Il lontano oriente e l'Oceania

Materie:Appunti
Categoria:Geografia

Voto:

2.5 (2)
Download:147
Data:19.10.2005
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
lontano-oriente-oceania_1.zip (Dimensione: 7.71 Kb)
trucheck.it_il-lontano-oriente-e-l-oceania.doc     32 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

LONTANO ORIENTE E OCEANIA

SUBCONTINENTE INDIANO:
- montagne più elevate della terra;
- territorio inospitale (India, Nepal, Bhutan, Cina), segni umani anche 5000 m di altitudine con nevi perenni, numerosi turisti scalatori, controllo delle strade perché è territorio sono contesi;
- assurdo e vi sono delle pianure alluvionali, formate da Indo e Gange che si unisce al Bramaphutra;
- dirigono a milioni di persone in condizioni disperate che sopravvivono coltivando riso e iuta, annualmente minacciata dalle piogge monsoniche e dalle piene fluviali;
- più a Sud, la penisola del Deccan si allunga nell'oceano indiano, le coste sono intensamente coltivate.

ASIA DEL SUD-EST:
- penisola dell'Indocina e le numerose isole del Pacifico di varie dimensioni, tra le più estese Sumatra; origine geologica recente con vulcani, terremoti e montagne impervie ma poco elevate;
- coltivazioni, soprattutto riso, sono gradoni ricavati sul fianco dei rilievi; strette pianure alluvionali sulle coste; sottosuolo è ricco di risorse minerarie; temperature elevate e precipitazioni abbondanti, in particolare in estate, al termine vi sono frequenti tifoni causa di distruzioni.

ESTREMO ORIENTE:
-territorio cinese, coreano e giapponese. Ambienti vari, in catene montuose bordano altipiani dal sottosuolo ricco di risorse e molto arido come il Gobi, Sinkiang e Tibet; a resto le vaste pianure alluvionali create da Yangtze e Huang He per le piogge non sarà mica. In Giappone montagne molto recenti crollano sul mare portano difficoltà per gli insediamenti e le comunicazioni.

OCEANIA:
- comprende l'Australia: immenso tavolato arido, con catene montuose sulle coste poco elevate, e 3 arcipelaghi (Melanesia, Micronesia e Polinesia). Paesaggio simile a quello delle isole del sud est la distinzione è che l'Australia fu scoperta molto dopo dell'Asia;
- importante il ruolo dei fiumi: hanno inciso valli favorendo la comunicazione, hanno costruito il suolo fertile delle pianure e ne garantiscono l'irrigazione; potenziale idro-elettrico sfruttato parzialmente è una sicura risorsa per il futuro;
- paesaggio umanizzato: foresta fluviali quasi sparita, fiumi alimentano canali di irrigazione, alta densità nelle pianure alluvionali;
- eccetto l'Australia vi sono vaste risaie nelle zone dei delta, pianure alluvionali e pendici terrazzate delle montagne; il riso costituisce il cibo di base e unificante per questi popoli.
IL PRIMO POPOLAMENTO:
- oltre 50.000 anni fa delle popolazioni dell'Asia continentale si stanziavano nella regione, favoriti dal livello del mare più basso dell'attuale così anche imbarcazioni leggere potevano navigarvi;
- per l’origine comune le tecniche del riso e della costruzione di imbarcazioni sono simili;
- religioni: buddismo, induismo e, dopo, Islam;
- notevoli i legami marittimi tra le terre della regione e tra essa e l'Asia occidentale e quindi l'Europa;
- con il commercio marittimo si formarono, soprattutto in India, delle città costiere affollate quando il monsone portava i velieri occidentali, quasi disabitate quando il vento cambiava verso;
- i mercanti arabi compravano nella regione delle merci soprattutto spezie, che esportavano in Europa;
- dal 1948 gli europei, circumnavigando l'Africa, arrivarono nella regione sostituendo i mercanti arabi e controllando il traffico disperse, terra, cotone. I primi portoghesi buoi olandesi, francesi e inglesi;
- durante l'800 furono colonizzati eccetto Cina, Giappone e Thailandia; molti indigeni fuggirono sulle montagne o nelle zone calde dell’ Australia; diffusione di lingua e cultura europea nascita di nuove attività e ingrandimento delle città portuali;
- disboscamento forestale per diffusione piantagioni di caffè, caucciù e palma da cocco; zone di riso vennero destinate all'esportazione;
- verso la fine dell'800 iniziò all'estrazione dei minerali grezzi per le fabbriche europee.

POPOLAZIONI E INSEDIAMENTI OGGI:
- in Asia orientale e Oceania vive più della metà della popolazione mondiale, insediamento rurale eccetto Giappone, Australia e Nuova Zelanda ma in crescita urbanizzazione. Formazione di baraccopoli causa esodo rurale eccessivo;
- diverse densità secondo la zona con enormi dislivelli, densità influenzata dalla morfologia e dal clima ma non solo poiché è il Giappone è densamente popolato, la maggioranza dei paesi dell'ontano oriente e dell'Oceania rientra nella grande categoria del sud del mondo, mentre Giappone, Australia e Nuova Zelanda si distinguono per le loro ottime condizioni;
- crescita demografica varia;
- mortalità infantile rappresenta un grave problema nei paesi del sud del mondo ma è assente in Australia Giappone;
- analfabetismo a tra le donne in Bangladesh e nella penisola indocinese, sconfitto in Giappone e in Oceania;
- reddito pro capite denuncia squilibri drammatici.

DIFFERENZE DI SVILUPPO:
- Giappone, Australia e Nuova Zelanda fanno parte del Nord del mondo, Giappone ai primi posti delle graduatorie mondiali delle produzioni avanzate;
- Cina e India popolazione elevata, crescita industriale in settori come nucleare e informatica, concentrazioni delle attività in alcune zone, isole di modernità. Nel complesso rimangono paesi contadini poco avanzati;
- Taiwan, Corea del Sud e Thailandia, situazione simile alla precedente, paesi di nuova industrializzazione; intervento di molte multinazionali principalmente estere; attività tradizionali: tessile, produzione di giocattoli, forte sviluppo dei settori moderni, tipo informatica; forte inquinamento causato dalle fabbriche per leggi carenti e poco applicate; esportazione della maggioranza della produzione interna causa povertà, fondamentali i porti;
- Indonesia, Bangladesh e altri vivono di esportazione di risorse minerarie grezze e prodotti agricoli tropicali, altri esportano legname pregiato accrescendo la percentuale di zone disboscate ed erose con le piogge; elementi unificanti: sviluppo dei collegamenti ferroviari e specializzazione dei porti;
- Le Maldive o gli stati della Polinesia ed altri vivono grazie al turismo internazionale, i quali consumano molta acqua e producono molti rifiuti;
- Carattere comune: concentrazione delle attività commerciali in zone ristrette, quelle aventi una posizione migliore;
- Altri paesi sono caratterizzati per il loro isolamento poiché provengono dal governo sovietico e non si sono ancora adattati all’economia di mercato, in Corea del Nord è presente un paesaggio simile a quello della prima industrializzazione ottocentesca, in Laos, Myanmar, Cambogia agricoltura di sussistenza.

PAESI E PROBLEMI:
Subcontinente Indiano:
- nel 1947, termine dominazione britannica, induisti e islamici furono suddivisi in India e Pakistan, esso occupa la porzione occidentale del subcontinente indiano, a ovest e a nord un arco montuoso da cui nascono Indo e i suoi affluenti, pianura centrale zona + densamente popolata, irrigata dai fiumi, a est colline aride con allevamento di cammelli e ovini;
- parte delle terre irrigate coltivata a canna da zucchero, cotone per esportazione, le zone di grano e mais non garantiscono l’autosufficienza alimentare;
- attività industriali modeste, importano risorse energetiche e tecnologia, minacciate dalla incertezza politica causata dalle relazioni con l’India;
- area forte lungo i fiumi Indo e Karachi, città + importante sulla sua foce, dopo l’indipendenza nuova capitale a nord ma Islamabad non è riuscita a ridurre gli squilibri territoriali,
- forte emigrazione causa sviluppo economico limitato, crescita demografica elevata, verso i paesi petroliferi dell’Asia Occidentale.

Sud-Est:
- Indonesia comprende più di 300 isole, tra cui la porzione più orientale della Nuova Guinea, geograficamente appartenente all’Oceania. Montuose, strette pianure alluvionali costiere formate da fiumi impetuosi, più estesa: Borneo: foresta pluviale e popolazioni primitive;
- Maggior numero di islamici, minoranze cattoliche e buddiste in alcune isole, rivendicazioni di autonomia x le diverse religioni;
- Facilitazioni economiche per coloro che si trasferiscono nelle isole della Sonda orientale e del Borneo provenendo da Sumatra e Giava;
- Eccezionale densità x la diffusione delle coltivazioni x l’esportazione, concentrazione di grandi città industriali e migliore rete dei trasporti del paese. E’ l’area forte dell’Indonesia dal periodo della colonizzazione olandese;
- Indonesia esporta: idrocarburi, stagno e rame, attività industriali finanziate da imprese estere: lavorazione prodotti agricoli, alcuni importati tipo fibre tessili, montaggio di componenti prodotti in paesi più avanzati;
- La Corea è divisa in due stati dall’età della Guerra Fredda: Corea del Sud e Corea del Nord, la prima era filo-americana, la seconda filo-sovietica e nonostante l’Unione Sovietica non esista più essa continua a basare la sua politica sui principi guida del comunismo sovietico. Firmato un armistizio ma mai una pace. Ultimamente si è registrata un’intensificazione degli scambi commerciali e degli spostamenti umani;
- Corea del Nord: sottosuolo ricco di risorse minerarie, in difficoltà dalla cessazione degli aiuti sovietici;
- Corea del Sud: economia dinamica, paese di nuova industrializzazione importante. Creazione di filiali coreana nell’Occidente. Organizzazione scolastica molto efficiente: analfabetismo quasi sconfitto con una preparazione della forza lavoro analoga a quella dei paesi del Nord del mondo. Agevolazioni statali concesse alle imprese private, le paghe modeste, orari lunghi, leggi sul lavoro limitano i diritti dei lavoratori. Concentrazione industriale sulla costa occidentale tra Seoul e Kwangju, area forte del paese, zona sud-orientale attorno alla zona di Pusan.

Oceania:
- Nuova Zelanda: abitanti in prevalenza discendenti di immigrati europei dato che la colonizzazione portò alla quasi completa estinzione dei Maori, insediamento urbano, principali città Auckland nell’isola del Nord e Wellington nell’isola del Sud;
- Territorio montuoso di origine recente, fitta vegetazione favorita dal clima temperato x la latitudine e umido x la vicinanza dei mari. Ultimamente disboscamento forestale x coltivazioni cerealicole;
- Importante esportazione di risorse agricole: carne, lana, pelli. Allevamento di animali da latte nell’isola del Nord, da carne e ovino nell’isola del Sud. Discreta importanza dell’industria dei prodotti agricoli e la produzione di beni di consumo, popolazione ricca ma poco numerosa. Molti lavoratori impiegati nel terziario, servizi di qualità.

Esempio