Alimentazione: i sali minerali

Materie:Riassunto
Categoria:Alimentazione
Download:393
Data:17.05.2005
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
alimentazione-sali-minerali_1.zip (Dimensione: 9.86 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_alimentazione:-i-sali-minerali.doc     52.5 Kb



Testo

I Sali Minerali
Generalità
• I Sali minerali sono dei principi nutritivi non energetici, presenti in piccole quantità negli alimenti.
• Rappresentano circa il 4% in peso di tutto il corpo umano.
• Chimicamente sono elementi inorganici di carattere neutro che tendono a dissociarsi in ioni positivi o in ioni negativi, quando sono in soluzione.
• Vengono classificati in:
1. Macroelementi, per indicare i minerali presenti in quantità abbastanza elevate ed il cui fabbisogno supera i 100mg o più al giorno;
2. Microelementi o Oligoelementi, per indicare i minerali presenti in piccole quantità ed il cui fabbisogno è limitato e non supera i 100mg al giorno.
• Alcuni sali minerali svolgono una funzione plastica, in quanto partecipano alla struttura del corpo umano (es.: ossa, denti…), mentre altri sono bioregolatori, perché partecipano alle reazioni metaboliche ed all’attività degli enzimi.
• A differenza delle vitamine, i sali minerali non vengono danneggiati dalla luce o dal calore, ma alcuni si possono disperdere, perché entrano in soluzione nell’acqua di cottura.
Macroelementi
Calcio
Fosforo
Potassio
Sodio
Cloro
Zolfo
Magnesio
Oligoelementi
Ferro
Zinco
Rame
Iodio
Fluoro
Cobalto
Selenio
Molibdeno
Calcio (Ca)
Fonti alimentari: latte, formaggi, yogurt, legumi, uova, noci, ortaggi verdi, pesci.
Funzione principale: componente fondamentale delle ossa e dei denti. Partecipa alla coagulazione del sangue e interviene nella contrazione muscolare.
Carenza:arresto della crescita, rachitismo nei bambini, osteoporosi negli adulti, convulsioni tetaniche.
Eccesso:calcoli renali, disturbi nervosi, disturbi al cuore, disturbi all’apparato digerente.
Fosforo (P)
Fonti alimentari: latte, formaggi, carne, pollame, pesce, cereali, frutta secca, legumi.
Funzione principale:componente fondamentale delle ossa e dei denti. Fa parte della costituzione dei fosfolipidi, degli acidi nucleici (DNA, RNA), della molecola di ATP, di alcuni enzimi e partecipa all0equilibrio acido-base dell’organismo.
Carenza:debolezza, demineralizzazione delle ossa e decalcificazione delle ossa, rachitismo.
Eccesso:alterazioni mascellari e ossificazione dei tessuti molli.
Magnesio (Mg)
Fonti alimentari: cereali integrali, crusca, vegetali a foglie verdi, latte, carne, noci, nocciole, cacao, mandorle, legumi.
Funzione principale:è un costituente fondamentale dell’apparato scheletrico. Partecipa alla struttura ossea insieme al calcio e al fosforo. Entra nella combinazione di molti enzimi. Interviene nella trasmissione neuro-muscolare.
Carenza:disturbi del comportamento, spasmi muscolari, anoressia, debolezza, vomito, nausea.
Eccesso:diarrea.
Potassio (K)
Fonti principali: tanti tipi di frutta (banana) e verdura, carne, latte, legumi, cereali.
Funzione principale:regola l’equilibrio acido-base, regola il bilancio idrico, regola la pressione osmotica e la funzionalità nervosa.
Carenza:debolezza muscolare, sonnolenza, alterazioni del battito cardiaco, paralisi.
Eccesso:crampi muscolari, ipotensione, debolezza.
Sodio (Na)
Fonti principali:sale comune; è nella maggior parte di alimenti;nella frutta ce né poco.
Funzione principale:regola l’equilibrio acido-base e il bilancio idrico, mantiene la pressione osmotica dei liquidi corporei e regola la trasmissione dell’impulso nervoso.
Carenza:crampi muscolari, apatia mentale, nausea, vomito e appetito ridotto.
Eccesso:ipertensione arteriosa.
Cloro (Ci)
Fonti alimentari:sale comune, latte, carne, uova,frutti di mare.
Funzione principale:partecipa alla formazione del succo gastrico in quanto costituente dell’acido cloridrico. Regola l’equilibrio acido-base, la pressione osmotica ed il bilancio idrico.
Carenza:apatia mentale, riduzione dell’appetito, crampi muscolari.
Eccesso:vomito
Zolfo (S)
Fonti alimentari: alimenti proteici contenenti gli amminoacidi cistina, cisterna e metionina.
Funzione principale: componente di alcuni amminoacidi importanti, di vitamine, di coenzimi e della molecola insulina.
Carenza:relativi alla mancanza di amminoacidi solforati
Eccesso:non ben definiti
Oligoelementi
Ferro (Fe)
Fonti alimentari:torlo d’uovo, carni rosse, spinaci, fegato e crostacei.
Funzione principale:è un componente dell’emoglobina, della mioglobine e di alcuni enzimi. Durante la respirazione polmonare, il ferro dei globuli rossi, fissa l’ossigeno e lo porta nei tessuti dell’organismo.
Carenza:anemia ipocromica microcitica
Eccesso:sierosi, cirrosi epatica.
Rame (Cu)
Fonti alimentari:fegato, frutti di mare, pollame, cereali, legumi, noci.
Funzione principale: è un componente di alcuni enzimi; è implicato nel metabolismo del ferro.
Carenza: anemia e fragilità dei vasi arteriosi.
Eccesso:intossicazione rameica.
Zinco (Zn)
Fonti alimentari:latte, fegato, tuorlo d’uovo, frutti di mare.
Funzione principale: è un componente di molti enzimi zinco-dipendenti. Partecipa al buon funzionamento del gusto e dell’olfatto.
Carenza: arresto della crescita, ipogonadismo,alterazione del gusto e dell’olfatto.
Eccesso: febbre, nausea, diarrea, vomito.
Molibdeno (Mo)
Fonti principali:carni, legumi, cereali, vegetali a foglia verde.
Funzione principale:è un componente di alcuni enzimi che partecipano al metabolismo delle basi puriniche.
Carenza:non ben stabiliti.
Eccesso:inibizione di enzimi.
Iodio (I)
Fonti principali:pesci di mare, frutti di mare, latte, vegetali.
Funzione principale:è un componente degli ormoni tiroidei tiroxina e triiodotironina.
Carenza:ipotirodismo, gozzo endemico, cretinismo, mixedema.
Eccesso:depressione dell’attività tiroidea con la manifestazione del gozzo.
Fluoro (F)
Fonti principali:tè, pesci, frutti di mare, cipolla, spinaci, lattuga, acqua potabile
Funzioni principali: serve per il mantenimento delle ossa e dei denti.
Carenza:deterioramento dei denti ed aumento della carie.
Eccesso:fluorosi (intossicazione da fluoro), smalto screziato, nei casi più gravi disturbi nervosi.
Selenio (Se)
Fonti principali:cereali, pesce, pollame, latte.
Funzioni principali:protegge le membrane cellulari e combatte l’azione negativa dei radicali liberi.
Carenza:cardiopatie, manifestazioni tumorali, ipertensione, invecchiamento precoce.
Eccesso:disturbi gastro-intestinali
Cobalto (Co)
Fonti alimentari:latte, carne, pesci, frutta, verdure a foglia verde.
Funzione principale:è coinvolto nelle funzioni della vitamina B12, influenza la biosintesi dell’emoglobina. Facilita la fissazione dello iodio tiroideo.
Carenza:non ben stabiliti. Forse si riscontra anemia da carenza di vitamina B12.
Eccesso:danni ai globuli rossi ed alla pelle.

Esempio



  



Come usare