Il feudalesimo

Materie:Appunti
Categoria:Storia

Voto:

2 (2)
Download:68
Data:28.09.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
feudalesimo_6.zip (Dimensione: 3.94 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_il-feudalesimo.doc     22.5 Kb



Testo

Testo sul Feudalesimo

I Problemi e le Soluzioni di Carlo Magno

I problemi di Carlo Magno erano: amministrare il suo vasto impero; rafforzare il suo potere e imporlo ai nobili; assicurarsi un esercito numeroso e ben organizzato.
Come soluzione, Carlo Magno, divise il suo impero in feudi e affidò ad ogni nobile un feudo dandogli la possibilità di usare l'esercito.

I Compiti di un Feudatario e di un Vassallo: Diritti e Doveri

Il sovrano concedeva il feudo, la giustizia e la protezione al vassallo e riceveva obbedienza, fedeltà, consigli, denaro, soldati e aiuto militare dal vassallo. Il vassallo otteneva un Feudo, di riscuotere i Tributi, di fare Giustizia e di avere propri Soldati; doveva giurare fedeltà, offrire al Sovrano i Tributi.

Vassalli-Valvassori-Valvassini: La Gerarchia Feudale

La Gerarchia Feudale era come una scala, c'era: il Sovrano poi i Vassalli poi i Valvassori poi i Valvassini e alla fine il popolo.
Il popolo comprendeva: i Bellatores: coloro che combattevano, difendendo beni e persone, cioè signori feudali e cavalieri; gli Oratores: coloro che pregavano per la salvezza nella vita futura e difendeva la parola di Dio, cioè gli uomini di Chiesa; i Laboratores: cioè la grande massa dei lavoratori dei campi, coloro che faticavano, garantendo la sopravvivenza di tutti.

La Guerra e L'Esercito

Nel tempo del feudalesimo non ci furono vere e proprie guerre ma ci furono le Crociate: furono fatte per allontanare i cavalieri troppo turbolenti. Le crociate furono sette e la prima fu chiamata "Crociata dei poveri" perché era composta da contadini e artigiani.

I Cavalieri

I Cavalieri erano i figli minori del feudatario che partivano alla ricerca di fortuna perchè il territorio era stato dato al figlio primogenito. Se avevano fortuna sposavano una ricca vedova o una figlia di qualche feudatario, ottenendo così il feudo; se erano sfortunati assediavano castelli.
Ma spesso si davano al brigantaggio: si scontravano con i feudatari cercando di sottrargli il feudo; toglievano le proprietà appartenenti alla Chiesa; derubavano i contadini; assalivano monaci, pellegrini o commercianti; rapivano le persone per chiedere il riscatto ai familiari.

Il Castello

I signori feudatari vivevano nei Castelli, edifici-fortezza e simboli del mondo feudale e tutti i contadini vi si riunivano attorno per protezione.

I Rapporti di Vassallaggio: un Sistema di Deleghe

I grandi feudatari erano: i Conti, i Duchi e i Marchesi, Carlo Magno per poterli "sottometterli" gli affidò i feudi che potevano governare, i nobili, poi, divisero i feudi in feudi minori.

I Servi della Gleba

Con i feudi venivano venduti dei coloni detti "Servi della Gleba" (gleba: zolla di terra) perchè formavano un tutt'uno con la terra.

L'Anarchia Feudale

L'anarchia feudale era il passaggio di potere dal sovrano al vassallo, dal vassallo al valvassore e dal valvassore al valvassino, il valvassino faceva pagare i tributi al popolo.

I Vescovi-Conti: I Rapporti Imperatore-Papa

L'imperatore, per tenersi il feudo, lo affidava al Vescovo che, quando moriva, non aveva nessun erede e, quindi, il feudo ritornava direttamente all'imperatore.

Esempio