La riforma protestante

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

1.5 (2)
Download:147
Data:19.04.2001
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
riforma-protestante_7.zip (Dimensione: 2.73 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-riforma-protestante.doc     20 Kb



Testo

Riforma
Movimento di rinnovamento religioso che, iniziatosi in Germania nel 1517, provocò la divisione della Chiesa cristiana. Originato da un diffuso clima favorevole a una revisione della Chiesa e della pratica religiosa, dalla decadenza morale e dalla corruzione degli ambienti ecclesiastici, oltre che dal nazionalismo germanico e da un vasto fermento economico e sociale, trovò un sostegno nelle concezioni individualistiche proprie dell'Umanesimo. Teorico della Riforma fu il monaco tedesco Martin Lutero, la cui dottrina, basata sull'idea della salvezza ottenuta solo attraverso la fede e non con le indulgenze, sul rifiuto di alcuni sacramenti e sull'affermazione che il magistero ecclesiastico non può porsi come intermediario tra Dio e il cristiano, che fonda la sua fede sul libero esame delle Sacre Scritture, si diffuse particolarmente fra i grandi feudatari tedeschi, che di essa si servirono per giustificare la loro ribellione all'imperatore Carlo V. Al luteranesimo, che interessò anche gli Stati scandinavi, si affiancarono altre due confessioni protestanti: quella di Zwingli quella di Calvino; quest'ultima si diffuse in Svizzera, nei Paesi Bassi, nella Scozia e in parte della Francia. Scarsamente seguita in Italia, la Riforma ebbe carattere prevalentemente politico in Inghilterra, dove fu imposta dal re Enrico VIII nel 1534 con l'Atto di supremazia, col quale il sovrano si proclamò capo della Chiesa inglese.

Esempio