I modelli educativi dell'antica Grecia

Materie:Appunti
Categoria:Greco
Download:725
Data:09.02.2001
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
modelli-educativi-antica-grecia_2.zip (Dimensione: 5.1 Kb)
trucheck.it_i-modelli-educativi-dell-antica-grecia.doc     18.28 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

I MODELLI EDUCATIVI DELL' ANTICA GRECIA
1. LA VIRTU'
Ilfilo conduttore dell' educazione nell' etа arcaica della Grecia и la virtщ. Il testimone piщ antico di tale concezione aristocratica della cultura и Omero. Fortemente legato alla virtщ и il concetto di onore:il motivo dominante dell' educazione della nobiltа sta nel destare il sentimento dell' obbligo, dell' impegno verso l' ideale. L' insegnamento si basa su norme di vita vissuta. Testimonianza dell' ideale educativo sono l' Iliade e l'Odissea; in entrambe il valore guerriero rimane la massima espressione della personalitа virile, ma a esso viene aggiunto il riconoscimento dei meriti intellettuali e sociali. Nell' ottica educativa aristocratica, molto importante и l' esempio, che costituiscve l' elemento fondamentale dell' educaszione durante un periodo storico in cui non esistono leggi cosdificate.
2. L' EDUCAZIONE NEI PRESOCRATICI
I Presocratici sono i primi pensatori che inaugurano la ricerca filosofica del mondo greco. Il pensiero di questi primi filosofi non presenta precise indicazioni di carattere pedagogico, ma la loro opera potrebbe essere eletta in modo educativo, tale modo и destinato a grandi sviluppi a partire da Socrate.
3. IL MODELLO EDUCATIVO DELLA CITTA'-STATO
Il modello educativo della Grecia assume la sua fisionomia con la polis. Questa si и formasta lentamente tramite secoli. Parallelamente a questa formazione si verifica quella del concetto di virtщ e di educazione. Negli stati greci l' educazione и legata alla vita quotidiana e l' organizzazione di ogni polis si riflette sul tipo di educazione che viene impartita ai giovani.
3.1 L'EDUCAZIONE A SPARTA
La cittа-stato di Sparta sorge nell' VIII° secolo a. C. Le notizie circala storia di questa cittа-stato e in particolarte il suo ideale educativo derivano da scrittori piщ tardi. La prima condizione richiesta per l' educazione dei giovani и la buona salute fisica, essi vengono addestrati al coraggio che si estrinseca nelle quattro virtщ della prudenza, temperanza, fortezza e obbedienza. Quanto all' educazione dello spirito, ai giovani vengono fatti imparare a memoria i versi di Omero e di Esiodo. Alle ragazze viene impartita un' educazione fisica che le prepari alla maternitа. Si puт dunque dire che l' educazione a Sparta sia una delle cose piщ essenziali per la societа.
3.2 LA FORMAZIONE IN ATENE
a) L' EDUCAZIONE:
Il concetto che si ha in Atene dio educazione, riveste un significato differente da quello spartano. L' educazione ha lo scopo di formare il cittadino e l' attenzione и rivolta in particolar modo ai maschi, in quanto le donne hanno una piosizione subordinata nella societа. La prepиaraazione del cittadino inizia a sette anni, l' organizzazione scolastica prevede le materie comuni di studio: lettura, scrittura, calcolo, musica ed educazione fisica; le prime hanno come scopo di educare l' animo mentre l' ultima di renderlo forte e aggraziato. I fanciulli sono sotto la guida di uno schiavo fedele, il "pedagogo". Il popolo ateniese conquista quindi l' acccesso ad un tipo di vita e di cultura che erano esclusive dei nobili. Ciт che unisce perт tutti i Greci и il cercare di uniformarsi ad un unico tipo di cultura, che trova una qualifica comune nell' aver ricevuto la stessa educazione. Una dimostrazione del ruolo che riveste l' educazione и fornita dalle opere dei filosofi ellenistici, la civiltа ellenistica attribuisce alla cultura grande importanza, nella formazione del cittadino. La piщ ufficiale tra le istituzioni educative и l' efebмa. Con la perdita dell' indipendenza di Atene, l' efebмa perde il suo carattere di "esercito civico" e le rimane quello di educazione.
b) L' ISTITUZIONE SCOLASTICA ATENIESE:
L'educazione inizia all' etа di sette anni, infatti non esiste la scuola materna. Quando il bambino ha raggiunto l' etа di sette anni inizia l' educazione pubblica e accanto al fanciullo compaiono il pedagogo ed il maestro. Il primo ha il compito di assistere il bambino e lo educa moralmente e civilmente, mentre il secondo ha il compito di preparare tecnicamente l' alunno. Igradi scolastici vengono suddivisi in istruzione primaria, secondaria e insegnamento superiore. Nell' istruzione primaria il metodo della lettura consiste nell' andare dal "semplice" al "complesso". L' istruzione secondaria и caratterizzata dagli studi letterari e scientifici. Infine vi и l' insegnamento superiore che и caratterizzato dalla medicina, dalla retorica e dalla filosofia. La filosofia richiede un impegno maggiore rispetto aslle prime due, in quanto essa tende alla formazione dell' uomo.

L' EDUCAZIONE DELL' UOMO: I SOFISTI E SOCRATE
1. I SOFISTI
I sofisti sono un gruppo di persone sapienti che diedero origine alla "rivoluzine pedagogica", durante il V°secolo, con loro nasce un maggiore interesse verso la vita politica. Il loro compito и quello di "professionisti della cultura", si rendono conto che il campo in cui l' uomo puт esprimere meglio le sue potenzialitа и quello politico, attuando cosм il concetto di aretи. I sofisti cosм sono in grado di condurre i giovanio all' esercizio della vita politica e l' affermarsi in quella pratica.
1.1 IL FINE ED I CONTENUTI DELL' EDUCAZIONE
Secondo i sofisti il fine dell' educazione и la formazione dell' uomo politico, colui che in futuro avrebbe saputo ottenere il potere con la parola. Per farsi conoscere i sofisti affrontavano qualsiasi argomento. La saggezza secondo loro ha un valore pratico, che si puт riassumere con tale affermazione "l' uomo и misura di tutto"; loro inoltre per questo insegnamento chiedevano di essere pagati, per questo le loro "esibizioni" erano pubbliche.
1.2 I CONTENUTI DELL' APPRENDIMENTO
Altempo dei sofisti l' unico mezzo valido per esprimere la propria idea era la parola, tanto che gli insegnamenti piщ noti sono la dialettica e la retorica. Come Protagora si distingue perla dialettica, Gorgia si и distinrto nella retorica. Nonostante le critiche negative che sono state mosse verso i sofisti, bisogna ricorda re che sono stati i primi ad elaborare un concetto di educazione.
2 SOCRATE
Socrate ha in comune con i sofisti l' interesse circa il mondo dell' uomo. Ma mentre i sofisti concentrano i loro interessi sul successo, Socrate vuole formare la gioventщ attraverso la veritа. Egli inoltre per le proprie lezioni non pretendeva dei compensi in denaro.
2.1 IL "DEMONE" SOCRATICO
Socrate considera la dialettica non come un' arma perc confutare la tesi dell' avversario. Egli avverte come una forza interiore, un "demone" che lo spinge a compiere la sua missione. Lui и l' unico che sa di non sapere, pewr questo dimostra che non esiste alcun sapiente. Considera la ragione il bene piщ importante dell' uomo. Il maestro и dunque una guida per rendere piщ agevople questo processo. Per portare alla luce la veritа Socrate si avvale del procedimento induttivo, caratterizzato da due momenti: l' ironia e la maieutica. In questo modo il discepolo viene portato sulla via della veritа dal maestro.
Di Di Ubaldo Silvia
Ricciardi Paola

Esempio