Il barone rampante

Materie:Scheda libro
Categoria:Generale

Voto:

1.5 (2)
Download:180
Data:13.12.2001
Numero di pagine:6
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
barone-rampante_13.zip (Dimensione: 6.48 Kb)
trucheck.it_il-barone-rampante.doc     28 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

Titolo: Il barone rampante
Autore: Italo Calvino
Genere letterario: romanzo
Riassunto: In questo romanzo si narra di un adolescente di 12 anni, Cosimo, figlio del barone di un paese della Liguria, che, stanco della vita piena di regole e costrizioni, decide, come segno di protesta, di andare a vivere sugli alberi e di non scendere mai più.
Così incomincia una nuova vita ricca di avventure.
Dapprima Cosimo conosce una bambina, Violante, di cui si innamora perdutamente; ma in seguito questa parte, spezzandogli il cuore.
Negli anni seguenti Cosimo si adatta alla vita sugli alberi, cercando di renderla più comoda possibile, sopravvivendo grazie alla caccia e vivendo molte avventure e molti avvenimenti: lotta contro i pirati, legge molti libri diventando un filosofo conosciuto in tutta Europa , conosce un pericoloso brigante, che riesce a redimere grazie alla cultura ma che vede poi morire sulla forca, fonda una squadra di vigili del fuoco, incontra un gruppo di persone spagnole che come lui vivono sugli alberi e che poi vede ritornare al proprio paese e conosce Ottimo Massimo, il cane che gli tiene compagnia per molti anni: se non che un giorno Violante ritorna a casa, e tra i due nasce una grande amore, che però si conclude male e quindi la ragazza riparte.
Cosimo, raccontando le sue avventure, passa tranquillamente gli ultimi anni della sua vita e alla fine muore, a sessantacinque anni, dopo essersi ammalato gravemente, attaccandosi all'ancora di una mongolfiera in volo e buttandosi lontano dal suo paese, per non dare agli abitanti la soddisfazione di vederlo alla fine toccare la terra.
Spazio e ambientazione: La vicenda si svolge principalmente ad Ombrosa, un paese immaginario della riviera ligure; spesso però il luogo della narrazione cambia per spostarsi in altri paesi della Liguria o addirittura a Parigi, dove il fratello di Cosimo, si recava per affari.
La narrazione si svolge nell'epoca direttamente successiva alla Rivoluzione Francese.
Personaggi: Il protagonista del romanzo è Cosimo, figlio primogenito del Barone Arminio Piovasco di Rondò e fratello di Biagio, il narratore del racconto. Anche se del suo aspetto fisico l'autore non scrive niente, il suo comportamento e il suo carattere vengono riportati nel romanzo con estrema cura.
L'aspetto più importante del suo carattere è sicuramente il grande anticonformismo e la grande avversione nei confronti delle regole del suo ceto sociale: infatti questi determinano il litigio con i suoi genitori, litigio che lo porta a prendere la difficile decisione di abbandonare la terra per andare a vivere tutta la sua vita sugli alberi, già dall'età di 12 anni.
Nonostante questo suo stranissimo modo di vivere, il protagonista rimane legato allo stile di vita precedente, cercando di procurarsi tutte le comodità che possedeva durante la vita con i piedi per terra, ma soprattutto cerca di rimanere un uomo civile pur vivendo sugli alberi come le scimmie; infatti, oltre a procurarsi un caldo giaciglio, un fucile per cacciare e un modo per potersi lavare senza scendere dalle piante, cerca di mantenere inalterati i rapporti di amicizia che aveva con molte persone e ne inizia di nuovi; inoltre dedica gran parte del suo tempo allo studio e alla lettura: continua a prendere lezioni dal suo vecchio maestro, fino a diventare, grazie alla lettura, più colto di lui e di molti letterati di fama mondiale, diventando un filosofo di fama internazionale conosciuto addirittura da Voltaire e intraprendendo con questi dei rapporti di corrispondenza.
Cosimo ha una visione molto strana della vita: secondo lui "chi vuole guardare bene la terra deve tenersi alla distanza necessaria",cioè chi guarda dall'alto può vedere molte più cose e vederle meglio: con questa affermazione possiamo intuire come la sua vita sia soltanto un allegoria del suo pensiero.
Anche se all'apparenza Cosimo ha un animo molto forte e deciso, in realtà si rivela alla fine del racconto un uomo molto fragile; infatti quando Violante lo abbandona, cade di uno stato di tristezza che lo spinge a rifiutare il cibo e a piangere tutto il giorno; alla fine riesce ad uscirne, ma solo grazie all'obbligo verso i pastori di Ombrosa di difendere le loro pecore dai lupi, obbligo che lo costringe ad occuparsi di qualcosa di serio per il bene del suo paese.
Un aspetto molto importante del carattere di Cosimo è di sicuro il fatto di voler sembrare migliore di quello che è veramente: infatti per questo ogni volta che racconta agli abitanti di Ombrosa le proprie avventure, ingigantisce enormemente i propri meriti e le proprie capacità: infatti spesso, nei racconti sono presenti degli elementi che da soli non starebbero in piedi, se il narratore non ricordasse spesso questo piccolo aspetto del carattere di Cosimo: ad esempio, al protagonista capita di scontrarsi in duello con dei pirati o degli spadaccini , uccidendoli, ma credo sia impossibile pensare che una persona che passa tutta la vita sugli alberi a leggere, abbia le capacità necessarie per sconfiggere a duello degli uomini che tirano di scherma per mestiere.
Quest'ultimo aspetto porta anche a comprendere la grande umanità di Cosimo e soprattutto il suo bisogno di essere amato; infatti, a mio parere, il voler sembrare migliore di quello che è, indica il bisogno del protagonista di essere accettato dagli altri nonostante la sua stranezza. E' quindi per questo, che dopo essere stato lasciato da Violante, entra in quello stato di tristezza che ho già descritto prima.
La figura di Cosimo è anche avvolta in un fitto alone di mistero, che credo sia una delle componenti più importanti del personaggio: infatti come spesso il narratore afferma, molte cose raccontate su di lui sono soltanto supposizioni e informazioni raccolte dalle numerose versioni dei raccnti del protagonista, che sono spesso lontani da come i fatti si sono svolti realmente. A mio parere, è proprio per questo alone di mistero che lo circonda e per la difficoltà a comprenderlo pienamente che alla fine risulta così interessante.
Comunque sia, io stimo molto Cosimo, perché riesce a portare il suo ideale di vita al limite estremo e a non tradire il giuramento fatto a 12 anni di non scendere più con i piedi per terra, neanche dopo la morte, avvenuta dopo 65 anni di vita senza aver mai toccato la terra con i piedi per più di 50 anni.
Riflessioni personali: Secondo me, l'autore, utilizzando l'allegoria dell'uomo che vive sugli alberi distaccato da tutti e da tutto ciò che accade, ha voluto raccontare il suo stato d'animo e specialmente la condizione propria di ogni uomo; infatti, come già molti altri poeti e scrittori hanno fatto (ad esempio Quasimodo con la sua celebre poesia "Ed è subito sera"), vuole mettere in evidenza la condizione di estrema solitudine di ogni uomo durante la sua breve vita. Quindi, con questo racconto, il poeta vuole affermare che, nonostante la vita di un uomo possa essere felice e ricca di avvenimenti, ognuno è comunque solo e chiuso in se stesso, come Cosimo, che, nonostante conservi un gran numero di amicizie ed una vita avventurosa e ricca di movimento, è comunque distaccato dalla realtà perché vive sugli alberi, lontano da tutto e da tutti.
Inoltre la fragilità e la corruttibilità della condizione umana sono messe in luce dal fatto che Cosimo vive su sostegni fragili come i rami degli alberi, che sembrano forti all'apparenza ma che si rivelano poi vulnerabili ad ogni genere di pericolo.
Ho trovato questo libro molto interessante, sia dal punto di vista della storia sia dal punto di vista metaforico; infatti, le cose che mi hanno colpito in misura maggiore sono la situazione insolita su cui si basa la vicenda, cioè la vita di un uomo sugli alberi, il modo in cui il protagonista cerca di adattarsi a questa vita insolita e i tentativi che fa per vivere civilmente anche in una condizione che non è umana, ma soprattutto la metafora che si nasconde dietro questo racconto, che , come ho già scritto, secondo me rappresenta il distaccamento e la solitudine propri di ogni uomo nei confronti della realtà e dei propri simili.
Grazie allo stile molto scorrevole, privo di lunghe riflessioni e descrizioni, ho trovato questo racconto avvincente ed entusiasmante; quindi consiglio caldamente di leggere queto libro, che all'apparenza può sembrare una favola per bambini ma che secondo me è molto di più.
Linguaggio: Il linguaggio di questo libro è molto scorrevole, privo di lunghe descrizioni o riflessioni: probabilmente l'autore ha fatto questa scelta per imprimere alla narrazione un senso di velocità e quindi per esprimere meglio il concetto che ho già riportato di brevità e corruttibilità della vita; infatti leggendolo tutto d'un fiato, ho avuto l'impressione di come la vita del protagonista, raccontata nei minimi particolari, fosse stata breve. È per questo, secondo me, che l'autore ha raccontato tutto con un tono umoristico che spinge il lettore a continuare la lettura senza fermarsi.
Il libro è scritto principalmente in terza persona, con un narratore interno, che sembra dare un tono più veritiero all'assurdità di quello che rende possibile tutto il racconto, cioè il fatto che il protagonista viva sugli alberi. Probabilmente l'autore sceglie questa tecnica anche perché, se avesse scelto di raccontare tutto come narratore esterno alla vicenda e quindi onniscente, non avrebbe potuto creare l'alone di mistero che è una delle componenti più importanti della figura di Cosimo.

Esempio



  



Come usare