Kierkegaard

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia
Download:300
Data:15.03.2006
Numero di pagine:5
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
kierkegaard_10.zip (Dimensione: 5.25 Kb)
trucheck.it_kierkegaard.doc     25.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Soren Kierkegaard

Vita
Kierkegaard nacque in Danimarca nel 1813.Figlio di un pastore,ricevette un’educazione rigida in campo religioso.Il padre si sentiva in colpa della morte degli altri 6 figli perché aveva sposato la cameriera quando la moglie era ammalata,quindi prendeva la morte dei figli come punizione divina. Kierkegaard mandò a monte il fidanzamento con Regina Olsen e non si sposò mai. Non lavorò e visse con l’eredità paterna. Scrisse diverse opere tra cui un giornale contro la chiesa.Morì giovane (circa 40enne). Dopo ke l’ebbero trovato morto si scoprì ke aveva dissipato i propri averi.

L’esistenza come possibilità e fede
Kierkegaard propone di cercare di comprendere l’esistenza umana attraverso la possibilità.Egli inoltre mette in luce il carattere negativo e paralizzante della possibilità stessa.
Riprende poi in un certo senso il pensiero di kant,il quale aveva riconosciuto come base di ogni potere umano una possibilità reale o trascendentale mettendo in luce però solo l’aspetto positivo di essa. Kierkegaard mette in luce invece la nullità di ciò ke è possibile. Egli vive tormentato da questa minaccia ed infatti si propone come “discepolo dell’angoscia”,quindi egli si sente paralizzato di fronte ad ogni alternativa.
K. Inoltre tiene a chiarire quali sono le possibilità fondamentali,ovvero le alternative dell’esistenza nelle quali l’uomo è condotto a scegliere. K. Però non può scegliere poiché la sua attività fu quella di un contemplativo.Egli infatti accentua il distacco tra se stesso e le forme di vita che descrive,in tal modo egli fa intendere di non impegnarsi alla scelta.

Un altro tema di K. È quello della fede.
La filosofia hegeliana appare a K. In antitesi all’esistenza.Solo il Cristianesimo insegna la dottrina dell’esistenza per sottrarre l’uomo dall’angoscia e dalla disperazione (che costituiscono l’esistenza).
Le alternative possibili dell’esistenza non si possono conciliare in un processo dialettico. L’opposizione alle alternative è qualcosa di apparente perché l’unica realtà è la ragione,ma l’uomo è assorbito da essa. Quindi la verità,dice K. ,è verità solo se è verità per me.
In contrapposizione ad H. , che ha una riflessione oggettiva, K. Propone una riflessione soggettiva. In questa riflessione è coinvolto il singolo uomo. Ricordiamo che per K. Il singolo è superiore al genere (su ciò è basato il cristianesimo). K. Inoltre ha combattuto tutta la vita contro la pretesa di identificare uomo e Dio. Affermando l’infinita differenza tra finito(uomo) ed infinito(Dio).

Gli stadi dell’esistenza
Il primo libro di K. Si intitola “Aut-Aut”: è una raccolta di scritti che presentano due stadi fondamentali della vita: la vita estetica e la vita etica. Tra uno stadio e l’antro non vi è conciliazione ma bensì un salto,quindi l’uno esclude l’altro.

La vita estetica esiste nell’attimo fuggente. L’esteta trova e cerca nella vita solo ciò che è interessante e in lui è assente ciò che è banale. La vita estetica è rappresentata da K. nel “Diario di un seduttore” dove Giovanni,il protagonista,cerca il piacere nell’intensità dell’appagamento. L’esteta è comunque un disperato ed è destinato al fallimento e quindi destinato al salto per agganciarsi alla vita etica.

La vita etica rappresenta il dominio di sé e della libertà.Pone come esempio il marito. L’uomo si adegua all’universale e rinuncia ad essere l’eccezione.Il matrimonio è l’espressione tipica dell’eticità e può fare felici ogni coppia di sposi. La persona etica inoltre vive del suo lavoro,il quale è la sua vocazione e lo mette in relazione con altre persone e perciò l’uomo lavora con piacere.La caratteristica della vita etica è la scelta che l’uomo fa di se stesso.Questa scelta è assoluta ed è la scelta della libertà. Dopo aver effettuato questa scelta l’uomo scopre in sé una ricchezza infinita. Per compiere tale scelta l’uomo non può rinunciare a nessun elemento storico,neanche a quelli crudeli e dolorosi. E nel riconoscere essi l’uomo si pente. Il pentimento (riconoscimento della propria colpevolezza) è l’unica parola della scelta etica.Da ciò si passa all’apertura a Dio.

Non c’è comunque continuità tra vita etica e vita religiosa.Tra esse c’è un abisso ancora più profondo di quello che c’è tra etica ed estetica.
K. raffigura la vita religiosa nella persona di Abramo.Vissuto fino a 70 anni nel rispetto della legge morale,Abramo riceve da Dio l’ordine di uccidere il figlio Isacco e di infrangere così la legge per la quale è vissuto.Il significato della figura di Abramo sta nel fatto che il sacrificio del figlio non gli è suggerito da una qualsiasi esigenza morale ma da un puro comando divino che è in contrasto con la legge morale e non trova alcuna giustificazione. Quindi il principio religioso sorprende il principio morale e tra i due non c’è conciliazione. L’uomo che ha fede è pronto a rompere con i principi morali. E la fede è un rapporto privato tra uomo e Dio.Essa inoltre viene vista come paradosso e scandalo→ Cristo soffre e muore come uomo ma agisce come Dio.
L’uomo è sempre portato a credere o non credere. Da un lato è portato a scegliere,dall’altro ogni sua iniziativa è esclusa perché Dio è tutto e da lui deriva anche la fede.

L’Angoscia
L’angoscia è la condizione generata nell’uomo dal possibile.Essa è connessa al peccato ed è a fondamento delle stesso peccato originale. L’angoscia non si riferisce a nulla di preciso ma essa è il puro sentimento della possibilità. La possibilità è connessa a sua volta con l’avvenire. Il passato può angosciare perché si ripresenta come futuro,ciò è una possibilità di ripetizione. Se l’uomo fosse angelo o bestia non conoscerebbe angoscia. L’uomo se sottratto all’angoscia diviene schiavo di tutte quelle circostanze che lo sballottano qua e là senza meta.

La disperazione
La disperazione è la condizione in cui l’uomo è posto dal possibile.Essa è inerente al rapporto in cui l’io è con se stesso. L’Io può volere come non può volere essere se stesso. Se vuole essere se stesso non giungerà mai all’equilibrio e al riposo. SE non vuole essere se stesso urta contro un’impossibilità fondamentale. La disperazione quindi è il vivere la morte dell’IO.

Fede
Proprio perché a Dio è tutto possibile il credente possiede la via contro la disperazione. Quindi come opposto alla fede, la disperazione è peccato. La fede è l’eliminazione della disperazione ed è anche il riconoscimento della dipendenza da Dio. La fede porta l’uomo al di là della ragione,ciò è scandalo,paradosso e assurdità.Queste sono categorie del pensiero religioso. Alla fede tutto è possibile e quindi si appella al principio della possibilità.

L’attimo e la storia
Secondo K. la storia non è Teofania(rivelazione dell’assoluto) come diceva Hegel. Infatti il rapporto tra uomo e Dio non si rivela nella storia ma nell’attimo. Ciò vuol dire che l’uomo vive nella non verità e ciò è peccato.
il Socratismo è opposto al Cristianesimo perché nel primo l’uomo vive nella verità e non ha bisogno di un maestro mentre nel secondo l’uomo vive nella non verità ed ha bisogno di un maestro e determina la nascita dell’uomo nuovo capace di accogliere nell’attimo la verità di Dio.

L’uomo non è Dio ma è la non verità→ peccato.

Esempio