel Tractatus risulta essere poco compatibile con le molteplici funzioni rintracciabili nel linguaggio ordinario e quest'ultima considerazione ci spinge ad un surplus di riflessione sulle teorizzazioni del nostro autore. Wittgestein, cioè, sta parlando di una sorta di funzione primaria del linguaggio e, nello stesso tempo, sta portando avanti una proposta normativa, volta alla fondazione di un linguaggio autenticamente rispondente alle esigenze della scientificità. Non è questa la sede per analizzare la funzione che il Tractatus ebbe all'interno del neo-positivismo logico ma ci basta sottolineare come esso sia divenuto un punto di riferimento per un'intera corrente filosofica e come la riflessione sul linguaggio abbia trovato un forte momento di convergenza con le problematiche della epistemologia contemporanea.

Le riflessioni filosofiche Heideggeriane sul linguaggio, se non ci si colloca preventivamente nella giusta prospettiva, potrebbero apparire come misticheggianti o come affermazioni, magari stimolanti, ma gratuite. Per mettersi nella giusta ottica è bene fare riferimento agli aspetti fondamentali dell'opera più significativa di Heidegger, ovvero sia di quell'"Essere e Tempo" del 1927. Come è noto Heidegger vede nella razionalità tecnologica occidentale la figlia diretta di quella Metafisica che ha "entificato l'essere" dimenticando le originarie prospettive ontologiche, che si interrogavano sull'essere e sul suo senso. Per recuperare l'obliato problema dell'essere bisognava, innanzitutto, interrogare l'interrogante ovvero sia rimettere in discussione quell'uomo che da senso a sè stesso proprio ponendosi il problema del senso dell'essere.
Il termine "uomo", però, è troppo ipotecato da sedimentazioni storico culturali che finiscono col produrre e proporre un'immagine preconfezionata e piena di condizionamenti praticamente non individuabili. Ecco che, il nostro autore, per poter riproporre il problema dell'essere, si trova costretto ad operare una sorta di purificazione e riduzione fenomenologica che non può non tradursi nella proposta di un nuovo linguaggio. L'uomo, in questa rinnovata prospettiva, altro non è che il dasein ovvero sia un puro esserci ed il nostro autore vuole sottolineare come una compiuta decifrabilità e un'autentica comprensione dello "specifico" dell'animale "uomo" debba necessariamente passare attraverso il rinvenimento di ciò che l'uomo è nella sua radice più vera. Originariamente l'uomo è la pura sensazione di un "esserci" ed è da questa che si deve partire se si vogliono ricostruire integralmente e senza indebiti condizionamenti, le modalità del suo essere. Questo esserci, però, è costitutivamente un essere-nel-mondo (in –der welt-sein) e Heidegger sta sottolineando come il mondo innanzitutto sia il correlato esistenziale del Dasein ad esso co-originario. Con simili concezioni il nostro autore vuole evidenziare sia come l'uomo sia "gettato" in un mondo, sia come non possa non reagire a questo "essere gettato" con una forza uguale e contraria ovvero sia con un pro-getto il quale non può che esercitarsi attraverso la continua costruzione di un "mondo".
A ben guardare, però, esiste anche la possibilità di un ulteriore riflessione in quanto il Dasein, proprio in virtù di quella sua infondatezza che non deve mai essere occultata, è un animale costitutivamente proteso alla continua costruzione di un sistema di significati e di un universo dotato di senso.
Tale affermazione, opportunamente interpretata, ci ricorda che l'ideale di una conoscenza oggettiva perchè disinteressata, tanto auspicato e perseguito da certo scientismo, è in realtà una pura illusione in quanto la natura progettante dell'uomo, è sempre attraversata da un bisogno di produzione di senso e da un sistema di aspettative.
Le riflessioni appena fatte, però, devono poter essere indirizzate verso la riflessione filosofica sul linguaggio e tale operazione può essere facilmente fondata con qualche semplice considerazione.
Heideggerianamente, infatti, la comprensione del mondo è, in realtà, sempre ed in ogni caso, una interpretazione, perchè il mondo è il luogo di una nostra tensione intenzionale, nonchè il luogo di un nostro progetto magari inconsapevole. Non esiste, cioè, uno sguardo vergine sul mondo perché "l'essere gettato" del dasein fa sì che esso sia sempre storicamente e culturalmente determinato. Ognuna a modo loro, tutte le filosofie, sono state delle interpretazioni del mondo e il nostro interrogarci su esso avviene attraverso una tradizione, un sistema di valori e aspettative, che si dà e si rivela a noi attraverso il linguaggio.
Fatta questa premessa, possiamo andare al cuore della questione e cogliere gli aspetti più significativi della riflessione Heideggeriana sul linguaggio, tenendo presente alcune definizioni divenute celebri. In "Sentieri interrotti" il linguaggio viene definito come la "casa dell'essere" ovvero sia come il linguaggio in cui l'essere ed il suo senso dimorano tanto manifestandosi quanto occultandosi. Opportunamente interpretata questa affermazione ci ricorda come il linguaggio prima di essere un "mezzo" è un "luogo", ovvero sia una sorta di realtà all'interno della quale l'uomo "abita" producendo i suoi abiti e le sue abitudini.
Per una compiuta esplicitazione delle teorizzazioni heideggeriane , però, è opportuno ricordare come, per il nostro autore, il Dasein è strutturato in modo tale da poter andare tanto verso la sua autenticità (nel senso più etimologico del termine ovvero sia da autòs e, quindi, verso una riappropriamento di se stesso che coincide con un non occultamento della sua infondatezza)quanto verso la sua inautenticità. Ne deriva evidentemente la possibilità di un linguaggio inautentico e di un linguaggio autentico dove il primo è volto a comunicazioni puramente informative tutte fondate sulla strumentalità dell'ente intramondano, mentre il secondo è un linguaggio apparentemente fine a sè stesso, ma in realtà volto a lasciare intravedere il senso dell'essere. Questa ultima forma di linguaggio è, come è noto, il linguaggio poetico o, meglio, poietico nella misura in cui esso è un produrre (un produrre senso ovviamente) caratterizzato da una costitutiva creatività.
Un altro aspetto da sottolineare e valorizzare è quello del rapporto "circolare" che si viene a creare tra l'uomo e il linguaggio, per il quale se da una parte è l'uomo a produrre linguaggio, dall'altra l'uomo sembra quasi esser posto nella sua capacità di produrre senso dal linguaggio che lo parla. Nella Lettera sull'Umanismo, Heidegger, infatti, ricorda che "il linguaggio parla" ovvero sia che esso sembra essere il vero soggetto capace di suggerire all'uomo il rapporto da instaurare col mondo.
Un'altra affermazione heideggeriana degna di nota e che spiega ulteriormente quanto appena asserito è quella che ci ricorda come "la parola dà l'essere alla cosa" e tale affermazione, apparentemente provocatoria o arbitraria, chiede il necessario approfondimento. Evidentemente la parola non pone affatto in essere la cosa e non è certo un improponibile cappello di prestigiatore dal quale possono venire fuori le realtà, ma se le "cose" sono sempre il terminale di un rapporto e sono elementi per la costruzione di un "mondo", allora, la parola inserisce la cosa nominata in un sistema di significati e in un universo che cerca il suo senso.
Se, ora, vogliamo interrogarci sulle possibili ricadute di tali teorizzazioni nella giovane mente di un discente, dobbiamo procedere col massimo di cautela. Senza l'opportuna mediazione didattica e i necessari esempi, infatti, quanto appena detto può apparire astratto o terribilmente gratuito. Se, però, proponessimo la lettura di alcune poesie particolarmente profonde come, ad esempio: "L'infinito" di Leopardi e le leggessimo heideggerianamente, forse, le teorizazioni del filosofo tedesco potrebbero assumere una maggiore corposità. Nella lirica leopardiana, infatti, il poeta scopre la propria finitezza e infondatezza all'interno di un'esperienza privilegiata che lo pone in rapporto con l'infinito. Tale rapporto, in un primo momento, sembra annichilire l'io ("ove per poco il cor non si spaura"), ma quando il poeta trova il modo per "raccontarsi" l'infinito rendendolo quasi "abitabile" ("io questa voce a quell'infinito silenzio vo comparando"), allora l'io vive le dolcezze di un naufragio che viene comunicato al lettore attraverso le astuzie della parola poetica e che risulta essere quasi l'accesso ad una dimensione superiore. La parola poetica, cioè, crea heideggerianamente un mondo dove le "entità" nominate non sono più irretite nella logica quotidiana della utilizzabilità ma sono soltanto il pre-testo per potere leggere l'unico possibile testo, ovvero sia l'intatta stupefazione che nasce dalla constatazione del proprio puro essere nel mondo.
Se la mediazione didattica sarà avvenuta efficacemente, il discente avrà avuto modo di vagliare quanto sia centrale il linguaggio per le molteplici dimensioni dell'umano perchè avrà avuto modo di toccare con mano la "distanza" che esiste tra linguaggio poetico e linguaggio scientifico constatando tuttavia un'affinità perchè, in ogni caso, sempre di linguaggio si tratta e perchè la sua funzione plasmatrice, nonostante la diversiàà degli esiti, necessariamente risulta posta in primissimo piano.

Nella prospettiva di valorizzare compiutamente il pensiero di autori molto complessi e provocatori, come Foucault e Lacan, che prenderemo in esame in seguito, diviene ora opportuno insistere su un momento di intersezione fra la riflessione filosofica sul linguaggio ed una riflessione che potremmo definire "tecnica" sul funzionamento della lingua, ovvero sia su quella linguistica alla quale si era precedentemente fatto cenno. Tale incontro, infatti, si è rivelato particolarmente fecondo e ha determinato una svolta la cui non comprensione potrebbe pregiudicare una analisi approfondita e valorizzante degli ulteriori sviluppi della 900sca filosofia del linguaggio.
Stiamo parlando evidentemente dell'opera rivoluzionaria del linguista ginevrino Ferdinando De Saussure il cui pensiero ci apprestiamo ad analizzare perchè esso ha determinato una nuova prospettiva capace di gettare luce interpretativa anche sulle riflessioni di quell'Heidegger precedentemente esaminate. E' bene avvertire che le riflessioni linguistiche che prenderemo in oggetto, infatti, si collocano alle spalle delle riflessioni heideggeriane sul linguaggio e ci troviamo nella necessità di compiere metodicamente un passo indietro per ristabilire l'ordine cronologico delle nostre argomentazioni. Come è noto il "Corso di linguistica generale" vide la luce nel 1916 e fu curato dai discepoli di Saussure che compendiarono e sintetizzarono le lezioni accademiche sviluppate dal linguista ginevrino in un arco di tempo che va dal 1905 al 1909. La linguistica di Saussurre ha carattere rivoluzionario perchè non segue più la 800sca logica evolutiva e comparativa nello studio della lingua ma considera quest'ultima nella autosufficienza della sua strutturazione interna. Si apre, cioè, la fase di quello strutturalismo linguistico che si rivelerà un fecondo stimolo per la antropologia, per la psicoanalisi e per certe raffinate riflessioni su alcune manifestazioni socio-culturali, etc.
Familiarizzare con le categorie linguistico concettuali, proposte da Saussurre, pertanto, significherà assimilare un linguaggio che, utilizzato in diverse prospettive, ritroveremo nel pensiero di un Lacan o di un Foucault.
Per comprendere l'ispirazione fondamentale dello strutturalismo linguistico può essere utile far riferimento ad un esempio proposto dallo stesso Saussurre quando paragona il funzionamento della lingua al gioco degli scacchi. Intuitivamente si comprende infatti come l'essenza de gioco non cambi se i pezzi della scacchiera sono in legno piuttosto che in avorio, così come non si verifica nessun cambiamento funzionale se pedine, torri o alfieri dovessero assumere forme diverse. Per il funzionamento di tale gioco infatti è necessario soltanto che i singoli pezzi siano distinguibili fra di loro e che ognuno di essi faccia tutt'uno con le funzioni e le proprietà che gli vengono attribuiti. Veramente importante è, pertanto, la struttura del gioco la quale fa tutt'uno con un sistema di differenze funzionali che si configura come una "totalità". Tale carattere di "totalità" e tale autoregolatività interna vengono meglio alla luce se proponiamo una ulteriore considerazione (una struttura, nella prospettiva di Saussurre, può infatti essere concepita come una totalità che si autoregola e si autotrasforma proprio perchè si regge su un sistema di differenze). La introduzione di un nuovo pezzo con nuove proprietà e funzioni, infatti, cambia l'intero funzionamento ed anche se le caratteristiche di pedoni ed alfieri dovessero rimanere le stesse, evidentemente, il valore delle loro "mosse" e la opportunità del loro utilizzo verrebbero necessariamente modificati.
Studiare una lingua in termini strutturali significa lasciarsi alle spalle le vecchie prospettive diacronico evolutive per privilegiare un approccio "sincronico". Ci troviamo, pertanto, di fronte ad una dicotomia Saussuriana che costituisce la proposta di una terminologia che dà nome ad una diversità di approccio metodologico. La dicotomia diacronico sincronico, però, non va intesa in termini rigidi perchè le prospettive metodologiche non si escludono a vicenda ma Saussure si affretta a precisare che l'approccio sincronico ha un suo primato euristico in quanto getta una più potente luce di intellegibilità su quelle trasformazioni, diacronico evolutive, che, pur intervenendo dall'esterno, vengono riassorbite dalla lingua sincronicamente intesa e rese compatibili con la funzionalità delle sue strutture.
Un altro elemento innovativo proposto da Saussurre è quello relativo alla cosiddetta "arbitrarietà del segno linguistico" e va precisato che il ginevrino sottolinea come il segno unisca non una cosa ed un nome bensì un concetto ed un'immagine acustica. Concetto ed immagine acustica sono il significato ed il significante del segno linguistico nella sua interezza e la arbitrarietà non è soltanto da vedere nel versante del "significante", ma anche da quello del "significato" e riguarda il "segno" nella sua interezza e nella sua capacità di istituire un rapporto. Saussure si affretta a precisare che il segno linguistico è come un foglio di carta o una pagina di un libro nella quale se tagliamo il recto tagliamo anche il verso perchè siamo di fronte alle due facce di una stessa medaglia. Naturalmente l'arbitrarietà del segno non va confusa con una sorta di libertà capricciosa concessa al parlante perchè il linguista ginevrino intende semplicemente precisare come la lingua sia libera di stabilire leggi interne che il parlante dovrà necessariamente rispettare. All'interno della lingua opera un elemento convenzionale e sociale che, però, non può mai inficiare la sua funzionalità strutturale e che, anzi , ne costituisce un ulteriore fattore.
La dicotomia Saussuriana più significativa per i nostri scopi, però, è un altra e va ricercata nella cosiddetta "langue" e nella cosiddetta "parole". Con "langue" si indica il complesso delle regole e degli elementi che caratterizzano una lingua strutturalmente intesa, in un preciso stato della sua storia evolutiva. La langue cioè, è quella data struttura determinata e che risulta essere il prodotto di un'evoluzione storico sociale e che il parlante non può che rispettare se intende correttamente comunicare. La langue però può essere usata in molti modi e contiene una pluralità di potenzialità che, però, devono sempre essere compatibili con la sua struttura di fondo. Tali potenzialità passano concretamente in atto grazie alla "parole" ovvero sia all'uso individuale di un prodotto sociale che, se ripetuto e condiviso da un numero crescente di parlanti, può quasi prefigurare una nuova regola che si somatizza nella langue e determina un riaggiustamento interno della sua funzionalità strutturale. E' come se, per riprendere il precedente esempio degli scacchi, si introducesse un "nuovo pezzo", ma tale elemento che si viene ad aggiungere non sopravviene affatto dall'esterno ma nasce dall'interno della langue e delle sue potenzialità.
Un altro elemento stimolante della linguistica di Saussure, infine, è da individuare nel progetto del ginevrino di "allargare" il concetto di "segno" includendo anche i segni non linguistici per fondare una sorta di scienza generale e onnicomprensiva, definita dal nostro autore come "semiologia".
La linguistica strutturale, cioè, sarebbe solo una (anche se certamente la più significativa) manifestazione della semiologia, ed ogni forma di cultura, ogni oggettivazione delle attività dell'uomo, può essere vista come un "sistema di segni" le cui leggi interne risulterebbero sicuramente indagabili.

Sempre seguendo un percorso che privilegi la riflessione tecnica sul funzionamento della lingua, diviene doveroso fare qualche riferimento alle teorizzazioni di Jakobson che prendono le mosse dalle posizioni già delineatesi in Saussure. Jakobson propone una più stretta integrazione tra approccio sincronico ed approccio diacronico evidenziando una complementarietà che il linguista ginevrino aveva non opportunamente sottolineato. Jakobson, inoltre, prende spunto dalla dicotomia Saussuriana paradigma/sintagma e la sviluppa in una nuova prospettiva con una nuova terminologia. Ogni produzione linguistico comunicativa, infatti, è il prodotto di un'operazione duplice tanto di tipo "selettivo" (paradigmatico) che di tipo "associativo" (sintagmatico). Quando parliamo, cioè, per esprimere un concetto possiamo scegliere tra una molteplicità di opportunità fornite dalla lingua ed optare per questo o quell'altro termine o sostituire il termine con un intera espressione (stiamo, cioè, operando selettivamente scegliendo da una sorta di "lista" paradigmatica che la lingua ci offre come se stessimo optando per questo o quell'altro piatto propostoci dal menù) e stiamo associando sintagmaticamente una parola ad un altra parola per produrre una sequenza logica (è come se stessimo scegliendo il secondo piatto tra varie possibilità forniteci, dopo avere ordinato il primo). Secondo Jakobson tutti i comportamenti linguistici sono riconducibili alla duplicità di questa operazione fondamentale ed espressa nei suoi termini più essenziali, e la possibilità delle scelte selettivo-paradigmatiche sta a fondamento di quelle figure retoriche che sono le metafore, in quanto possiamo sostituire il nome proprio "Giuseppe Verdi" con la metafora "il cigno di Busseto", mentre la possibilità delle scelte associativo sintagmatiche sta a fondamento delle figure retoriche di tipo metonimico e tutto ciò può essere facilmente illustrato da un esempio: possiamo infatti invitare un amico a prendere un bicchiere di vino anche se l'amico evidentemente berrà il vino e non il bicchiere.
Nell'ottica del nostro discorso può essere utile notare come le fondamentali figure retoriche nascono proprio dalle più significative opportunità forniteci dalla struttura della lingua e vale la pena di sottolineare l'analogia che sussiste con ciò che abbiamo già incontrato in occasione del linguaggio freudiano dei sogni e dei suoi processi di simbolizazione.
In base alle sue considerazioni Jakobson si sente nel diritto-dovere di postulare, partendo dalle possibilità strutturali della lingua, due diversi tipi di afasia che la scienza medica ha in seguito effettivamente riscontrato. L'afasia, infatti, può nascere o dalla perdita della funzione selettiva o dalla perdita della funzione associativa e l'afasico, pur continuando fluentemente a parlare , non comprende più il significato delle metafore e delle metonimie.
Un altro notevole contributo offertoci da Jakobson è quello relativo alla complessità dell'atto linguistico - comunicativo che risulta composto da una molteplicità di funzioni tutte in un qualche modo compresenti e dove una di esse assume una funzione predominante. Partendo dalla situazione comunicativa in quanto tale, che necessariamente prevede un emittente, un destinatario, un contesto, un codice, un canale, un messaggio, il nostro autore individua ed isola sei funzioni fondamentali del linguaggio identificandole in quella referenziale, emotiva, poetica, fàtica, metalinguistica e conativa. Si tratta di una teorizazione che può facilmente essere semplificata e che fornisce una formidabile occasione didattica per far prendere coscienza al discente di come i suoi atti comunicativi facciano fulcro su questo o su quell'altro elemento magari senza averne piena coscienza e tutto ciò può spingerlo ad un atteggiamento volto ad una più compiuta conoscenza di sè attraverso un'analisi dei tipi di comportamento linguistico che tende a privilegiare.

Sempre restando nell'ambito della linguistica è doveroso sottolineare l'opera di Chomsky che imprime a tale disciplina una sorta di accelerazione e ne determina uno sviluppo che le permette di dialogare con certe branche della psicologia e della indagine filosofica sulla "mente". A differenza di Saussurre che si limitava a descrivere il funzionamento di una lingua vista come struttura, ovvero sia come totalità di elementi differenziali che si autoregola e autotrasforma, il linguista americano si muove in una prospettiva che potremmo definire "cartesiana". Chomsky infatti cerca di spiegare cosa una lingua sia riproducendola partendo dagli aspetti più elementari ed essenziali e sottoponendoli a regole di trasformazione tutte rigorosamente formalizzate. Chomsky cioè spiega la lingua nella misura in cui è capace di formalizzare un insieme di regole trasformazionali che la generino e ricostruiscano. Ricostruire una lingua, in una prospettiva formalizzata, significa individuare quelle procedure attraverso le quali trasformare alcuni enunciati di base per produrre tutte e solo le frasi compatibili con la grammatica della lingua presa in oggetto. L'opera alla quale stiamo facendo riferimento è la "Struttura della sintassi" del 1957 dove il nostro autore distingue tra "frasi nucleari" e "frasi complesse" in una prospettiva nella quale le prime rappresentano l'elemento di base da trasformare e che fanno da fondamento a tutte le possibili frasi complesse da generare sempre in un quadro di compatibilità con la correttezza grammaticale. Le "frasi nucleari" sono frasi semplici in forma dichiarativa e attiva all'interno delle quali gli "elementi atomici" sono il cosiddetto "sintagma nominale" e "sintagma verbale". E' chiaro che dedurre geneticamente una lingua significa veramente possederla così come possiede veramente e cartesianamente il concetto di cerchio chi lo produce facendo ruotare un segmento il quale, a sua volta, è prodotto dal movimento di un punto.
Nella prospettiva adottata da Chomsky diviene necessario distinguere tra correttezza grammaticale e correttezza semantica in quanto è come se la lingua, prodotta con procedure di trasformazione formalizzate che vanno applicate alle suddette frasi nucleari, costituisse una sorta di "programma" capace di riconoscere frasi grammaticalmente corrette anche se dovessero essere prive di significato o portatrici di un significato ambiguo. La frase "progetti gialli e splendenti urlano di gioia", ad es., risulta grammaticalmente corretta anche se le si può attribuire solo un significato "poetico" ai limiti della tollerabilità, mentre la frase "lei mangerà bistecca al sangue", ha un significato riconosciuto ma grammaticalmente scorretto.
Dall'esempio appena fatto si ricava che le operazioni di deduzione e formalizazone di una lingua sono capaci di avere una loro efficacia sul piano grammaticale e non su quello semantico e uno dei problemi irrisolti della linguistica contemporanea è proprio quello di non riuscire a produrre una teoria formalizzata del significato.
Proprio per tentare una soluzione al problema ora presentato, Chomsky, in "Aspetti della teoria della sintassi" (1964) sostituisce la distinzione tra frasi nucleari e complesse con quella tra "struttura profonda" e "struttura superficiale" di una lingua. Ogni lingua naturale, cioè, è caratterizzata da una struttura profonda che presiede alla correttezza del suo funzionamento e la trasformazione di questa o di quell'altra frase risulta legittima se è trasformazione di una struttura profonda che sembra collocarsi ai limiti del linguaggio, in una dimensione in cui diventa centrale la riflessione logica. In tale ottica la frase "Gianni ama Luisa" può essere trasformata nella frase "Luisa è amata da Gianni", ma non certo nella frase "Luisa ama Gianni" in quanto l'operazione espressa dal verbo ama non implica la reciprocità.
Le "Leggi di trasformazione" pertanto devono essere formulate in termini tali da dovere evitare casi del II tipo i quali, evidentemente, urtano la "struttura profonda". La distinzione Chomskiana, però, ha innanzitutto un valore operativo perchè il riferimento alla struttura profonda permette di sciogliere l'ambiguità semantica di molte frasi abitualmente usate ed il cui significato viene percepito e universalmente riconosciuto anche quando non dovesse risultare logicamente fondato.
Un'altra celebre distinzione Chomskiana che sembra ricalcare la distinzione Saussuriana tra langue e parole è quella tra "competence" e "performance". Sicuramente tra i due autori è ravvisabile una analogia ma anche va sottolineata una significativa differenza. La competence infatti viene individuata come qualcosa che è già di per se caratterizzata da una infinita creatività e Chomsky si spinge a teorizzare una sorta di "innatismo linguistico" per il quale l'acquisizione di una lingua è solo in parte il prodotto delle pressioni educative dell'ambiente. Un bambino di 3/4 anni infatti è già capace di grande creatività linguistica e non si limita a riproporre meccanicamente comportamenti verbali precedentemente acquisiti. Diviene pertanto necessario postulare una capacità innata di acquisire, usare, creare la lingua ed il parlante sarebbe portatore, appunto, di alcune strutture profonde che vanno al di là della differenza esistente fra le lingue naturali e storicamente date.
In verità, anche Saussure aveva già ipotizzato qualcosa di simile nella misura in cui, oltre a distinguere tra langue e parole, aveva parlato anche di " language", intendendo con questo termine, diciamo così, il linguaggio in quanto tale e, verosimilmente, la stessa possibilità di parlare con un lessico, una grammatica, una sintassi. Il linguista ginevrino, però, si era limitato a qualche accenno al " language "e alla sua funzione, mentre in Chomsky la competenza è qualcosa in più della semplice langue perchè potremmo definirla come la langue "agganciata" alla creatività del language. Tutto ciò equivale a sostenere che l'uomo è geneticamente capace di parlare, anche se questa capacità può rimanere inibita se viene meno la funzione scatenante dell'ambiente cioè della comunità dei parlanti.

Queste veloci incursioni nel campo della linguistica hanno lo scopo di mettere in evidenza alcuni strumenti concettuali senza i quali non disporremmo della corretta terminologia per impostare una questione centrale e dirimente che, se non posta in primo piano, non ci permetterebbe di gettare la giusta luce interpretativa sulle più stimolanti riflessioni sul linguaggio della filosofia contemporanea. Nelle problematiche più attuali il linguaggio viene visto come una sorta di momento di congiunzione tra Io e Mondo e tale momento di congiunzione non si limita a determinare un "incontro" tra un "Io e Mondo" già dati ma "io"e mondo si costituiscono reciprocamente come due polarità concrescenti grazie al loro rapporto e tale rapporto è reso possibile grazie alla mediazione del linguaggio. Se ci è lecito un paragone forse non improprio, il linguaggio è un pò come l'Assoluto Schellingiano il quale, come è noto, è unità indifferenziata di natura e spirito, si realizza attraverso le "polarità" che pone, risultando trascendentale nei confronti di esse.

Una tale funzione trascendentale del linguaggio, ad esempio, è presente in un Lacan o in un Foucault ma, se vogliamo procedere secondo un corretto ordine cronologico per cogliere tale prospettiva in uno dei suoi più significativi momenti iniziali, possiamo fare riferimento alla "Filosofia delle forme simboliche" di Ernst Cassirer i cui tre volumi videro la luce in un arco temporale che va dal '23 al '29.
Per Cassirer l'uomo è un "animale simbolico" in quanto si costituisce come uomo, pervenendo alla sua essenza, mediante una continua opera di simbolizzazione. L'uomo, cioè, produce simboli per natura e attraverso l'attività simbolica plasma il molteplice sensibile, costituendo sè stesso e il mondo. Non è difficile vedere in tali teorizzazioni una ascendenza kantiana, per altro dichiarata, e attraverso la trascendentalità della attività simbolica vengono posti in essere l'io, il mondo ed il loro rapporto. Per Cassirer tale attività si esercita in varie forme e a diversi livelli ma le molteplici strutturazioni simboliche del mondo, pur distinte e distinguibili, non sono in rotta di collisione ma formano un cosmo ordinato. Questa o quella attività simbolica, cioè, ha delle precise relazioni con altre attività simboliche, potendo fungere da piedistallo preparatorio e potendo essere portatrice di un "senso" anche più ricco dei sensi ulteriori che rende possibili. Naturalmente bisognerà definire ciò che Cassirer intende per simbolo ed il nostro autore si trova nella necessità di operare servendosi di criteri minimali ed identificando il simbolo come l'unione inscindibile tra un qualsiasi segno sensibile ed un significato costituito da un contenuto e/o un valore ideali.
Per Cassirer, non diversamente da Croce, (il quale, però, confinava le riflessioni che stiamo per fare nel campo dell'estetica), cioè, non è possibile che un "intuizione" dello spirito umano non si traduca in una opportuna espressione e tra i due termini esiste un nesso inscindibile (parlando del linguaggio poetico Croce sosteneva che esso è dato da una "sintesi a priori di sentimento ed immagine"). Cassirer, però, parla di attività simbolica a 360° ed essa investe qualsiasi attività umana.
E' proprio questo il motivo per il quale Cassirer si limita a dare una definizione minimale del "simbolo" che, pertanto, è circondato da una certa "vaghezza semantica". Ciò che serve a Cassirer, infatti, è potere avere una concezione "allargata" del "simbolo", in modo tale da potere dimostrare che le varie attività e produzioni umane (l'arte, la religione, il pensiero mitico, la scienza) sono interpretabili come diversi modi di esercitare l'attività simbolica. Il simbolo cioè ha un carattere proteiforme che gli consente di poter essere assunto come il centro sistematico di convergenza di tutte le discipline e attività umane.
Il nostro pensatore, inoltre, analizza quelle fasi che sembrano caratterizzare ogni forma simbolica la quale passa da un'iniziale momento mimico ad un momento più astratto di tipo analogico, per pervenire, infine, ad un momento puramente simbolico, dove il legame che unisce il segno sensibile ed il significato si presenta in termini di arbitrarietà e pura convenzionalità. (Si notino le analogie con Saussure anche se Cassirer, pare, sia pervenuto autonomamente a tali conclusioni).
Traendo alcune provvisorie conclusioni da quanto fin ora detto, possiamo dire che la forma simbolica ha una sorta di funzione costitutiva nei confronti della realtà e dei suoi vari livelli ma, naturalmente, è una "realtà kantiana" dove non sono possibili incursioni in direzione di una cosa in sè che rimane insondabile proprio perchè al di là di qualsiasi attività di simbolizzazione.
Va, inoltre, notato, proprio per esplicitare quanto detto, che qualsiasi elemento della realtà può essere investito di significati e valori simbolicamente diversi divenendo, pertanto, la componente di un "cosmo". Un cerchio, ad esempio, può avere il valore di un simbolo magico o quello più "neutro" di una figura geometrica, o essere un elemento ornamentale, all'interno di un'operazione artistica. Tutto ciò ci ricorda come non esista la possibiità di una percezione "ingenua" della realtà, in quanto, ogni singolo elemento è oggetto di una percezione simbolicamente ipotecata.
Se ora passiamo ad esaminare la questione principale del nostro discorso dobbiamo evidenziare come per Cassirer, il linguaggio sia la "forma simbolica" per eccellenza e come esso non possa essere "ridotto", come vorrebbero certe correnti di pensiero, a considerazioni puramente logiche nè essere visto all'interno di una prospettiva che definiamo crociana e che lo assimilerebbe alla produzione estetica. Crocianamente, infatti, vale l'identità tra "intuizione" ed "espressione" ed il filosofo di Pescasseroli amava ricordare come, chi asserisse di avere un ricchissimo mondo interiore senza riuscire a trovare le parole per esprimerlo, avrebbe di fatto negato proprio quel mondo interiore che diceva di possedere.
Nella misura in cui l'uomo è "animale simbolico" che quasi "irradia" forme tra le quali il linguaggio è quella privilegiata, viene contestata in modo esplicito qualsiasi prospettiva positivistica che si limita a considerare il linguaggio nella sua "datità" senza coglierlo nella sua radice generativa.
Dalla prospettiva del Cassirer nasce, inoltre, un'altra significativa conseguenza consistente nella illegittimità di studiare i fenomeni linguistici separatamente perchè essi, piuttosto, mostrano la loro funzione più vera se vengono collocati in una sorta di "sfondo" che è la funzione simbolica del in quanto tale e vista nella sua complessità.
Naturalmente il "fondamento simbolico" del linguaggio non può non avere una natura intimamente dinamica ed è possibile individuare fasi e momenti attraverso cui la funzione simbolica del linguaggio diventa sempre più libera facendo sì che tale "libertà" sia l'elemento necessario e quasi fondativo della possibilità di un affinamento e una "purificazione" interni.
Nelle manifestazioni più prime del linguaggio la funzione simbolica, evidentemente, è di tipo mimetico in quanto una sorta di lingua quasi ancora non nata aderisce alle pieghe della realtà sensibile tentando di riprodurla attraverso l'imitazione. Questa prima fase prende, secondo la terminologia del Cassirer, il nome di "espressione sensibile". In un secondo momento, distaccandosi dal molteplice sensibile e cominciando ad organizzare un mondo all'interno del quale prendono forma gli oggetti, le proprietà degli oggetti e le singole azioni, il linguaggio si dota della funzione detta della "espressione intuitiva" e, parallelamente al costituirsi degli oggetti, comincia a costituire l'"io". La fase più alta, però, si realizza quando la funzione simbolica del linguaggio prende la forma della "espressione del pensiero", svincolandosi il più possibile dal sensibile e sviluppandosi secondo la libertà dell'astrazione. Nonostante tali procedure astrattive, però, il linguaggio ordinario mai totalmente si libera dal riferimento al sensibile e prende la veste pertanto di un semplice "presentimento" del concetto logico.
Con un pò di buona volontà si possono trovare significative analogie tra quanto fin ora detto e le dinamiche che determinano il sorgere delle prime "figure" nella Fenomenologia dello Spirito di Hegel. Si ricorderà, infatti, che la "coscienza" si presentava originariamente come fusa con la sensibilità (la coscienza sensibile) e come inestricabilmente e immediatamente legata al proprio oggetto in una sorta di coincidenza tra il senziente ed il sentito. Se la coscienza sensibile era fusa col sentito, però, era anche oscuramente coscienza e, proprio perchè tale, non poteva non vivere il sentito come legato al "qui" e all’ "ora" e una prima incerta consapevolezza del mutare degli scenari sensibili faceva sì che inevitabilmente la coscienza si districasse dal suo oggetto cominciando a costituire tanto se stessa quanto, appunto, l'oggetto. Nella prospettiva di Cassirer, però, il vero attore di tale dialettica non è più la coscienza (perchè tale operazione rischierebbe di considerarla astrattamente) bensì il linguaggio come prodotto già virtualmente iscritto nella natura dell'uomo in quanto animale simbolico.
Un altro elemento che vale la pena di sottolineare è individuabile nel rapporto di continuità che esiste tra le varie forme di comunicazione e di fondazione del senso del mondo, tutte intese come "linguaggi". Se il linguaggio, infatti, è una delle forme simboliche possibili cade ogni rigida barriera tra un linguaggio e l'altro e i linguaggi simbolici nel senso astratto del termine (quelli della matematica e della logica), pur nella loro autonomia, devono poter essere indagati nel loro rapporto con i linguaggi ordinari perchè questi costituiscono il presupposto di quelli.

Dal Tractatus alle Ricerche, un significativo cambiamento di prospettiva nel pensiero di Wittgenstein
Un panorama che voglia essere esauriente e che prende ad oggetto la riflessione più viva e contemporanea sul linguaggio non può certo prescindere dal contributo dato da Wittgenstein nelle sue "Ricerche filosofiche", tenendo presente che, dato il significativo cambiamento di prospettiva nei confronti del Tractatus, si è soliti parlare del II Wittgeinstein.
Tale cambiamento di prospettiva avviene perchè l'autore si rende conto del carattere restrittivo delle concezioni contenute nel Tractatus le quali sembrano operare una indebita violenza nei confronti del linguaggio ordinario che ora viene colto in tutta la sua polifunzionalità perchè l'oggetto delle Ricerche non è più la presunta "essenza" del linguaggio considerato in una sua costituenda purezza, bensì è la concretezza della pratica linguistica nelle multiformi sfaccettature del suo uso quotidiano, tutto ciò non poteva avere le sue ricadute anche sul piano delle scelte espressive. Non siamo più, infatti, di fronte ad un "sistema" circolare di aforismi dove ogni singola affermazione è coglibile nel suo valore solo se rapportata a tutte le altre, ma siamo di fronte ad una scrittura che, volendo essere consona al proprio oggetto, si è fatta discorsiva, si è riempita di metafore, e vuole essere maieutica nella misura in cui intende spingere il lettore a produrre le sue autonome considerazioni. Tale "maieutica" viene ulteriormente suggerita dal fatto che l'autore procede nella sua esposizione quasi volesse fotografare se stesso nella sua posa di "esploratore" del linguaggio.
Nella misura in cui l'oggetto della trattazione è il linguaggio ordinario cade, evidentemente, la concezione "pittografica" che caratterizzava il Tractatus e la pittograficità non è più vista nè come la radice prima che sta al fondo del linguaggio, nè come una sorta di ideale regolativo che dovrebbe avere una valenza normativa nella misura in cui si verrebbero a determinare le corrette leggi che il linguaggio deve osservare e tutto ciò che a tali leggi non è conforme. Il linguaggio, evidentemente, non è più inteso logisticamente come espressione di un bisogno di un'organizzazione razionale e formalmente ineccepibile del mondo, ma viene considerato in una prospettiva "pragmatistica" in quanto i comportamenti linguistici rimandano alle situazioni sociali nelle quali si opera e che, quasi premendo sul linguaggio stesso, ne condizionano le regole interne. In questa ottica, il linguaggio risulta intrinsecamente e costitutivamente plurale e l'unica prospettiva unitaria che è possibile mantenere è quella che lo considera come un insieme dei possibili "giochi di lingua". Ogni singolo sprachspiel va considerato come una sorta di piccolo mondo autosufficiente dotato di regole interne.
Il concetto di sprachspiel, però, richiede un approfondimento teorico e va precisato che il cosiddetto significato non è più (quasi ontologicamente diremmo) collocato fuori dal linguaggio ma è tutto interno al modo in cui la lingua "gioca" in questo o quell'altro sprachspiel. Il significato cioè è dentro la "grammatica" di ogni singolo sprachspiel ed esso si lascia cogliere solo attraverso il suo uso sciogliendosi totalmente in esso senza lasciare residui. Molteplici, infatti, sono le possibili funzioni del linguaggio ed esso serve alle operazioni più svariate come il domandare, il pregare, il comandare, etc. Quella che potremmo definire funzione referenziale e che rimanda al linguaggio inteso essenzialmente come ostensività è soltanto una funzione di uno dei possibili giochi linguistici e ancora una volta notiamo l'esigenza di teorizzare una non frattura tra linguaggi scientifici e ordinari. I linguaggi scientifici, anzi, altro non sono che "giochi di lingua" con regole più ferree e formalizzate ma non possono certo pretendere di presentare se stessi come parametri e modelli ideali. La "riduzione" dei linguaggi ordinari a linguaggi formalizzati e scientifici significherebbe un impoverimento delle potenzialità del linguaggio e pertanto un impoverimento dello stesso uomo.
Il termine "gioco" deve essere preso quasi alla lettera perchè così come un qualsiasi gioco da noi praticato viene veramente compreso soltanto nel momento dell'applicazione pratica, analogamente apprendiamo le regole di un gioco linguistico solo giocando e non certo attraverso una riflessione ed un'analisi teorica consumata a priori. Un ulteriore elemento di approfondimento teorico viene fuori se consideriamo che ogni singolo sprachspiel, proponendo se stesso propone tanto il metodo della sua stessa comprensione quanto un modo di rapportarsi al mondo. Ogni "gioco di lingua", cioè, è una sorta di sonda lanciata verso un mondo possibile o, per meglio dire, verso un modo di organizzare un "orizzonte di senso" all'interno del quale agire. Per dirla con la terminologia delle ricerche filosofiche, tanti sono i "giochi di lingua", "tante sono le forme di vita" e ogni linguaggio nasce da un insieme di bisogni sociali che si vengono a costituire ma, poi, dialetticamente, conferisce a tali bisogni un nuovo spessore e li costituisce in un mondo virtualmente autonomo.
Se si è veramente compresa tale prospettiva Wittgensteiniana, se la poniamo nella sua operatività e se consideriamo che immaginare ipoteticamente un nuovo gioco di lingue significa, ipso facto, immaginare un nuovo modo di essere dell'uomo comprendiamo che ogni singolo "sprachspiel"ci colloca all'interno di un "orizzonte di senso". Così, se ipotizzassimo uno sprachspiel dove sarebbe possibile rispondere a qualsiasi domanda soltanto con un "sì" o con un "no", avremo di fatto ipotizzato un diverso modo di essere del nostro essere. A questo punto diventa agevole constatare il rapporto che si viene a costituire tra il linguaggio e la esistenzialità, non certo in una prospettiva heideggeriana che distinguendo esistenza autentica e inautentica si sforza di individuare linguaggi originari propri dell'essere dell'esserci e linguaggi banalizzanti dell'"equivoco" e della chiacchera, ma in una prospettiva nella quale l'esistenzialità è sempre considerata nella sua concretezza quotidiana e qualunque sia la forma che essa assume.
Questo atteggiamento di apertura e tolleranza viene ulteriormente messo in evidenza se puntualizziamo come nella prospettiva di Wittgenstein, i giochi di lingua devono essere semplicemente descritti e mai normativizzati. Chi pretenderebbe, infatti, di giudicare la correttezza o meno di questa o quell'altra regola mostrerebbe di non avere compreso cosa veramente sia uno sprachspiel il quale è sempre parametro di sè stesso e non accetta intrusioni e "normatività" esterne.
Assumendo all'interno degli sprachspiele la dimensione pragmatico - sociale, Wittgeinstein non può non assumere anche la dimensione storica ed asserire che i giochi di lingua, portatori di vita e viventi essi stessi, nascono, crescono e muoiono. Una filosofia, una prospettiva estetica, una teoria più o meno scientifica, in quest'ottica, sono dei modi in cui la lingua ha giocato e quando esso ha toccato il punto finale e discensivo della sua parabola si presenta come un "reperto" che, divenendo oggetto di analisi ermeneutica, può quasi vivere una seconda vita se è capace di spingerci, nei nostri sforzi interpretativi, a determinare un nuovo modo di giocare del linguaggio. Per inciso, possiamo notare come la prospettiva Wittgensteiniana bene si leghi a quella ermeneutica che è innervata delle necessarie riflessioni sul linguaggio e che prenderemo in esame servendoci dell'analisi delle proposte di Gadamer.
Prima di inoltrarci in un ulteriore approfondimento della questione è doveroso ricordare che il II Wittgenstein dà l'incipit a quella filosofia analitica tipica dei paesi di lingua inglese e che si dedicherà sistematicamente all'analisi delle molteplici manifestazioni del linguaggio intese tutte come mondi autonomi.
La comprensione della proposta complessiva del nostro autore emerge ancora meglio nella sua radicalità se problematizziamo il concetto di "lebensform", inquadrando la "logica" che sembra presiedere alla nascita, alla evoluzione e alla morte, dei singoli sprachspiele. Quando si dice che ogni "gioco di lingua" è imparentato con una lebensform bisogna cogliere la natura dialettica di tale rapporto. Ogni singolo gioco, cioè, nasce dalla "pressione" di necessità pratiche storicamente e culturalmente determinate e che, nel momento del loro presentarsi, si trovano, diciamo così, in una fase ancora magmatica e non ancora organizzata. E' il formarsi di questo o di quell'altro particolare linguaggio che struttura tali pressioni dando loro la forma di un "mondo" ed organizzandola nel segno della sistematicità. L'uomo costituisce se stesso ed il suo mondo proprio producendo tali "giochi" le cui regole interne crescono su se stesse senza che se ne abbia una preventiva coscienza e senza che si operi con una chiara progettualità. I giochi di lingua, pertanto, sembrano essere i veri soggetti e l'uomo che li esercita ne risulta profondamente condizionato. Non è possibile pertanto prevedere a priori l'evoluzione o la morte di questo o quell'altro sprachspiel ed il momento della riflessione cosciente nei confronti di un gioco di lingua che ha esaurito la sua funzione può avvenire solo a posteriori. Anche se ogni singolo "gioco di lingua", nascendo da istanze pratiche precise, è fondativo di un mondo, tuttavia tali "mondi" non possono essere considerati quasi come delle entità conchiuse in se stesse e assolutamente incomunicabili. Esiste, infatti, una sorta di denominatore comune che li lega ma, per usare una terminologia oggi di moda, esso non ha i caratteri "forti" di un qualcosa che istituisca un rapporto formalizzato ma si presenta in termini "deboli". Wittgenstein usava a tale proposito una metafora e sottolineava come esistesse un rapporto di parentela tra i singoli sprachspiele. I vari giochi di lingua, cioè, pur nella loro autonomia, mostrano delle affinità e dei tratti comuni che, raggiungendo una certa soglia, li compongono in "famiglie".
Intendendo il linguaggio come la totalità dei "giochi di lingua", inoltre, va sottolineato che esso nasce e si sviluppa, ci sia lecito l'ossimoro, attraverso una logica "caoticamente ordinata" . Per esprimere tale modalità di evoluzione, Wittgenstein era solito ricorrere alla metafora della città. Così come una città urbanisticamente si sviluppa mettendo insieme quartieri che hanno origini diverse e diverse identità e vocazioni, analogamente il linguaggio vede sorgere "giochi di lingua" che non facevano parte di un "aprioristico piano regolatore" ma che, tuttavia, trovando quartieri preesistenti, non potevano non rispettarne le presenze rimanendone condizionati e avendo di fronte a sè questa o quell'altra possibilità di sviluppo. E' normale, pertanto, che chi osservi tale evoluzione in questa o quell'altra sua fase si trovi di fronte ad un disordine che, però, quanto più lo si osserva da vicino e nella specificità della funzione di ogni suo singolo elemento intero, tanto più appare ispirato e motivato da una logica che trae alimento dalle lebensform via via rintracciate.
Nel corpo della trattazione si è fatto riferimento a quella filosofia analitica che si origina dall’opera del II Wittgenstein ed è ora giunto il momento di analizzarne nelle linee generali l'identità e le ragion d'essere. All'interno di tale scuola filosofica, infatti, la filosofia ha un suo motivo di esistere nella misura in cui si presenta non come elaborazione di una concezione del mondo, bensì come attività e, specificatamente, attività terapeutica. La filosofia, cioè, è terapia interna ai singoli giochi di lingua perchè l'analisi porta a compiuta coscienza le regole che si erano sviluppate precedentemente e individua indebiti momenti di sovrapposizione tra questo o quell'altro sprachspiel. Si è già detto che le regole interne ai giochi di lingua non sono mai nè vere nè false (tale questione infatti sarebbe senza senso) ma che vanno considerate nella loro teticità e rispettate nelle autonomie del loro sviluppo. Diverso, però, è il caso in cui i singoli sprachspiel si sovrappongono, facendo sì che ci si serva inavvertitamente di regole che appartengono ad un gioco diverso da quello iniziale. In tal caso il linguaggio si "avvita su se stesso" ma è proprio in tale occasione che deve intervenire la funzione terapeutica della filosofia.
Quanto appena detto mostra quale sia il sottile filo rosso che lega il I ed il II Wittginstein perché, pur nella diversità delle prospettive, la filosofia ha la sua ragion d'essere in quanto riflessione che individua e risolve i falsi problemi, dissolvendoli mediante l'analisi. Tutto ciò ci permette di impostare un aspetto del complesso rapporto che lega linguaggio e metafisica i cui falsi problemi, nell'ottica di Wittgenstein, nascono quando "il linguaggio fa vacanza" ovvero sia quando la metafisica "parla" una lingua non organicamente inserita in uno sprachspiel e non sistematicamente innervata ad una lebensform. Ciò, a ben guardare, non significa una condanna netta e irrevocabile della metafisica come quella che è possibile intravedere tra le pagine del Tractatus. Va sempre tenuto presente, infatti, che le concezioni linguistiche delle ricerche filosofiche nascono e sono ispirate da un "principio di tolleranza" che concede cittadinanza anche alle istanze della Metafisica che,però, risulta senza "identità" qualora non sia fondativa di un "gioco di lingua" che trae alimento da un sistema di istanze etico- pratiche.

Linguaggio ed ermeneutica: Gadamer
La filosofia di Gadamer si presenta come una rivisitazione potentemente originale dei problemi tradizionali e che apre una prospettiva nuova e totalizzante. La riflessione sulla natura e sulle funzioni del linguaggio, infatti, si intreccia con una nuova disciplina, l'ermeneutica, che si presenta come una teoria dell'interpretazione.
Il termine "interpretazione" ha una valenza tecnica che chiede di essere esplicitata per evitare concezioni fuorvianti o riduttive. L'interpretazione, infatti, nasce nel segno della consapevolezza della sua provvisorietà e della necessità di un indefinito affinamento interno. Nell'uso quotidiano del termine è facilmente percepibile l'elemento soggettivo che caratterizza tale pratica e tale elemento ha le caratteristiche della inesorcizzabilità ma, tuttavia, deve essere regolato e sottratto alla possibilità dell'arbitrio gratuito. Chi sa di interpretare un testo, infatti, sa anche che, verosimilmente, sta proiettando su esso qualcosa di squisitamente personale ma sa anche che a questo rischio è impossibile sfuggire. Colui che fa pratica di ermeneutica, pertanto, vorrà dare una qualche fondatezza alla sua interpretazione e tale fondatezza sarà possibile solo se saprà impostare il rapporto col testo in termini dotati di una correttezza tutta da definire e da impostare.
Le problematiche che stiamo prendendo ad oggetto possono essere adeguatamente focalizzate se insistiamo sulle origini storiche dell'ermeneutica per cogliere come tale attività filosofica abbia alle sue spalle una consolidata tradizione che l'ha resa estremamente smaliziata e circospetta. Come è noto, le origini dell'ermeneutica vanno ricercate in un problema storicamente determinato che è quello di dare la corretta interpretazione dei testi sacri cogliendone il senso. I primi pensatori cristiani, infatti, si trovarono di fronte ad un problema caratterizzato intrinsecamente da un duplice aspetto. Da una parte si trattava di restituire il testo sacro a se stesso nella convinzione che esso parlasse non ad una singola sensibilità ma alla umanità tutta ma, dall'altra, si trattava di non fossilizzare il testo inchiodandolo una volta e per tutte al suo significato letterale. Si trattava, cioè, di cogliere "il senso" del testo e questo, pur connesso ad un significato che andava restituito a se stesso mediante l'analisi filologica, necessariamente lo trascendeva pur senza negarlo. Come è noto, la Chiesa cattolica e soprattutto quella post tridentina rivendicò a se stessa il ruolo di unica interprete autorizzata ed il senso dei testi sacri si arricchì e si ispessì grazie alle sedimentate interpretazioni garantite dalla autorità delle istituzioni e dalla continuità della tradizione. Un altro atteggiamento, invece, si affermò nei Paesi che avevano sposato la riforma protestante in quanto il luterano principio del libero esame poneva il credente davanti al testo mettendolo in una condizione di "nudità esistenziale". Non c'è da meravigliarsi pertanto se una più smaliziata e sofferta tradizione ermeneutica si sia affermata (ma il fenomeno non va assolutizzato) prevalentemente nei Paesi di tradizione protestante.
Per penetrare lo "specifico" dell'ermeneutica, però, è bene problematizzare il concetto di "testo" cogliendone il significato mediante un Wittgensteniano riferimento all'uso che di questo termine si fa. Tale significato viene a galla se si tiene presente che, appunto, il testo "fa testo". Il termine, infatti, rimanda ad un'operazione di testimonianza che va riconosciuta nella sua oggettività ed originarietà. La parola "testo", però, ha anche una parentela con il "tessere", ovvero sia con l'operazione dello intrecciare e sovrapporre una pluralità di "fili". Il "testo", pertanto, si presenta come un prodotto complesso dove operano e interagiscono più piani significanti.
Per penetrare le problematiche della ermeneutica, però, è necessaria una considerazione senza la quale qualsiasi riflessione nascerebbe priva di autentica prospettiva. Il testo ha una sua autonomia e, pur essendo indubbiamente prodotto da un autore, si distacca da questi e può essere considerato come dotato di vita propria. Ciò non significa, naturalmente, che sia lecito proiettare nel testo qualsiasi capriccio del lettore (ogni proiezione dovrà infatti agganciarsi ad elementi presenti nel testo proprio perchè "il testo fa testo"), ma sicuramente non ha molto senso chiedersi se l'autore avesse o no piena coscienza dei possibili significati e sensi delle parole da lui usate. Esistono, infatti, condizionamenti che operano sull'autore e, ci sia lecita l'espressione, dei quali l'autore è interprete. Il testo, infatti, è storicamente determinato ma, soprattutto, viene sentito e concepito attraverso un linguaggio e magari si inserisce nella logica di questo o quell'altro gioco di lingua "respirando" istanze, necessità e valori presenti nella tradizione e cultura di appartenenza. Sono proprio tali considerazioni a far si che, per "correttezza ermeneutica", il testo vada considerato come un "mondo" che, staccatosi dall'autore, vive di vita propria e si consegna alla posterità.
Tale consapevolezza teorica è lucidamente presente nell'opera di un pensatore che viene universalmente riconosciuto come il padre della ermeneutica moderna ovvero sia il filosofo tedesco Schleiermacher che operò in epoca romantica. Il nostro filosofo, infatti, aveva formulato il principio per il quale "il lettore ne sa più dell'autore stesso" e tale affermazione riceveva fondatezza proprio in virtù di considerazioni analoghe a quelle precedentemente proposte. Schleiermacher, inoltre, fu il primo a parlare di "circolo ermeneutico" intendendo con tale espressione tanto il rapporto di "dialogicità circolare" che si viene ad impostare fra il testo e l'interpretante tanto il rapporto altrettanto circolare che vive all'interno del testo e che lega la parte alla totalità. Il testo, infatti, va inteso come una totalità che trascende le sue singole componenti e tale totalità, essendo qualcosa in più di una semplice somma di parti, non è un "dato" ma tuttavia conferisce senso a quelle parti che risultano isolabili e "date" e, pertanto, è un dato nella misura in cui si dà, dove il suo darsi è, appunto, questa capacità di conferire senso. E' proprio questo rapporto fra parte e totalità che conferisce "vita" al testo il quale sembra essere in condizioni di crescere su sè stesso sollecitando "interpretazioni" che quasi risultano iscritte in se stesso. Così concepita, l'ermeneutica è una pratica filosofica che vive nella, della e per la "distanza" tra testo ed interpretante, dove il testo è tanto il luogo quanto l'oggetto e lo scopo dello sforzo continuo dell'interpretazione.
All'inizio del presente discorso si è fatto riferimento a come, grazie a Gadamer, si apra una prospettiva filosofica nuova e che sembra capace di risemantizzare un pò tutta la tradizione della filosofia. Per Gadamer, infatti, l'ermeneutica coincide virtualmente con l'ontologia e di essa, di fatto, tende a prendere il posto. Una tale affermazione, evidentemente, sembra essere scandalosa e paradossale e può apparirci totalmente gratuita se non si chiariscono le premesse della prospettiva proposta. A tale scopo è opportuno precisare che, per Gadamer, l'Essere dell'ontologia tradizionale non è un'entità" che possa essere colta se la immaginiamo al di là del linguaggio ma è sempre, heideggerianamente, "dentro" il linguaggio. L'Essere, infatti, è ciò che viene continuamente posto attraverso gli svariati approcci che lo hanno storicamente tematizzato e tali approcci si sono sempre tradotti in un linguaggio o, meglio, hanno sempre prodotto un linguaggio. L'unico "Essere" del quale ha senso parlare, pertanto, altro non è che il rapporto tra tali linguaggi ma, poichè è quasi fondativo di essi, oltre ad essere il rapporto tra i linguaggi suddetti è IN rapporto con essi, quasi presentandosi come l'entità trascendentale che li ha ispirati. In questa prospettiva la scandalosità dell'affermazione iniziale tende ad attenuarsi soprattutto se consideriamo che i linguaggi attraverso cui l'Essere si è detto (necessariamente in rapporto tra di loro e tra di loro intrecciantisi) costituiscono un testo. L'unico testo degno di essere letto dalla filosofia, cioè, è dato dal continuo rimando dei linguaggi che hanno tematizzato il mondo e su di essi va esercitato, in una prospettiva di continua risemantizzazione che ad un tempo resti fedele al testo ma anche lo trascenda, lo sforzo ermeneutico.
Quanto fin ora detto ci riporta ad una considerazione che si è più volte presentata lungo il corso della nostra trattazione e che abbiamo messo in primissimo piano quando, analizzando le 900sche considerazioni sul linguaggio e soprattutto quelle più recenti, abbiamo parlato di "svolta linguistica". Nella prospettiva Gadameriana, infatti, il linguaggio si presenta come vero soggetto assumendo quasi una posizione demiurgica e "deponendo" ai suoi lati tanto l'"Essere" quanto l'"interpretante". Anzi, per essere più precisi, potremmo quasi dire che il linguaggio è il vero soggetto, proprio perchè, diremmo idealisticamente, continuamente pone se stesso proprio ponendo la "distanza" tra l'essere e l'interpretante. E' come se, attraverso le continue e necessarie pratiche ermeneutiche, il linguaggio facesse esperienza di se stesso esplorando potenzialità nascoste e ponendone in essere di nuove.
Non è difficile cogliere in questa posizione una eco heideggeriana e vale la pena di ricordare che per il filosofo citato il linguaggio è la "casa" dell'essere proprio perchè esso è colui che veramente parla. Naturalmente in tale prospettiva si impone una diversa concezione della "verità" perchè tale concetto, intrinsecamente dinamico e figlio dello sforzo ermeneutico, non rimanda più a coincidenze e sovrapponibilità tra l'essere ed il pensiero di aristotelica memoria nè può identificarsi con il concetto operativo delle scienze empiriche legato alla datità fattuale. Si tratta, piuttosto, di un concetto di verità imparentato (ma ci sono significative differenze) con quello di derivazione hegeliana in quanto la verità si presenta come processualità ed indefinito superamento che, nella prospettiva delineata, è superamento di interpretazioni che, lungo il percorso, hanno assunto lo status di un "testo". Il riferimento ad Hegel si impone anche per un altro ordine di motivi in quanto, poichè l'ermeneutica prende ad oggetto l'Essere che si è storicamente oggettivato in questo o in quell'altro linguaggio, diviene naturale un paragone con quella Fenomenologia dello Spirito dove il filosofo di Stoccarda prendeva ad oggetto le varie forme di autocoscienza che lo spirito aveva prodotto e che si erano manifestate nelle grosse opzioni culturali succedutesi nel tempo. Le differenze fra Gadamer ed Hegel, naturalmente, vanno cercate nella diversità delle concezioni relative alla dialettica della storia della cultura ed è necessario fare riferimento allo status che Gadamer attribuisce alla dialettica e al rapporto tra "verità" e metodo" (non a caso la maggiore opera gadameriana ha come titolo, appunto, "Verità e Metodo"). Ciò che Gadamer rimprovera alla dialettica hegeliana è, appunto, il fatto che essa si presenta come una concezione che ha la pretesa di "chiudere" la "totalità" presentandosi, pertanto, come verità. In Hegel, cioè, la dialettica è talmente metodo da essere di per sè verità ma a tale concezione Gadamer oppone una dialettica "aperta" e che va intesa come il continuo sforzo di definire il corretto modo del nostro esperire interpretante. Un metodo che pretendesse di essere di per sè verità, appare al nostro autore come il necessario punto di arrivo di una presunzione del Soggetto, di una esaltazione della soggettività umana che si è inaugurata con Cartesio che è passata attraverso Kant ed è giunta fino ad Hegel (vale la pena di ricordare che una simile concezione, relativamente al percorso storico della filosofia moderna, è rintracciabile anche in Heidegger). Non diversamente da questo ultimo filosofo, Gadamer considera la verità come inconciliabile col metodo in quanto la verità è un evento, una "manifestazione" dell'essere stesso, l'annunzio di una nuova totalità di senso in quanto viene fondata una nuova relazione col "mondo". E' una verità che rimanda in modo sufficientemente esplicito all'heideggeriano disvelamento di ciò che prima era nascosto. La dialettica che si viene ad instaurare tra il testo e l'interpretante (e tra gli interpretanti medesimi) è una dialettica di tipo socratico in quanto autenticamente dialogica e maieutica e ciò spiega l'interesse continuo del nostro autore verso quei dialoghi platonici la cui aporeticità è il segno del tentativo indefinito di individuare e costruire il senso del mondo.
Nella misura in cui l'ermeneutica è la proposta di una consapevolezza filosofica che deve investire della sua luce critica ogni esperienza umana, diviene lecito, se non doveroso, fare un riferimento molto veloce ai tormenti della epistemologia contemporanea la quale, nelle sue forme più smaliziate, ha ormai acquisito come una teoria scientifica sia da concepire come una proposta di interpretazione che, a sua volta, dopo essere stata "compresa", deve essere "interpretata". Tali consapevolezze della epistemologia contemporanea vengono prodotte autonomamente e non vanno certo considerate come il risultato di una sollecitazione gadameriana ma è il caso di sottolineare come, da più discipline umane, emerga la consapevolezza di come l’ermeneutica assuma una sua centrale ed inesorcizzabile funzione. All'interno di queste precisazioni dobbiamo notare, pertanto, come le concezioni di Gadamer e l'ermeneutica, in quanto proposta di una nuova forma mentis, abbiano virtualmente una portata generale potendo interessare qualsiasi attività conoscitiva.
Le cosiddette "scienze della natura", pertanto, non risultano più troppo rigidamente distinte dalle "scienze dello spirito" e, pur mantenendo in questi ambiti un loro specifico, la distanza metodologica tra esse, tende ad attenuarsi.
Fatte queste doverose precisazioni, però, va sottolineato come il concetto di verità gadamerianamente inteso e teorizzato come annuncio di una nuova totalità di senso non risulta certo spendibile per le scienze empiriche le quali sono pur sempre legate ad un'operatività vincolata alla empiricità fattuale e ad una progettualità verificabile in tempi "ravvicinati". La verità in quanto "evento", pertanto, è un concetto che trova la sua vera applicazione relativamente alle cosiddette scienze dello spirito e che si manifesta, innanzitutto, nella storia e nell'arte. La storia gadamerianamente intesa, naturalmente, non è una storia indagabile positivisticamente attraverso l'isolamento di una molteplicità di componenti che dovrebbero permettere una ricostruzione sostanzialmente meccanica e che non dovrebbe lasciare residui ma è una storia (ancora una volta si impone un riferimento ad Hegel) intesa come successione di visioni del mondo, come storia delle forme culturali da sottoporre all'eterna interrogazione ermeneutica. Non c'è nella storia, però, un "logos" che la ragione dialettica possa dominare nelle modalità strutturali del suo sviluppo in quanto la storia è una pluralità di "testi" che entrano in un rapporto di circolarità con l'interrogante. Ne consegue che non c'è un accesso privilegiato alla storia o un filo di Arianna oggettivo per inoltrarsi nella complessità storico- sociale e non ha senso, pertanto, decidere preventivamente cosa sia più o meno importante, analizzare e studiare. Chi interroga la storia, collocandosi nel non aggirabile circolo ermeneutico, deve essere disponibile a farsi modificare dall'interrogato, senza la presunzione tanto hegeliana quanto per certi versi marxiana che chi opera a posteriori si trovi in un rapporto di "superiorità dialettica".
Anche la concezione dell'arte risente delle impostazioni generali del nostro autore ed ogni interpretazione che la pensasse come semplice godimento o come affinamento di tecniche espressive sarebbe fatalmente riduttiva. L'arte, infatti, rivela nuovi mondi e nuovi orizzonti di senso e in quest'ottica è assimilabile allo spirito oggettivo di hegeliana memoria, (si ricorderà che per Hegel, invece, l'arte è una forma dello spirito assoluto). Gadamer, cioè, non tende a fare dell'arte tanto o solo un momento di autocoscienza dello spirito ma una sua manifestazione ed una testimonianza di questo o di quell'altro modo di impostare il rapporto col mondo.
E' giunto ora il momento di valorizzare più approfonditamente le proposte di Gadamer osservando più da vicino i principi ispiratori dell'attività ermeneutica e le sue procedure interne. La nostra operazione ci permetterà di dare maggiore valenza operativa a quanto precedentemente espresso in modo teorico e di saggiare più opportunamente l'attendibilità delle proposte del nostro filosofo. Chi fa pratica di ermeneutica deve sempre tenere presente che l'interpretante è storicamente determinato. Se si cerca di focalizzare più adeguatamente la storicità dell'interpretante, ancora una volta, bisogna fare riferimento al linguaggio. Riceviamo la storia, infatti, attraverso il linguaggio il quale, pertanto, non è soltanto uno strumento per operare ma l'habitat stesso dell'uomo. Ciò necessariamente comporta che ogni umano esperire è costitutivamente e radicalmente non solo "storico" ma, soprattutto, intersoggettivo dove la intersoggettività è garantita proprio dal linguaggio come ambiente. Poichè l'interpretante è storicità non può non essere portatore di una precomprensione di ogni possibile "testo". L'interpretante, cioè, è portatore di pregiudizi ma questi, lungi dall'essere un limite invalidante, sono funzionali all'interrogazione stessa. Una corretta pratica ermeneutica richiede la consapevolezza che il testo interrogato necessariamente opporrà una sua resistenza e ciò fa si che l'interpretante debba necessariamente interpretare se stesso proprio per portare avanti i suoi sforzi ermeneutici. L'interpretante, inoltre, non può non avere la consapevolezza di quanto gli sia necessario comprendere la necessità di interpretarsi e l'interpretante, inoltre, sa che le proprie proposte necessariamente prenderanno lo status di un testo. Gadamer sottolinea anche come i vari soggetti interpretanti, proprio perchè parlati da una storicità che si è manifestata attraverso il linguaggio, se tengono fermi i principi della ermeneutica, supereranno la condizione leibniziana di "monadi senza finestre" in quanto i loro "orizzonti" (la loro propensione e capacità di costruire sensi) tenderanno inevitabilmente a fondersi.
Fatte queste considerazioni, però, va sottolineato quello che possiamo considerare come una sorta di assunto pregiudiziale e fondativo della stesa ermeneutica. Come già ricordato, il testo ha una sua autonomia, ma la sua "vita" va oltre la sua identità apparente perchè fa parte del testo anche quella che Gadamer chiama "storia degli effetti". Le interpretazioni date ad un testo, cioè, scaturiscono in un qualche modo dal testo stesso ed in esso quasi si "somatizzano". Un analoga considerazione si può fare per gli avvenimenti storici, il cui vero senso è da determinare in quanto non è possibile inscatolare a priori quel loro potere di condizionamento che si attiva anche grazie allo sforzo ermeneutico.
Volendo riprendere il filo principale del nostro discorso e mettere in primo piano ciò che riguarda la concezione del linguaggio, potremmo dire che, attraverso la pratica ermeneutica e attraverso la "circolarità" tra il comprendere e l'interpretare (circolarità per la quale dobbiamo comprendere, cioè dare una sistemazione ordinante, le nostre interpretazioni e , complementarmente, interpretare le nostre comprensioni), il linguaggio fa esperienza di se stesso.
Quest'ultima affermazione può apparire pesantissima ed astratta ma, in realtà, si tratta di un'affermazione che bene individua la "natura", le funzioni ed il "destino" del linguaggio. Si prenda, ad esempio, la complessa costruzione della metafisica aristotelica e la si legga con un atteggiamento veramente critico e capace di evitare dogmatiche ipostatizzazioni. Se si pensa che il termine "sostanza" sia il nome di una "cosa" extra linguistica, si fa un'operazione necessariamente monca. Forse il quid che stabilizza la realtà è veramente, ed ha esistenza autonoma ma non è dato saperlo. Comprendere cosa la sostanza sia significa interpretare il termine e ciò fa sì che la parola "sostanza" sia l'espressione di una esigenza del pensiero il quale cerca di tenere fermo un Essere che gli preesiste e lo fonda. In quanto segno di un'esigenza del pensiero, il termine "sostanza" esprime la necessità di conciliare l'unità e la molteplicità, il permanere ed il divenire. Il significato della parola "sostanza" pertanto è dentro il termine stesso ma l'espressione di un'esigenza del pensiero, proprio perchè espressione, dota il pensiero di un nuovo strumento che gli permetterà di fare operazioni e di formulare interpretazioni che un attimo prima non erano possibili. Se il significato del termine sostanza è nelle istanze teoretiche che esso esprime, il suo senso, pur partendo dal significato, va oltre ed è da ricercare nella fattibilità delle operazioni future. Compreso il significato si produce un nuovo senso perchè le interpretazioni risvegliano nuove esigenze del pensiero che, a loro volta, possono spingerci a produrre un nuovo concetto affinando il nostro sforzo interpretativo. Tale nuovo concetto nella misura in cui è chiarito al suo interno e riceve un ordine razionale, risulta essere compreso e a tale punto si coglie bene la dialettica e la circolarità tra significato e senso e tra comprensione ed interpretazione. In conclusione possiamo notare come l'esempio appena proposto bene mostri, appunto, come attraverso la pratica ermeneutica il linguaggio fa esperienza di se stesso.

Con i filosofi francesi Lacan e Foucault, (ma il discorso potrebbe allargarsi agli altri due strutturalisti Althusser e Leivi Strauss) siamo di fronte a concezioni all'interno delle quali l'uomo sembra perdere ogni sua capacità di protagonismo e dove i veri "soggetti" sembrano essere anonime "strutture" che tutto governano e tutto condizionano. Come è noto la scuola francese di ispirazione strutturalista che si è affermata intorno agli anni '60 ha questo suo aspetto caratteristico e sono molti i pensatori che sembrano avere annunciato l'imminente "scomparsa dell'uomo" denunciandolo come un prodotto culturale transeunte e denunciando ogni umanismo come profondamente illusorio. Nell'economia del nostro discorso ci interessa sottolineare come questo "dileguarsi" dell'uomo sia ravvisabile mediante alcune considerazioni sulle funzioni del linguaggio e sulla sua onnipervasività.

Relativamente allo psicoanalista Lacan, va precisato che le sue teorizzazioni vengono presentate come una radicalizzazione delle posizioni freudiane portate alle loro conseguenze più estreme e restituite alla loro più profonda autenticità. Le teorizzazioni di Lacan, che possono apparire astruse e indecifrabili, risultano sufficientemente abbordabili se focalizziamo l'attenzione sui punti di riferimento culturali e filosofici del nostro pensatore il quale opera una sintesi tra le teorizzazioni freudiane e le concezioni del linguista ginevrino De Saussure e tutto ciò determina un approccio formalistico - strutturalista e matematizzante nei confronti dell'inconscio. Il rapporto con la psicoanalisi freudiana ma, anche, la sua radicalizzazione è coglibile se consideriamo come, per il padre della psicoanalisi, l'inconscio ha un linguaggio mentre per Lacan, per dirla in termini etsremamente sintetici, l'inconscio è addirittura il linguaggio, costituendone un prodotto derivato, quasi il deposito sul piano della psiche.
Approfondendo la nostra analisi possiamo affermare che l'applicazione delle teorie di De Saussure (ma anche alcuni significativi spunti di Jakobson) alla concezione dell'inconscio, determinano una sorta di "ontologizzazione del linguaggio" per la quale esso occupa una posizione estremamente centrale all'interno della cultura umana costituendone per certi versi il prodotto ma, per altri, il regista occulto. Recuperando la terminologia di De Saussure, Lacan concepisce l'inconscio come strutturato nei termini di un "sistema di significanti" i quali, però, sembrano essere eternamente privi del loro significato facendo sì che quella lingua che l'inconscio è sia sostanzialmente autoreferenziale. L'inconscio, pertanto, sarebbe una sorta di catena indefinita di "rimandi linguistici" e condannato ad una radicale alienazione perchè si tratta di una alienazione nei confronti di se stesso. Celebre è l'affermazione lacaniana che presenta l'uomo come un "parto settimino" e, pertanto, come costitutivamente difettivo di qualcosa che pur tuttavia gli appartiene e che abita dentro di lui. Volendo bene inquadrare da un punto di vista tecnico l'elemento centrale della riflessione lacaniana e servendoci della sua terminologia, possiamo dire che l'uomo si costituisce come tale con tutta la sua capacità di esprimersi ma, anche, con tutto il dramma di chi percepisce che ciò che più gli è autenticamente personale sembra, per sua natura e per come tale elemento personale si è generato, impossibilitato a venire a galla, quando il "linguaggio irrompe nella psiche" e tale "irruzione" determina un irreversibile salto di qualità. Prima dell'irruzione del linguaggio, l'individuo si muove nel regno dell'"immaginario", ovvero sia in una dimensione nella quale l'immaginazione senza parola regola la sua vita in termini tanto personali quanto incomunicabili. Grazie al linguaggio, però, si entra nell'ordine del "simbolico" e alla soggettività dell'immaginario desiderante si sostituisce l'oggettività sociale di tale nuovo ordine di realtà. Le funzioni biologico sessuali dell'individuo, i suoi bisogni e i suoi desideri più profondi si collocano ora sotto il dominio di quel linguaggio che sostituisce ciò che è agganciato alla biologicità della vita con simboli che tanto "dicono" quanto travisano le sue necessità primarie. E' come se l'individuo fosse spaccato in due dal linguaggio il quale presta se stesso come sistemi di segni e fornisce se stesso come strumento ma, nello stesso tempo, sembra necessariamente dover confinare nel regno del "non detto" tutte le pulsioni e i bisogni più autentici. Tale situazione nasce anche e soprattutto perchè, grazie al linguaggio, i desideri dell'individuo assumono la veste duplice del "bisogno" e della "domanda" e ci si può trovare in situazioni in cui ad una soddisfazione della domanda non corrisponde quella del bisogno, o viceversa. Un semplice esempio può facilmente chiarire tale situazione e potremmo notare come un bambino che chiede alla mamma della cioccolata che la mamma gli fornisce, se viene elargita meccanicamente, si limita a soddisfare la domanda senza soddisfare il bisogno. E' facile cogliere, pur nella semplicità di un esempio che potrebbe autorizzare interpretazioni riduttive, come il "significante" rappresentato dalla "cioccolata" rimanderebbe ad un significato che rischia di essere eternamente sfuggente.
Ritorniamo pertanto alle considerazioni iniziali e centrali e sottolineiamo, ancora una volta, come l'inconscio risulti posto in essere da una sorta di "precipitato del linguaggio" e come, pertanto, non possa che strutturarsi assumendo la forma di "un sistema di significanti" necessariamente difettivo della possibilità di agganciarsi ai veri significati. Tutto ciò, d'altra parte, avviene perchè il linguaggio è talmente il più sociale dei prodotti umani da quasi produrre l'uomo stesso tanto dandogli tanto alterandone l'identità. All'interno di quella socialità che il linguaggio è nasce e si sviluppa ciò che sentiamo come autenticamente più personale proprio perchè tale elemento personale non trova autentica espressione nel sociale mondo del socialmente dicibile. Il linguaggio, pertanto, pone in essere un inconscio che, essendo costitutivamente ciò che si colloca al di sotto di una sorta di linea di galleggiamento, appare come fatalmente destinato ad una repressione in quanto figlio di una repressione e tuttavia è sempre proteso verso la necessità di una sua impossibile espressione. Ciò spiega perchè quel particolare "linguaggio" che l'inconscio è debba necessariamente esprimersi in modo indiretto, facendo continuo ricorso a quelle metafore e a quelle metonimie (strettamente imparentate con i freudiani processi di condensazione e spostamento) che sembrano essere l'essenza stessa del linguaggio, in quanto il linguaggio pone costitutivamente in essere la capacità di dire "x" dicendo, contemporaneamente, un altro da "x" e tuttavia con "x" imparentato.
Per dirla in altri termini, l'inconscio lacanianamente concepito non può che strutturarsi come un sistema di figure retoriche proprio perchè la retoricità, la metaforicità, la metonimicità, sembrano essere il vero motore del linguaggio medesimo e, relativamente a tali teorizzazioni, è possibile cogliere nel pensiero lacaniano, la presenza delle concezioni di Jakobson. Proprio perchè l'inconscio nasce da ciò che nel linguaggio "precipita", esso si costituisce come un "altro discorso", anche perchè esso è figlio, per dirla con le stesse parole di Lacan, del "discorso dell'altro". Tale espressione, di per se sibillina, chiede che si specifichi chi sia "questo altro" che sembra parlare attraverso l'inconscio ma, a ben guardare, tale termine lacaniano non deve spiazzarci e non ci è totalmente estraneo perchè presenta tanto analogie quanto differenze con un concetto fondamentale della psicoanalisi freudiana. Stiamo parlando, evidentemente, di quel super io freudiano che è l'introiezione e la somatizzazione di istanze morali presenti nella società. Tuttavia, se il super io freudiano si presenta come un'istanza censoria, "l'altro" lacaniano non viene caratterizzato in base a tale valenza perchè è, piuttosto, una semplice "regola di selezione dei significanti", costituendo, anche, la dotazione sociale di tutte le possibilità espressive del soggetto. A ben guardare, l'"altro" lacaniano, sembra essere la trascrizione, su un piano diverso, della "langue" saussuriana e la vita cosciente non può che limitarsi a riprodurre bene, a dire bene (ed anche a bene-dire in un'ottica di sostanziale accettazione) il "discorso dell’altro" perchè, se si cerca il contenuto inconscio del paziente sottoposto a trattamento psicoanalitico, il terapeuta può soltanto sostituire un significante con un altro significante. Tale situazione ontologico/esistenziale non vuole, essere nella prospettiva di Lacan, soltanto un'astratta teorizzazione ma, anche, uno strumento per gettare una sinistra luce interpretativa sulla logica e sulle possibilità terapeutiche del trattamento psicoanalitico. Per il nostro autore, infatti, quando un paziente appare guarito in realtà sta fingendo una guarigione proprio per sfuggire alla terapia stessa e tale sua "fuga" sarebbe inconsciamente determinata dal fatto che il paziente avverte, nello stesso tempo, la "verità" di una pratica che lancia le sue sonde all'interno dell'inconscio quanto l'inutilità e l'impotenza della pratica medesima che sono tali in virtù della stessa struttura dell'inconscio. Il paziente inoltre finge la guarigione perchè la salute è peggiore della malattia essendo la "salute" nient'altro che la presa di coscienza della radicale infelicità e sofferenza della condizione umana.
Tenendo presente che il linguaggio iscrive nel soggetto anche l'inconscio psicoanaliticamente inteso, sottoponiamo ora ad analisi alcune significative applicazioni degli assunti di fondo del nostro autore prendendo ad oggetto tre paradossi generati dalla socialità della "langue" quando si incontra e si scontra con la individualità della "parole". Da tale situazione può nascere un rifiuto totale dell'ordine simbolico e questo rifiuto è ciò che comunemente si chiama "follia". La follia, cioè, nascerebbe da una profonda opposizione all'ordine simbolico del linguaggio e sarebbe espressione di un bisogno di creare un mondo assolutamente personale che, in quanto tale, richiede un linguaggio assolutamente personale.
Da ciò si ricava che quanto più il linguaggio sociale tende ad imporre coattivamente se stesso, tanto più cresce la possibilità della follia e quel Foucault che prenderemo in esame sottolinea, ne "La nascita della clinica", la matrice sociale della follia e come essa cominci ad essere considerata in modo diverso dalla società proprio quando si afferma la 600sca razionalità cartesiana con le sue strutture epistemiche.
Un'altra possibilità inerente all'incontro/scontro tra langue e parole è da rintracciarsi nel sintomo psicoanalitico. In questo caso l'individuo non è più nella posizione di rifiuto dell'ordine simbolico ma cerca di entrare in esso senza riuscire ad adeguarvisi. La "parole" cerca ma non trova nella "langue" il suo luogo naturale perchè le istanze individuali che la innervano avvertono come debbono realizzarsi in una dimensione sociale ma come tale realizzazione sia impossibile e mortifichi ciò che è più autenticamente "soggettivo". C'è infine una terza eventualità costituita da un "accordo" tra la " parole" e la "langue" che, però, è un falso accordo in quanto la "parole"occulta la sua mortificazione e passivamente si accoda alla rassicurante imperiosità della "langue". In tal caso si determina quella che potremmo definire come "la falsa libertà dell'ideologia scientista della modernità". Si tratta di una mistificazione ideologica che, come è noto, è determinata da una molteplicità di pensatori che la tematizzano da prospettive diverse e che consiste nel fatto che la cosiddetta scientificità si presenta come una conoscenza talmente oggettiva da essere autorizzata a richiedere l'adesione di ogni soggetto. La scienza diviene "ideologia dell'acquietamento", chiede sistematicamente all'individuo di occultare la propria situazione ontologica esistenziale, sembra essere in grado di produrre, in un futuro non troppo lontano, la risposta a qualsiasi domanda. In questo aspetto della filosofia di Lacan è possibile cogliere analogie col pensiero di un Heidegger o di un Nietzsche e, a tale proposito è opportuno fare riferimento al mondo impersonale del "si" e della chiacchiera, dove l'uomo heideggeriano dimentica la propria infondatezza esistenziale e, volutamente, si copre di false certezze. Come ben sappiamo l'uomo heideggeriano recupera la propria autenticità quando consuma la "decisione anticipatrice" cogliendo il proprio costitutivo essere - per- la- morte ed essendo capace, ci sia lecita un espressione che verosimilmente Heidegger avrebbe condiviso, di "abitare l'infondatezza". Nietzsche, da parte sua, avrebbe proposto di fare dell'infondatezza esistenziale il lievito stesso della volontà di potenza ma, sia per Lacan sia per Nietzsche che per Heidegger, l'autenticità esistenziale può essere recuperata solo grazie ad un atteggiamento di opposizione nei confronti della carica di impersonalità veicolata in modo tanto subdolo quanto coercitivo dal linguaggio.

Il colpo inferto da Foucault alla centralità dell'uomo e ad ogni possibile prospettiva umanistica passa attraverso una sorta di "aggressione" a quella dimensione storico-sociale vista da molte filosofie come luogo d'inveramento e di realizzazione dell'individuo. Nella prospettiva hegeliana o in quella marxista, pur nella diversità delle posizioni, la storia rappresentava il teatro dell'uomo anche se all'interno di esso non ci si poteva inserire se non attraverso opportune prese di coscienza e attraverso procedure strazianti e faticose. Nell'800 c'era stato chi (si pensi p.es. a Kierkegaard) si era opposto al primato della dimensione storico-sociale considerandola come il "luogo" in cui il "singolo" disperdeva se stesso e sistematicamente occultava la propria autenticità esistenziale. Il rifiuto di tale dimensione, però, era sempre avvenuto (fatta l'eccezione di Shopenhauer) in nome della dignità dell'individuo visto come assunzione più o meno radicale di responsabilità. Foucault, invece, distrugge la tradizionale immagine rassicurante della storia e, parallelamente. ipotizza scenari all'interno dei quali l'individuo perde ogni identità e capacità di protagonismo per divenire un epifenomeno e presentarsi, come già detto, nelle vesti di un appendice di impersonali strutture. La storia concepita da Foucault (intesa innanzitutto come storia della cultura e delle forme del sapere) si presenta in termini di discontinuità dove il nuovo non si inserisce nè armonicamente nè dialetticamente nel vecchio e dove tutto sembra procedere "a strappi". Una concezione analoga anche se operante su un piano diverso, è possibile ritrovarla nel pensiero di Kuhn il quale, prendendo ad oggetto la storia della scienza, la presentava come un succedersi di "paradigmi scientifici" che si presentavano all'interno di un discorso dove i paradigmi scientifici precedenti scomparivano senza lasciare nulla in eredità e venendo semplicemente accantonati. Nella storia concepita in termini Foucaultiani i veri protagonisti sono quelle "strutture epistemiche" che operano inconsciamente e pervadono della loro logica ogni campo del sapere.
Il concetto di "struttura epistemica" non è semplicissimo ma, tuttavia, può essere inteso come l'insieme dei rapporti esistiti e delle profonde analogie che hanno legato i vari campi della scienza, della conoscenza, delle attività e delle concezioni di intere comunità culturali. Foucault, cioè, nota che discipline scientifiche anche distanti tra loro nonchè campi del sapere non caratterizzati dalla formalizzazione tipica delle scienze, in una certa epoca storica, sembrano essere stati governati da un'unica logica comune che ha assunto lo status di vero "soggetto" e ha potentemente indirizzato e condizionato l'operato umano. Queste strutture epistemiche non stanno fra di loro in un rapporto di continuità e la loro funzione condizionante è risultata tanto forte da far sì che chi voglia ricostruire la storia dell'umanità non può che farlo rintracciando le suddette strutture, ricostruendo una sorta di "Archeologia del sapere" e riconoscendo ad esse un potere individuante e "informatore". Dal punto di vista di Foucault, cioè, diviene necessaria una diversa periodizzazione della storia e l'affermazione che asserisce che in un dato periodo è possibile rintracciare il protagonismo di questa o di quell'altra struttura epistemica andrebbe, piuttosto, invertito in quanto è proprio partendo dalle strutture epistemiche che diviene lecita l'opera di segmentazione della storia.
Un aspetto che è necessario sottolineare è quello per il quale il nostro autore rintraccia come e quando si affermi questa o quella "struttura epistemica" ma non si sente in grado di potere spiegare con certezza il "perchè" di tale affermarsi proprio in nome di quella discontinuità storica della quale si è detto e proprio perchè un criterio veramente fondato che permetta di dire che una struttura epistemica è migliore di un'altra non è possibile rintracciarlo. Foucault si limita a constatare come, abbastanza spesso, una struttura epistemica si afferma a partire da una particolare branca del sapere e ciò sta a significare che il linguaggio specifico di questa o di quell'altra disciplina assume un valore paradigmatico e viene fatto proprio, mutatis mutandis, anche dagli altri ambiti di conoscenze. Si pensi, ad esempio al linguaggio della semiologia che viene fatto proprio da quella biologia che pensa in termini di messaggi genetici, o si pensi ai paradigmi concettuali dell'evoluzionismo che, affermatisi in una prospettiva biologica, vengono, successivamente, adoperati anche da storici, psicologi e sociologi. Dopo questo breve excursus nelle teorizzazioni di Foucault, recuperando la prospettiva della nostra trattazione, dobbiamo sottolineare come le strutture epistemiche, una volta affermatesi, siano capaci di "informare di sè" i linguaggi dei vari campi del sapere. Le strutture epistemiche, cioè, condizionano potentemente le pratiche discorsive e l'uomo pensa subendo la logica interna di una pluralità di linguaggi che, a loro volta, sembrano essere "parlati" proprio dalla struttura epistemica.
Per esperire in un qualche modo la quota di verità presente nella posizione di Foucault, non possiamo che constatare quanto le sue concezioni siano capaci di gettare luce interpretativa sul percorso storico dell'umanità rintracciando in esso tre grossi momenti governati da tre diverse strutture epistemiche. Secondo il nostro pensatore, lungo un periodo storico che si è prolungato presso a poco fino a quel fenomeno che siamo soliti chiamare Rinascimento, ha operato la prima struttura epistemica governata dalla convinzione che le parole umane potessero fedelmente riprodurre le strutture e le entità presenti nella natura essendo in grado di "dire le cose" (non a caso il titolo dell'opera più significativa del nostro autore, programmaticamente suona come "Le parole e le cose"). Tale rapporto di sovrapponibilità tra le parole e le cose, in realtà ha una portata più vasta (anzi la più vasta possibile) e ciò può essere messo in luce se analizziamo quella che forse è la più sociale delle creazioni umane ovvero sia la moneta. Nel periodo preso in considerazione infatti la moneta ha un valore intrinseco determinato dalla nobiltà del metallo con cui è stata costruita. Il periodo storico che include i secoli XVII e XVIII è governato da una struttura epistemica caratterizzata dallo spezzarsi del rapporto di sovrapposizione tra le parole e le cose che fa si che la "cosa" non abbia vera realtà ma sia indizio di qualche cosa d'altro. All'interno di una siffatta logica opera, ad esempio quel Linneo che classifica le specie animali e vegetali non più cercando di "fare il ritratto" del vivente preso in considerazione ma rintracciando analogie e differenze tra specie animali e/o vegetali che possono essere molto distanti tra loro e che sarebbero in grado di individuare un qualcosa d'altro che costituisce il vero oggetto della ricerca. Parallelamente la moneta cessa di essere considerata per il suo valore intrinseco ed assume valore per ciò che in essa viene rappresentato essendo garantita dalla forza economica e dal potere politico del sovrano che l'ha coniata e che in essa si eterna. Con i secoli XVIII e XIX si apre una nuova fase storica dove i veri protagonisti non sono più nè le "cose" nè quelle entità delle quali le cose sarebbero indizi ma le strutture nascoste che danno senso agli elementi che sono in grado di "informare". Così non sono più centrali le parole ma i sistemi grammaticali e in biologia i viventi vengono classificati in base alle loro funzioni mentre il denaro, restituito a tutta la sua esplosiva centralità sociale, non è più l'unità di misura del valore perchè esso, marxianamente, si presenta come lavoro reificato ed il suo "valore" si "scioglie" nella totalità dei rapporti economici intesi come un insieme di funzioni ovvero sia come una struttura.
Nella prospettiva di Foucault, in conclusione, questi linguaggi trascendentali che le strutture epistemiche sono sembrano governare il divenire storico e sembrano essere il centro di irradiazione di una pluralità di sottolinguaggi.

Esempio



  


  1. stellina

    filosofia del linguaggio lycan

  2. stellina

    filosofia del linguaggio lycan


Come usare