America Meridionale

Materie:Appunti
Categoria:Geografia
Download:400
Data:04.09.2001
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
america-meridionale_3.zip (Dimensione: 5.79 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_america-meridionale.doc     26 Kb



Testo

L’AMERICA MERIDIONALE FISICA

Morfologia
La struttura dell’America Meridionale è piuttosto semplice e ricorda per molti aspetti quella dell’America Settentrionale, sia per la forma, sia per la disposizione dei maggiori elementi morfologici. Ha la forma pressoché triangolare con la base rivolta a Nord al Mar delle Antille e all’Oceano Atlantico ed il vertice a Sud, proteso verso le terre antartiche. Le forme costiere sono meno articolate, non presentando nessuna grande penisola e nessuna insenatura di notevole interesse, se si eccettua il Rio de la Plata. Poche anche le isole che fanno corona alla massa continentale: le maggiori sono la Terra del Fuoco a Sud, l’arcipelago cileno lungo la costa pacifica meridionale e Trinidad a Nord.

Rilievo
L’America Meridionale è scomponibile in poche unità fondamentali: la Cordigliera delle Ande, le pianure centrali e gli altipiani orientali. Le Ande sono costituite da una serie di catene molto elevate e dal rilievo aspro, che divergono nel settore settentrionale. Le catene racchiudono spesso estesi altipiani, come quello della Bolivia. Le alteterre orientali sono rappresentate dagli altipiani della Guyana e del Brasile, separate dal bacino del Rio delle Amazzoni. Le basseterre centrali si articolano nel bacino dell’Orinoco, quello del Rio delle Amazzoni e quello del Paranà – Uruguay.

Geologia
La formazione degli altipiani orientali è geologicamente la più antica tra tutti gli elementi che compongono l’America Meridionale; si tratta di massicci archeozoici e paleozoici. Le Ande sono di formazione più recente, essendo state innalzate dall’orogenesi alpina. Le basseterre centrali sono costituite da sedimenti cenozoici e neozoici.

Clima
Il clima della Regione è direttamente influenzato dalla sua posizione astronomica, per circa 2/3 compresa nella fascia tropicale e per il resto nella zona temperata australe. Nella fascia torrida, il clima è caldo – umido, con alti indici di piovosità lungo le coste caraibiche e nell’Amazzonia, mentre nel bacino dell’Orinoco e nelle regione interne dell’altopiano del Brasile, le precipitazioni si fanno più scarse. Il clima della regione Andina è influenzato dall’altitudine, che permette buone possibilità di insediamento umano anche nella regione equatoriale. Nelle regioni meridionali, la temperatura decresce a mano a mano che si procede verso Sud, tanto che nella Terra del Fuoco si hanno caratteristiche subpolari.

Idrografia
La disposizione della Cordigliera delle Ande, a ridosso del litorale pacifico, determina una notevole differenza: quelli che tributano all’Oceano Pacifico sono generalmente brevi e di scarsa importanza, quelli che tributano all’Oceano Atlantico hanno lunghezza e portata notevoli. Verso Nord scorrono il Magdalena e l’Orinoco, verso Est scende il Rio delle Amazzoni, dall’Altopiano del Brasile scendono il Tocantins, il São Francisco, il Paranà e il Paraguay che tributano, con l’Uruguay, al Rio della Plata. Il continente sudamericano è povero di bacini lacustri: i maggiori sono quelli delle regioni intermontane delle Ande, il Titicaca e il Poopò.

Flora
La vastità di questo continente ha consentito l’insediarsi di numerosi tipi di vegetazione: una zona tropicale corrispondente al bassopiano amazzonico con le selvas (foreste vergini equatoriali, ricche di corsi d’acqua; l’Altopiano del Brasile, meno piovoso, con campos cerrados e catingas; il bacino dell’Orinoco, con savana a graminacee e ciperacee ; la zona delle pampas ; la steppa arida e sassosa della Patagonia florida di araucarie ; la zona meridionale con foreste di faggi americani; l’estrema zona meridionale, che si ricollega alla Terra del Fuoco, con zone desertiche a muschi, licheni e piante idrofile; zone desertiche più a Nord lungo le coste cilene e peruviane.

Fauna
Nell’America Meridionale vivono le Scimmie Platirrine, i vampiri, gli Sdentati come gli armadilli e i formichieri, i Carnivori come i puma e i giaguari, i Chinchilla, i tapiri. Tipici delle Ande sono i Camelidi lama, alpaca e vigogna. Tra i rettili sono comuni gli elodermi, tra gli uccelli i tucani, i colibrì e gli uccelli – mosca. Nelle acque abbondano calamari e piranhas.

L’AMERICA MERIDIONALE POLITICA

Popolazione
Nell’America Meridionale la percentuale di popolazione indigena è molto elevata e spesso costituisce la maggior parte degli abitanti.
In questa regione gli abitanti sono circa 300 milioni, con una densità di 17 abitanti per Km2. La distribuzione di questi risulta uniforme, fatta eccezione per le zone del Brasile dell’Argentina e del Cile, che risultano praticamente disabitate. Gli Stati che hanno una maggiore densità sono l’Ecuador, la Colombia e l’Uruguay.

Etnologia
La classificazione somatica dei popoli dell’America è divisa in: Eschimidi, Columbidi, Planidi, Sonoridi, Appalacidi, Andidi, Istmidi, Amazzonidi, Pampidi e Fuegidi.
Nell’America Meridionale le principali famiglie linguistiche sono l’arawak, la caribica, la tupiguaranì, l’araucana, l’alakakuf e la tehuelche.

L’AMERICA MERIDIONALE ECONOMICA

Agricoltura
L’agricoltura ha i sui cardini nelle colture di piantagione, soprattutto di caffè e cacao, a cui seguono la canna da zucchero, il tabacco, il cotone e le banane. Diffuse sono anche le colture cerealicole. Grande importanza hanno le foreste che sono oggetto di intenso sfruttamento.

Allevamento
Nell’America Meridionale la vastità delle zone utilizzabili unita alla bassa densità di popolazione ha determinato un cospicuo sviluppo dell’allevamento che, in alcune regioni, costituisce la maggiore risorsa economica.

Risorse minerarie
Abbonda il petrolio nella regione venezolana, nel Brasile, in Ecuador e nell’Argentina. Il sottosuolo è anche ricco di bauxite, vanadio, stagno, rame e antimonio.

Industria
Solo da pochi decenni l’economia dell’America Meridionale è entrata nella fase di industrializzazione e perciò l'industria è sviluppata solo in alcuni settori, principalmente in quello metallurgico, in quello chimico e in quello della trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici.

Comunicazioni
Solo in alcuni Paesi le comunicazioni hanno raggiunto uno sviluppo riguardevole, come nell’Argentina, ove dalla regione del Rio della Plata si irradia una rete ferroviaria piuttosto fitta. Nel settore stradale sono da segnalare l’autostrada panamericana e la transamazzonica. Grande importanza hanno le vie di comunicazione fluviali, che permettono i collegamenti con i Paesi dell’interno, mentre lo sviluppo della rete aerea permette di raggiungere zone prive di altro collegamento.

Esempio