Dewey - scheda

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia
Download:379
Data:10.03.2000
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
dewey-scheda_1.zip (Dimensione: 3.81 Kb)
trucheck.it_dewey--scheda.doc     25.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

OPERE: “IL MIO CREDO PEDAGOGICO” (1897), “SCUOLA E SOCIETA’” (1899), “LOGICA: TEORIA DELL’INDAGINE” (1938), “DEMOCRAZIA ED EDUCAZIONE” (1916), “COME PENSIAMO” (1910)
PENSIERO FILOSOFICO:
Influenze dalla tradizione pragmatista americana per la concretezza del pensiero di D. e x l’importanza dell’esperienza, dell’azione e della democrazia.
Influenze dell’hegelismo x la concezione sostanzialmente unitaria e ordinata del reale.
x Dewey il pensiero è un processo in evoluzione, il quale si forma attraverso i problemi che a questo si pongono, dalle ipotesi fatte x la loro risoluzione e la realizzazione finale. Attraverso l’indagine (la ricerca), che parte sempre da problematiche dubbiose, porta all’apertura mentale, cioè la condizione di partenza migliore x l’apprendimento (e l’educazione).
Per D. non esistono valori assoluti, infatti ogni cosa può essere nel
contempo fine e mezzo (da qui il nome della sua filosofia: strumentalismo): esistono valori di fatto (bisogni primari: cfr. Decroly) e valori di diritto (cultura, educ. ecc...). La forma di governo migliore è la democrazia perchè permette il dialogo e il confronto tra le parti, è quindi l’unico modo x garantire lo sviluppo della scienza.
NOZIONE DI ESPERIENZA:
Concezione dinamica della storia. E’ il fondamento del pensiero e dell’azione, è la risposta alla situazione critica e problematica con cui si pone la realtà all’uomo. L’educ. x D. deve basarsi sull’esperienza, cioè sulla partecipazione attiva (ricerca) che permette l’aquisizione + profonda delle conoscenze.
TEORIA DELL’INDAGINE:
Rispecchia la concezione della conoscenza come frutto dell’adattamento all’ambiente. La conoscenza e la ricerca partono da una situazione problematica, di dubbio. Il tentativo di risoluzione parte dall’osservazione, segue nella formulazione di ipotetiche soluzioni, poi una fase di verifica empirica dove si verificheranno o falsificheranno le ipotesi fatte in precedenza.
DEMOCRAZIA:
E’ la forma di governo migliore perchè permette il dialogo e il confronto tra le parti, è quindi l’unico modo x garantire lo sviluppo della scienza e dello spirito scientifico (apertura mentale, dubbio, ipotesi, sono presupposti della teoria dell’indagine), e quindi del progresso (sia tecnologico che sociale).
SCUOLA & SOCIETA’:
L’educazione, per ritenersi fruttuosa deve avvalersi della continuità con l’ambiente di provenienza, con i cambiamenti della società, con gli studi successivi (ri-attualizzare lo studio), inoltre x D. è molto importante ai fini dell’apprendimento, il fattore sociologico, quasi al pari di quello psicologico.
LAVORO:
E’ il mezzo per portare l’esperienza pratica nella scuolaa, che diviene quindi “scuola-laboratorio”. Gli allievi sono impegati in attività di ricerca attorno ad un argomento, che implica varie materie: in questo sistema non solo acquisiscono conoscenze valide, ma socializzano, si responsabilizzano, finalizzano il loro studio...
CRITICHE:
• by Maritain, Hessen (spirirtualisti): naturalismo, troppa attività pratica, pochi valori
• by marxisti: lo studio di D. si riferisce solo alla società in cui è vissuto
• improvvisazione, spontaneismo, puerocentrismo (D. però ammonisce contro il lassismo)
J o h n D e w e y

Esempio