Mondo bancario

Materie:Altro
Categoria:Economia Aziendale

Voto:

2 (2)
Download:168
Data:09.02.2007
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
mondo-bancario_1.zip (Dimensione: 11.8 Kb)
trucheck.it_mondo-bancario.doc     56 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia ⇒ Gruppo CR Firenze
Come si è trasformato il mondo bancario
Banca= Impresa avente funzione intermediaria tra risparmiatori e produttori, attuata con la raccolta e l’impiego di capitali forniti dai primi e richiesti dai secondi le cui attività principali sono la consulenza e l’intermediazione finanziaria. ⇒Azienda di servizi intermediaria di denaro
Oggi in realtà non fa solo questo:
La banca è passata da mera intermediazione del denaro a un momento di DISINTERMEDIAZIONE (ora è la banca che va a cercare il cliente) ⇒la finanza è arrivata a portata di tutti. Ora la banca è orientata al MERCATO.
La voce della forbice sui tassi (fonti e impieghi) nei bilanci della banca si è assottigliata. Un tempo era molto più ampia ⇒ processo di concorrenza.
Con l’assottigliamento dello SPREAD (forbice:divario fra interessi) la banca ha dovuto rapportarsi con il mercato. Oggi la banca è universale: può fare un po’ di tutto.
denaro
II fase: denaro + prodotti (carta di credito, bancomat, polizze)
Clienti
Un tempo erano i clienti che andavano in banca e trovavano tutta una serie di prodotti e venivano soddisfatti delle loro esigenze.
Denaro
Prodotti
Il processo è più schematizzato: la banca ha segmentato la clientela e standardizzato i processi e i prodotti. In base alla segmentazione decide le strategie (anche organizzative nel personale). Il personale si rivolge a un certo tipo di clienti → si specializza in quel settore (ma non nel prodotto). Essendo più vicino al cliente, cerca di aumentare il ricavo.
L’informatizzazione fa fare più cose in meno tempo e più semplicemente con una professionalità più bassa → vengono pagati di meno.
Un tempo c’era uno specialista per ogni tipo di operazione e c’era chi faceva il riscontro (verificava il lavoro che avevano fatto gli altri) → L’informatizzazione ha cambiato l’approccio al cliente. E’ arrivata prima nel back office → prima riduzione della forza lavoro → poi è stato informatizzato il front office: l’addetto allo sportello non fa più solo servizi di cassa, con internet, i Pos...ci sono operazioni che non si fanno in banca → globalizzazione (omogeneizzazione dei comportamenti).
Le persone che usano internet hanno bisogno di un prodotto diverso → Banca Online → standardizzo il prodotto e stabilisco che costi voglio avere.
Devo vendere prodotti che comportano commissioni.
Il mondo assicurativo porta molte commissioni ed è per questo che gli si è collegata la banca.
BANCA D’ITALIA: una volta gestiva la politica monetaria e decideva i tassi → oggi la BCE decide in materia di tassi.
La Banca d’Italia autorizza l’apertura di sportelli bancari dopo che ha controllato i requisiti (BI competente per territorio). Oggi ha una funzione ispettiva: controlla le banche (l’ispezione non è interna).
Bonifico: flusso elettronico di accredito e addebito.
Prima dell’euro la banca, per spedire soldi esteri, doveva avere un c/c di corrispondenza con l’estero (per esempio in Germania in Marchi): SWIFT.
Ora in Europa il messaggio passa tramite la Banca d’Italia che colloquia con la Banca Centrale della Germania che colloquia con la banca del soggetto → sistema TARGET,
Le banche centrali fanno da intermediari → riduzione di costi (né di cambio né per accordi di corrispondenza). Solo per i bonifici < 12000 euro. Per le normative antiriciclaggio la banca deve segnalare tutti i trasferimenti per importi >12000 euro.
RAPPORTO BANCA / IMPRESA
Divisione Banca (2 cod. ABI)
• BANCA IMPRESA
• private (business)
• corporate (divisione per volume di fatturato)
• arcicorporate (aziende molto grosse)
• BANCA RETAIL
Come si APPROCCIA all’impresa e come lo farà prossimamente:
• segmentazione
• sistema PATTI CHIARI sistema di qualità (certificato)
• comitato BASILEA
Parliamo di piccole/medie imprese
1) L’impresa e il suo business: analizzare il lavoro e il settore in cui opera l’azienda (oggi crisi settore tessile in Italia)
Le imprese commerciali hanno esigenze diverse da quelle industriali.
3) Le capacità di rimborso dell’impresa: es. compro capannone, mi servono soldi: devo capire se hai capacità di rimborso (adeguato cash-flow...) altrimenti ti do dei soldi e sto comprando un capannone che dovrò investire.
4)Il capitale investito dall’imprenditore o dai soci: meno importante nelle aziende commerciali. Il capitale di rischio deve essere maggiore se sono maggiori le immobilizzazioni. Le aziende italiane sono in genere sottocapitalizzate
Se chiedo uno scoperto di 100 con capitale di rischio 5, la Banca diventa più che azionista di maggioranza.
COVENANTS: accordi per determinati tipi di operazioni che abbiano una certa finalità. Le banche possono entrare negli azionisti e danno un finanziamento a condizione di mantenere certi indici.
5) Le garanzie per la mitigazione del rischio: nel rapporto possono servire per mitigare il rischio. Se il bilancio è sostenibile chiedo le garanzie.
ACCORDO DI BASILEA a cui le Banche si stanno già allineando.
Sistema italiano nasce ne ’30 come stretto rapporto: dai prestiti si è trovato in partecipazioni con imprese molto in crisi e di conseguenza anche le banche ⇒ risolto in parte dalla legge bancaria del ’37
- separazione crediti a breve e crediti medio/lungo termine (entro 18 mesi)
- divieto di avere partecipazioni azionarie nelle imprese.
1993 ingresso nella CE (politica monetaria) ⇒ regolamentazione che deve rispettare la concorrenza con i paesi aderenti all’Euro. Ha portato una grande modifica in rapporto di vigilanza e il comportamento delle banche sulle imprese.
Obbligo di riserva obbligatoria ⇒limitare nell’erogazione del credito
1988 1° accordo di Basilea: situazione libera tra paesi che si sono uniti per capire le esigenze di stabilità del sistema ⇒ valutare quale era per tutti il sistema e metodo migliore ⇒ mettere da parte 8% del proprio patrimonio, si calcola in base al livello dei rischi del credito.
2000 rallentamento di economia ma non di recessione ⇒ rischi per molti settori.
Le banche hanno raggiunto accordo di Basilea2 che prevede
• utilizzo modelli standard per il rischio dei crediti
• sistemi interni scelti e programmati dalle Banche
Base approcing Advance Adproc
(autoregolato (più sofisticato)
e controllato)
Attivati dai gruppi con
patrimonio > 3 miliardi
• Ogni azienda avrà un punteggio sui dati di Bilancio e i parametri gestionali (pagamenti e scadenze)
Nuove determinanti Requisiti economici-patrimoniali-finanziari ⇐ dal Bilancio
dell’affidabilità
dell’impresa Requisiti gestionali
Daranno anche tassi e spese medie da applicare.
Le banche valuteranno con le stesse condizioni se la qualità e bassa e i tassi che si applicano sono più alti.
Partirà alla fine del 1996
L’azienda si finanzia anche sempre di più dal mercato
Importanti come parametri diminutivi del rischio sono la copertura tramite garanzie (proprietarie, di firma, pegno, strumenti derivati per la copertura di operazioni sui cambi).
Non ci sono più aziende che si possono dire locali per effetto della globalizzazione un elemento che espone alla concorrenza estera è il condizionamento della vendita di altri paesi che vengono a vendere nel mio territorio.
Operazione estera si definisce tale in base a
• valuta
• controparte
• piazza
⇒ Necessità di servizi diversi per i rapporti con l’estero
Esigenze per il rapporto
• ricerca controparte
• rapporto acquirente/produttore
• chiusura del contratto (pagamento)
BANCA
Uffici centrali ⇒ parte tecnica (relativa a documenti per la disponibilità delle merci), trasmettono flussi ad altre banche...
Personale : operatività minima di filiale.
Servizi:
• Finanziamento
• A clienti esportatori (con disponibilità agevolative e contributi)
• operazioni di importazioni dall’estero
• Pagamento
• Bonifico
• Assegno
• Rimessa documentaria
• ....
• Garanzia sul pagamento
• Assicurazioni
• Linee di fido al cliente
Per scambi all’estero tra Italia e Germania in dollari le banche avranno una banca intermediaria americana.
Il rischio di cambio non è il rischio puro e può derivare da un fenomeno positivo o negativo
Operazioni per far fronte
• A pronti (coprire immediatamente la posizione SPOT)
• A termine ( posso comprare oggi pagando poi con un valore di cambio dato oggi) abbiamo una quotazione a pronti.
Quotazioni derivate per mercato mobiliare:
• FOREIGN EX SWAP : scambio di un capitale in una valuta contro capitale di altra valuta a un tasso a pronti
• CURRENCY OPTION
Se ipotizziamo che servano 1,30 euro per acquistare un dollaro, ipotizziamo che oggi A presti a B 1000 euro e B, sempre attraverso la banca come intermediario, presti 1300 dollari ad A e l’accordo duri 5 anni. Ogni anno A paga interessi a B e viceversa. Alla fine del periodo A restituisce 1300 dollari a B e B restituisce 1000 euro ad A.
• CURRENCY FUTURES

Esempio