La Germania nazista

Materie:Tesina
Categoria:Storia

Voto:

2.5 (2)
Download:363
Data:19.04.2007
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
germania-nazista_6.zip (Dimensione: 3.75 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_la-germania-nazista.doc     22.5 Kb



Testo

La germania nazista
La Germania nel dopoguerra era il paese con più debiti. Nel 1918 a Berlino fu proclamata la repubblica e l’anno dopo a Weimer si riunì l’assemblea costituente, che però si svolse con numerosi disaccordi tra destra e sinistra. La destra nazionalista dichiarava ingiusto il patto di Versailles (il patto che fu fatto alla fine della guerra che decise la spartizione di alcuni territori tra i paesi vincitori e che fece pagare alla Germania un’indennità di guerra facendole però restare il potere nei territori conquistati), mentre la sinistra comunista non accettava compromessi con governi democratici. Ad aggravare le tensioni una grave crisi economica nel 1920. i partiti contrari fecero poi delle alleanze che fecero ristabilire l’inflazione ed evitarono i colpi di stato. Ebbero molto successo i partiti di centro, che diedero molto lavoro e meno disoccupazione. Ma nel 1929 la borsa di New York crollò e la Germania divenne più povera e con disoccupazione (perché era aiutata dall’America, ne riceveva prestiti). Il presidente della repubblica Hindemburg capì che ci voleva una svolta autoritaria.
Grazie alla tensione del 1929 i partiti di destra si affermarono al governo. Nel 1920 si era creato il partito nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi, che dal 1921 era capitanato da Adolph Hitler, il quale aveva organizzato un colpo di stato a Monaco ed era stato arrestato. Egli organizzò un movimento composto dalla milizia paramilitare e da industriali. La maggior parte degli iscritti al partito erano piccoli o medi borghesi, ma anche disoccupati. Grazie alla propaganda Hitler ottenne la maggioranza ed entrò al governo il 30 gennaio 1933 come capo del governo, ma poco dopo prese tutto il potere nelle sue mani e la Germania diventò governata da un regime dittatoriale. Hitler istituì le SS e la Gestapo e diede fuoco al palazzo del Reichstag, il palazzo del parlamento, dando colpa ad alcuni comunisti che fece arrestare. Nel marzo 1933 dichiarò illegali tutti i partiti tranne il suo e proclamò il terzo Reich. Il 2 agosto 1934, dopo la morte del presidente Hindemburg, Hitler diventava anche presidente della repubblica. Tutti quelli che si opponevano al fuhrer venivano uccisi o portati nei campi di concentramento e diede fuoco ai libri non-nazisti. Hitler era appoggiato dagli industriali e perciò rafforzo le imprese. Dopo di Hitler molte dittature di destra si erano istaurate in Europa, come: Francia, Spagna e Polonia. Le altre nazioni non-fasciste si erano resi conto della gravità del nazismo, ma non fecero nulla per non farlo diffondere. Nel 1936 in Spagna ci fu una furiosa guerra civile. Germania e Italia, dalla parte dei “ribelli” franchisti contro i repubblicani, mandarono in Spagna uomini e mezzi, mentre i repubblicani erano appoggiati dalla Russia sovietica E Messico, la Francia diede appoggio politico e l’Inghilterra rimase neutrale. Alla fine della guerra, nel 1939, Francisco Franco divenne presidente della repubblica spagnola. Nel frattempo nel 1936 Italia e Germania crearono L’asse roma-berlino creando così un’alleanza anti-bolscevismo.
Hitler sosteneva che la razza Ariana, cioè bianca, fosse la superiore, e quindi la razza ebraica fosse da sterminare, nonostante lui fosse per metà ebraico. Molti sostengono che lui odiava la razza ebraica perché era quella che teneva in mano l’economia ed era molto ricca. Dal 1935 gli ebrei
non poterono più votare , lavorare nei luoghi pubblici e nemmeno poter pubblicare nei giornali le proprie idee, e in molti negozi venne appeso alla porta un cartoncino con su scritto: . La notte tra il 9 e il 10 novembre 1938 vennero rotte le vetrine dei negozi ebrei e bruciati libri ebrei. Da allora iniziarono a scomparire molti ebrei dalle città.

Esempio



  



Come usare