Internet

Materie:Altro
Categoria:Attualita

Voto:

1 (2)
Download:847
Data:26.01.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
internet_7.zip (Dimensione: 5.31 Kb)
trucheck.it_internet.doc     28 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

INTERNET:
o Semplice rete di collegamento mondiale per lo scambio di informazioni commerciali, culturali e interpersonali?

FOCUS
“Scoprire e capire il mondo”

Internet nasce nel 1969, anno caratterizzato anche dallo sbarco dell’uomo sulla luna. Internet fu concepito come mezzo di comunicazione e di scambio di informazioni, basti pensare che la prima rete riusciva a collegare solamente 65 pc, una sciocchezza in confronto alla rete attuale che unisce il globo, col passare degli anni e con lo sviluppo di nuove tecnologie internet viene sfruttato anche per il commercio elettronico, per trovare lavoro, e per la condivisione mondiale del sapere. Per capire quanto l’uomo abbia sviluppato le tecnologie e li suo sapere basta pensare che solo 100 anni fa il segnale morse passo da una sponda all’altra dell’atlantico via aria grazie all’invenzione della stazione radio di Guglielmo Marconi che da quel momento divenne famoso e il suo nome fu inteso come sinonimo di progresso e modernità. Il rapporto tra Internet e la sfera politica è uno dei temi di dibattito che maggiormente attira l'attenzione degli utenti della rete, oltre a essere oggetto di riflessioni da parte di studiosi di scienze sociali e di teoria della politica. Su questo argomento i punti di vista sono però assai diversi.
Da una parte ci sono gli entusiasti. Il loro argomento principale è legato alla tesi secondo cui un mezzo di comunicazione come Internet offre a milioni di persone la possibilità di scambiarsi informazioni, opinioni e pareri in modo orizzontale. Strumenti che possono trasformarsi - come si è visto - in vere e proprie forme di comunità.
Al facile ottimismo che in varia forma si manifesta nelle affermazioni dei teorici della democrazia elettronica, si oppongono tuttavia una serie di argomentazioni non prive di rilievo, nonché alcune tendenze, assai più concrete, che si stanno evidenziando nel mercato delle telecomunicazioni e dell'informatica.
La prima critica riguarda la notevole disuguaglianza nell'accesso alle tecnologie telematiche sia tra le varie articolazioni sociali delle società avanzate, sia soprattutto tra queste e i paesi del terzo o quarto mondo.
Un altro aspetto problematico che viene evidenziato dai critici della democrazia telematica riguarda il rischio a cui sono sottoposte la libertà individuale e la sfera privata dell'individuo. Infatti, con la crescente informatizzazione delle transazioni economiche e burocratiche, nella nostra vita quotidiana lasciamo, spesso senza rendercene conto, una serie continua di tracce digitali: dagli acquisti con carta di credito alla posta elettronica, fino alle navigazioni su World Wide Web, moltissime attività personali vengono registrate e archiviate.
Per farci riflettere sulla questione dello sviluppo delle tecnologie per il trattamento d’informazioni e della telematica, J.F.LYOTARD fa un banale esempio: ”Ammettiamo per ipotesi che un’impresa come l’IBM sia autorizzata ad occupare un corridoio orbitale attorno al pianete e che ci piazzi dei satelliti di comunicazione e/o per la raccolta di dati. Chi vi avrà accesso? Chi deciderà quali siano i canali e i dati riservati? Lo Stato? Oppure esso sarà un utente come tutti gli altri?” Nascono in questo modo dei problemi giuridici ed etici attraverso i quali ci si pone questa domanda:”chi saprà? Sarà rispettata la privacy?”.
Per quanto riguarda internet non ci si ferma solo su questioni di tipo economico o di tipo essenzialmente economico, anche il lavoro è arrivato su internet infatti gli annunci di chi chiede e di chi offre lavoro non si trovano più solo sui quotidiani o affissi alle bacheche delle agenzie. Per chi è in cerca di lavoro le proposte non mancano.
Come possiamo vedere le nuove tecnologie e soprattutto internet hanno portato l’uomo a scoprire nuovi orizzonti sempre più vasti e semplici da raggiungere; c’è però da chiedersi se è un bene o un male per il genere umano, questo è il problema maggiore; bisogna stare attenti , perché la mente dell’uomo e mutevole e partendo da un’idea con un fine giusto si può arrivare ad un risultato diverso e potenzialmente dannoso che si potrebbe ritorcere contro lo stesso genere umano.

Esempio



  



Come usare