Il popolo e il corpo elettorale

Materie:Appunti
Categoria:Storia
Download:139
Data:28.05.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
popolo-corpo-elettorale_1.zip (Dimensione: 4.09 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-popolo-e-il-corpo-elettorale.doc     22 Kb



Testo

IL POPOLO E IL CORPO ELETTORALE:
L’articolo 1 comm2 della costituzione afferma che la sovranità afferma al popolo che la esercita nei limiti della costituzione per popolo s’intende l’insieme delle persone fisiche che possiedono il requisito della cittadinanza ma deve anche fare parte del corpo elettorale che è l’insieme dei diritti politici in particolare del diritto di voto che non è esercitato da tutti i cittadini ma solo da coloro uomini e donne che hanno raggiunto la maggiore età in base che è stabilita non dalla costituzione ma dalla legge ordinaria, il corpo elettorale è stato ampliato con la legge del 8 marzo 1975 n39 da un massimo di 21 anni a 18 anni mentre è rimasta invariato l’età per partecipare alle elezioni del Senato che è fissato direttamente dalla costituzione all’articolo 58 comma uno di 25 anni.
Chi fa parte del corpo elettorale ha diritto dell’elettorato attivo e passivo l’elettorato attivo si concretizza con il manifestare attraverso il voto, la propria volontà mentre l’elettorato passivo consiste nel diritto di essere scelti a ricoprire una carica elettiva.
Il voto in base all’articolo 48 comma due della costituzione deve essere:
• Personale: ogni elettore deve manifestare la propria volontà direttamente senza delegare qualcuno, è prevista la possibilità d’assistenza per gli elettori che senza non sarebbero in grado di esercitare il loro diritto.
• Uguale: il voto di qualsiasi cittadino ha il medesimo peso e vale il principio della maggioranza ci sono quattro tipi di maggioranza:
1. Assoluta: corrisponde alla metà più uno dei componenti di un certo organo collegiale.
2. Semplice: corrisponde alla metà più uno dei voti
3. Relativa: corrisponde al numero di voti ottenuti da uno dei candidati in competizione
4. Qualificata: corrisponde in genere a una quota prestabilita di componenti di un organo collegiale, ovvero dei voti validi. Esempio: l’amnistia e l’indulto devono essere approvati dalle camere a maggioranza di due terzi dei rispettivi.
• Libero: è vietata qualsiasi forma di costrizione anche psicologica
• Segreto: ciò significa che senza il consenso dell’interessato non può essere conosciuto il contenuto del voto.
L’articolo 48 precisa anche i casi in cui questo diritto è limitato e cioè:
- incapacità
- condanna penale irrevocabile passata in giudicato che abbia irrogato la pena che comporti la privazione dai pubblici uffici
- indegnità morale: sono ritenuti moralmente indegni gli imprenditori falliti per tutta la durata del fallimento massimo cinque anni e coloro che sono sottoposti a misure di detenzione detentiva o al regime di libertà vigilata o dal divieto di soggiorno
- a questi casi va aggiunta che nella XIII è precisato il divieto di voto per i discendenti di Casa Savoia che non hanno diritto né all’elettorato attivo che all’elettorato passivo.
I sistemi elettorali sono invece le tecniche che si occupano di come attribuire i seggi sulla base dei voti espressi, vi sono quindi diversi tipi di sistemi elettorali:

Esempio