Critone

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2.5 (2)
Download:873
Data:19.10.2000
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
critone_1.zip (Dimensione: 4.75 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_critone.doc     32.5 Kb



Testo

Platone: “CRITONE”

Nel “Critone” è riportato il dialogo tra Socrate e Critone, avvenuto all’alba nelle carceri di Atene dove Socrate era stato rinchiuso in attesa del giorno dell’esecuzione della pena capitale.
Tale dialogo si può suddividere in cinque parti: l’annuncio di Critone a Socrate dell’arrivo imminente della nave da Delo, il discorso di Critone per cercare di convincere Socrate a fuggire dal carcere, il discorso in cui Socrate spiega i motivi per i quali non può accettare la proposta dell’amico, il dialogo tra Socrate e le Leggi personificate, la breve conclusione.
1) Critone, discepolo del filosofo, recatosi da lui, lo trova ancora addormentato; appena Socrate si sveglia, l’amico gli annuncia che l’arrivo della nave da Delo, inviata sull’isola in ricordo della spedizione di Teseo che andò a uccidere il Monotauro e durante il viaggio della quale non dovevano essere compiute esecuzioni, era imminente, quindi il momento di morire era vicino. Socrate però lo tranquillizza dicendo che, nel sogno premonitore da poco terminato, una donna vestita di bianco gli aveva riferito che la nave sarebbe giunta ad Atene solo l’indomani.
2) Tentando di persuadere Socrate a evadere dalla prigione e a fuggire dalla città, Critone gli spiega che la gente potrebbe pensare che egli, insieme agli altri amici del filosofo, non avessero voluto salvarlo, pur avendone avuta l’opportunità: infatti tutti loro avrebbero messo a disposizione dell’amico tutto ciò di cui disponevano, pur rischiando di essere accusati di averlo aiutato a fuggire; Critone propone anche a Socrate di rifugiarsi in Tessaglia, presso suoi conoscenti, dove egli avrebbe potuto proseguire la sua vita e portare a termine il compito affidatogli da Dio (quello di aiutare gli uomini a scoprire la verità che è dentro di loro), evitando inoltre che i suoi figli rimanessero orfani.
3) Socrate però vuole rimanere coerente con gli ideali di giustizia sostenuti in vita e spiega poi al proprio interlocutore che non bisogna ascoltare tutte le opinioni delle persone, ma solo quelle di coloro che si intendono dell’argomento in causa, in questo caso del giusto e dell’ingiusto, poiché si può vivere bene, rettamente, solo nell’onestà e nella giustizia.
4) Inoltre, durante la fuga, egli potrebbe imbattersi nelle Leggi, le quali gli rinfaccerebbero allora di aver rotto il patto che ogni cittadino fa con esse al fine di accettarle e rispettarle; le Leggi non impongono nulla a nessuno, ciascun uomo è libero di andarsene dalla propria città se non si trovasse d’accordo con le decisioni prese, scegliendo così di vivere con altre regole, ma se egli, consapevole di ciò, decide di rimanere nella propria città, deve sottostare alle Leggi di tale città. Non ubbidendo, il cittadino commetterebbe contemporaneamente tre ingiustizie: non obbedendo a coloro che gli hanno dato la vita, non obbedendo a coloro che lo hanno allevato ed educato (e sarebbero quindi da rispettare più del padre e della madre) e, infine, dopo essersi impegnato all’obbedienza, né persuadendo le Leggi a causa di loro eventuali torti, né rispettandole. Socrate era stato fatto nascere, cresciuto ed educato dalle Leggi di Atene, che egli accettava e apprezzava, tanto che non si era mai allontanato a lungo dalla città, se non per motivi bellici, quindi esse esigevano da lui stima e obbedienza, sottolineando inoltre che, durante il processo, all’esilio egli aveva preferito la morte. Anche a livello pratico la sua fuga non gioverebbe a nessuno, né ai suoi amici, che verrebbero accusati di tradimento per averlo aiutato a evadere e mandati in esilio; né a lui stesso, che dovrebbe trasferirsi in un luogo sconosciuto dove sarebbe considerato un distruttore delle leggi e dove, poi, non avrebbe più potuto parlare di giustizia e onestà, essendo stato lui il primo a non rispettare le leggi; né ai suoi figli, che ,se lo seguissero, dovrebbero vivere in una patria straniera o, se restassero ad Atene, non trarrebbero comunque nessun vantaggio dalla lontananza del padre. Le Leggi esortano quindi Socrate ad accettare la condanna per non disonorare se stesso e la propria patria, affinché anche le leggi dell’oltretomba, sorelle di quelle terrene, siano benevole verso di lui , affermando che non sono loro, ma gli uomini ad essere ingiusti.
5) Socrate conclude spiegando a Critone che è quindi inutile che egli tenti ancora di persuaderlo a fuggire, in quanto ha già deciso di andare incontro alla morte, continuando a rispettare le Leggi.

Esempio