aspetti tecnici del ramo danni

Materie:Appunti
Categoria:Economia Aziendale
Download:171
Data:06.04.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
aspetti-tecnici-ramo-danni_1.zip (Dimensione: 4.79 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_aspetti-tecnici-del-ramo-danni.doc     30 Kb



Testo

ASPETTI TECNICI DEL RAMO DANNI
________________________________________________________________________________

➢ L’ammontare dell’indennizzo dipende dal valore assicurato = impegno max risarcito,
quindi nel caso di perdita
totale del bene assicurato

➢ solitamente valore assicurato = valore effettivo

ma non sempre è possibile determinare esattamente il valore del bene

Rapporto tra i due valori: 1. assicurazione a valore intero: rimborso intero valore

2. sottoassicurazione: V.a. < V.e
rimborso proporzionale a
rapporto tra i due valori

3. soprassicurazione: V.a. > V.e.
è vietata per legge, ma se effettuata in buona fede
(es. diminuzione V. di mercato), assicurato risarcito
in base al V.e.

➢ Assicurazione a primo rischio:

- riguarda la totalità dei beni posseduti
- premio con importo minore, perché assicurato solo un ipotetico danno max che si può
subire, che è inferiore al valore effettivo dei beni posseduti.

1. A. a primo rischio assoluto→ viene risarcito il danno entro i limiti dell’importo assicurato
a prescindere del valore delle merci

2. A. a primo rischio relativo→ è obbligatorio dichiarare il valore complessivo dei beni a
rischio

a) rimborso integrale se V.e. ≤ V. dichiarato

b) rimborso proporzionale se V.e. > V. dichiarato

➢ Franchigia: somma che corrisponde a una certa percentuale del valore assicurato che non viene rimborsata dalla compagnia

- diminuisce numero pratiche, specialmente quelle per rimborsi di piccola entità

1. F. fissa ( “all’italiana”) = l’importo viene sempre rimborsato solo per la quota eccedente
la franchigia

2. F. relativa ( “all’inglese”) = per gli importi inferiori non vi è rimborso, mentre quelli
superiori vengono rimborsati integralmente

➢ Scoperto di sicurtà: importo percentuale (rispetto al danno, non al valore assicurato)
a carico dell’assicurato, per stimolare maggiormente l’assicurato a un
comportamento prudente e vigile (es. per crediti, rischio insolv 20-25%)

Esempio