Hegel

Materie:Appunti
Categoria:Filosofia

Voto:

2 (2)
Download:93
Data:12.02.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
hegel_17.zip (Dimensione: 4.34 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_hegel.doc     23.5 Kb



Testo

HEGEL

Il metodo dialettico: è l’unico metodo in grado di garantire la coscienza scientifica dell’Assoluto, e di innalzare così la filosofia a scienza, in virtù del quale la Verità può ricevere la forma rigorosa del sistema della scientificità. Hegel si riallaccia alla dialettica classica, ma conferendo movimento e dinamicità alle essenze e ai concetti universali che erano però rimasti presso costoro in una sorta di rigida quiete. Il centro della dialettica diviene il movimento, il movimento circolare con ritmo triadico. I 3 momenti sono: 1) tesi, che è il momento astratto o intellettivo; 2) antitesi, che è il momento dialettico o negativamente razionale; 3) sintesi, che è il momento speculativo o positivamente razionale

(I momenti della dialettica: il movimento proprio dello Spirito è il movimento del riflettersi in se stesso; è, questo, il senso della circolarità. In questa riflessione circolare distingue 3 momenti: 1)L’essere in se(tesi, affermazione di un concetto astratto e limitato); 2)L’essere fuori di se(antitesi, la negazione del concetto come limitato e finito); 3)Il ritorno a se(sintesi, l’unificazione delle 2).)

Scopo nella Fenomenologia: doveva essere un’introduzione al sistema filosofico, ma è essa stessa un filosofare e spiega il percorso che compie l’Assoluto. Prima l’Assoluto si manifesta nel singolo individuo, nella singola entità. Dalla consapevolezza di essere in ogni singolo arriva ad essere spirito assoluto. È la scienza dell’apparire dello Spirito che si eleva gradualmente, mediante momenti legati dialetticamente, fino al Sapere assoluto. Lo spirito che qui appare è la coscienza in senso lato, cioè come consapevolezza di qualcosa d’altro, il cui carattere peculiare è l’opposizione soggetto-oggetto. L’itinerario della Fenomenologia è la progressiva meditazione su questa opposizione fino al suo totale superamento, e percorre le seguenti tappe: Coscienza, Autocoscienza, Ragione, Spirito, Religione, Sapere assoluto.

3 tappe attraverso cui l’Assoluto si manifesta:
1)Idea in seI tesi scienza della Logica: è lo studio della struttura dell’intero, nel senso che la Logica stessa, in quanto idea in se, è l’autostrutturarsi dell’impalcatura dell’intero. Inizia e si svolge interamente sul piano del Sapere assoluto. La tesi di fondo è che pensare e essere coincidono: il pensiero, nel suo procedere, realizza se stesso e il proprio contenuto, e questa realizzazione dialettica è a un tempo, in modo di volta in volta rinnovato, un pensare l’essere e l’essere del pensiero. É la Verità come essa è in sé per sé senza velo

2)Idea fuori di seI antitesi Natura: è l’idea nella sua alienazione, la quale nella sua esistenza non mostra nessuna libertà, ma soltanto necessità e accidentalità. Lo Spirito è il fine della Natura.

3)Idea che ritorna a seI sintesi La filos. dello Spirito: è strutturata in maniera triadica e divisa in 3 momenti: 1)un primo momento in cui lo Spirito è sulla via della propria autorealizzazione e autocoscienza(Spirito sogg.: antropologia, fenomenologia, psicologia); 2)Un secondo in cui lo Spirito si autoattua pienamente come libertà, è lo Spirito fattosi mondo a livello sociale(Spirito ogg.: diritto astratto, moralità, eticità(famiglia, società civile, stato)); 3)Un terzo in cui lo Spirito si autoconosce pienamente e si sa come principio e come verità di tutto(Spirito ass.: arte, è il momento in cui lo spirito acquista coscienza di se medesimo nella forma dell’intuizione sensibile, religione, è il momento... forma della rappresentazione, filosofia, è l’idea che pensa se stessa)

Il fine della storia: è la realizzazione della libertà che si attua attraverso gli individui cosmico-storici, che sono i grandi eroi, capaci di cogliere ciò di cui è giunta l’ora e di portarlo a compimento. Lo spirito attraverso loro tesse i suoi disegni e dopo che si è servito di loro per i suoi scopi, li abbandona, e allora essi diventano nulla(la Ragione universale fa agire a proprio vantaggio le passioni irrazionali e il particolare. E questa è l’astuzia della Ragione)

Storia: la storia è il dispiegarsi dello spirito nel tempo; è il giudizio del mondo e la filos. della storia è la conoscenza e la rivelazione concettuale di questa razionalità e di questo giudizio. La storia del mondo si svolge secondo un piano razionale e la filos. della storia è la conoscenza scientifica di questo piano

Stato: è l’Idea stessa che si manifesta nel mondo. In questa concezione lo Stato non esiste per il cittadino, ma è il cittadino che esiste per lo Stato: il cittadino esiste solo in quanto membro dello Stato

Esempio